Notizia:
  • Rilasciata Ubuntu 14.04 LTS Trusty Tahr. Per ottenerla, visitate questa pagina oppure visualizzate la dimostrazione.
  • È uscito il numero 16 della Newsletter italiana di Ubuntu. Lo trovate a questo indirizzo.
  • È uscito il numero 79 di Full Circle Magazine in italiano. Lo trovate a questo indirizzo.

Navigatori satellitari GPS immorali!?

Presentazione al forum e chiacchiere in libertà con la comunità. È importante leggere il regolamento all'interno e sono categoricamente vietate discussioni su politica e religione.
Regole della sezione
  • Vietata categoricamente l'apertura di discussioni su politica e religione.
  • Evitare l'apertura di discussioni e sondaggi del tipo "mi sta bene questo taglio di capelli?", "che dentifricio usate?" e altre banalità simili.
  • Le discussioni che non rispettano le regole suddette, usano linguaggio e toni giudicati non adatti, saranno chiuse dal Gruppo Forum senza preavviso.
  • Per il resto, è sempre valido il regolamento del forum.

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda newlinuxuser » mercoledì 12 settembre 2012, 2:40

Se posso dire la mia, con l'esperienza di chi ha la patente da quasi trent'anni, percorrendo almeno 70.000 km all'anno, in italia si guida sempre peggio. Gli autovelox non servono assolutamente a diminuire i pericoli, ma solo a fare cassa per i comuni.
A mio avviso, in Germania si guida MOLTO meglio: gli automobilisti normalmente mettono fuori la freccia (abitudine fuori moda dalle nostre parti), guardano lo specchietto prima di cambiare corsia, e poi, se non sta arrivando nessuno a velocità sostenuta sulla corsia di sorpasso, sorpassano.
Al termine del sorpasso RIENTRANO nella corsia di marcia normale. Probabilmente sapere che può arrivare qualcuno ai 250 aiuta a guidare con un pochino più di attenzione e rispetto del prossimo.
Con sta storia del "puoi fare al massimo i 130" qui c'è della gente che si installa nella quarta corsia dell'A1 ai 120 e non si schiodano neanche se gli spari con un bazooka! Quando non circolano i camion, spesso e volentieri la corsia di destra è completamente vuota. Il codice della strada, se ricordo bene, prevedrebbe una penalità di 4 punti a chi non rientra dopo un sorpasso, solo che questa regola non la fa rispettare nessuno! Lo specchietto poi potrebbero smontarlo tranquillamente dalla macchina, tanto non ci pensano neanche di darci un'occhiata prima di cambiare corsia.

L' ultima multa per eccesso di velocità l'ho presa in superstrada, di notte, non c'era nessun'altro ed io facevo la folle velocità di 97 KM/h invece di 90, un vero rischio per la salute e l'incolumità dell'umanità intera.
Io penso che i sostenitori degli autovelox e delle multe, semplicemente utilizzino molto poco l'automobile...
I rischi principali secondo me sono la disattenzione, i colpi di sonno, la mancanza del rispetto della distanza di sicurezza ed i possessori di patente che non sanno guidare. La colpa degli incidenti non è sempre la velocità, solo che per multare quella basta una macchinina piazzata al lato della strada, se in realtà non incide affatto sulla sicurezza ma solo sui bilanci dei comuni pazienza.
newlinuxuser Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 403
Iscrizione: gennaio 2007

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda bingel » mercoledì 12 settembre 2012, 12:42

newlinuxuser » oggi, 2:40 ha scritto:L' ultima multa per eccesso di velocità l'ho presa in superstrada, di notte, non c'era nessun'altro ed io facevo la folle velocità di 97 KM/h invece di 90, un vero rischio per la salute e l'incolumità dell'umanità intera.
Io penso che i sostenitori degli autovelox e delle multe, semplicemente utilizzino molto poco l'automobile...
I rischi principali secondo me sono la disattenzione, i colpi di sonno, la mancanza del rispetto della distanza di sicurezza ed i possessori di patente che non sanno guidare. La colpa degli incidenti non è sempre la velocità, solo che per multare quella basta una macchinina piazzata al lato della strada, se in realtà non incide affatto sulla sicurezza ma solo sui bilanci dei comuni pazienza.


