Cosa succede ad Ubuntu?

Il ritrovo della comunità dove confrontarsi e discutere sulle notizie dal mondo dell'informatica, di Ubuntu e di tutto quello che la riguarda, novità, pettegolezzi e quant'altro.

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda [ Giulio@Linux ] » venerdì 6 maggio 2016, 19:27

SiO2 Immagine ha scritto:Quali problemi? Mi state dicendo che i problemi o non esistono o che nella migliore delle ipotesi sono trascurabili, di che cosa dobbiamo informarci?

No, ti stiamo dicendo che i problemi di cui parli esistono, ma sono irrilevanti per l'utente desktop comune e rilevanti per particolari categorie di utenti. È diverso, mi dispiace se non riesci a capirne il significato. Sarebbe come dire che Windows che ha grossi problemi perché esistono software di controllo di LINAC ospedalieri che girano solo su Linux (e ci sono), che è una bischerata
Avatar utente
[ Giulio@Linux ]
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
 
Messaggi: 1316
Iscrizione: marzo 2008
Desktop: MATE - Compiz
Distribuzione: Ubuntu MATE 16.04 64bit
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda shouldes » venerdì 6 maggio 2016, 19:42

woddy68 Immagine ha scritto:E' evidente che per alcuni utenti che hanno necessità di software sviluppati solo per Windows, Linux non va bene o meglio va bene ma ha sempre la necessità di avere affiancato Windows, a meno di non sfruttare altri metodi che a me non entusiasmano. Io wine non lo mai utilizzato e non virtualizzo Windows.
Ma non è certo colpa di Ubuntu o Linux se Adobe non rilascia Photoshop per Linux e questo vale per tutte quelle applicazioni, solitamente professionali che ancora non hanno una versione per Linux. Basta informarsi prima....


Non penso che la situazione durerà in eterno.
Basta vedere Windows 10 per capire subito che il PC inteso alla vecchia maniera non è più l'interesse primario di Microsoft e forse non è neanche il suo secondario interesse, visto che sembra un sistema per telefonini adattato.
Cercando di vedere un pochino oltre immagino nel mondo PC solo sistemi con Xfce e KDE fra 10 anni.
Avatar utente
shouldes
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
 
Messaggi: 19369
Iscrizione: febbraio 2008
Desktop: KappaDiE

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda steff » venerdì 6 maggio 2016, 19:48

Vorrei ricordare che la discussione riguarda non i software proprietari, linux contro windows ecc ecc ma la direzione che prende o non prende ubuntu.
La Documentazione da consultare e la FAQ sul uso del forum
$ rsync -auv --delete /home/NOME/ /media/disco_USB/BACKUP
Sistemi: LXQt - semplice, modulare e configurabile + *ubuntu virtuale in Vbox
Avatar utente
steff
Moderatore Globale
Moderatore Globale
 
Messaggi: 35745
Iscrizione: febbraio 2007
Località: Toscana
Desktop: LXQt
Distribuzione: Arch Linux 64bit
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda SiO2 » venerdì 6 maggio 2016, 19:55

woddy68 Immagine ha scritto:E' evidente che per alcuni utenti che hanno necessità di software sviluppati solo per Windows, Linux non va bene o meglio va bene ma ha sempre la necessità di avere affiancato Windows, a meno di non sfruttare altri metodi che a me non entusiasmano. Io wine non lo mai utilizzato e non virtualizzo Windows.
Ma non è certo colpa di Ubuntu o Linux se Adobe non rilascia Photoshop per Linux e questo vale per tutte quelle applicazioni, solitamente professionali che ancora non hanno una versione per Linux. Basta informarsi prima....

