Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Presentazione al forum e chiacchiere in libertà con la comunità. È importante leggere il regolamento all'interno e sono categoricamente vietate discussioni su politica e religione.
Regole della sezione
  • Vietate categoricamente discussioni e messaggi riguardanti politica e religione.
  • Evitare l'apertura di discussioni e sondaggi del tipo "mi sta bene questo taglio di capelli?", "che dentifricio usate?" e altre banalità simili.
  • Le discussioni che non rispettano le regole suddette, usano linguaggio e toni giudicati non adatti, saranno chiuse dal Gruppo Forum senza preavviso con eventuali provvedimenti sanzionatori.
  • Per il resto, è sempre valido il regolamento del forum.

Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda Danny90 » mercoledì 17 maggio 2017, 10:11

Non so se siete al corrente di questo "gioco" terrificante, che porta gli adolescenti ad uno stato di depressione profonda e a suicidarsi lanciandosi da un palazzo più alto possibile.

http://www.video.mediaset.it/video/iene ... 21232.html

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/e ... 41335.html

Oltre ad essere inorridito e profondamente triste per le centinaia di adolescenti che si sono tolti la vita, mi ha fatto riflettere sulla pericolosità della rete.
Ovviamente non è internet ad essere pericoloso, ma la mente degli esseri umani.

Ricordo quando ero piccolo e internet era relativamente nuovo, c'era un timore generalizzato verso i pericoli del web: pedofili, truffatori, ecc.
La frase tipica era "stai attento, non scriverti con nessuno, non comprare niente, non andare su certi siti, ecc.".
Oggi mi sembra che internet sia così tanto parte delle nostre vite che anche i genitori, che una volta ci dicevano di porre molta attenzione o controllavano cosa facevamo online per proteggerci, siano assuefatti e abitati ad essere perennemente online.
Perdendo di vista i pericoli ovviamente, che non solo ci sono ancora, ma sono forse aumentati.

Stiamo forse perdendo di vista che Internet è solo uno strumento, e non parte fondamentale delle nostre vite?

Come tutte le cose poi, i lati positivi del web sono direttamente proporzionali ai risvolti negativi: si può usare per scopi meravigliosi e allo stesso tempo per scopi terrificanti.

Amo internet, penso che sia una delle invenzioni che più ha rivoluzionato la storia dell'umanità, ma ne riconosco la pericolosità, e soprattutto riconosco la pericolosità di certi esseri umani.

Voi cosa ne pensate?
Avatar utente
Danny90
Prode Principiante
 
Messaggi: 125
Iscrizione: maggio 2015
Località: Dresden (Germany)
Desktop: GNOME Shell
Distribuzione: Ubuntu 16.10
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda maxbigsi » mercoledì 17 maggio 2017, 13:25

non ero a conoscenza di questa malvagità estrema che è anche riportata su wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Blue_Whale non saprei come difendere i ragazzi che passano una età evolutiva e sono facilmente manipolabili, è un fenomeno da prendere in serissima considerazione da parte degli organi preposti, in primis la polizia postale. La NSA ci controlla costantemente, che sviluppino invece un software per "tracciare" chi è coinvolto in questo "gioco macabro".
W il software libero..... W Ubuntu -- Ubuntu User # 31322
Avatar utente
maxbigsi
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
 
Messaggi: 14930
Iscrizione: maggio 2008
Desktop: Mate
Distribuzione: Ubuntu Mate 16.04 64bit
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda telperion » mercoledì 17 maggio 2017, 13:58

ma chi ha cresciuto questi gggiovani cosi vulnerabili?
Famiglia, amici, scuola che cacchio hanno combinato?
A me pare che la colpa sia sempre di qualcosa altro non meglio definibile, ed internet è perfetto come capro espiatorio, mentre sulle vere responsabilità di una società in disgregazione, famiglia, amici, scuola, non si parla mai.
Meglio pensare a chimere come successo soldi potere egoismo, e chissenefrega.
Colpa della crisi, di internet, dei videogiochi, della tv, dell'allineamento dei pianeti, degli extracomunitari, degli zingari, dell'europa, dell'euro, eccetera.
Sempre la stessa vecchia ricetta, dall'impero romano ad oggi, sempre tutto uguale.