Concordo praticamente su tutto tranne sul discorso del limite dei 130. Sfrecciare in autostrada a velocità eccessivamente elevate credo sia pericoloso indipendentemente dal tipo di vettura usata e dal numero di corsie presenti nonché dalla linearità del percorso. E' una mia opinione chiaramente, l'opinione di uno che non viaggia spesso in autostrada.

In Germania, comunque, credo che le famose autobahn rispettino criteri costruttivi che permettano velocità più elevate mentre in Italia le nostre autostrade sarebbero spesso inadeguate: sfrecciare ai 130 su una carreggiata a due corsie (più quella d'emergenza) credo significhi già essere prossimi se non oltre il limite.
Avatar utente
bingel Non specificato
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3368
Iscrizione: aprile 2006

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda baioxx » mercoledì 12 settembre 2012, 13:23

newlinuxuser » oggi, 2:40 ha scritto:Se posso dire la mia, con l'esperienza di chi ha la patente da quasi trent'anni, percorrendo almeno 70.000 km all'anno, in italia si guida sempre peggio. Gli autovelox non servono assolutamente a diminuire i pericoli, ma solo a fare cassa per i comuni.
A mio avviso, in Germania si guida MOLTO meglio: gli automobilisti normalmente mettono fuori la freccia (abitudine fuori moda dalle nostre parti), guardano lo specchietto prima di cambiare corsia, e poi, se non sta arrivando nessuno a velocità sostenuta sulla corsia di sorpasso, sorpassano.
Al termine del sorpasso RIENTRANO nella corsia di marcia normale. Probabilmente sapere che può arrivare qualcuno ai 250 aiuta a guidare con un pochino più di attenzione e rispetto del prossimo.
Con sta storia del "puoi fare al massimo i 130" qui c'è della gente che si installa nella quarta corsia dell'A1 ai 120 e non si schiodano neanche se gli spari con un bazooka! Quando non circolano i camion, spesso e volentieri la corsia di destra è completamente vuota. Il codice della strada, se ricordo bene, prevedrebbe una penalità di 4 punti a chi non rientra dopo un sorpasso, solo che questa regola non la fa rispettare nessuno! Lo specchietto poi potrebbero smontarlo tranquillamente dalla macchina, tanto non ci pensano neanche di darci un'occhiata prima di cambiare corsia.

L' ultima multa per eccesso di velocità l'ho presa in superstrada, di notte, non c'era nessun'altro ed io facevo la folle velocità di 97 KM/h invece di 90, un vero rischio per la salute e l'incolumità dell'umanità intera.
Io penso che i sostenitori degli autovelox e delle multe, semplicemente utilizzino molto poco l'automobile...
I rischi principali secondo me sono la disattenzione, i colpi di sonno, la mancanza del rispetto della distanza di sicurezza ed i possessori di patente che non sanno guidare. La colpa degli incidenti non è sempre la velocità, solo che per multare quella basta una macchinina piazzata al lato della strada, se in realtà non incide affatto sulla sicurezza ma solo sui bilanci dei comuni pazienza.


come non quotare... :sisi:

aggiungo un piccolo OT: una volta in A4 mi hanno sorpassato a destra, e fin qui tutto "nella norma", solo che erano carabinieri (ovviamente a sirene e lampeggianti rigorosamente spenti). Se questi sono gli esempi, come facciamo a migliorare?
ho deciso di sedermi dalla parte del torto perché dalla parte della ragione i posti sono già tutti occupati
Avatar utente
baioxx Non specificato
Prode Principiante
 
Messaggi: 230
Iscrizione: dicembre 2010
Località: Casalpusterlengo (LO)
Distribuzione: Ubuntu12.04/Xubuntu11.10 32bit
Desktop: Unity/XFCE

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda mikexu » mercoledì 12 settembre 2012, 16:58

