[Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Riconoscimento, installazione e configurazione delle periferiche.

[Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda nativis » sabato 13 giugno 2009, 11:12

SCHERMO NERO & Co.



Recuperare il desktop dopo un'errata installazione di driver, software, o un'errata configurazione di monitor o XOrg.




Introduzione



Quella che segue è semplicemente una raccolta di procedure già descritte nel forum di Ubuntu-it.org. Non garantisco che funzioneranno per tutti.
Alcune delle procedure qui descritte causeranno la perdita certa di pochi o molti dati di configurazione.
Lo scopo principale di questa guida non è di individuare il problema specifico che causa una "schermata nera" all'accesso (login), o dalla grafica confusa, o un desktop comunque inaccessibile, ma di ripristinare la Scrivania di Ubuntu affinchè sia utilizzabile. Provvederete poi a cercare soluzioni più efficaci utilizzando l'apposita documentazione o chiedendo aiuto nel forum.

Altre pagine utili:
Sezione schede video del wiki di Ubuntu-it.org Hardware/Video
Pagina schede video ATI /Hardware/Video/Ati
Risoluzione problemi schede ATI con driver proprietari FGLRX Catalyst Hardware/Video/Ati/Catalyst/RisoluzioneProblemi
Pagina schede video nvidia /Hardware/Video/Nvidia


Al momento della prima stesura la guida è stata basata sulle mie esperienze personali e su casi già riportati in questo forum, riguardanti Ubuntu 9.04 Jaunty Jackalope e i driver AMD/ATI. Per disinstallare driver diversi, modificate il nome dei pacchetti dei driver con quelli che avete installato (vedi Capitolo 1, paragrafi 4 e 5).
Alcuni paragrafi non sono stati ancora aggiornati a Ubuntu 10.04. Notizie aggiornate e altre pagine utili al post Risposta #5.
Ogni suggerimento per integrare questa guida sarà benvenuto.


Indice sintetico


Capitolo I. Introduzione agli strumenti utili. È indirizzato a coloro che si sono avvicinati ad Ubuntu da poco tempo e non ne conoscono i mezzi di ripristino. Le applicazioni pratiche vengono svolte ai capitoli II, III e IV.
  • Allegati. Ubuntu-comandi-utili.txt. Comandi, combinazioni di tasti, e programmi attinenti questa guida, l'hardware, e Ubuntu. Per vederlo occorre effettuare il login nel forum.
Capitolo II. Casi pratici. Descrizioni di possibili azioni che hanno preceduto il malfunzionamento. Ad ogni "caso" corrispondono una o più soluzioni. Cercate il caso che fa per voi.
Capitolo III. Casi particolari. Descrizioni dei possibili problemi riscontrati su un certo componente hardware o software. Ad ogni "caso" corrispondono una o più soluzioni. Cercate il caso che fa per voi.
Capitolo IV. Configurare risoluzione e refresh di un monitor con XRandR (Traduzione). In merito a questa procedura v. anche Capitolo III, paragrafo Caso particolare 4.


Capitolo I


GLI STRUMENTI DEL SISTEMA A NOSTRA DISPOSIZIONE


1. Accesso e comandi di Consolle, Recovery Mode, Terminale, e xterm.

Caratteristiche comuni.
  • Accettano comandi scritti da voi o copiati e incollati da altra fonte. Ogni comando dovrà essere confermato premendo il tasto ↵Invio. Dopo ogni conferma potranno essere mostrati eventuali messaggi di errore, di successo, informazioni sull'esecuzione, oppure nulla di tutto questo. Quando il software che ha eseguito il comando avrà terminato l'operazione, riapparirà il nome utente (in Consolle, Terminale e xterm) o il nome dell'amministratore del sistema (in Recovery mode).
    - Riga di comando dell'utente: nome-utente@nome-computer:~$
    - Riga di comando dell'amministratore: root@nome-computer:~#
    La riga di comando è ora pronta a ricevere una vostra nuova istruzione.
  • Necessitano che i comandi siano scritti rispettando maiuscole, minuscole e spazi. Se una lettera maiuscola venisse scambiata con una minuscola, o si ponesse uno spazio in più o in meno tra stringhe, lettere, percorsi alle cartelle, ecc., la risposta sarà che il file o il comando non esistono. Per esempio, se cercate di agire sui file contenuti nella cartella /etc/X11/ allora non potrete scrivere /etc/x11/.
  • Consentono di utilizzare programmi che non hanno interfaccia grafica, o la cui interfaccia non si vuole utilizzare, interagendo con comandi di testo (scritti da voi).
  • Possono utilizzare programmi con interfacce semplici, dove spesso è richiesta la sola navigazione tra le opzioni proposte e la selezione di una di esse.
    Ogni programma avrà le sue opzioni speciali. Per conoscerle digitare:
    man nome-programma.

    I tasti più comunemente usati da programmi simili:
        - Tasti freccia ←↑↓→ e ⇆Tab (il tasto con le due frecce) per spostarsi tra le opzioni;
        - Tasti ⇧Shift (maiuscolo) + PagSu↑/Giù↓ per scorrere output molto lunghi (Recovery Mode
           e Consolle).
        - Tasto ↵Invio per scegliere un'opzione e confermare la scelta;
        - Tasto Esc per uscire o per tornare alla schermata precedente;
        - Tasto "q" (Quit) per terminare.
  • Possono interagire con la rete. Fondamentale l'uso dei repositories con apt (vedi Caso pratico 2), e comodo visualizzare i siti WEB, col programma w3m.
    Alcuni comandi di w3m:
        - Per aprire una pagina WEB digitate w3m nome-sito-o-URL. Per visualizzare questa guida:

        - ⇧Shift (Maiuscolo)+u per inserire l'indirizzo di un sito (URL); ↵Invio per confermare. Poi
           Ctrl+u per cancellare l'inserimento, e ↵Invio per terminare;
        - ⇆Tab (tasto con le due frecce), o tasti freccia, o clic del mouse, per selezionare un
          collegamento (link) e ↵Invio per aprirlo;
        - ⇆Tab+⇧Shift (Maiuscolo): per scorrere le opzioni all'indietro;
        - ⇧Shift+b va alla pagina precedente;
        - Per inserire il testo in un form (per es. campo il ricerca di Google): spostarsi sul form
           (solitamente una linea rossa, o sopra un testo rosso) e premere ↵Invio. Scrivere il testo
           (apparirà in basso a sinistra). Premere ↵Invio per posizionare il testo nel form. Tasto
           ⇆Tab per selezionare il relativo link chiamato Invia, Conferma, o simili (solitamente
           accanto o sotto al form), e premere il tasto ↵Invio per confermare.
  • Possono eseguire operazioni di amministrazione. La Consolle, il Terminale e xterm richiedono che il comando sudo (SuperUser DO) sia anteposto ad ogni istruzione:
    sudo comando /eventuale/percorso/al/file/o/programma/nome-file

    Recovery Mode non necessita del comando sudo perché è subito abilitata all'amministrazione.
    È anche possibile modificare i diritti che ogni utente del sistema ha su un certo file.
  • Possono visualizzare file di testo, manuali, registri di sistema, installare e disinstallare programmi (da CD o via rete), utilizzare i programmi in modalità testo, in rete, modificare file di configurazione, copiare, rinominare, rimuovere o spostare file da una cartella all'altra o da una partizione all'altra, e le altre operazioni tipiche di un sistema operativo con desktop.


Caratteristiche specifiche.
Il terminale.
  • Richiede che il desktop sia funzionante;
  • Sono utilizzabili in numero pressochè illimitato;
  • Dispone di preferenze, profili utente e plugins (funzioni aggiuntive installabili).
Avvio del terminale.
Percorso da desktop Gnome: Applicazioni > Accessori > Terminale.
Suggerimenti.
Per aumentare la capacità di visualizzazione degli output: Terminale > Modifica > Preferenze del profilo > Scorrimento.

xterm.
  • Non richiede che il desktop sia funzionante;
  • funziona come un terminale;
  • Ha una sua sessione separata che richiede il comando exit ogni volta che si vuole chiuderla per ritornare al login, o riavviare il sistema.
- Avvio di xterm.
Selezionare l'utente desiderato alla schermata di login. Appare in basso la barra delle opzioni di sessione. Al rigo Sessioni selezionare xterm dal menu.
- Uscita e chiusura di una sessione xterm.
Ricordate che al termine di una sessione xterm dovrete digitare il comando exit. Se omesso ritroverete la sessione xterm anche al prossimo riavvio del sistema.

La Consolle.
  • Non necessita che il desktop funzioni;
  • È solitamente disponibile poco dopo il caricamento del sistema e prima della schermata di login (autenticazione dell'utente e accesso al desktop);
  • Richiede nome utente e password (Login);
  • Sono sei e sono utilizzabili contemporaneamente.
- Avvio della consolle:
1. Premere contemporaneamente i tasti Ctrl+Alt+F1.
2. Inserire nome utente, seguito da tasto ↵Invio, e password, seguita da tasto ↵Invio. La password rimarrà invisibile mentre la digitate.
3. Dopo aver premuto CTRL+ALT, i tasti da F1 ad F6, vi daranno accesso a sei distinte consolle
- Uscita e chiusura di una consolle:
Digitare exit e premete ↵Invio per uscire.
Premere contemporaneamente Ctrl+Alt+F7 per tornare alla Scrivania.

Recovery Mode
È uno dei più potenti centri di controllo di Ubuntu ed è utilissimo quando il sistema non avvia il desktop e otteniamo solo una schermata nera. Infatti nella maggioranza dei casi, anche quando il desktop non appare, il resto del sistema continua funzionare ed è utilizzabile. Quasi sempre i dati contenuti nelle varie partizioni sono ancora raggiungibili e manipolabili.
Recovery Mode presenta una riga di comando spartana, su uno sfondo nero. Quando vi accediamo come utente root (amministratore), abbiamo subito tutti i diritti di amministrazione e quindi non necessita del comando sudo. C'è di più: Recovery Mode può collegarsi ad Internet ed eseguire operazioni on-line come, ad esempio, scaricare ed installare programmi e aggiornamenti.