Tutto vero, infatti uno si informa e usa Linux per divertimento visto che tipicamente non può farlo per lavoro. Quindi installa una distro poi si stufa e ne installa un'altra e poi un'altra ancora, con cicli più o meno lunghi a seconda delle persone. C'è anche chi resiste per 15 anni con la stessa distro, non siamo tutti uguali. C'è pure un termine per definire la cosa, lo chiamano distro hopping. In tutto questo c'è una forte componente di "moda", influenzata da caratteristiche estetiche invece che sostanziali. Questa era la mia tesi in rapporto alla domanda del thread: Cosa succede a Ubuntu? Mia risposta: niente, semplicemente la gente si diverte a saltare di distribuzione in distribuzione alla ricerca di chissà quale novità.
Ceci n'est pas une signature
Toshiba Qosmio G50-103 - Intel® Core™2 Duo T9400 @ 2.53 GHz - 4,096 MB DDR2 RAM (800 MHz) - 320+320 GB HD - NVIDIA® GeForce® 9600M GT - Full HD TFT 18.4 / MBP 15" 8GB RAM 256GB SSD i7 Nov. 2013"
Avatar utente
SiO2
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 440
Iscrizione: ottobre 2010
Desktop: KDE/XFCE
Distribuzione: Debian/OS X
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda woddy68 » venerdì 6 maggio 2016, 20:02

Tutto vero, infatti uno si informa e usa Linux per divertimento visto che tipicamente non può farlo per lavoro.

Falso ! Non ci sei solo tu e il tuo lavoro, io lo utilizzo per lavoro e non mi occorrono particolari software e come me tante persone, non credo che Google abbia installato Ubuntu sui loro dispositivi al lavoro per divertimento ! Ci sono un sacco di lavori oggi che vengono fatti anche con pc e non sono grafici o editig video.
Desktop - Acer Aspire M5500 (Nvidia) Ubuntu 14.04 - 16.04 desktop Unity elegante e moderna.
Notebook Acer Aspire E1 -522 (Amd) Ubuntu 16.04 - Desktop Unity elegante e moderna.
--Ho sempre accettato caramelle dagli sconosciuti--
Avatar utente
woddy68
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 2829
Iscrizione: febbraio 2011
Località: Bellano Lc
Desktop: Unity 7 Unity 8 il futuro
Distribuzione: Ubuntu- 14.04 64bit - 16.04 64bit
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda SiO2 » venerdì 6 maggio 2016, 20:04

[ Giulio@Linux ] Immagine ha scritto:
SiO2 Immagine ha scritto:Quali problemi? Mi state dicendo che i problemi o non esistono o che nella migliore delle ipotesi sono trascurabili, di che cosa dobbiamo informarci?

No, ti stiamo dicendo che i problemi di cui parli esistono, ma sono irrilevanti per l'utente desktop comune e rilevanti per particolari categorie di utenti. È diverso, mi dispiace se non riesci a capirne il significato. Sarebbe come dire che Windows che ha grossi problemi perché esistono software di controllo di LINAC ospedalieri che girano solo su Linux (e ci sono), che è una bischerata

E invece non lo è, perché se uno ha bisogno del software di controllo di LINAC ospedalieri (qualsiasi cosa siano) ha un problema con Windows. Solo che questo succede una volta per Windows e 100 per linux. Ed è pure logico che sia così perché gli utenti Windows sono 100 volte quelli Linux. E pensa che non ti accuso nemmeno di non capirne il significato.
Chiudo la deriva in seguito al richiamo di Steff.
Ceci n'est pas une signature
Toshiba Qosmio G50-103 - Intel® Core™2 Duo T9400 @ 2.53 GHz - 4,096 MB DDR2 RAM (800 MHz) - 320+320 GB HD - NVIDIA® GeForce® 9600M GT - Full HD TFT 18.4 / MBP 15" 8GB RAM 256GB SSD i7 Nov. 2013"
Avatar utente
SiO2
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 440
Iscrizione: ottobre 2010
Desktop: KDE/XFCE
Distribuzione: Debian/OS X
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda SiO2 » venerdì 6 maggio 2016, 20:06

woddy68 Immagine ha scritto:
Tutto vero, infatti uno si informa e usa Linux per divertimento visto che tipicamente non può farlo per lavoro.

Falso ! Non ci sei solo tu e il tuo lavoro, io lo utilizzo per lavoro e non mi occorrono particolari software e come me tante persone, non credo che Google abbia installato Ubuntu sui loro dispositivi al lavoro per divertimento ! Ci sono un sacco di lavori oggi che vengono fatti anche con pc e non sono grafici o editig video.