Caso concreto: spesso percorro una superstrada che ha un autovelox fisso con segnaletica di preavviso molto evidente. In quel tratto c’è il limite dei 70 all’ora e non so quante volte mi sia capitato, appena prima di entrare nel tratto di misura della velocità, che mi arrivi da dietro l’Alonso di turno a 150 all’ora, che si mette addirittura a 50 solo nel tratto di osservazione e che successivamente dia gas come nella partenza di un gran premio. Ora mi chiedo: dov’è qui la prevenzione? Che senso ha tenere in piedi questo teatrino? Anzi una risposta ce l’ho io:
In quel tratto di superstrada prendono la multa gli idioti come me in quanto l’autovelox mi ha beccato mentre, assorto nei miei pensieri, sono passato a 85 all’ora (avrò percorso quella strada 100.000 volte).
Avete presente che differenza c’è tra 70 e 85 quando percorrete una superstrada con due ampie corsie per ogni senso di marcia dove non puoi fare un incidente neanche se ti ci metti di impegno e visto che l’incrocio che segue l’autovelox è dotato di una rotonda dalle dimensioni che la rendono visibile ad occhio nudo dalla Stazione Spaziale Internazionale?
mikexu
 

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda AlexDiste » mercoledì 12 settembre 2012, 17:02

tra 70 e 85 Km/h gli spazi di frenata si allungano di ben 5 metri, quindi la differenza c' è
AlexDiste Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 2290
Iscrizione: agosto 2009

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda mikexu » mercoledì 12 settembre 2012, 17:15

AlexDiste » 3 minuti fa ha scritto:tra 70 e 85 Km/h gli spazi di frenata si allungano di ben 5 metri, quindi la differenza c' è

Forse non mi sono spiegato bene. Non intendevo auto-assolvermi per aver infranto il limite di velocità. Puo capitare di sbagliare vero? Volevo solo far passare il messaggio che gli autovelox (IMHO) spesso sono posizionati in maniera inutile.
Mi fai il calcolo dello spazio di frenata di uno che viaggia a 150 km/h su limite si 70? In quel tratto di strada non ho mai visto un incidente. Diversamente ci sono piccole strade interne con incroci della morte dove non c'è alcun controllo. Ultimo incidente circa tre mesi fa: due ragazzi in fin di vita e un morto; il tutto a circa 3 km di distanza tra i due contesti.
mikexu
 

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda zeek » mercoledì 12 settembre 2012, 17:39

Mi dispiace dirlo, ma sono dalla parte di quelli che dicono che in Itaglia (come direbbe Borgio3) gli autovelox servono assolutamente, uncamente per far cassa.
I limiti a 50 km/h, sono lì fin da quando le macchine per fermarsi andando a 50 all'ora impiegavano 200 metri, e per scalare bisognava fare la doppia, ora ce ne vogliono 2 di metri, e c'è il cambio automatico.
nella mia città si mettono con l'autovelox su strade dove il limite è 30 all'ora.. e fanno la multa a chi va a 40... e sul verbale ci scrivono DATA LA VELOCITÀ DELLA VETTURA ERA IMPOSSIBILE PROCEDERE COL FERMO DEL VEICOLO. (se non fossero così chiatti, anche di corsa ti raggiungerebbero).

E scusate se ve lo dico, siamo in un paese dove i semafori con le fotografie venivano impostati in modo da *fottere* i soldi alla gente.. dove la vedete tutta questa voglia di "educare i viaggiatori"?? Imho, se fosse veramente così, gli autovelox sarebbero di più, e ben segnalati, e sopratutto i limiti sarebbero ritarati.
zeek Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1255
Iscrizione: ottobre 2008
Località: Italia

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda bingel » mercoledì 12 settembre 2012, 20:53

In quel tratto di superstrada prendono la multa gli idioti come me in quanto l’autovelox mi ha beccato mentre, assorto nei miei pensieri, sono passato a 85 all’ora (avrò percorso quella strada 100.000 volte).


Non ti preoccupare, sei in buona compagnia. Anche se non ho mai preso multe da autovelox (mi ritocco le palle), e sebbene non vada forte, sono convinto che prima o poi quel cacchio di velox fisso mi bollerà proprio perché sovrappensiero (come ho già detto, ormai non mi accorgo manco più degli avvisi del navigatore).
Probabilmente mi sorprenderà mentre farò i 60 invece che i 50 oppure gli 80 invece che i 70. Risultato: nessuno mi potrà mai impedire di reinciampare nella volta in cui sarò di nuovo sovrappensiero e dopo essermi beccato una multa non farò più attenzione di prima perché ne faccio già abbastanza ora ma come si suol dire errare è umano e quegli aggeggi che invece, purtroppo, ragionano da robot, è proprio su questo che fanno affidamento.