- Avvio di Recovery Mode:
1. Riavviare il sistema.
2. Usando i tasti freccia, selezionare all'avvio, nella lista dei sistemi da avviare, il kernel chiamato a fine rigo Recovery mode.
Nota. Se non comparisse il menu di Grub, che propone la lista dei sistemi da avviare, allora riavviate e tenete premuto il tasto Esc.
  • 3A. Modalità locale. Nel menu che appare, selezionate "root        drop to root shell prompt". Si avvierà la modalità senza connessione ad Internet.
  • 3B. Modalità rete. Nel menu che appare, selezionare "netroot        Drop to root shell with networkig". Si avvierà la modalità con connessione ad Internet, se è stata configurata (vedi Caso pratico 2, introduzione e metodo 1).
4. Appare il nome dell'utente root (amministratore). Significa che siete entrati nella modalità testo e che potete scrivere comandi di amministrazione.
5. Digitare i comandi necessari.
- Uscita e chiusura della sessione Recovery Mode.
6. Riavviare il sistema, scrivendo il comando:
Codice: Seleziona tutto
reboot


Fino ad Ubuntu 9.04, il menu di Recovery Mode propone anche l'opzione xfix. È lo strumento più semplice per tentare di risolvere subito i problemi più comuni di visualizzazione del desktop.

Nota
Se ricevete il messaggio "Give root password for maintenance (or type Control-D to continue):", e non riuscite ad effettuare l'accesso, consultate il paragrafo Caso particolare 6.


GLI STRUMENTI ESTERNI A NOSTRA DISPOSIZIONE


2. Live CD e Alternate CD.
Il CD Live è chiamato solitamente ubuntu-versione-desktop-32 o 64 bit, ed è distribuito come file .iso. Oltre a poter installare Ubuntu dispone di una sessione detta Live. Questa sessione può essere avviata senza installare nulla sul computer: risiederà nella memoria RAM e scomparirà al successivo riavvio.
Avviare una sessione Live da CD:
1. Assicuratevi che il CD ubuntu-numero-versione-desktop.iso sia stato correttamente scaricato, e masterizzato;
2. Assicurativi che il vostro lettore CD sia il primo nella lista dei dischi da avviare (boot da CD);
3. Inserite il CD e riavviate il sistema;
4. Nel menu del Live CD selezionare la lingua in cui volete visualizzare il menu (eventualmente premere F2), e poi Prova Ubuntu senza modificare il computer. Attendere il caricamento del sistema in modalità Live;
5. Una volta caricato il Desktop Live potrete aprire le partizioni, le cartelle e i file contenuti nell'hard disk del vostro computer. Per farlo come amministratori digitate nel terminale:
Codice: Seleziona tutto
sudo nautilus

All'interno di Nautilus potrete aprire, modificare, spostare, copiare e salvare le modifiche ai file.
Nota Bene. Questi interventi avranno effetti sul sistema intallato sul vostro computer solo se avrete aperto la partizione che lo contiene. Nautilus segnalerà un percorso simile a questo:
/media/disk/etc/X11/xorg.conf

Invece il percorso:
/media/etc/X11/xorg.conf

...si riferisce al file xorg.conf del Live CD stesso. Le modifiche ai file del Live CD hanno effetto solo fino alla fine della sessione Live. Non riguardano il sistema operativo installato sul computer.
Se avete appena installato Ubuntu 9.04, o 9.10, il file xorg.conf probabilmente non esisterà ancora (v. seguito).

Il CD Alternate non dispone di una sessione Live. Contiene però i pacchetti del sistema in un formato adatto, oltre che all'installazione, anche alla reinstallazione manuale. È dunque utilissimo per reinstallare pacchetti accidentalmente rimossi, danneggiati, o mal configurati (vedi Caso pratico 2, metodo 2).



COME E QUANDO È SUCCESSO?



3. Investigare e raccogliere informazioni sul problema.
Se prima dell'installazione di un certo software, o delle modifiche a un file di configurazione, il computer funzionava correttamente, ci sono ottime probabilità che abbiate già trovato la fonte del problema: un danno viene spesso causato dalle ultime azioni che abbiamo svolto (per cause diverse vedi paragrafo Caso pratico 7 e capitolo Casi particolari).
Ubuntu conserva i registri degli eventi svoltisi sul sistema, e sono chiamati log. Solitamente la forma del file è:
Codice: Seleziona tutto
nome-file.log

Il nome del file rimanda spesso al nome del programma che viene monitorato.
Visualizzare i log dal desktop in Ubuntu:
Sistema > Amministrazione Gestore pacchetti Synaptic > File > Cronologia.
Strumenti > Amministrazione > Visualizzatore di file di registro.
Visualizzare i log dal desktop in Kubuntu:
Kmenu > Sistema > Visore dei registri di sistema (KSystemLog).

Fra i file di registro più interessanti:
  • auth. Registro delle operazioni, anche automatiche, svolte con privilegi di amministrazione;
  • dmesg.log e dmsg.0. Registro dell'avvio del kernel;
  • dpkg.log. Registro dei software installati tramite repositories, Ubuntu software center, e apt;
  • Messages. Registro generico di più sessioni.
  • pm-powersave.log. Registro risparmio energetico.
  • pm-suspend.log. Registro ibernazione della sessione.
  • user.log. Registro dedicato all'utente senza diritti di amministrazione.
  • Xorg.0.log. Registro dell'avvio di X.Org.

I file si trovano per la maggior parte nella cartella /var/log/ ma non solo. È possibile visualizzarli anche in assenza del desktop, da Consolle e Recovery Mode.
Esempi:
Codice: Seleziona tutto
cat /var/log/pm-suspend.log
cat /var/log/dpkg.log
cat /var/log/Xorg.0.log
cat $HOME/.xsession-errors

Per filtrare gli output di questi comandi è possibile individuare ed usare una frase significativa, usando l'opzione |grep. Per esempio:
Codice: Seleziona tutto
cat /var/log/dpkg.log |grep 'status installed'
cat /var/log/dpkg.log |grep 'upgrade'

Le opzioni appena utilizzate corrispondono allo stato dei pacchetti che viene registrato nel file di log. Solitamente un processo di installazione corretto lascia come traccia i seguenti stati:
0. upgrade (opzionale). Compare se esisteva una versione del pacchetto che viene ora aggiornato.
1. status unpacked. Il pacchetto è stato estratto.
2. status half-configured. Il pacchetto è in fase di configurazione.
3. status installed. Il pacchetto è stato installato.
4. configure. Il pacchetto è stato configurato.

Anche il file Xor.0.log ha le sue convenzioni. Per esempio:
Codice: Seleziona tutto
cat /var/log/Xorg.0.log |grep EE
cat /var/log/Xorg.0.log |grep WW

...dove EE e WW sono i simboli usati nel file stesso per indicare errori (EE, errors) e avvertimenti (WW, warnings.)
Suggerimenti.
Nei vari output vengono segnalati gli errori occorsi utilizzando termini quali error, failed, unable, warning, error occurred, e simili. Molto probabilmente qualche altro utente prima di voi ha riscontrato, segnalato, e risolto lo stesso problema. Non sarà difficile trovare i suoi post o le sue guide, in questo stesso forum o sul WEB. Inserite l'errore segnalato nel log in un motore di ricerca. Alcuni consigli utili disponibili qui.
Per creare una copia del file di log nella cartella home, nel formato testo (.txt), digitare:
Codice: Seleziona tutto
cp /var/log/Xorg.0.log  mio-Xorg.0.log.txt

I file in formato .txt possono essere allegati ai post del forum cliccando su Opzioni aggiuntive.

Reperire il nome di un pacchetto .deb installato con GDebi - installatore pacchetto:
Codice: Seleziona tutto
cat /var/log/auth.log |grep gdebi

Codice: Seleziona tutto
cat /var/log/auth.log.1 |grep gdebi


Visualizzare i file di log più datati e archiviati automaticamente (file.gz):
Codice: Seleziona tutto
sudo gzip -cd /var/log/auth.log.2.gz

Codice: Seleziona tutto
sudo gzip -cd /var/log/auth.log.3.gz

Codice: Seleziona tutto
sudo gzip -cd /var/log/nome.numero-archiviazione.gz


Localizzare un file o una cartella qualunque:
Codice: Seleziona tutto
locate nome-file


Per salvare i messaggi della consolle (tty) si usa il comando:
Codice: Seleziona tutto
sudo screendump N > logterminale.txt

Quando si accede a una consolle viene mostrato al primo rigo il numero della consolle in uso: tty1, o tty2, o tty3, ecc. Sostituire ad "N" il numero della consolle e premere invio. Il file "logterminale.txt" verrà salvato nella cartella home. Ovviamente si può cambiare nome al file.txt.

NB. Il fatto che un certo file o un driver siano presenti sull' hard disk non vuol dire che siano correntemente utilizzati dal sistema.

Vedi anche l'allegato a questo post, ubuntu-comandi-utili.


Uno dei più importanti file di configurazione è xorg.conf. Contiene le impostazioni della scheda video e delle periferiche del computer. Questo file potrebbe anche non essere stato creato durante l'installazione. Le più recenti versioni di Ubuntu (da 8.10 in poi) cercano infatti di rilevare automaticamente i dati necessari. Il file xorg.conf potrà comunque essere generato e in seguito personalizzato da voi, con gli appositi comandi (v. Caso pratico 3 e Domande frequenti). Tra le periferiche configurate tramite xorg.conf ci sono il monitor, il mouse, le tavolette grafiche, ecc. Ognuno potrà inserire dati di configurazione personalizzati per periferiche dalle diverse caratteristiche. Questo aspetto è particolarmente importante nei casi in cui una periferica non venisse riconosciuta automaticamente (ad esempio il monitor).
I driver delle schede video possono modificare profondamente questo file, a volte sbagliando configurazione. Questi possibili errori possono portare facilmente a uno schermo nero, o comunque inaccessibile.  