Per questo ho scritto "tipicamente" perché nel 99% dei lavori che richiedano un computer puoi usare Windows e solo in una percentuale che lascio decidere a te Linux.
Ceci n'est pas une signature
Toshiba Qosmio G50-103 - Intel® Core™2 Duo T9400 @ 2.53 GHz - 4,096 MB DDR2 RAM (800 MHz) - 320+320 GB HD - NVIDIA® GeForce® 9600M GT - Full HD TFT 18.4 / MBP 15" 8GB RAM 256GB SSD i7 Nov. 2013"
Avatar utente
SiO2
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 440
Iscrizione: ottobre 2010
Desktop: KDE/XFCE
Distribuzione: Debian/OS X
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda PC ZERO » venerdì 6 maggio 2016, 20:15

Diciamo pure tanti hanno usato sempre solo quello e non si sbattono nemmeno a cercare un'alternativa...
Avatar utente
PC ZERO
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 404
Iscrizione: febbraio 2011
Desktop: LXQt
Distribuzione: Manjaro
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda erbasox » venerdì 6 maggio 2016, 20:30

Puo' darsi che per il tuo lavoro Linux non sia adatto ma come gia' detto parecchi professionisti per il lavoro che fanno gli e' piu' che sufficente e chi lo usa e vede il suo valore non torna su Windows. Ti potrei fare una marea di esempi che ogni giorno vedo con i miei occhi. Non tutti sono architetti geometri o grafici ci sono una marea di lavori che non hanno bisogno di software particolare. Forse sara' come dici tu questione di moda ma perche' cambiare distro quando puoi usarne una stabilissima pienamente supportata e sulla quale hai milioni e milioni di informazioni reperibili sulla rete oltre a comunita' ben organizzate che ti danno una mano sempre!?!?!
Avatar utente
erbasox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1055
Iscrizione: ottobre 2006
Località: Atene
Desktop: PekWM, Mate
Distribuzione: Ubuntu 16.04 LTS x86_64

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda [ Giulio@Linux ] » venerdì 6 maggio 2016, 23:56

Come già detto esistono mestieri dove non solo l'uso di Linux è possibile (quasi tutti, eccezion fatta per grafici e video editing), in altri addirittura necessario.
Avatar utente
[ Giulio@Linux ]
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
 
Messaggi: 1316
Iscrizione: marzo 2008
Desktop: MATE - Compiz
Distribuzione: Ubuntu MATE 16.04 64bit
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda Gius71.71 » sabato 7 maggio 2016, 1:39

Tutto vero, infatti uno si informa e usa Linux per divertimento visto che tipicamente non può farlo per lavoro. Quindi installa una distro poi si stufa e ne installa un'altra e poi un'altra ancora, con cicli più o meno lunghi a seconda delle persone. C'è anche chi resiste per 15 anni con la stessa distro, non siamo tutti uguali. C'è pure un termine per definire la cosa, lo chiamano distro hopping. In tutto questo c'è una forte componente di "moda", influenzata da caratteristiche estetiche invece che sostanziali. Questa era la mia tesi in rapporto alla domanda del thread: Cosa succede a Ubuntu? Mia risposta: niente, semplicemente la gente si diverte a saltare di distribuzione in distribuzione alla ricerca di chissà quale novità.

Chi usa Linux lo usa come gli pare, parecchi ci lavorano e se vai ad es nella sez programmi professionali te ne accorgi.
Quello che è successo ad Ubuntu è stato detto precedentemente, si è incartato andando dietro ai telefoni e nel ramo desktop è rimasto indietro, Gnome e KDE vanno alla grande mentre Ubuntu Unity è fermo col suo Gnome sempre più incasinato, Ubuntu Software che non funziona sulla LTS è l'apice del momento di sbandamento, si parla dei soliti progetti molto ambiziosi ma come al solito non per la prossima distro ma per quella dopo.
La mia prima impressione sulla 16.04 è che è la peggiore Ubuntu provata, continue segnalazioni di errori di sistema, Ubuntu Software, Ubuntu Tweak non c'è più, l'estetica ormai impresentabile sempre uguale e identica alla precedente LTS di 2 anni fa .............. provi kubuntu 16.04 e sembra un altro mondo e KDE non è il mio DE preferito.
Io comunque ci spero che riescono a fare sta svolta ed a prendere una direzione con Unity 8 ma devono fare in fretta altro che stabilità altrimenti di questo passo rimane solo Mark ad usarlo. :sisi:
Avatar utente
Gius71.71
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 644
Iscrizione: maggio 2011
Desktop: Gnome / Unity
Distribuzione: Fedora / Ubuntu

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda Geo ivan » sabato 7 maggio 2016, 8:24

SiO2 Immagine ha scritto:
[ Giulio@Linux ] Immagine ha scritto:
SiO2 Immagine ha scritto:Ha già quasi tutto. Solo che a noi quello che non c'è basta definirlo una m###a, così abbiamo risolto tutti i problemi.