Anzi benedetto internet, visto che data l'imbecillità di molti perpetuatori di crimini che postano le malefatte per vanto,
vengono acciuffati rapidamente.
Che poi la magistratura sui minori sia impotente, è tutta un'altra...
Avatar utente
telperion
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 5212
Iscrizione: luglio 2006

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda Danny90 » mercoledì 17 maggio 2017, 14:22

telperion Immagine ha scritto:ma chi ha cresciuto questi gggiovani cosi vulnerabili?
Famiglia, amici, scuola che cacchio hanno combinato?
A me pare che la colpa sia sempre di qualcosa altro non meglio definibile, ed internet è perfetto come capro espiatorio, mentre sulle vere responsabilità di una società in disgregazione, famiglia, amici, scuola, non si parla mai.


Può essere che il diffuso abuso di internet abbia delle responsabilità?

I social network per esempio, sarebbero un meraviglioso strumento per rimanere connessi con le persone, per la rete sociale appunto. Invece è diventata la vita 2.0 di chi una vita 1.0 non ce l'ha.
E nella categoria rientrano anche genitori. O ragazzini che vedono ventenni milionari grazie ad un app, leggendo il messaggio "ho lavorato due giorni e ora sono milionario e non faccio niente dalla mattina alla sera, solo postare foto dalla mia Ferrari a Miami". E la conseguenza è che di fronte alla possibilità di una vita del genere (che non esiste) vengono a mancare i valori di base. Amor proprio compreso.
Avatar utente
Danny90
Prode Principiante
 
Messaggi: 125
Iscrizione: maggio 2015
Località: Dresden (Germany)
Desktop: GNOME Shell
Distribuzione: Ubuntu 16.10
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda telperion » mercoledì 17 maggio 2017, 14:48

Danny90 Immagine ha scritto:
telperion Immagine ha scritto:ma chi ha cresciuto questi gggiovani cosi vulnerabili?
Famiglia, amici, scuola che cacchio hanno combinato?
A me pare che la colpa sia sempre di qualcosa altro non meglio definibile, ed internet è perfetto come capro espiatorio, mentre sulle vere responsabilità di una società in disgregazione, famiglia, amici, scuola, non si parla mai.


Può essere che il diffuso abuso di internet abbia delle responsabilità?

I social network per esempio, sarebbero un meraviglioso strumento per rimanere connessi con le persone, per la rete sociale appunto. Invece è diventata la vita 2.0 di chi una vita 1.0 non ce l'ha.
E nella categoria rientrano anche genitori. O ragazzini che vedono ventenni milionari grazie ad un app, leggendo il messaggio "ho lavorato due giorni e ora sono milionario e non faccio niente dalla mattina alla sera, solo postare foto dalla mia Ferrari a Miami". E la conseguenza è che di fronte alla possibilità di una vita del genere (che non esiste) vengono a mancare i valori di base. Amor proprio compreso.


Ma il mito è sempre esistito, serve per attirare gli allocchi.
Anche in antichità i poveracci partivano in campagne militari per scopare bellezze e diventare ricchi, poi bellezze, oro e gloria andavano ai condottieri, ai poveracci illusi qualche vecchia grassona e sale, e spesso la morte anonima.
Storia vecchia.
E all'epoca gli allocchi analfabeti potevano essere giustificati,
oggi gli allocchi hanno una cultura mille volte superiore a quelli del medioevo...
Avatar utente
telperion
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 5212
Iscrizione: luglio 2006

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda Danny90 » giovedì 18 maggio 2017, 9:49

Beh allora è evidente che l'alfabetizzazione non è un fattore determinante.

Evidentemente è un meccanismo degli esseri umani. Oltretutto nel sevizio delle Iene viene data attenzione a due ragazzine che erano tutt'altro che analfabete e tonte. E nonostante il livello culturale non basso ci sono cadute comunque.