4. Rimuovere un programma installato o comunque residente nel sistema.

Se credete che il problema sia dovuto a un certo software appena installato, la soluzione potrebbe essere rimuoverlo (per i driver vedi anche seguito).
Per individuarlo, anche quando non ricordate il nome del pacchetto che avete installato, utilizzate comandi e strumenti sopra descritti.

Per disinstallare un pacchetto digitare:
sudo apt-get remove nome-pacchetto

Questo comando avvia il programma Apt per la gestione dei pacchetti. Apt è un programma a riga di comando.
Rimarranno però installati i file di configurazione del programma rimosso. Possono essere rimossi:
sudo apt-get --purge remove nome-pacchetto

In questo esempio l'opzione "--purge" serve ad eliminare anche i file di configurazione creati dal software ed eventualmete modificati da voi. Se omessa quando reinstallerete il software saranno riutilizzati quegli stessi file, anche se mal configurati.
Solitamente i file di configurazione si trovano nelle sottocartelle nascoste della cartella /home/nome_utente, e nella cartella /etc/. La cartella /home può contenere i dati di più utenti. Per esempio i file di configurazione di MPlayer si trovano nella cartella:
/home/nome_utente/.mplayer

...il "." (punto) prima del nome della cartella indica che è una cartella nascosta. Per visualizzarla:
Home > nome utente > menu Visualizza > Mostra file nascosti. Stesso risultato con la combinazione di tasti Ctrl + h

Esempio. Per rimuovere il programma di configurazione dei driver ATI, Catalyst, e i relativi file di configurazione, il comando sarà:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get --purge remove fglrx-amdcccle

Per rimuovere interamente i driver proprietari ATI, FGLRX, vedi Caso pratico 1.

NB. Se alla fine delle vostre ricerche non siete certi del nome del software da disinstallare, preferite sempre chiedere aiuto nel forum. Il rischio è di rimuovere file indispensabili al funzionamento del sistema.

E' possibile che un pacchetto appena rimosso avesse delle "dipendenze", cioè altri pacchetti software installati per farlo funzionare correttamente. Questi altri pacchetti non serviranno più. Per rimuovere i pacchetti inutilizzati si usa il comando:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get autoremove


Per una ricerca più generica di file di configurazione inutilizzati, un comando utile è:
Codice: Seleziona tutto
sudo dpkg --purge `COLUMNS=300 dpkg -l "*" | egrep "^rc" | cut -d\  -f3`




5. Individuare il tipo di driver che è stato installato.
In ambiente Linux si possono trovare due generi di driver per far funzionare la medesima scheda video. Si distingue tra driver "proprietari" e driver "open source".

- I driver open source. Recentemente è stata introdotta in Ubuntu la possibilità di selezionare automaticamente i driver liberi ed utilizzarli da subito. Vengono selezionati automaticamente durante l'intallazione del sistema.
Nel caso delle schede video ATI, questi driver sono solitamente i Radeon, o i più recenti RadeonHD (in fase di sviluppo).
Stato dei driver open source sulle varie versioni di Ubuntu.

- I driver proprietari. Vengono solitamente realizzati dall'azienda produttrice della GPU (il componente principale della scheda video). Installare questi driver richiede che siate voi a svolgere determinate operazioni, di vostra iniziativa.
I driver proprietari ATI vengono installati solitamente seguendo quattro possibili strade:
1. Abilitazione. Il driver è stato installato da Sistema -> Amministrazione -> Driver Hardware;
2. Installazione manuale dai repositories, e inizializzazione con apposito comando: Avete eseguito il comando "sudo apt-get nome-dei-pacchetti";
3. Installazione manuale del file scaricato dal sito del produttore: Avete scaricato un file dal sito del produttore della GPU e lo avete installato avviando il suo installer (programma di installazione, un file solitamente chiamato nome-driver-versione.run) o seguendo una guida per l'installazione manuale;
4. Installazione tramite il programma EnvyNG, di Alberto Milone: Avete installato il programma EnvyNG che vi ha poi installato i driver automaticamente. EnvyNG può provvedere anche alla rimozione dei driver che ha installato. Si può lanciare da Recovery Mode col comando:
Codice: Seleziona tutto
envyng -t



Per sapere quali driver stia utilizzando il sistema digitate nel terminale, o Recovery mode, il comando:
Codice: Seleziona tutto
lshw -c display | grep driver

Per sapere se l'accellerazione 3D funziona correttamente:
Codice: Seleziona tutto
glxinfo | grep render

Se funziona otterrete una risposta simile a questa:
direct rendering: Yes
OpenGL renderer string: ATI Radeon HD 3850 AGP
   GL_NV_conditional_render, GL_NV_copy_depth_to_color,

...mentre una risposta simile a questa:
OpenGL renderer string: Software Rasterizer

...significa che il driver non funziona correttamente.

Potete anche controllare direttamente il file xorg.conf, se fosse già stato creato e configurato. Da Ubuntu 8.10 in poi un sistema appena installato probabilmente non mostrerà informazioni dettagliate. Se invece aveste riconfigurato il server grafico, vedrete il driver in uso nella sezione Device, digitando:
Codice: Seleziona tutto
cat /etc/X11/xorg.conf

...otterrete...
Section "Device"
Identifier "Configured Video Device"
Driver      "radeon"

... che potrà riportare ati, fglrx, r128, nvidia, nv, mga, e così via, secondo la scheda video installata.
Se risultasse che state utilizzando i driver VESA avrete solo funzioni 2D. Sono driver pressochè universali, utilizzati come standard condiviso dalle aziende produttrici di hardware, per consentire l'avviamento del sistema in assenza del driver specifico. Comodissimo utilizzarli quando altri driver sembrano non poter avviare il desktop e lo schermo rimane nero o confuso.
I driver open source, inclusi nel sistema, risulteranno giacenti sull'hard disk anche consultanto la lista del Gestore pacchetti Synaptic, dove saranno marcati con un segno di spunta verde. Per esempio il pacchetto dei driver nvidia open source, chiamati NV, è:
xserver-xorg-video-nv

...quello dei Radeon è:
xserver-xorg-video-radeon


Il fatto che molti driver diversi risiedano sul vostro disco rigido non vuol dire che siano tutti attivi. L'installazione del sistema ha scelto per voi quali abilitare e come configurarli. Se necessario potrete personalizzare manualmente la loro configurazione modificando il file xorg.conf, secondo le relative guide. Utile anche consultare il manuale preinstallato in Ubuntu. Per consultarli digitate:
Codice: Seleziona tutto
man nome-del-driver




6. State utilizzando i driver giusti?
Il driver deve supportare gli elementi hardware, software, e il vostro sistema.

- Per poter funzionare i driver devono supportare la vostra versione di Ubuntu (9.10, 9.04, 8.10, 8.04, ecc.)
I driver proprietari vengono distribuiti insieme alle note di rilascio, con un elenco dei sistema operativi supportati. In particolare i driver devono poter sfruttare la vostra versione del kernel e di XOrg.
I driver open source sono già presenti nel CD di installazione di Ubuntu. I loro aggiornamenti si troveranno fra agli altri updates del sistema. Percorso:
Sistema > Amministrazione > Gestore aggiornamenti.

- Anche l'hardware deve essere supportato, e deve poter essere riconosciuto. Fra gli elementi di particolare importanza, qui trattati, ci sono il monitor, con le sue caratteristiche tecniche (vedi manuale del produttore), e la scheda video. Non sono stati trattati problemi legati alla scheda madre e suo Bios, e al ripristino di Grub-legacy, utilizzato fino a Ubuntu 9.04, e Grub2, opzionale da Ubuntu 9.10.
I dati del monitor possono essere impostati anche manualmente, nel file xorg.conf (v. Caso particolare 4), come altrove (vedi Cap. IV.)
Le schede video necessitano invece dei driver perché hanno un funzionamento più complesso.
Bisogna tener presente che i driver proprietari hanno un ciclo di vita, cioè un termine entro il quale il loro sviluppo e l'aggiornamento verranno interrotti. Dopo qualche anno l'azienda produttrice può decidere di smettere di produrre driver aggiornati per una certa scheda. Da quel momento in poi i driver senza più sviluppo sono denominati solitamente legacy. Nuovi sistemi operativi potrebbero avere più problemi nell'utilizzo di queste schede (per es. rallentamenti e funzioni mancanti), o non funzionare affatto.

Per un esempio recente rimando a un elenco di schede video ATI. Non sono più supportate dai driver proprietari sui sistemi Linux che usano kernel e [url=http://[url=http://www.x.org/wiki/]XOrg[/url] usciti dopo febbraio 2009. In particolare non sono più supportati XOrg versione 1.6.0, come quello di Jaunty Jackalope, rilasciato nell'aprile 2009, e successivi.
Per queste schede, con Ubuntu 9.04 e successivi, si drovranno usare i driver open source. L'alternativa è utilizzare una versione di Ubuntu precedente a Jaunty Jackalope 9.04 (8.10 o 8.04 LTS) con i driver proprietari versione 9.3 o precedenti.
Notate la differenza nelle liste di schede e sistemi supportati dai successivi 9.4, che introducono il supporto a Jaunty, fino ai 9.10, che introducono il supporto a Karmic Koala.

Non è raro riscontrare che una versione dei driver più recente non si comporta meglio di una versione precedente. Fate i vostri test per individuare la versione che più vi soddisfa. I driver ATI sono numerati secondo la data di rilascio: 9.11 significa "rilasciati nel 2009, nel mese 11 (novembre). Il numero di versione viene mostrato durante l'installazione e nei file di log. I 9.11 sono la versione 8.67.x, i 9.12 la versione 8.68.x, ecc.. Recentemente più di un utente nVIDIA ha riportato di essersi trovato meglio con una versione del driver diversa da quella consigliata tramite sistema > Amministrazione > Driver hardware.

