Pagina 1 di 2

Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2017, 8:53
da xubuntunew
Consigli?
Grazie in anticipo

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2017, 8:55
da Mdfalcubo
Ma tu una ricerca nel forum o su google, prima di aprire un post, la fai mai??

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: mercoledì 17 maggio 2017, 10:28
da GreYOwL

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 16:40
da xubuntunew
non c' è da arrabbiarsi,
il firewall ufw era un' idea, IPBlock era un' altra
pgl forse la più sensata, volevo solo qualche conferma da chi aveva provato

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 17:10
da Clover
PGL (Peer Guardian Linux) ex Moblock lo uso da anni, anche su server, funziona bene e fa quello che deve.

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 17:18
da xubuntunew
molto bene,

sudo add-apt-repository ppa:jre-phoenix/ppa
sudo apt-get update
sudo apt-get install pgld pglcmd pglgui

per installare anche la gui?
è molto simile a Peer Guardian su Windows, no?

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 18:18
da Clover
Il funzionamento è il medesimo, blocca le connessioni in arrivo/destinazione di specifici indirizzi IP presenti nelle liste che gli si assegnano... lato GUI non ho idea se sia uguale a quello di Windows, io l'ho sempre gestito da terminale senza nemmeno installarla la GUI.

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 18:24
da xubuntunew
ok, però con quei comandi si installa anche la gui?

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 18:48
da Clover
sì, è questa: pglgui

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 19:10
da xubuntunew
bene, grazie
con i comandi citati si installa la gui e il software quindi?

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 20:09
da telperion
Clover Immagine ha scritto:Il funzionamento è il medesimo, blocca le connessioni in arrivo/destinazione di specifici indirizzi IP presenti nelle liste che gli si assegnano... lato GUI non ho idea se sia uguale a quello di Windows, io l'ho sempre gestito da terminale senza nemmeno installarla la GUI.



Si ma a che serve, sono anni e anni che nessuno aggiorna i vari level.dat ....

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 20:33
da xubuntunew
addirittura?

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 20:40
da Clover
telperion Immagine ha scritto:
Clover Immagine ha scritto:Il funzionamento è il medesimo, blocca le connessioni in arrivo/destinazione di specifici indirizzi IP presenti nelle liste che gli si assegnano... lato GUI non ho idea se sia uguale a quello di Windows, io l'ho sempre gestito da terminale senza nemmeno installarla la GUI.



Si ma a che serve, sono anni e anni che nessuno aggiorna i vari level.dat ....

Se intendi quelle della "bluetack" sono circa 5 anni che non sono più aggiornate, anche perché non esiste più il gestore stesso, non sono però le uniche ad esistere.... esistono anche altri archivi di liste più aggiornate, tipo le squidblacklist, dipende sempre dalla tipologia di blacklist che si sta cercando e se si è disposti a pagare o meno.

xubuntunew Immagine ha scritto:bene, grazie
con i comandi citati si installa la gui e il software quindi?


Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 20:54
da xubuntunew
di default quali ci sono?

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: venerdì 19 maggio 2017, 22:03
da telperion
Clover Immagine ha scritto:
telperion Immagine ha scritto:
Clover Immagine ha scritto:Il funzionamento è il medesimo, blocca le connessioni in arrivo/destinazione di specifici indirizzi IP presenti nelle liste che gli si assegnano... lato GUI non ho idea se sia uguale a quello di Windows, io l'ho sempre gestito da terminale senza nemmeno installarla la GUI.



Si ma a che serve, sono anni e anni che nessuno aggiorna i vari level.dat ....

Se intendi quelle della "bluetack" sono circa 5 anni che non sono più aggiornate, anche perché non esiste più il gestore stesso, non sono però le uniche ad esistere.... esistono anche altri archivi di liste più aggiornate, tipo le squidblacklist, dipende sempre dalla tipologia di blacklist che si sta cercando e se si è disposti a pagare o meno.



pagare? No grazie. squidblacklist? certificata da chi?
A quel punto meglio pagare per una vpn, se uno proprio vuole pagare.
Roba inutile di 10 anni fa, appunto.

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: sabato 20 maggio 2017, 8:04
da xubuntunew
a sto punto guindi ufw, con eccezioni porte Transmission?
mi potete consigliare una lista di blocco efficace per questo programma, inseribile ho visto nelle impostazioni?

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: sabato 20 maggio 2017, 9:10
da Clover
telperion Immagine ha scritto:
Clover Immagine ha scritto:
telperion Immagine ha scritto:
Clover Immagine ha scritto:Il funzionamento è il medesimo, blocca le connessioni in arrivo/destinazione di specifici indirizzi IP presenti nelle liste che gli si assegnano... lato GUI non ho idea se sia uguale a quello di Windows, io l'ho sempre gestito da terminale senza nemmeno installarla la GUI.



Si ma a che serve, sono anni e anni che nessuno aggiorna i vari level.dat ....

Se intendi quelle della "bluetack" sono circa 5 anni che non sono più aggiornate, anche perché non esiste più il gestore stesso, non sono però le uniche ad esistere.... esistono anche altri archivi di liste più aggiornate, tipo le squidblacklist, dipende sempre dalla tipologia di blacklist che si sta cercando e se si è disposti a pagare o meno.



pagare? No grazie. squidblacklist? certificata da chi?
A quel punto meglio pagare per una vpn, se uno proprio vuole pagare.
Roba inutile di 10 anni fa, appunto.

Le blacklist non sono inutili, sono uno dei vari livelli di protezione e sono tutt'oggi usate in molti settori, ad esempio un security gateway potrebbe fare un controllo delle blacklist per lo spam e-mail, poi dipende da l'uso che si vuole farne.
Per quanto riguarda la certificazione è una questione di fiducia e questo dipende da persona a persona scegliere di chi fidarsi, quindi per certe tipologie puoi rivolgerti ad aziende riconosciute e certificate, per altre devi rivolgerti ad altri network tipo la rete onion oppure cambiare totalmente approccio usando come dici tu una VPN o altre tipologie di servizi... però anche qui si potrebbe discutere sull'affidabilità dei sevizi a cui dai le tue generalità.

Da come la vedo io, se l'obbiettivo è avere l'anonimato sui circuiti bitorrent (che mi pare ormai chiaro che è di questo che si sta parlando) non c'è un servizio che possa garantire il totale anonimato, questo per via di come funziona il protocollo in se; se si vuole un elevato livello di anonimato su reti p2p bisogna cambiare totalmente approccio, con tutte le conseguenze del caso.

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: sabato 20 maggio 2017, 9:59
da xubuntunew
ok, però "lista di protezione" di Transmission e PGL sono già molto meglio di niente, no?

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: sabato 20 maggio 2017, 10:24
da Clover
xubuntunew Immagine ha scritto:ok, però "lista di protezione" di Transmission e PGL sono già molto meglio di niente, no?

sicuramente, quando si parla di sicurezza informatica non si dice mai di rendere un sistema inattaccabile, ma di rendere la vita il più difficile possibile all'attaccante... quindi mettere una blacklist, configurare adeguatamente un firewall, metterci d'avanti una VPN, usare un proxy,... sono tutti servizi che fanno aumentare il livello di protezione (e anche la complessità), dipende poi dalle competenze, dal portafogli e dalla paranoia.

Re: Strumenti tipo Peer Guardian per Ubuntu

MessaggioInviato: sabato 20 maggio 2017, 12:56
da xubuntunew
certo,
però un firewall per una situazione del genere può andare bene
non stiamo parlando di server
Oppure no?