Sarà forse la necessità che sentono le generazioni più giovani, nate in un periodo decisamente florido economicamente dove hanno tutto quello che vogliono con uno schiocco di dita (anche grazie al web), di spingersi oltre con comportamenti autodistruttivi?

Un po come una star di Hollywood, che dopo essersi abituato ad ottenere tutto ciò che è "comprabile", vira i suoi interessi sulle droghe e sull'alcool, rovinandosi.
Avatar utente
Danny90
Prode Principiante
 
Messaggi: 125
Iscrizione: maggio 2015
Località: Dresden (Germany)
Desktop: GNOME Shell
Distribuzione: Ubuntu 16.10
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda xavier77 » giovedì 18 maggio 2017, 10:59

Questo fenomeno ha fatto tanto clamore per ovvi motivi. La cosa sarebbe così assurda che lascia sgomento, orrore e perplessità.

Tuttavia consiglio di vedere questo video, non per negare o sminuire il fenomeno, ma per inquadrarlo meglio in un contesto generale evitando allarmismi:


Faccio notare che, prima dei servizi televisivi, fuori dalla Russia il "grande pubblico" non era minimamente a conoscenza di Blue Whale.
Inoltre mi viene in mente l'allora famigerata usanza del lancio di sassi lanciati dal cavalcavia (parlo degli anni '90). Le forze dell'ordine chiesero ai media di non parlare più del fenomeno, per evitare l'effetto emulazione. E così è stato: pian piano questo fenomeno è arrivato a scomparire del tutto (o così mi pare).
Dal punto di vista dei mass-media siamo in un'altra era geologica. È vero, gran parte dei media "mainstream" hanno fatto o stanno facendo da cassa di risonanza. Ma oggi i media siamo anche noi stessi. Perciò ogni like/condivisione/commento/interazione su Internet (non solo sui social) su questo argomento, mette in evidenza Blue Whale nel web e lo fa diventare uno dei trend topic. Digitate questo termine di ricerca su Google, YouTube, Twitter ecc. e vedrete numeri impressionanti. NB: molti usano anche il tag banalmente per avere più visibilità, ma fa parte delle regole del gioco anche questa faccia della medaglia.
Che piaccia o no, anche io con questo mio post sto contribuendo ad alzare questo polverone.
E più se ne parla, maggiore è il rischio che qualche adolescente faccia qualche stronzata.
Avatar utente
xavier77
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
 
Messaggi: 3978
Iscrizione: settembre 2012
Desktop: Xfce - LXDE - Openbox
Distribuzione: Xubuntu 16.04
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda Danny90 » giovedì 18 maggio 2017, 12:38

Impossibile darti torto.

Anche se, spulciando un po' nel web, qualche dubbio che sia una Fake news viene. Fonti e dati poco verificabili, storia quasi "cinematorgrafica", ecc.
Anche se di solito (non sempre) ho stima delle Iene e mi sembra assurdo che le madri che Matteo Viviani ha incontrato e l'associazione con cui ha parlato siano tutte una montatura.

Rimane comunque un buon spunto di riflessione per le potenzialità che internet associato alla mente umana può avere.
Avatar utente
Danny90
Prode Principiante
 
Messaggi: 125
Iscrizione: maggio 2015
Località: Dresden (Germany)
Desktop: GNOME Shell
Distribuzione: Ubuntu 16.10
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda Pike » giovedì 18 maggio 2017, 21:16

Interconnettere persone con le reti telematiche porta a diffondere a più ampio raggio quanto possono dare. In bene, ed in male.