Per sapere quale versione di Ubuntu state utilizzando digitate il comando:
Codice: Seleziona tutto
lsb_release -a

Per conoscere la vostra versione di XOrg digitate il comando:
Codice: Seleziona tutto
Xorg -version


Altre informazioni e links utili sui driver per schede ATI, versioni e numero di rilascio, schede video, guide e videoguide varie a questo indirizzo


Per individuare la scheda video che state utilizzando, e verificare la compatibilità fra il suo chip (GPU), la versione driver (numerata dal produttore), e il sistema operativo, digitate il comando:
Codice: Seleziona tutto
lspci | grep -i vga

Otterrete un output simile a questo:
03:00.0 VGA compatible controller: ATI Technologies Inc RV670 AGP [Radeon HD 3850]

....dove gli elementi riportati sono:
  • Identificativo del Bus: 3:0:0. Questo numero, viene riportato alla voce BusID del file xorg.conf. Notate che l'output "03:00.0" sarà scritto nel file xorg.conf nella forma "3:0:0". Questo dato è solitamente riconosciuto automaticamente durante l'installazione del sistema operativo;
  • Compatibilità con lo standard VGA, pressochè universale;
  • Nome del produttore della GPU: ATI Technologies Inc (Incorporation);
  • Versione del chip: RV670;
  • Tipo di alloggiamento, o slot, nella scheda madre: AGP;
  • Nome della GPU: Radeon HD 3850.
Notate che non è stato restiuito il nome del produttore della scheda video. In questo esempio si trattava di una scheda video della Sapphire.

In base a questi dati, specialmente alla versione del chip, o il nome della GPU, si potrà verificare la compatibilità del driver, per scegliere quello più adatto al sistema operativo. Verificate consultando il sito del produttore e le note di rilascio.
Allegati
ubuntu-comandi-utili.txt
(7.55 KiB) Scaricato 158 volte
Ultima modifica di nativis il lunedì 28 febbraio 2011, 15:27, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

Re: [Guida] Schermo nero - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA - scheda video

Messaggioda nativis » domenica 14 giugno 2009, 3:21

Capitolo II


CASI PRATICI



Caso pratico 1



A. Avete installato i driver proprietari ATI e al riavvio del sistema ottenete schermo nero.

B. Avete effettuato un upgrade del sistema (per es. da Ubuntu 8.10 a 9.04), o del kernel, o di Xorg (pacchetti xserver), senza aver prima rimosso i driver proprietari ATI. Al riavvio del sistema ottenete schermo nero.

Soluzione: Rimozione dei driver ATI proprietari (detti FGLRX, Catalyst o anche restricted) e riconfigurazione automatica del file /etc/X11/xorg.conf
NB. Con Ubuntu 9.04, 9.10 e 10.04 la riconfigurazione di xorg.conf potrebbe non essere necessaria.


1. Riavviare il sistema.
2. Selezionare all'avvio, nella lista dei sistemi da avviare, il kernel chiamato a fine rigo Recovery Mode.
Nota. Se il menu di Grub, che propone la lista dei sistemi da avviare, non comparisse allora riavviate e tenete premuto il tasto Esc.
3. Nel menu che appare, selezionate "root         drop to root shell prompt".
4. Appaiono in basso il nome dell'utente root (amministratore) e due puntini. Significa che siete entrati nella modalità testo e che potete scrivere comandi di amministrazione.
5. Disinstallare i driver ATI FGLRX dando tutti i comandi che seguono. Se ad un certo comando sarà segnalato che "il file non esiste", verificate di aver scritto bene il comando (maiuscole, minuscole, e spazi). Se la risposta rimarrà la stessa, proseguite con i comandi. Al termine i driver saranno stati rimossi.

Se state utilizzando Kubuntu, con desktop KDE, sostituite "kdm" alla sigla "gdm".
Se state utilizzando Xubuntu, con desktop XFCE, la guida suggerisce di usare la sigla "xdm". Ho riscontrato personalmente che più probabilmente funzionerà anch'esso con "gdm".

Codice: Seleziona tutto
apt-get --purge remove fglrx-amdcccle
apt-get --purge remove fglrx-kernel-$(uname -r)
apt-get --purge remove fglrx-kernel-source
apt-get --purge remove xorg-driver-fglrx-dev
apt-get --purge remove xorg-driver-fglrx
apt-get --purge remove xserver-xgl
rm /usr/src/fglrx-kernel*.deb
rm /usr/src/fglrx.tar.bz2
rm -R /usr/src/modules
cd /usr/share/ati
sh fglrx-uninstall.sh
ln -s /usr/lib/libGL.so.1.2 /usr/lib/libGL.so.1


I comandi appena elencati, tratti dalla guida all'installazione dei driver ATI proprietari scritta da FregTuX, rimuoveranno i driver FGLRX, qualunque sia stato il metodo con cui li avete installati, automatico o manuale.

6. Riconfigurare XOrg affinché utilizzi altri driver, selezionati automaticamente:

  • Ubuntu 8.04 Hardy Heron e precedenti.
Codice: Seleziona tutto
dpkg-reconfigure -phigh xserver-xorg

L'opzione "-phigh" evita evita che vengano poste all'utente molte domande. Può essere rimossa.

  • Ubuntu 8.10 Intrepid Ibex e 9.04 Jaunty Jackalope.
Codice: Seleziona tutto
/etc/init.d/gdm stop
X -configure
mv xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf


  • Ubuntu 9.10 Karmic Koala.
Codice: Seleziona tutto
stop gdm
X -configure
mv /root/xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf


  • Ubuntu 10.04 Lucid Lynx.
Codice: Seleziona tutto
gdm stop
X -configure
mv /root/xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf


Potrebbe anche essere necessario selezionare il tipo di driver. Se non sapete quali utilizzare, selezionate, o scrivete manualmente in xorg.conf, i driver VESA, pressochè universali. Dopo aver consultato la documentazione o chiesto aiuto su questo forum, sarà possibile modificare la scelta. Per farlo senza dover accedere al desktop v. punto 8.

7. Riavviate il sistema
Codice: Seleziona tutto
reboot


8. Se la riconfigurazione di XOrg non desse ancora modo di accedere al desktop, è possibile che serva specificare, manualmente, che si vogliono usare i driver VESA.
- Riavviare il sistema in Recovery mode (punti 1,2,3 e 4).
- Editare manualmente il file xorg.conf, avviando un editor di testo come Nano o Vim. Per aprire il file con Nano digitare il seguente comando:
Codice: Seleziona tutto
nano /etc/X11/xorg.conf

Spostarsi col cursore, tramite i tasti direzione, nella sezione "Device". Aggiungere, o modificare come segue, la stringa Driver:
Codice: Seleziona tutto
   Driver      "vesa"


Ordinare a Nano il salvataggio del file xorg.conf, premendo Ctrl+o. Confermare il salvataggio, senza modificare il nome e il percorso del file, premendo Invio. Chiudere il programma Nano premendo Ctrl+x.
9. Riavviare il sistema
Codice: Seleziona tutto
reboot


Il desktop dovrebbe poi funzionare.
Cercate poi ulteriori informazioni sul corretto driver da installare e sul metodo di installazione più adeguato. Il forum e la documentazione di Ubuntu-it forniscono solitamente tutto quello che vi servirà. Vedi anche Casi particolari.



Caso pratico 2



Nel tentativo di configurare un driver malfunzionante sono stati modificati molti file riguardanti XOrg ed altri programmi (ad esempio Compiz). Si desidera tornare alla configurazione di partenza (default).

Metodo 1: Reinstallare xserver e Compiz tramite una connessione a Internet funzionante.

Questa procedura può essere eseguita da Terminale, Consolle e Recovery mode.

ATTENZIONE.
Questo metodo disinstalla il desktop e poi lo reinstalla scaricandolo da Internet. Il resto del sistema rimarrà al suo posto. Se durante questa procedura la connessione venisse a mancare, sarebbe impossibile scaricare il nuovo desktop. In tal caso rimarrebbe Ubuntu nella sola modalità di testo. Se avete una connessione instabile, è consigliabile evitare questo rischio. Andate al Metodo 2.

Ubuntu 9.10 richiederà un maggior numero di dipendenze all'atto della reinstallazione, come i driver di default e i pacchetti input (mouse, tavolette grafiche ecc.). La procedura è in fase di verifica ma attualmente tutti i pacchetti sembrano reinstallarsi correttamente. Prendete nota del nome dei pacchetti che verranno rimossi automaticamente, a causa delle dipendenze, per poterli poi reinstallare. Se avete dubbi verificate i file di log (vedi Cap. 1, paragrafo 3.)

Se utilizzate altri desktop sostituite il pacchetto nome-desktop: kubuntu-desktop per Kubuntu e xubuntu-desktop per Xubuntu.

È necessario avere una connessione attiva o che comunque si possa attivare tramite la riga di comando.
Un programma utile per abilitare la connessione tramite riga di comando è pppoeconf (vedi anche altre soluzioni). Il riconoscimento del modem potrebbe essere semplificato utilizzando una connessione al modem con cavo ethernet.

Per verificare che la connessione sia attiva:
1. Riavviate il sistema e selezionate il kernel chiamato a fine rigo in Recovery Mode. Nel menu che apparirà, selezionate "netroot Drop to root shell with networkig".
2. Date i comandi:
Codice: Seleziona tutto
ping www.ubuntu-it.org -c4

La risposta al comando dovrà essere:
4 packets transmitted, 4 received, 0% packet loss, time 3002ms

È la conferma che la connessione è stata stabilita.
3. Inoltre il comando:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get update

...che non dovrà restituire segnalazione di errori vicino gli indirizzi internet che elabora (err o ign).  

Ricordate che nel primo esempio si sta disistallando anche Compiz (Effetti Visivi) e tutti i file di configurazione. Per evitarlo basta non scrivere "compiz" e "compiz-core".