L'utente medio ha già tutto: browser, suite d'ufficio (sufficiente per utenze medie), riproduttore multimediale, client di posta, client torrent, client di messaggistica.

Di tutto quello che c'è non manca niente, diceva mio nonno.
Da utente domestico ti faccio l'esempio delle prime cose che mi vengono in mente che negli ultimi tempi mi hanno costretto a ripiegare su altri sistemi operativi - o trovare altre soluzioni - per risolvere uno specifico problema. 1) Qualche tempo fa ero fuori casa e in un momento di cazzeggio volevo vedere un programma su SkyGo, dopo vari tentativi ho capito che con Linux non si può e ho dovuto utilizzare il mac. 2) Un mese fa ho deciso di rinnovare il giardino e mi sono messo in testa di voler fare un disegno 3D per vedere come veniva prima mettermi fisicamente al lavoro. Siccome ero sul mac, mi sono messo a cercare vari software che avessero già in libreria piante, fiori ecc... che mi facilitassero il lavoro. Alla fine ho trovato l'ottimo SketchUp di Google che permette di fare disegni in 3D molto facilmente e dal buon impatto estetico. Avevo la necessità di lavorare un po' da mac e un po' da linux a seconda di dove mi trovavo ma, per Linux SketchUp non c'è, e non gira nemmeno con Wine. 3) Per il mio matrimonio mi serviva lo spartito di un pezzo da far suonare all'organista; cerca e ricerca alla fine ho trovato un sito inglese che ce l'aveva in catalogo e l'ho comprato pensando che fosse un pdf o in un qualche formato "normale". Invece no, era in un formato proprietario e apribile solo con un applicativo Windows. Ho reclamato, facendo notare che sul sito non si parlava di specifici sistemi operativi, ho fatto loro anche il pistolotto sui formati open ecc... e ho ottenuto il rimborso dell'acquisto. Qualche tempo dopo sono tornato su quel sito per vedere se avessero messo qualche nota relativamente alla compatibilità dei loro file ma non c'era niente. Probabilmente ero l'unico ad aver reclamato e mi avranno considerato come un qualche pazzo che blatera di software proprietario. 4) Due mesi fa mia suocera ha fatto un "eco-cardio" in ospedale e i risultati glieli hanno dati su CD. Quando li ho aperti c'era l'insieme dei file in un formato mai sentito insieme al .exe di un viewer esistente solo per Windows. Questa volta però ho avuto fortuna, sul mac con crossover sono riuscito lo stesso ad aprirli.
Con Linux tutti quelli sopra non sono grossi problemi se ti accontenti e ti convinci che SkyGo alla fine non serve a una cippa, che fare il disegno del giardino è da pirla, che al matrimonio suoni l'ave maria di Schubert e non rompi i cogli###i e che gli esami dell'ospedale non serve che li guardi che tanto sei un ingegnere aerospaziale e non ci capisci una minchia lo stesso...


Scusami ma non riesco veramente a capirti???

1) uso Linux per lavoro, utilizzo programmi open e proprietari
2) ho installato sketchup ultima versione per windows
3 la mia ragazza è fisioterapista, e vede le lastre su ubuntu con il CD
4) ho fatto un video amatoriale di un viaggio, ho usato ubuntu, è vero per i codec audio ho dovuto fare sudo apt-get installare ubuntu restricted extra
Non diciamo castronerie, se voglia.o possiamo utilizzare tutto per casa, il problema torna sul posto di lavoro, programmi specifici per settori specifici, ma l'utente medio se gli metti davanti Firefox già sta ok.
Geo ivan
Prode Principiante
 