Internet è tanto "pulita", "libera"e "corretta" quanto più o meno lo è chi la occupa, ed essendosi sempre più aperta a tutti i tipi di persone, c'è criminalità, violenza, rabbia, paura, pericoli.
Per chi gira da tempo sulla rete, niente di nuovo, no?
Non devo pensare, non lo so fare. E non posso chiedere impegno. E' chiedere troppo.
Idiorazione. Non fallisce MAI
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 2562
Iscrizione: gennaio 2008
Desktop: xubuntu
Distribuzione: Xenial Xerus i686 (16.04.1)

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda PC ZERO » venerdì 19 maggio 2017, 11:01

Intanto partiamo dalle Iene: sono molto bravi a montare i servizi che fanno in modo da far convogliare il pensiero ed i sentimenti di chi li guarda in una certa direzione, che poi i fatti presentino la realtà o meno varia da servizio a servizio e di certo non te lo dicono loro ma te lo devi cercare in rete tu.
Difatti sono molte le querele che si sono presi per calunnia e diffamazione, l'ultima che io ricordi è questa ma di casi ce ne sono molti ma molti altri; quindi io avrei i miei dubbi a considerarli come un programma di informazione serio come ad esempio report.
Chiudendo questa parentesi, è sempre la solita storia...
Quando ero piccolo la colpa era di Dragon ball e Ken il Guerriero (istigano alla violenza), crescendo sono diventati i giochi della playstation (tekken ed horror vari), oggi è internet e sto gioco di cui nessuno era a conoscenza (perlomeno io non ne ero a conoscenza e non l'ho nemmeno mai visto).
Ogni scusa è buona, ma i genitori dove sono invece di fare il loro lavoro?
Cosa insegnano ai figli invece dei valori di un volta?
Si riesce a capire che ogni mezzo ho un suo pro e contro e bisogna insegnare come utilizzarlo?
Internet non è diverso da un coltello da cucina...
Sta società si sta accorgendo almeno che con sti ragionamenti sta andando in una direzione pessima?
Quando andavo alle elementari, nei campi vicino al mio paese giravano prostitue e zingari ed i genitori ci lasciavano, a me e combriccola, girare tranquillamente in giro in bici e a piedi senza cellulari che non ne avevamo; oggi che non c'é niente di tutto questo ed ogni ragazzino ci manca poco che giri con un collare gps come quello per i cani, nessuno fa giocare i bambini nemmeno in piazza per paura che qualcuno faccia loro del male....e siamo in 50 abitanti...
Più che altro la devono smettere di fare allarmismi inutili solo per fare notizia.
Avatar utente
PC ZERO
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 406
Iscrizione: febbraio 2011
Desktop: LXQt
Distribuzione: Manjaro
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda telperion » venerdì 19 maggio 2017, 14:02

PC ZERO Immagine ha scritto:
Si riesce a capire che ogni mezzo ho un suo pro e contro e bisogna insegnare come utilizzarlo?




Bisogna insegnare ad USARE IL CERVELLO, il resto viene da se.

Articolo di oggi
https://www.tomshw.it/blue-whale-balena ... pidi-85720
Avatar utente
telperion
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 5212
Iscrizione: luglio 2006

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda giorgiofoga » lunedì 22 maggio 2017, 14:16

oggi a quanto pare ho fatto la mia figura del "cretino" infatti ho inviato la notizia a molti forum e quasi tutti mi hanno ripreso. (sottolineo che non ho mai fatto nulla di simile in vita mia ... prima i numeri e poi le chiacchere il mio motto).

Ma è il solito tam-tam? Cosa ho visto di diverso?

Il messaggio lanciato è il seguente: degli studenti e persone colte si sospetta tramino per fare suicidare i vostri figli tramite i social network.
La notizia in oltre riporta numeri di vittime, uno studente di psicologia preso come uno dei mandanti, ma ci sarebbero degli altri. I suicidi si tanno diffendendo nel mondo.

1-i mandanti: persone colte-studenti, persone molto facilitate nell'uso delle nuove tecnologie (programmatori free lance?, attivisti di qualche tipo?, persone isolate nel garages a fare qualcosa di non meglio specificato?). Diffidate da tutti questi.