Risultato: un povero stronzo (scusate il termine) anche piuttosto rispettoso del CdS, sarà stato fottuto semplicemente in quanto rimbambito (ma magari è giusto così: se rimbambito? Paghi!).

Come ho già detto, secondo il mio punto di vista, servirebbe un sistema di tutoraggio che facesse una media della velocità senza punire queste stupide infrazioni, integrato al limite da velox che si limitassero a sorprendere solo i pazzi scatenati che sforano i limiti di 40 kmh (o meno a seconda dei casi e delle tratte).

Questa si che sarebbe prevenzione!
Avatar utente
bingel Non specificato
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3368
Iscrizione: aprile 2006

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda streetcross » mercoledì 12 settembre 2012, 23:35

Discorso interessante, condivido qualche pensiero, non ne condivido altri :) ecco una sintesi di come la vedo io:

In Italia la legge viene fatta dai ricchi per i ricchi. E questo non vuole essere un inizio di polemica ma la sintesi che giustifica tutte la stupidaggini legate anche al codice della strada.
Come qualcuno faceva notare c'è chi si dannerebbe un mese per 30€ di multa e chi ridendo dal suo Cheyenne paga quei quattro (per lui) spiccioli che gli garantiscono l'immunità. Se volessero fare delle multe deterrenti potrebbero utilizzare il metod svizzero, multe in base al rettido. E non mi si dica che è anticostituzionale fare delle differenze perchè si dimenticherebbe il principio base delle multe, non punire (e quindi punire in maniera minore o superiore) ma prevenire, ed è chiaro che 30-500€ di multa per qualcuno non è affatto un deterrente. 100.000€ (e non è una cifra teorica, in svizzera sono andati molto oltre) forse farebbero paura anche a chi gira in ferrari (o si può sempre aumentare in caso di recidività). Chiaro che in Italia i primi furbi sono i politici, che guarda caso solitamente sono ricchi (anche per il solo fatto di essere politici lo sarebbero dato che si pompano abbastanza soldi tra stipendi, sconti, roba gratis etc). Per quanto riguarda l'autovelox in se vale lo stesso discorso, è palese che piazzare l'autovelox solo in determinati tratti stradali, dove spesso il limite viene abbassato senza motivazione tanto da giustificare un annullamento della sanzione in tribunale. Basterebbe mettere, nelle strade a maggior rischio, un autovelox ogni tot km (anche 1-2) per garantire un rispetto costante e al contempo la buona fede di chi li installa, come avviene nelle succitate Austri e Germania e, aggiungo io, nei Paesi Bassi. Inoltre c'è da dire che noi italiani siamo bravissimi a sottovalutarci, e spesso facendo questo commettiamo dei tremendi errori. Pensare infatti che siamo indisciplianti per una sorta di "inferiorità morale" innata, immutabile o difficilmente mutabile è un tremendo errore, questo falso mito gioca in favore della classe politica che legifera «ad vaccam :)». È vero che c'è chi è più zelante e chi meno, ma tendenzialmente è vero il detto «l'occasione fa l'uomo ladro». Per dimostrarvi questo, e quanto in realtà la colpa sia non solo delle leggi sbagliatissime e salva-casta ma anche dello scontento derivato nei confronti della res publica vi porterò degli esempi di casa mia, che in positivo e non in negativo è l'Alpe Adria (prima e probabilmente unica effettivamente esistente maxi-regione europea) e non la sola Italia, e dei nostri vicini di Germania e, un pelo più lontani, Paesi Bassi, ovviamente parlando per esperienza diretta.