Ubuntu 8.04-9.04
sudo apt-get update
sudo apt-get remove --purge xserver-xorg xserver-xorg-core compiz compiz-core
sudo apt-get install xserver-xorg xserver-xorg-core xserver-xorg-video-vesa ubuntu-desktop compiz compiz-core
Ubuntu 8.04 e precedenti
sudo dpkg-reconfigure xserver-xorg #(selezionare i driver vesa)
Ubuntu 8.10 e 9.04
sudo /etc/init.d/gdm stop
sudo X -configure
sudo mv xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf

sudo shutdown -r now

Ubuntu 9.10
sudo apt-get update
sudo apt-get --purge remove xserver-xorg xserver-xorg-core compiz compiz-core
sudo apt-get install --install-recommends xserver-xorg xserver-xorg-core ubuntu-desktop compiz compiz-core
  • Da Terminale o Consolle:
    sudo stop gdm
    sudo X -configure
    sudo cp $HOME/xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf
  • Da Recovery Mode:
    X -configure
    mv /root/xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf

sudo reboot


Se necessario, sarà prudente selezionare i driver VESA, pressochè universali. Sarà poi possibile utilizzare driver diversi. Per farlo manualmente vedi Caso pratico 4.



Metodo 2: Reinstallare xserver e Compiz tramite il CD Alternate della vostra versione di Ubuntu. Per es. 9.04 o 9.10, (alternate install CD). Testato su Ubuntu 9.04.

Questa procedura non richiede connessione a Internet. Bisognerà munirsi del "CD alternate" della stessa versione di Ubuntu che si sta usando (non il CD Desktop, detto anche CD Live). Aggiungetelo alle sorgenti software. Sarà trattato al pari di un repository, e la ricerca del software verrà effettuata anche sul CD inserito nel lettore.

In alternativa, per aggiungere altri CD, è possibile seguire la guida ufficiale. Non ho testato personalmente questa seconda procedura.

Il primo procedimento si può attuare in due modi: Metodo grafico e Metodo manuale.

A. Metodo grafico: dalla scrivania di Ubuntu, se disponibile.

1. Inserire il CD alternate di Ubuntu. Chiudere le finestre con eventuali messaggi del sistema.
2. Aprire sistema -> Amministrazione -> Gestore pacchetti synaptic.
3. Aprire il menu "Modifica" e selezionare "Aggiungi CD-ROM".
4. Verificare che un secondo CD (oltre a quello della prima installazione, che probabilmente sarà Desktop Edition, cioè il CD Live) sia stato aggiunto in:
Sistema > Amministrazione > Sorgenti software > tabella "Software per Ubuntu".
4. Da terminale, installare i pacchetti rimossi usando i comandi già citati.


B. Metodo manuale: Recovery Mode.

1. Avviare il coputer.
2. Selezionare all'avvio, nella lista dei sistemi da avviare, il kernel chiamato a fine rigo Recovery Mode.
Nota. Se il menu di Grub, che propone la lista dei sistemi da avviare, non comparisse allora riavviate e tenete premuto il tasto Esc.
3. Nel menu che appare, spostarsi con le frecce su "root   drop to root shell prompt". Appare la riga di comando, in modalità amministrazione.
4. Rimuovere i pacchetti dei driver installati come già descritto.
5. Inserire il CD alternate nel lettore e chiudere le finestre di avviso date dal sistema.
6. Aggiungere il CD alla lista dei repositories (nel file sources.list) e poi installare i pacchetti con i comandi a seguire.

Nota. I comandi per cambiare momentaneamente il file con la "source list" (mv...), in teoria non dovrebbero essere necessari. Un utente non è però riuscito ad abilitare il CD alternate normalmente, quindi si citeranno anche quei comandi, per sicurezza. Alla fine del processo sarà riabilitata la vecchia source list, che non contiene il CD Alternate. Sarà possibile aggiungerlo in seguito, anche col metodo grafico.


Codice: Seleziona tutto
mv /etc/apt/sources.list /etc/apt/sources.list.network
apt-cdrom add
aptitude update
aptitude install ubuntu-desktop xserver-xorg xserver-xorg-core compiz
mv /etc/apt/sources.list /etc/apt/sources.list.cd
mv /etc/apt/sources.list.network /etc/apt/sources.list



7. Riavviare il sistema.
Codice: Seleziona tutto
reboot




Caso pratico 3



A. Dopo aver installato Ubuntu il file xorg.conf non è stato creato.

B. Avete apportato modifiche al file xorg.conf ma i risultati non vi soddisfano. Lo schermo e il desktop sono ancora utilizzabili ma volete ritornare alla configurazione di default.

C. Dopo aver installato Ubuntu, o effettuato un upgrade del sistema, o aver applicato aggiornamenti (probabilmente al kernel o Xorg), i driver video open source sembrano presentare qualche inconveniente (v. anche casi pratici).

D. State usando driver open source ma qualcosa non va con monitor o funzioni della scheda. Volete provare una procedura automatica di riconfigurazione.

Soluzione. Riconfigurazione automatica di XOrg.

Se state utilizzando Ubuntu, con desktop Gnome, usate la sigla "gdm".
Se state utilizzando Kubuntu, con desktop KDE, sostituite "kdm" alla sigla "gdm".
Se state utilizzando Xubuntu, con desktop XFCE, la guida suggerisce di usare la sigla "xdm". Ho riscontrato personalmente che più probabilmente funzionerà anch'esso con "gdm".
La procedura può essere eseguita tramite Teminale e Consolle (metodo 1), o da Recovery Mode (metodo 2).

Metodo 1. Da terminale.
Aprire una finestra del terminale e digitare:

  • Ubuntu 8.04 Hardy Heron e precedenti.
Codice: Seleziona tutto
sudo dpkg-reconfigure -phigh xserver-xorg

Riavviate il sistema:
Codice: Seleziona tutto
sudo reboot


  • Ubuntu 8.10 Intrepid Ibex e 9.04 Jaunty Jackalope.
Codice: Seleziona tutto
sudo /etc/init.d/gdm stop

Effettuate il login da consolle digitando nome utente e password.
Digitate:
Codice: Seleziona tutto
sudo X -configure
sudo mv xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf
sudo reboot


  • Ubuntu 9.10 Karmic Koala.
Codice: Seleziona tutto
sudo stop gdm

Effettuate il login da consolle digitando nome utente e password.
Digitate:
Codice: Seleziona tutto
sudo X -configure
sudo cp $HOME/xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf
sudo reboot



Metodo 2. Da recovery mode.
1. Riavviare il sistema.
2. Usando i tasti freccia, selezionare all'avvio, nella lista dei sistemi da avviare, il kernel chiamato a fine rigo Recovery mode.
Nota. Se il menu di Grub, che propone la lista dei sistemi da avviare, non comparisse allora riavviate e tenete premuto il tasto Esc.

3. Nel menu che appare, selezionate "root        drop to root shell prompt". Si avvierà la modalità senza connessione ad Internet.
4. Appare in basso il nome dell'utente root (amministratore). Significa che siete entrati nella modalità testo e che potete scrivere comandi di amministrazione.
5. Secondo la versione di Ubuntu che avete digitate i comandi che seguono.

  • Ubuntu 8.04 Hardy Heron.
Codice: Seleziona tutto
dpkg-reconfigure -phigh xserver-xorg


  • Ubuntu 8.10 Intrepid Ibex e 9.04 Jaunty Jackalope.
Codice: Seleziona tutto
/etc/init.d/gdm stop
X -configure
mv xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf


  • Ubuntu 9.10 Karmic Koala.
Codice: Seleziona tutto
stop gdm
X -configure
mv /root/xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf


6. Riavviare il sistema:
Codice: Seleziona tutto
reboot


Nota Per apportare modifiche manuali a xorg.conf, senza utilizzare il desktop, vedi Caso pratico 4


Caso pratico 4



A. Avete apportato modifiche manuali al file xorg.conf ed ora il desktop non si avvia.

B. Dovete apportare modifiche ad un file di configurazione senza utilizzare il desktop.

Soluzione. Cancellare le modifiche apportate a xorg.conf utilizzando il programma Nano. Un altro editor con simili caratteristiche è Vim.

1. Riavviare il sistema.
2. Selezionare all'avvio, nella lista dei sistemi da avviare, il kernel chiamato a fine rigo Recovery Mode.
Nota. Se il menu di Grub, che propone la lista dei sistemi da avviare, non comparisse allora riavviate e tenete premuto il tasto Esc.
3. Nel menu che appare, selezionate "root drop to root shell prompt".
4. Appaiono in basso il nome dell'utente root e due puntini. Significa che siete entrati nella modalità testo e che potete scrivere comandi di amministrazione.
5. Avviare l'editor di testo Nano per modificare xorg.conf:
Codice: Seleziona tutto
nano /etc/X11/xorg.conf

In basso vedrete una lista di comandi utilizzabili in Nano. il carattere "^" indica che bisognerà premere contemporaneamente il tasto Ctrl e il tasto indicato.
6. Usando i tasti di direzione "freccia", spostare il cursore davanti alla stringa da modificare o cancellare.
7. Apportare tutte le modifiche necessarie. Tenete ben presente in xorg.conf bisogna rispettare i caratteri maiuscoli e minuscoli e gli spazi.
Ad esempio una delle modifiche usate più spesso è la scelta dei driver VESA, pressochè universali:
Section "Device"
  Identifier   "Configured Video Device"
  Driver      "vesa"
EndSection

8. Salvare le modifiche apportate premento Ctrl+o. Premere il tasto Invio per confermare il salvataggio del file, senza modificarne il nome o il percorso.
9. Chiudere Nano: Ctrl+x
10. riavviare il sistema. Comando:
Codice: Seleziona tutto
reboot

E' possibile che le modifiche appena apportate non siano corrette o che un errore di battitura comprometta l'usabilità del file xorg.conf. In questi casi, ripetere la procedura fino a trovare l'errore.
Ultima modifica di nativis il giovedì 6 maggio 2010, 12:55, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda nativis » mercoledì 9 settembre 2009, 3:05

Caso pratico 5



A. Avete apportato modifiche al file xorg.conf ed ora lo schermo non è più utilizzabile tramite il desktop, o si verificano comportamenti inaspettati. Volete ripristinare una versione precedente di xorg.conf.