2-le vittime i figli e persone giovani con facile accesso ai social media e psicologicamente ed emotivamente fragili

4-i mezzi di coercizione: tecniche molto note e perfettamente funzionanti. (n.d.r. avere cervello o meno in questo caso serve a poco. L'intelligenza di solito è una specie di "carburante" per questo tipo di tecniche coercitive).

5-luoghi: potenzialmente ogni luogo.

6-lo scopo: quello dichiarato dai media russi è la pulizia da una cancro non meglio specificato (parole del ragazzo arrestato). Negli altri casi non dichiarato.


notizie aggiunte: intervista delle iene ad un agente di polizia postale che conferma alcuni dati.


Pericoli imminenti: emulazione ... gli emulatori di solito cercano di colpire di più l'attenzione con atti più eclatanti.
Pericoli da considerare ... esaminate i miei punti.
Contromisure - premessa:
e' evidente che è un gioco di chi o cosa non è dato a sapere. e' evidente che è un gioco che ha regole (come tutti i giochie ruoli). e' evidente che lo strumento di comunicazione usato è il web o i social media, ma lo strumento di coercizione non lo è. lo strumento di coercizione sono note tecniche militari anni sessanta e precedenti. è evidente che si cerca di accumunare lo strumento di trasmissione con quello che "materialmente" viene utilizzato per eseguire l'atto.
Contromisure-analisi: le regole non sono del tutto conosciute e sembrano a nostro svantaggio. Quindi suggerita standard. Giocare fuori dalle regole. Quindi?

IGNORARE NON E' UNA OPZIONE: sono in gioco vite e libertà degli individui. Queste vanno sempre difese, altrimenti abbiamo già perso tutti nel gioco della vita.
DARE PER SCONTATO NON E' UNA OPZIONE: il suggerimento implicito di Dany90 sembra il migliore. Dotarsi di una vita 1.0.
DEMONIZZARE I MANDANTI NON E' UNA OPZIONE: in realtà non conosciamo i mandanti, ovvero ne conosciamo solo 1, quindi ogni generalizzazione è da ritenersi costruita ad arte. ovvero non c'è nessuno da demonizzare, ne il web, ne i media ne altri. è evidente invece che questo è uno dei tentativi del messaggio.

CHE FARE? ... come detto bisogna sforzarci dal giocare fuori dalle regole, sopratutto la tecnologia, che è un gioco ampiamente fuori da ogni nostro controllo. quindi se vediamo qualcuno troppo ataccato a wttapp.. è evidente che soffre di qualche forma di mancanza ... proponiamoci per andarlo a trovare ... basta con i social party ... facciamo i party 1.0, teniamo a bada i figli e offriamoci spesso di accompagnargli dagli amici con cui sono più spesso sui social ... la cosa potrebbe essere contagiosa. I social: ebbasta mettere tutto quello che fate ... è come vi disegnaste sopra un bel cerchio con la croce in mezzo. E' CHIARO O NO QUESTO?
I social sono solo messagistica istantanea: SI USA SOLO IN ESTREMIS QUANDO SI HANNO TROPPI IMPEGNI E TROPPO POCO TEMPO.
il web è una grossa biblioteca: LEGGIAMO UN BEL LIBRO O VEDIAMO UN BEL FILM E BASTA.

saluti
giorgio
[mio codice] il sole splende [/mio codice]
Avatar utente
giorgiofoga
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 325
Iscrizione: ottobre 2010
Località: padova
Desktop: unity - gnome fa lo stess
Distribuzione: dalla 10.04 alla 16.10 RT comprese

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda steff » lunedì 22 maggio 2017, 14:30

Secondo me basta sgonfiarlo, se appare uno che non ha ancora capito che non esiste nemmeno quel fenomeno preciso (ovvero che esiste solo perché se ne parlano certi media in cerca di attenzione) dare le informazioni necessarie che qui ha già fornito xavier e passare oltre. Questo significa ignorarlo attivamente, non divulgerlo a chi non ci chiede informazioni, non leggere le notizie e non cliccare i link che ne parlano, in 2 mesi sarà morto come fenomeno.