In Italia la situazione la conosciamo tutti, in autostrada la gente guida "abbastanza" male, non mette le frecce, spesso non si assicura di avere il via libera durante il cambio di corsia e in certi casi a creare problemi è chi rispetta il limite di 130 nella corsia di sorpasso intasando tutta l'autostrada (non consideriamo io soliti piloti autocertificati che guidano come se fossero in gara perchè quelli ci sono ovunque, lo s***zo esiste in tutte le parti del mondo). Gli autovelox in autostrada e non sono rari e spesso posizionati in maniera irrazionale, se si considera lo scopo preventivo, i limiti sono spesso obsoleti ed in autostrada è un ragionevole 130 dettato anche dal fatto che alcune autostrade non sono nè recentissime nè adeguate per svariati motivi anche validi (zone geografiche aprticolari, monumenti e città in ogni dove, non sottovalutate la nostra ricchezza, gli altri stanno poco a stendere una striscia d'asfalto senza impedimenti artistico-architettonici).
In Austria il limite nei centri urbani è regolato similmente che da noi, nei tratti extraurbai spesso è inferiore e in autostrada spesso e volentieri è meno del massimo consentito per problemi di configurazione montuosa che rendono impraticabili pure i sorpassi per svariati chilometri. Questo fa sì che tendenzialmente l'automobilista austriaco sia più disciplinato anche in paese, nei tratti rettilinei e pianeggianti, essendo abituato a prenderla con calma pe motivi di "forza maggiore" risulta più facile esserlo anche per "senso civico". Anche il fatto che appena vedano un pedone mettere piede sulle strisce si fermino all'istante è dovuto non alla superiore moralità ma al fatto che gira molta Polizei e se non ti fermi sei davvero fott*to, non come da noi. Questo ha come inoppugnabile conseguenza il fatto che nei centri urbani si rispettino maggiormente i limiti, correndo oltre i 50 sarebbe infatti impossibile fermarsi in tempo ad ogni attraversamento pedonale. Da una mano il fatto che ci siano molte piste ciclabili e molti evitino di intasare il traffico spostandosi sulle 2 ruote. Nei tratti più pericolosi, solitamente nei rettilinei, e specialmente in quelli ai quali seguono senza preavviso curve strette o in pendenza, ci sono autovelox ogni paio di km, perfettamente visibili, e ogni tot ci sono delle righe in rilievo sull'asfalto che permettono di rendersi conto se si sta andando troppo veloci grazie ai cartelli che informano ogni quanti secondi si dovrebbe sentire il «to-toc» delle gomme, dimostrando di fatto che i metodi preventivi sono veramente preventivi.
In Germania i limiti sono messi sempre in nome della sicurezza, se un cartello dice «limite 50» è verosimile che se vai a 55 dopo 50 metri sei morto schiantato da qualche parte. Nei tratti in cui questo non è vero è solo per via di cartelli temporanei legati ai lavori in corso, dove per sensibilizzare i guidatori ci sono enormi cartelloni con la foto di un bambino che chiede dove sia finito il suo papà che di mestiere faceVA i lavori di riparazione in autostrada (e devo dire che funziona). I lunghi tratti autostradali senza limiti ci sono dove è effettivamente possibile correre in relativa sicurezza, 4-5 corsie di dimensioni adeguate, non strette come le nostre, rettilinei, nei tratti di curva viene ovviamente re-imposto un limite, e incentivano l'utilizzo delle frecce per il cambio di corsia, dato che effettivamente non è raro vedere qualcuno sfrecciare a 250. N.B. quelli che vanno a 250 segnalano il loro arrivo con insistenti segnalazioni luminose, il fatto che potrebbe sembrare assurdo a noi italiani invece è molto sensato, ricorda a tutti perchè ci sono 4-5 corsie e a cosa servono, infatti se tu non ti sposti e di lì passa la Polizei a essere multato sarai proprio tu, perchè se ci pensate in caso di incidente la colpa non è di chi viaggia, in piena regola, a 250 in 5 corsia, ma di chi va troppo lento quando per andare lenti ci sono altre 4 corsie (spesso con velocità consigliate differenziate in modo da garantire traffici di intensità diverse sulla stessa strada in piena sicurezza). Questo è anche possibile per il fatto che le autostrade non hanno caselli, in quanto gratuite, e le corsie di immissione non sono delle striscette di 5 metri di asfalto, come capita spesso in casa nostra, ma delle vere e proprie strade parallele all'autostrada lunghe un paio di km, per un tratto divise da guard-rail per un altro tratto da linee continue che dividono 2 o 3 corsie, che permettono l'immissione in sicurezza e pure la re-immissione in caso di uscita presa per sbaglio. Nei tratti coi limiti c'è una forte concentrazione di autovelox (visibili) come in Austria. Anche qua il traffico cittadino è agevolato dalle piste ciclabili.
In Slovenia le autostrade le hanno costruite da un paio di anni e sono poco trafficate dai residenti dato che fondalmente ci sono molti paesini e l'autostrada non serve a collegarli ma al massimo a fare attraversare la piccola repubblica. Molto trafficate invece le statali che sono tutt'oggi in molti casi le strade costruite dall'Italia quando lì a comandare c'eravamo noi, quindi stradine vecchie e strette, spesso "protette" da platani piantati la come qua da Mussolini per proteggere la strada dal vento. Qua gli italiani si riconoscono lontano dieci chilometri perchè sono gli unici che guidano seguendo il buon senso. I nativi e i vicini croati essendo "abituati" a queste strade contorte corrono come dei matti coadiuvati dal fatto che "spesso" la policija ferma solo gli italiani che vengono privati immediatamente dei soldi del portafogli pena la galera. Nei centri abitati invece guidano con molta cautela, lì infatti la policija fa strage indipendentemente dalla nazionalità e la sua presenza è piuttosto costante. (infatti quando vengono da questa parte del confine anche loro tendono a "dimenticarsi" delle strisce pedonali).
In Croazia le autostrade sono quasi altrettanto recenti e ancor meno trafficate per motivi economici, infatti non si paga in abbonamento come in Slovenia ma a consumo come da noi, solo che per i loro standard è decisamente troppo costosa. Vi troverete solo camion o italiani per i quali 1€ di tratta è una barzelletta e soprattuto vale bene il fatto di non guidare in mezzo a dei rallysti su e giù per le strade montuose della terra hrvatska. Le strade regionali, per lo meno in istria, come in Slovenia, sono le vecchie strade italiane, insicure e indecenti, ma guidano come dei pazzi anche qua coadiuvati dalla loro policija che ferma solo i turisti. In centro nei paesi sono piuttosto educati, non eccessivamente ma comunque abbastanza da rispettare le precedenze e le zone di attraversamento, quindi meglio che da noi, sempre per il maggiore controllo delle loro forze dell'ordine. Nelle città c'è un po' più caos ma è normale in funzione alla quantità di traffico.
Arriviamo quindi ai Paesi Bassi, nazione comunemente riconosciuta come illuminata e abitata da gente di un'apertura mentale esorbitante, zelanti e corretti... fino ad un certo punto. E questo è l'esempio più significativo. In città infatti è semplicemente impossibile correre, le corsie sono praticamente più strette delle piste ciclabili, le corsie sono divise da marciapiedi o comunque cordoli rialzati in modo da impedire i sorpassi, il limite è sempre rispettato anche grazie ai dossi posizionati ogni 3x2. Come tutti sanno i ciclisti sono i veri padroni della strada, effettivamente, almeno nelle città in cui sono stato io, a rappresentare il pericolo per i pedoni sono le biciclette, che non si fermano davanti a niente e nessuno, e non le auto che fanno la parte delle sfigate in questo splendido paese. I traporti pubblici trasportano gran parte dei residenti che non usano la bicicletta. Ma se guidare in città può essere stressante tanto quanto sicuro è in autostrada che si avvera il dramma, se poi arrivate dalle autostrade felici tedesche vi sembrerà ancor più un inferno. I limiti infatti sono spesso esagerati, lunghissimi tratti rettilinei hanno un limite di 100 o meno, e anche qua c'è un controllo regolare con gli autovelox come in Germania e Austria. Risultato? Nessuno supera il limite, ma lo fanno tutti in maniera molto "artistica", per certi versi si potrebbe quasi definire "all'italiana". Gli automobilisti infatti rispettano i cartelli al centimetro, un centimetro prima del cartello con scritto 130 sono a 100, 1 centimetro dopo sono a 130, e viceversa. Non potendo correre le differenze tra chi va piano e chi va veloce sono spesso minime, per questo le manovre di sorpasso farebbero impallidire il più spavaldo degli italiani, sgusciano a destra e sinistra come serpenti, si infilano tra due macchine che lasciano libero tra di loro lo spazio esatto della macchina del sorpassatore più 5 centimetri, il tutto mentre viaggiano a 100 spaccati o a 130 sempre in sincrono perfetto. Penso che se uno si distrae un secondo e va fuori fase anche per un solo attimo da origine ad un tamponamento a catena di 100km, dal confine con la Germania alle acque del mare che fa da confine a nord.