B. Dopo aver cambiato driver il desktop non si avvia.

C. Appena installato Ubuntu sembra che i driver scelti automaticamente non funzionino.


Soluzione 1. Ripristinare un file di backup di xorg.conf o utilizzare xorg.conf.failsafe.

La procedura prevede che abbiate già salvato una copia di sicurezza di xorg.conf. Se non l'aveste fatta, è possibile che un programma di installazione dei driver lo abbia fatto per voi automaticamente.
Nota.
Fino ad Ubuntu 9.04 Jaunty Jackalope è subito disponibile il file chiamato:
xorg.conf.failsafe

...configurato per avviare il sistema con i driver VESA, pressochè universali. Garantiscono il funzionamento delle applicazioni 2D più semplici.
Se avete appena installato Ubuntu 9.10 Karmic Koala, sarà utile scaricare gli aggiornamenti. Il file verrà creato automaticamente (vedi Caso pratico 2). La forma dello xorg.conf.failsafe sarà identico a quello di Ubuntu 9.04 (vedi seguito)

Se per qualche motivo volete salvare una copia del file malfunzionante, createne un backup con questo comando:
Codice: Seleziona tutto
sudo cp /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf.malfunzionante


Nota.
L'opzione "-i" permetterà di evitare la sovrascrittura automatica di un aventuale file avente lo stesso nome. Se presente, verrà chiesto se sovrascriverlo (tasto s) oppure no (tasto n). Si usa in quesa forma:
Codice: Seleziona tutto
sudo cp -i /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf.malfunzionante


1. Se lo schermo non è disponibile, avviare il sistema in Recovery Mode (v. Caso pratico 1, punti 1, 2, 3 e 4).
2. Copiare il file di backup di xorg.conf "sopra" quello da sostituire. Il file di backup sovrascriverà quello malfunzionante, cancellandolo. Comando:
Codice: Seleziona tutto
sudo cp /etc/X11/xorg.conf.backup.funzionante /etc/X11/xorg.conf

Se volete invece utilizzare i driver VESA, pressochè universali:
Codice: Seleziona tutto
sudo cp /etc/X11/xorg.conf.failsafe /etc/X11/xorg.conf


Nota.
Se non sapete il nome di eventuali backup salvati automaticamente, o da voi stessi, potrete ottenerne la lista digitanto:
Codice: Seleziona tutto
ls /etc/X11 |grep conf

Se volete visualizzare l'intero contenuto della cartella /etc/X11/ digitate:
Codice: Seleziona tutto
ls /etc/X11/


Per leggere il contenuto di uno di questi file di backup, digitare:
Codice: Seleziona tutto
cat /etc/X11/xorg.conf.backup.da.visualizzare


Le versioni successive ad Ubuntu 8.04, appena installato, solitamente presentano il file xorg.conf in questa forma (se è fosse stato creato):
Section "Device"
Identifier "Configured Video Device"
EndSection

Section "Monitor"
Identifier "Configured Monitor"
EndSection

Section "Screen"
Identifier "Default Screen"
Monitor "Configured Monitor"
Device "Configured Video Device"
EndSection


Questa è probabilmente la forma del primo backup disponibile. A differenza di versioni di Ubuntu più datate, Ubuntu 9.04 non mostra voci esplicite sulle configurazioni delle periferiche. Il sistema HAL ha però riconosciuto e configurato automaticamente tutto ciò che serve, o che è stato in grado di riconoscere. Il fatto che xorg.conf si presenti in modo diverso dal passato non esclude che possa essere poi configurato manualmente, come si è fatto in precedenza.
Il file xorg.conf.failsafe è simile a quello appena visto. Specifica però il nome vesa con l'opzione Driver:
Section "Device"
Identifier "Configured Video Device"
Driver "vesa"
EndSection

[...]


3. Alla fine del ripristino, riavviare il sistema:
Codice: Seleziona tutto
reboot




Soluzione 2. Usate la configurazione automatica di XOrg per reinizializzare i driver ed ottenere un nuovo file xorg.conf.

Utilizzate il paragrafo Caso pratico 1. Sostituite, al punto 5, i comandi adatti a rimuovere eventuali altri driver proprietari installati da voi.


Caso pratico 6



Il file xorg.conf non era stato creato automaticamente durante l'installazione. Ne avete generato uno manualmente ma ottenete comportamenti inaspettati. Volete rimuoverlo per tornare alla situazione di partenza: avvio senza xorg.conf

Soluzione. Rinominarlo diversamente in modo che non venga caricato all'avvio.
Da terminale, consolle, o Recovery Mode:
Codice: Seleziona tutto
sudo mv /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf.malfunzionante

Il file verrà rinominato e rimarrà a disposizione nella stessa cartella /etc/X11/
Riavviare il sistema:
Codice: Seleziona tutto
sudo reboot



Caso pratico 7



Avete appena installato Ubuntu da CD o DVD ma, dopo il caricamento del sistema, lo schermo è nero o confuso

Soluzioni generiche (vedi anche Casi particolari).
A Consultate le guide ai problemi più comuni presenti sul wiki.
Per esempio:
http://wiki.ubuntu-it.org/AmministrazioneSistema
...paragrafo Configurazione, con particolare attenzione al paragrafo Parametri di avvio.


B. È possibile che fra la data di rilascio del CD/DVD di Ubuntu e il giorno della vostra installazione, siano stati rilasciati gli aggiornamenti che risolvano subito il problema. Scaricare ed installare gli aggiornamenti via Internet.
Per scaricare gli aggiornamenti già presenti sui repositories Ubuntu utilizzando Recovery Mode, è necessario avere una connessione alla rete attiva, o che si possa attivare tramite la riga di comando.
Un programma utile per abilitare la connessione tramite riga di comando è pppoeconf (vedi anche altre soluzioni). Il riconoscimento del modem potrebbe essere semplificato utilizzando un cavo ethernet.

1. Riavviare il sistema.
2. Selezionare all'avvio, nella lista dei sistemi da avviare, il kernel chiamato a fine rigo Recovery Mode.
Nota. Se il menu di Grub, che propone la lista dei sistemi da avviare, non comparisse allora riavviate e tenete premuto il tasto Esc.
3. Nel menu che appare, selezionate "netroot       Drop to root shell with networkig".
4. Appare in basso il nome dell'utente root e due puntini. Significa che siete entrati nella modalità testo e che potete scrivere comandi di amministrazione.
5. Verificare che la connessione sia attiva, date il comando:
Codice: Seleziona tutto
ping www.ubuntu-it.org -c4

La risposta al comando dovrà essere:
4 packets transmitted, 4 received, 0% packet loss, time 3002ms

Inoltre il comando:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get update

Non dovrà restituire segnalazione di errori vicino agli indirizzi che restituisce (err o Ing).  
6. Aggiornare la lista dei repositories di Ubuntu:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get update

7. Scaricare ed installare gli aggiornamenti:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get upgrade

9. Riavviare il sistema e verificare se il problema è stato risolto:
Codice: Seleziona tutto
reboot



C. Se il problema non fosse ancora stato risolto, è possibile che occorra configurare Xorg perché utilizzi gli aggiornamenti appena scaricati (v. Caso pratico 3).

D. Se ancora lo schermo fosse nero o confuso, tentare un avvio tramite i driver VESA (v. Caso pratico 5 e il paragrafo Come si riconfigura il server grafico?).

E. Potrebbe rendersi necessario l'utilizzo di un cavo di tipo VGA.

F. Verificate quale modulo blocca il caricamento di Ubuntu.
Per far questo dovrete disabilitare la schermata della barra di caricamento, in modo da poter vedere scorrerre il testo con la lista dei moduli che vengono man mano caricati. Dovrete intervenire sul programma Grub, il quale gestisce le opzioni di caricamento.
Nota
Fino ad Ubuntu 9.04 viene installato Grub, oggi detto Grub legacy.
Da Ubuntu 9.10 può essere opzionalmente utilizzato Grub2.

1. Riavviate il sistema.
2. Attendere che appaia il menu di Grub con la lista dei sistemi operativi disponibili. Se non apparisse tenete premuto il tasto Esc.
3. Portatevi sul rigo del kernel che intendete avviare. Premete il tasto "e" per effettuare modifiche (Edit).
4. Usando i tasti freccia portatevi col cursore davanti alle parole "quiet splash" e cancellatele (in Grub2 questa modifica è solo temporanea). Non cancellate niente altro. Se temete di aver commesso errori premete il tasto Esc per tornare al menu precedente.
5. Se avete editato correttamente il menu potete avviare il boot del sistema:
  • Su Ubuntu 9.04 e precedenti, con Grub-legacy, premete il tasto "b" (Boot)
  • Su Ubuntu 9.10, qualora abbiate scelto Grub2, premete Ctrl+X
6. Attendete il momento in cui il caricamento si blocca e annotate i codici e nomi degli ultimi moduli su cui il caricamento stava lavorando. Utilizzando vari strumenti di ricerca, o chiedendo aiuto nel forum, dovreste poter risalire alla funzione di quei moduli e al motivo del blocco dell'avvio del sistema.

Cercate quindi informazioni su come risolvere il problema.
Se il sistema è stato appena installato qui troverete la sezione adatta a segnalare il vostro problema.
Possibili bug del sistema, o dei suoi driver, vengono segnalati e risolti su launchpad.net. Gli aggiornamenti verranno poi segnalati automaticamente dal sistema (Gestore aggiornamenti), o pubblicati in rete per poter essere scaricati. Il link verrà segnalato nella stessa discussione sul bug.
Utilissimo cercare notizie tramite il motore di ricerca interno a ubuntu-it.org, o esterni come ad esempio Google. Troverete dei consigli utili qui.