Qualcuno si ricorda i pokemon-go?

Non è che non esistono i giovani (e vecchi) con problemi, il brutto è che questo viene sfruttata per i like su facebook e il share in televisione.
La Documentazione da consultare e la FAQ sul uso del forum
$ rsync -auv --delete /home/NOME/ /media/disco_USB/BACKUP
Sistemi: LXQt - semplice, modulare e configurabile + *ubuntu virtuale in Vbox
Avatar utente
steff
Moderatore Globale
Moderatore Globale
 
Messaggi: 35997
Iscrizione: febbraio 2007
Località: Toscana
Desktop: LXQt
Distribuzione: Arch Linux 64bit
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda telperion » lunedì 22 maggio 2017, 14:37

giorgiofoga Immagine ha scritto:
Il messaggio lanciato è il seguente: degli studenti e persone colte si sospetta tramino per fare suicidare i vostri figli tramite i social network.
La notizia in oltre riporta numeri di vittime, uno studente di psicologia preso come uno dei mandanti, ma ci sarebbero degli altri. I suicidi si tanno diffendendo nel mondo.



Oppure una mega bufala usata ad earte per fare ascolti/click?

Con molta probabilità ci sono le stesse probabiltà di suicidarsi per sta cagata che morire colpiti da un fulmine, eppure dai scateniamo il casino per nulla.

Per i problemi seri come i MANDANTI che vendo ALCOOL e PASTIGLIE ai nostri figli, cosa ENORMEMENTE più probabile e che provoca sicuramente molte più vittime, non agitiamoci, è NORMALE...

Per gli incidenti STRADALI causa numero 1 della morte sotto i 30 anni, dovuta a emulazione e comportamenti assurdi, IDEM, è NORMALE.

Ma no facciamo un gran casino per una probabile/possibile bufala come la balena blu/bufala blu,
sarà blu perchè arriva dal paese dei puffi.

@steff

Blue Whale, la balena blu è un'esca per gli stupidi
magari meglio leggerlo...
Avatar utente
telperion
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 5212
Iscrizione: luglio 2006

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda xavier77 » lunedì 22 maggio 2017, 14:59

Intanto ho già saputo di un paio di casi, di figli di conoscenti di conoscenti che avrebbero iniziato a manifestare "probabili segnali" di essere coinvolti nel gioco. Siccome siamo nell'ambito del "sentito dire", ho motivo di dubitare che questi casi siano reali.
Una cosa però è certa: se ne stanno parlando con preoccupazione anche persone di 60/70 che a malapena conoscono Internet e Social network, vuol dire che il caso è stato creato e un bel polverone si è alzato.
Avatar utente
xavier77
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
 
Messaggi: 3978
Iscrizione: settembre 2012
Desktop: Xfce - LXDE - Openbox
Distribuzione: Xubuntu 16.04
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda Danny90 » lunedì 22 maggio 2017, 15:04

In effetti basterebbe ignorare la cosa per farla scomparire da dove è venuta.
Puzza sempre più di bufala, e sono certo che l'anno prossimo o tra due anni diremo "ma che fine ha fatto Blue Whale? Allora era una ca**ata".

Condannare/demonizzare il web o i social network solo per l'uso (o l'abuso) che qualcuno ne fa mi sembra che non abbia alcun senso.
Avatar utente
Danny90
Prode Principiante
 
Messaggi: 125
Iscrizione: maggio 2015
Località: Dresden (Germany)
Desktop: GNOME Shell
Distribuzione: Ubuntu 16.10
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda telperion » lunedì 22 maggio 2017, 15:09

xavier77 Immagine ha scritto:Intanto ho già saputo di un paio di casi, di figli di conoscenti di conoscenti che avrebbero iniziato a manifestare "probabili segnali" di essere coinvolti nel gioco. Siccome siamo nell'ambito del "sentito dire", ho motivo di dubitare che questi casi siano reali.
Una cosa però è certa: se ne stanno parlando con preoccupazione anche persone di 60/70 che a malapena conoscono Internet e Social network, vuol dire che il caso è stato creato e un bel polverone si è alzato.