Tutto questo per dimostrarvi che in primo luogo non è vero che noi italiani siamo tanto incivili quanto ci piace descriverci, ma che in base alla situazione uno stesso popolo può tenere comporti estremamente differenti. I tedeschi non sono dei santi, e gli slavi qua si italianizzano mentre nei loro paesi sembrano altrettanto teutonici, fintanto che non escono dal centro abitato.
Con le strade giuste, ed il controllo preventivo adeguato, potremmo stare molto meglio.
E dato che questo topic chiedeva dell'immoralità di segnalare gli autovelox e io non sono qui a menare il can per l'aia, tutto questo è solo per dire che no, non è immorale evitare con dei trucchi qualcosa che di per se è immorale. Solo che dovremmo batterci per avere molti più autovelox in nome della sicurezza NOSTRA, e fare adeguare i limiti alle regole del buon senso. Fatto questo non ci sarà proprio la possibilità di fare delle "imboscate" col laser nascosto dietro un albero ;) .
P.s. In francia limitano i cavalli delle moto. È vero che potrebbe sembrare insensato vendere un mezzo che va a 300 quando i limiti sono inferiori, però noi ora siamo cittadini europei quindi non solo bisogna considerare i tratti europei senza limiti, e le piste, ma bisogna anche considerare che non dovrebbe essere una macchina a dirci cosa fare, ma la ragione. Invece di obbligare tutti a dotarsi di un limitatore obblighiamo lo stato ad usare autovelox, rallentatori e tutto quello che possa servire per costruire una strada migliore e più sicura, non per fregare il cittadino.
Edit: ah dimenticavo, e un limite basso anche se rispettato non induce necessariamente ad una guida più sicura.
Ubuntu user #22995 Linux user #474679 Stacy can't you see, you're just not the girl for me, I know it might be wrong, but I'm in love with Stacy's Mom. ﺕ In molti credono di essere degli alternativi. In realtà la maggior parte di loro lascia la strada principale per seguire la seconda strada più battuta; in pochi si creano il proprio sentiero.
Avatar utente
streetcross Non specificato
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
 