G. È anche possibile tentare una reinstallazione completa del server X (v. Caso pratico 2)

H. Un'ulteriore possibilità è quella di cambiare il desktop predefinito fornitovi col CD/DVD di installazione.
Ad esempio, è possibile rimuovere il desktop Gnome, fornito con Ubuntu (vedi Caso pratico 2):
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get --purge remove ubuntu-desktop

...e sostituirlo con KDE, il desktop di Kubuntu:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get install kubuntu-desktop

...oppure con Xfce, il desktop di Xubuntu:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get install xubuntu-desktop



I. Potrebbe trattarsi di un mancato riconoscimento del monitor. Per un esempio relativo alle schede video MATROX e ATI vedi Caso particolare 4 e Cap. IV. Consultate poi il paragrafo Caso pratico 4 per sapere come apportare le modifiche senza usare il desktop. Un'ulteriore possibilità è preparare ed inserire il file xorg.conf tramite il Live CD (vedi Capitolo 1). Le schede video nVIDIA, o di altre marche, utilizzano una configurazione delle opzioni in parte diversa. Consultate il forum.

Altre pagine utili:
Sezione schede video del wiki di ubuntu-it.org.
/Hardware/Video




Capitolo III


CASI PARTICOLARI



Caso particolare 1


Avete appena installato Ubuntu su un notebook ThinkPad e lo schermo appare diviso in strisce

Soluzione. Rigenerare la configurazione del monitor automaticamente. Testata su notebook ThinkPad A22P. Da fonti sul WEB, risulta valida anche per altri modelli.

In questo caso il programma XRandR, già incluso nel sistema, può avviare una serie di tentativi per trovare la giusta configurazione. Premere contemporaneamente i tasti "Fn" e "F7" (Fn+F7) per avviare questo processo.


Caso particolare 2


Avete appena installato Ubuntu su un notebook ThinkPad X21 2662 e la risoluzione massima è 800x600

Soluzione. Alcuni X21, come il 2662-P2G, sono dotati di schermo SVGA la cui risoluzione massima è proprio 800x600.


Caso particolare 3


Lo schermo si blocca del tutto senza preavviso, ad intervalli irregolari. Lo schermo rimane immobile (freeze)

Soluzione possibile. Un elemento hardware, o un suo driver, causa un blocco del sistema. Questo caso particolare prende spunto da un vecchio problema verificatosi con le schede WI-FI con chipset RTL-8185.

Verificate che il vostro hardware non sia stato segnalato come incompatibile con la vostra versione di Ubuntu, o suoi componenti, o che la versione dei driver in uso non abbia difetti (bug).  
Per conoscere l'hardware collegato alla vostra scheda madre digitate i comandi:
Codice: Seleziona tutto
sudo lshw
lspci

Un ottimo programma con interfaccia per visualizzare dettagliatamente le caratteristiche del sistema operativo, moduli e driver caricati, periferiche PCI, USB, Log di sistema, ecc., è hardinfo. Si può scaricare dai repositories di Ubuntu.
Ai seguenti indirizzi troverete eventuali segnalazioni di bug:
https://bugs.launchpad.net/ubuntu
https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+source/linux/
Utile usare Google con chiavi di ricerca del tipo Jaunty + nome componente hardware o sigla chipset. Consigli utili per le ricerche sul WEB.



Caso particolare 4


A. Dopo aver installato i driver proprietari per schede video Matrox, o ATI, lo schermo resta nero.

B. Dopo aver installato i driver proprietari per schede video Matrox, o ATI, lo schermo non viene riconosciuto o non è possibile regolarne risoluzione e aggiornamento (Refresh).

Soluzione 1. Impostare la soluzione desiderata utilizzando:
Sistema > Preferenze > Schermo.

Soluzione 2. Alcuni monitor potrebbero non essere riconosciuti dai driver. Configurare manualmente i dati del monitor in xorg.conf. Questo caso pratico prende come spunto la scheda Matrox G400 e i driver proprietari Matrox per schede della serie G e da altre discussioni presenti sul forum.

1. Consultate il manuale del vostro monitor, reperibile anche sul sito del produttore, e annotate i valori di HorizSync (Sincronia orizzontale) e VertRefresh (Aggiornamento verticale).
2. Consultate la tabella delle risoluzioni supportate e degli Hz consigliati per ogni risoluzione. Verificate che la risoluzione desiderata sia supportata. Ad esempio la risoluzione 1024x768 potrebbe essere supportata "solo" a 60 Hz.
3. Inserire quindi i dati in xorg.conf. Se il file non esiste, consultate il paragrafo Caso pratico 3.

- Se siete riusciti a riottenere il desktop, digitate:
Codice: Seleziona tutto
sudo gedit /etc/X11/xorg.conf

Gedit è un semplice editor di testo fornito col desktop Gnome. Per KDE, o Xubuntu, utilizzate l'editor di testo fornito dalla distribuzione.
- Se invece lo schermo fosse ancora inutilizzabile, potrete editare il file xorg.conf da Recovery mode, con editors di testo come Nano e Vim (vedi il paragrafo caso pratico 4).

A titolo di esempio, riporto una configurazione. I valori non vanno copiati perché ogni monitor ha i propri. Inserire valori a caso può danneggiare il monitor. I segni "[...]" non vanno riportati. Le stringhe interessate sono solo quelle in grassetto.
Section "Monitor"
  Identifier   "Configured Monitor"
  HorizSync    30.0 - 54.0
  VertRefresh  50.0 - 75.0
  ModeLine     "1024x768_60" 65.0 1024 1048 118 134 768 771 777 806 -hsync -vsync

EndSection

[...]

Section "Screen"
Identifier "Default Screen"
Monitor "Configured Monitor"
Device "Configured Video Device"
           SubSection "Display"
           Viewport   0 0
           Depth     24
           Modes    "1024x768_60"
  EndSubSection
EndSection


Le stringhe ModeLine e Modes potrebbero non essere necessarie. Se il problema persiste, aggiungere prima Modes, e riavviare per un test. La stringa Modes specificherà quale risoluzione e quanti Hz volete all'avvio del sistema. Nell'esempio 1024x768 a 60 Hz. È anche possibile fare un primo tentativo omettendo gli Hz:
Modes    "1024x768"


Se ancora non bastasse, potreste voler calcolare i valori per ModeLine utilizzando i programmi del sistema o esterni, secondo i vari standard.
Nota bene. Non sempre questi programmi riescono a leggere correttamente i valori del monitor. A volte è necessario ripetere la lettura di ModeLine perché in momenti diversi può presentare piccole differenze. Se necessario utilizzate programmi diversi.
Manipolare questi valori senza cautela può causare un danneggiamento del monitor. I punti di riferimento rimangono il manuale, i dati stampati sul monitor, e il sito del produttore.

Quanto riportato di seguito è ciò che ho utilizzato sul mio monitor per esigenze personali.

- I valori di ModeLine possono essere ottenuti in vari modi. Per esempio con il comando:
Codice: Seleziona tutto
cvt 1024 768 60

Dove 1024x768 è la risoluzione desiderata e 60 sono gli Hz che il produttore dichiara di supportare per quella stessa risoluzione.

- La scansione del monitor con XRandR si avvia con il comando:
Codice: Seleziona tutto
xrandr

Consultate il wiki per comandi e soluzioni a problemi noti (per es. Monitor out of Rage). Vedi Capitolo IV per una traduzione italiana.
Come per gli altri programmi potrete visualizzarne il manuale aggiornato alla versione in uso sul sistema digitando:
Codice: Seleziona tutto
man xrandr

Il programma dovrebbe fornirvi informazioni su risoluzione ed Hz utilizzabili dal monitor. Se non ci riuscisse, fornirà solo quelli attualmente utilizzati. Confrontate i risultati con i dati del manuale del produttore per sapere queli mancano. Sarà possibile utilizzare XRandR per aggiungere le risoluzioni mancanti e il resto della configurazione (v. wiki o Capitolo IV per una traduzione italiana).
Se necessario interrogate il monitor per conoscerne tipo e connessione assegnata (CRT1, CRT2, DFP1, DFP2, TV, ecc.):
Codice: Seleziona tutto
xrandr | grep connected


- Un altro programma utile ad ottenere informazioni sul monitor è Xresprobe. Per installarlo dal repository digitate:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get install xresprobe

Per ottenere informazioni sul monitor digitate:
Codice: Seleziona tutto
sudo ddcprobe

...HorizSync e VertRefresh dovrebbero risultare al rigo monitorrange;

- Per ottenere informazioni da xvidtune basta avviarlo:
Codice: Seleziona tutto
xvidtune

...leggere gli avvisi di sicurezza e quindi chiudere la prima finestra. Premere il pulsante Show sulla seconda finestra. Non modificate altro. Chiudere questa seconda finestra e verificare i valori che xvidtune ha lasciato sul terminale dal quale lo avete eseguito.



Caso particolare 5


Avete una scheda video ATI serie 9xxx (per es. ATI 9250) e avete installato Ubuntu 9.10. Lo schermo rimane nero o le prestazioni sono scadenti.

Soluzioni varie.

A. discussione sul forum ubuntu-it: http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=330881


B. Modificare il metodo di accellerazione utilizzato: EXA o XAA.

1. Per creare un file xorg.conf da Terminale o Recovery Mode vedi Caso pratico 3.
2. Aprite il file xorg.conf appena creato utilizzando un editor di testo dalla Scrivania, o editors come Nano e Vim da Consolle o Recovery Mode (v. Caso pratico 4).
3. Accertate il metodo di accellerazione nell'opzione AccelMethod. Il metodo di accellerazione più stabile, anche se più datato, è XAA:

Section "Device"
Identifier "Configured Video Device"
Driver "ati"
Option "AccelMethod"   "XAA"

EndSection


4. Salvate le modifiche e riavviate il sistema.

C. potrebbe anche rendersi necessario cambiare tema e sfondo del desktop:
Clic tasto destro del mouse su un'area vuota del desktop > Cambia sfondo Scrivania.