Mio cuggino. Mio cuggino.
Mio cuggino mio cuggino
miocugginomiocugginomiocugginomiocuggino
miomiomiomiogginogginomiomiomiomiogginoggino

Mi ha detto mio cuggino
che una volta si è schiantato con la moto,
- miiiiiiii -
mio cuggino mio cuggino.
Mi ha detto mio cuggino
che poi si è tolto il casco
e si è aperta la testa,
mio cuggino mio cuggino.
Mio cuggino si è tolto il casco,
mio cuggino si è aperta la testa.

Mi ha detto mio cuggino
che una volta ha trovato in spiaggia
un cane e invece era un topo
- non ci posso credere: pure a mio cuggino! -
mio cuggino mio cuggino.
Mi ha detto mio cuggino
che una volta è stato co' una
che poi gli ha scritto sullo specchio
benvenuto nell'aids
- uguale uguale uguale uguale -
poverino mio cuggino
benvenuto nell'aids,
mio cuggino topo cane,
mio cuggino benvenuto nell'aids.

Mio cuggino mio cuggino,
mio cuggino è rispettato,
amico di tutti.
Mio cuggino ha fatto questo e quello,
mio cuggino mi protegge
quando vengono a picchiarmi
perché chiamo mio cuggino.
Anzi: io chiamo a mio cuggino.

Mi ha detto mio cuggino
che una volta ha visto una senza reggipetto
- stìghidin, stìghidin, stish stidùn; aaah -
mio cuggino mio cuggino.
Mi ha detto mio cuggino
che una volta in discoteca
ha conosciuto una tipa
che però poi non si ricorda più niente
e alla fine si è svegliato in un fosso
tutto bagnato che gli mancava un rene,
mio cuggino mio cuggino.

Mi ha detto mio cuggino
che sa un colpo segreto
che se te lo dà dopo tre giorni muori,
mio cuggino mio cuggino.
Mi ha detto mio cuggino
che da bambino una volta è morto.

Mio cuggino mio cuggino,
mio cuggino è ricercato,
amico di tutti.
Mio cuggino ha fatto questo e quello,
mio cuggino mi protegge
quando vengono a picchiarmi
perché chiamo mio cuggino.
Anzi, sapete cosa vi dico:
io chiamo a mio cuggino.

Mio cuggino mio cuggino,
mio cuggino è preoccupante
e parla coi rutti:
"ciao, come va?".
Mio cuggino ha fatto questo e quello,
l'autoscontro e il calcinculo,
mio cuggino 'o malamente;
ma è un prodotto della mente.
Anzi: ha prodotto della menta
ma non era autorizzato,
per cui l'hanno imprigionato.
Ué.

Sì d'accordo free Mandela,
free Valpreda e tutti gli altri,
ma free anche mio cuggino.
Anzi: free anche a mio cuggino.
Na na nai, mio cuggino na na nai,
na na nai, mio cuggino na na nai.

Non ci posso credere, uguale, uguale!
Può essere che siamo parenti!
Tu com'è che fai di cognome?
Scusa, per vedere se è la stessa persona.
Anche a tuo cugino quando ha avuto
le emorroidi gli è partito il tappo
e ha ferito l'infermiera?
Quest'infermiera poi la conosco
perché mi ha soccorso quando, da piccolo,
una volta mi hanno sparato,
e non sono morto!
Però hanno colpito il ragno
che usciva in quel momento preciso
dal tronchetto della felicità.
Allora che ho fatto?
Col mio amico Coccodrillo Bianco
delle fogne di New York
siamo andati al Pronto Soccorso
a trovare dei nostri amici
che si facevano togliere delle cose tipo
arance, bottiglie, maniglie, porte,
cani, mondi, quando, a un certo punto,
chi t'incontro?
Non ci potevo credere!
Il mio chirurgo plastico del pronto soccorso preferito!
Che giornata! Che giornata!