Messaggi: 24942
Iscrizione: febbraio 2008

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda bingel » giovedì 13 settembre 2012, 12:41

Alla faccia della sintesi!!!

Sono d'accordissimo sul fatto di differenziare le multe in base al reddito (ovviamente con un tetto minimo per chi ha reddito zero e di conseguenza anche un tetto massimo), lo vado sostenendo da sempre, ma come hai giustamente detto, le leggi le fanno i ricchi per i ricchi e non soltanto in Italia, anzi...
Avatar utente
bingel Non specificato
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3368
Iscrizione: aprile 2006

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda streetcross » giovedì 13 settembre 2012, 13:35

bingel » 46 minuti fa ha scritto:Alla faccia della sintesi!!!

Sono d'accordissimo sul fatto di differenziare le multe in base al reddito (ovviamente con un tetto minimo per chi ha reddito zero e di conseguenza anche un tetto massimo), lo vado sostenendo da sempre, ma come hai giustamente detto, le leggi le fanno i ricchi per i ricchi e non soltanto in Italia, anzi...

Non si vede? nel sintetizzare mi ero pure dimenticato un pezzo :lol:
No vero, ci sono stati messi molto peggio di noi per carità, però ce ne sono di messi meglio, a quelli dobbiamo guardare, basta con le giustificazioni :D
Non condivido il tetto massimo, vorresti favorire proprio Bill Gates? :rotfl: basta che sia proporzionale e sarà sicuramente giusto.
Ubuntu user #22995 Linux user #474679 Stacy can't you see, you're just not the girl for me, I know it might be wrong, but I'm in love with Stacy's Mom. ﺕ In molti credono di essere degli alternativi. In realtà la maggior parte di loro lascia la strada principale per seguire la seconda strada più battuta; in pochi si creano il proprio sentiero.
Avatar utente
streetcross Non specificato
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
 
Messaggi: 24942
Iscrizione: febbraio 2008

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda idgold » giovedì 13 settembre 2012, 14:44

baioxx » ieri, 13:23 ha scritto:aggiungo un piccolo OT: una volta in A4 mi hanno sorpassato a destra, e fin qui tutto "nella norma", solo che erano carabinieri (ovviamente a sirene e lampeggianti rigorosamente spenti). Se questi sono gli esempi, come facciamo a migliorare?