Messaggi: 117
Iscrizione: novembre 2013
Località: Roma
Desktop: Unity
Distribuzione: Ubuntu 16.04 lts
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda milazzo87 » sabato 7 maggio 2016, 11:41

In moltissime aziebde si utilizza Google Documents, tanto per smentire una delle tante criticità sempre tirate fuori su linux.
La pisciata in compagnia è di sinistra, il cesso è sempre in fondo a destra. [cit. G. Gaber]
Avatar utente
milazzo87
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1949
Iscrizione: dicembre 2011
Desktop: Cinnamon, MATE, GNOME
Distribuzione: Manjaro, Debian Jessie

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda Mdfalcubo » sabato 7 maggio 2016, 11:43

Le criticità si riferiscono a sw particolari per utilizzi particolari. È stato precisato...
"Il genere umano è stimolante, è la gente che non sopporto,, (Linus - Peanuts)
"Se vuoi una mano per essere aiutato la trovi alla fine del tuo braccio,,
Avatar utente
Mdfalcubo
Moderatore Globale
Moderatore Globale
 
Messaggi: 19814
Iscrizione: dicembre 2008
Desktop: XFCE
Distribuzione: Antergos XFCE - Xubuntu 16.04
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda corradoventu » domenica 15 maggio 2016, 14:02

Con o senza religione, i buoni si comportano bene e i cattivi male, ma ci vuole la religione per far comportare male i buoni. (Steven Weinberg)
PC di casa: https://drive.google.com/folderview?id= ... sp=sharing
Avatar utente
corradoventu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 606
Iscrizione: aprile 2008
Località: Montecompatri (RM) o Rezzoaglio (GE)
Desktop: unity
Distribuzione: Ubuntu 14.04, 16.04, 16.10, 17.04
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda m4ss1m0 » giovedì 16 marzo 2017, 20:32

Mdfalcubo Immagine ha scritto:Le criticità si riferiscono a sw particolari per utilizzi particolari. È stato precisato...

Concordo!
m4ss1m0
Prode Principiante
 
Messaggi: 83
Iscrizione: settembre 2008
Desktop: Unity
Distribuzione: Ubuntu 16.04 LTS

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda GreYOwL » giovedì 16 marzo 2017, 22:46

comunque, anche per il video, è una cavolata che non ci siano programmi professionali. ad Holliwood lo hanno usato e lo usano continuamente. Il software professionale cè e costa..
come costa final cut ecc
"Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo. (Voltaire) "
Avatar utente
GreYOwL
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 888
Iscrizione: aprile 2007
Località: Roma
Desktop: Unity 7
Distribuzione: Ubuntu 16.04
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda corradoventu » mercoledì 22 marzo 2017, 15:16

Stiamo parlando du Ubuntu o di Linux in genere? Attenti, la prossima multa per eccesso di velocità potrebbe venire da un dispositivo Linux:
http://motori.ilmessaggero.it/news/truc ... 23722.html
La TruCam ha una memoria abbastanza capiente con un sistema che si attiva sulla piattaforma Linux. Un sensore fotograferà e filmerà ogni singola infrazione. Inoltre attiverà la geolocalizzazione con un Gps.
Con o senza religione, i buoni si comportano bene e i cattivi male, ma ci vuole la religione per far comportare male i buoni. (Steven Weinberg)
PC di casa: https://drive.google.com/folderview?id= ... sp=sharing
Avatar utente
corradoventu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 606
Iscrizione: aprile 2008
Località: Montecompatri (RM) o Rezzoaglio (GE)
Desktop: unity
Distribuzione: Ubuntu 14.04, 16.04, 16.10, 17.04
Sesso: Maschile

Re: Cosa succede ad Ubuntu?

Messaggioda tipp-ex » mercoledì 22 marzo 2017, 17:23

So bene che probabilmente m’inimicherò molti subito, però sentendo ciò che succede per le strade una volta in più apprezzo l'utilità di Linux... Ovviamente con la speranza che la messa in pratica sia così buona come l'idea.
Avatar utente
tipp-ex
Prode Principiante
 
Messaggi: 2
Iscrizione: marzo 2017
Sesso: Maschile

Precedente

Torna a Bar Ubuntu

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti registrati e 4 ospiti