:lol:
Avatar utente
telperion
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 5212
Iscrizione: luglio 2006

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda xavier77 » lunedì 22 maggio 2017, 15:14

@telperion
Hai capito al 100% quello a cui mi riferivo. :D
Comunque l'articolo che hai postato è assolutamente da leggere per farsi un'idea argomento.
:ciao:

Update: in queste ore leggo sulle webnews che sarebbero decine i casi in Italia sui quali la polizia postale starebbe indagando. Ovviamente impossibile avere più dettagli e certezze allo stato attuale. Intanto fra le varie news, almeno un caso sarebbe una bufala bella e buona. A dimostrazione che ormai, reale o da ridimensionare che sia, questo fenomeno è diventato uno degli argomenti del momento. Speriamo che tutto non sfugga di mano e che non si crei un'inutile isteria collettiva. :sisi:
Avatar utente
xavier77
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
 
Messaggi: 3978
Iscrizione: settembre 2012
Desktop: Xfce - LXDE - Openbox
Distribuzione: Xubuntu 16.04
Sesso: Maschile

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda giorgiofoga » lunedì 22 maggio 2017, 18:06

????????????????????????

in merito alle morti e alle percentuali ... direi che vi mancano le basi: le statistiche sono a volte peggiori di quello che si crede a volte migliori.

In ogni caso le morti fra i maschi a causa di incidenti da "ormoni" avvengono dall'età della pietra, non a caso la popolazione maschile nasce generalmente con il 5% di individui in più rispetto quella femminile, e alla vecchiaia le percentuali sono esattamente speculari. Quindi se uno volesse per forza essere pressapochista non parlerebbe ne di droga ne di incidenti stradali .... ma me pressapochista non piace proprio essere.

Detto questo: l'età che va dai 9 ai 13 anni è particolarmente vulnerabile .... certo se vivi nel burchina faso forse bisogna spostare l'asticella più indietro .... e se sei un guerriero come Telperion di sicuro non avrai mai problemi in vita tua. Ma credo che anche Telperion abbia passato un'età in cui con una caramella te lo comperavi.

Quindi non esiste che si DEBBA FARE ASSOLUTAMENTE4 QUALCOSA sul web ... e ancora di più tutti i vari Telperion dovrebbero essere quelli che fanno i Leoni per gli Agnelli ..... senno non servi proprio a nulla in questo alveare, anzi diventi parassita pure tu. Ci sono solo due squadre: quella che fa parte dei problemi e quella che fa parte delle soluzioni. Su questo forum in teoria si fa tutti parte della seconda ... vediamo di restarci e tutti belli uniti.

giorgio
[mio codice] il sole splende [/mio codice]
Avatar utente
giorgiofoga
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 325
Iscrizione: ottobre 2010
Località: padova
Desktop: unity - gnome fa lo stess
Distribuzione: dalla 10.04 alla 16.10 RT comprese

Re: Blue Whale - il web è un'arma a doppio taglio?

Messaggioda gila75 » lunedì 22 maggio 2017, 18:25

Con calma mi leggo tutto.
Non ho figli, ma la mia compagna si (14 e 11), e capirete che anche se non sono miei mi sono affezionato e ci tengo molto.
Quindi la cosa mi spaventa.
Brevissimamente, poi come detto magari leggerò bene e dirò la mia.
Ma a questo punto delle cose, dove il fenomeno (forse) non era così conosciuto, hanno fatto bene le iene a fare quel servizio?
Ok, la verità e l'informazione prima di tutto. Ma se non erro le iene vanno in prima serata (correggetemi), e se un bambino avesse visto
da solo?
Forse a volte conviene essere un po' più cauti? Non è una critica all'informazione e alle iene, sia chiaro
gila75
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 2078
Iscrizione: gennaio 2013
Località: Airuno(Lecco)
Desktop: ubuntu-2d
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 LTS i686

Successiva

Torna a Bar Sport

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti registrati e 6 ospiti