E tu perchè non occupavi la corsia di destra?
Io percorro la A4 (tre corsie per ogni senso di marcia) tutti i giorni per andare al lavoro e trovo sistematicamente gente che viaggia nella corsia centrale o di sorpasso (magari a 80-90 km/h) quando la corsia di destra è libera a perdita d'occhio ... io viaggio in moto e mi sposto sempre a destra se è libero, procedo entro i limiti e ad un certo punto mi trovo che nella corsia di centro c'è uno che procede ai 90, che faccio? Sorpasso a destra commettendo un'infrazione (e sopratutto rischiando di mio) oppure spazzolo l'autostrada da destra a sinistra per superarlo correttamente andando nella corsia di sorpasso? Con successivo spazzolamento da sinistra a destra per rientrare nella corsia (libera) di destra.
Se viaggio ai 130 in corsia di sorpasso e trovo uno che ci dorme ai 100 quando a destra è tutto libero che faccio? Io aspetto un po', poi lampeggio e quello non si sposta (a volte mi fa pure un gesto "amichevole" perchè ho osato disturbarlo ...), allora le opzioni che restano sono solo di restare dietro ad aspettare oppure sorpassare a destra. Naturalmente quando avviene questo non c'è mai una pattuglia che sanzioni chi intralcia il traffico e mette in pericolo gli altri.
Si alza, sempre lenta come un tempo, l'alba magica in collina.
Avatar utente
idgold Non specificato
Prode Principiante
 
Messaggi: 60
Iscrizione: luglio 2008
Distribuzione: Ubuntu 12.04 LTS 32bit

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda baioxx » giovedì 13 settembre 2012, 14:59

perché stavo accelerando per portarmi a 130 in quarta corsia, ma loro volevano accelerare più forte di me...
comunque lo vedo anch'io ogni giorno:
prima corsia camion
seconda corsia vuota o sorpasso per i camion
terza corsia 100 Km/h
quarta corsia 130, ma non sempre... quante volte mi son trovato il Daily cassonato che si pianta in mezzo a 100-110 e non si schioda!
ho deciso di sedermi dalla parte del torto perché dalla parte della ragione i posti sono già tutti occupati
Avatar utente
baioxx Non specificato
Prode Principiante
 
Messaggi: 230
Iscrizione: dicembre 2010
Località: Casalpusterlengo (LO)
Distribuzione: Ubuntu12.04/Xubuntu11.10 32bit
Desktop: Unity/XFCE

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda mibofra » lunedì 17 settembre 2012, 23:09

Facciamo così : mettiamo un cartello segnaletico all'inizio di tutte le autostrade o strade che dice : "Amico, vedi che c'è un autovelox in giro (a 34,6 km + 1 mm), anche se dovresti essere tu a rispettare in automatico i limiti :D . Anche perché ricordi quella volta che ti è riuscito di non prenderlo ? La prossima potresti prenderla in c**o invece, tu e chi ti sta vicino pure. E poi son ca**i tuoi (amari) e purtroppo anche di chi ti sta vicino ... Se vuoi correre, comprati un'ato da corsa e vai in F1. Noi ti abbiamo avvertito, più di così non si può, e poi se tu vai a 300km/h non dire a tuo figlio di andare piano, vacci prima tu XD " :D .
mibofra :D . Dovessi disconnettermi improvvisamente è perché sto contrastando con il modem 3G TIM/si è scaricata la batteria del modem 3G TIM , appena possibile, mi riconnetterò :D .
Avatar utente
mibofra Maschile
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 2070
Iscrizione: maggio 2012
Località: Palermo
Distribuzione: Ubuntu 13.10(in sviluppo)32bit
Desktop: Unity3D, LXDE, KDE, GNOME

Re: Navigatori satellitari GPS immorali!?

Messaggioda baioxx » martedì 18 settembre 2012, 11:53

credo che questo ponga fine alla questione sull'immoralità delle mappe autovelox sui GPS
ho deciso di sedermi dalla parte del torto perché dalla parte della ragione i posti sono già tutti occupati
Avatar utente
baioxx Non specificato
Prode Principiante
 
Messaggi: 230
Iscrizione: dicembre 2010
Località: Casalpusterlengo (LO)
Distribuzione: Ubuntu12.04/Xubuntu11.10 32bit
Desktop: Unity/XFCE

Precedente

Torna a Bar Sport

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti registrati e 2 ospiti