D. Potrebbe rendersi necessario l'utilizzo di un cavo di tipo VGA.



Caso particolare 6


Avete ricevuto il messaggio "Give root password for maintenance (or type Control-D to continue):". Non riuscite ad effettuare l'accesso.

Soluzione. Rendere il filesystem scrivibile e, se necessario, modificare la password di root.

Questo caso prende spunto da una discussione che segue questa stessa guida. Vedi mia Risposta #26 e successive. Il link di riferimento è:
http://www.noah.org/wiki/Single_User_Mode
...metodo 2 "Single User Mode without root password for maintenance"

Eccone la traduzione.
Questo metodo vi permetterà di superare il messaggio "Give root password for maintenance", ma l'ambiente grafico che troverete sarà più primitivo del solito. Questo dovrebbe essere sufficiente a permettervi di dare un comando 'passwd', che serve a cambiare la password dell'utente root (amministratore). Se si volesse fare di più si potrà poi montare file system e avviare manualmente la rete.

1. Riavviare il sistema;
2. Selezionare il kernel da avviare (o premere il tasto Esc per entrare nel menu di Grub e selezionare il kernel da avviare); Premere il tasto "e" per editare il rigo col kernel selezionato;
Cancellare le parole "quiet" e "splash";
Cambiare la sigla "ro" in "rw";
Aggiungere la stringa
Codice: Seleziona tutto
init=/bin/bash


Al termine delle modifiche il rigo dovrebbe essere simile a questo:
     kernel /vmlinuz-2.6.15-27-386 root=/dev/mapper/Ubuntu-root rw init=/bin/bash


3.
Su Ubuntu 9.04 e precedenti, con Grub-legacy: Premere il tasto Enter (Invio), e poi "b" (boot), per avviare il sistema sfruttando le impostazioni appena inserite.
Su Ubuntu 9.10, qualora abbiate scelto Grub2: Premere il tasto Enter (Invio), e poi premete Ctrl+X, per avviare il sistema sfruttando le impostazioni appena inserite.

Nota del traduttore. Quello che segue potrebbe non essere necessario.
Per cambiare la password dell'utente root il comando è:
Codice: Seleziona tutto
passwd root

Per cambiare la password dell'utente principale:
Codice: Seleziona tutto
passwd nome_utente_principale_del_sistema



Caso particolare 7


Avete installato Ubuntu insieme ad un altro sistema operativo (dual boot) su un computer con scheda nVIDIA. Quando accendete il computer Ubuntu non si avvia. Se invece avviate per primo l'altro sistema operativo, e poi effettuate un riavvio, Ubuntu parte normalmente.

Soluzione. È possibile che altri sistemi operativi, dopo il riavvio, lascino nella memoria Ram alcune impostazioni che influenzano l'avvio di Ubuntu. Vedi discussione e soluzione su questo caso particolare


Caso particolare 8


Dopo aver installato i driver proprietari per schede ATI serie HD si verifica un rallentamento delle prestazioni del desktop.

Soluzione. È stato riscontrato un bug che potrebbe colpire alcune schede serie HD (fra le più colpite 2400, 2600, 3470, 3650 e 4730). Causa un evidente rallentamento delle prestazioni, visibile quando si minimizza/massimizza una finestra. Il bug è stato risolto con una versione di Xorg chiamata xserver-nobackfill:
https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+sour ... bug/351186

Avviso e discussioni e procedure sul forum Ubuntu-it:
http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,329562
http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=155477
Forum internazionale:
- Jaunty:
http://ubuntuforums.org/showthread.php?t=1172875
- Karmic (pre-release), messaggio JCoster:
http://ubuntuforums.org/showthread.php?t=1259817&page=3
Ultima modifica di nativis il lunedì 28 febbraio 2011, 18:04, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Brevebello » giovedì 15 ottobre 2009, 0:42

Volevo dirti solo grazie. Ero nell'impossibilità di utilizzare il pc ma, grazie al live cd e alla tua guida ho ripreso il controllo del "mezzo".
E' davvero unico poter contare sul forum e su persone competenti.
Saluti, Emanuele
Brevebello Non specificato
Prode Principiante
 
Messaggi: 10
Iscrizione: agosto 2009

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda leolas » domenica 18 ottobre 2009, 21:52

ottima guida, ma ho un problema legato alal scheda video peggiore di questi: volevo installare su ubuntu karmik i nuovi driver ATI, e sulla guida del'ATI c'era scritto di disinstallare i dirver precedenti.

Purtroppo l'ho fatto, e adesso non si riavvia più il pc in modalità grafica!
Ho tentato con la recovery mode, ma non va in modalità grafica, solo in modalità non grafica (non so come si chiami), e tra l'altro lampeggia, non prende i tasti, e non riesco nemmeno a loggarmi per provare a eseguire l'installer dei driver!!!  :'(

Con il cd alternate install posso risolvere, quindi? perchè tu parli solo di XOrg, e io con la mia niubbaggine non so se sia la stessa cosa
Attenzione! Faccio uso di edit selvaggio. ;D
Avatar utente
leolas Non specificato
Prode Principiante
 
Messaggi: 56
Iscrizione: aprile 2008
Località: Modena

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda nativis » domenica 18 ottobre 2009, 22:24

@Brevebello. Grazie : ) Ma sono solo un utente che si è inbattuto nei problemi trattati.

@leolas
La guida prende spunto dalle mie esperienze e da quanto letto nel forum, riguardo i sistemi Ubuntu fino a Jaunty.

Karmic è una versione in sviluppo e non l'ho provato. Per quanto ne ho letto, non esistono driver scaricabili dal sito ATI che supportino il nuovo kernel di Karmic (2.6.31, credo). Gli unici validi sarebbero i 9.10, non rilasciati pubblicamente. Sul sito AMD infatti si trovano solo driver fino ai 9.9.
I driver non pubblici 9.10 dovrebbero essere scaricabili dal repository di Karmic tramite Driver hardware (non so se si chiami ancora così).

La sezione del forum che si occupa delle versioni di Ubuntu in fase di sviluppo è qui:
http://forum.ubuntu-it.org/index.php#23
Karmic Koala 9.10 (chiusa) http://forum.ubuntu-it.org/viewforum.php?f=84
Lucid Lynx 10.04 (chiusa) http://forum.ubuntu-it.org/viewforum.php?f=87
Maverick Meerkat 10.10 (chiusa) http://forum.ubuntu-it.org/viewforum.php?f=89
Natty Narwhal (Attuale) http://forum.ubuntu-it.org/viewforum.php?f=92

Edit
Rilasciati i driver ATI FGLRX 9.11, vers. 8.67, con supporto per Karmic.

Edit
Rilasciato Ubuntu 9.10 Karmic Koala.

Edit
Rilasciati i driver ATI FGLRX 10.2, vers. 8.70. Note di rilascio.
Sembrerebbe sconsigliato installarli a chi usa KDE4:
http://www.phoronix.com/scan.php?page=n ... &px=Nzk5MQ
Alcuni casi qui.

Edit
Segnalato Bug nei driver nvidia 196,75 WHQL per Windows e sospetti sulle versioni 195.36.08 e 195.36.03 per Linux. Il bug potrebbe arrestare il funzionamento della ventola di raffreddamento e portare rapidamente alla bruciatura della scheda video. Notizia e link:
Fiodor ha scritto:
Faccio presente che il bug dei driver 196,75 WHQL per Windows potrebbe riguardare anche i driver per [b]LINUX
stando a questa notizia:
http://www.nvnews.net/vbulletin/announcement.php?a=39

Qui e stata aperta anche un'altra discussione a riguardo:
http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=368030


Traduzione dell'annuncio cui fa riferimento Fiodor.

L'autore del messaggio originale è AaronP, contrassegnato sul forum nVIDIA (nvnews.net) come dipendente della NVIDIA Corporation. Il messaggio:



Dopo aver pubblicato la versione 196.75 NVIDIA dei driver video per Windows, NVIDIA ha riportato questo messaggio:
Siamo consapevoli che alcuni clienti hanno segnalato problemi con la velocità della ventola
con gli ultimi driver 196,75 WHQL scaricati da NVIDIA.com. Finché non saremo in grado di verificare e
controllare la causa di questo problema, si consiglia ai clienti di rimanere, o di ritornare
al driver 196,21  WHQL. I driver 196,75 sono stati temporaneamente rimossi dal nostro sito web.


Noi crediamo che i recenti driver NVIDIA per UNIX, versioni 195.36.08 e 195.36.03, siano afflitte dallo stesso problema. Finché il problema non verrà risolto, si raccomanda agli utenti UNIX di tornare alla versione 190,53 rilasciata dal sito web, o alla versione pubblica dei 195,30 beta.

Stiamo rimuovendo i driver 195.36.08 e 195.36.03 dal sito NVIDIA FTP.

Pubblicheremo ulteriori informazioni appena saranno disponibili.

AaronP




Edit
Rilasciata Ubuntu 10.04 LTS Lucid Lynx. Note di rilascio. Guida.


Fra le principali novità attinenti video e periferiche:
  • Sostituzione di HAL con DeviceKit e udev;
  • Driver grafici Intel con accelerazione UXA;
  • Kernel mode Setting;
  • Xsplash al posto di Usplash;
  • Upstart al posto del demone init System V;
  • Driver open source Nouveau al posto dei driver NV per schede nvidia

Per eventuali problemi di visualizzazione dei video con schede ATI serie X (come la X1600 mobility radeon), consultate il paragrafo Aggirare gli errori della nuova architettura video del kernel per disabilitare KMS (Kernel Mode Setting).

Le vecchie schede ATI con meno di 32 MB di RAM potrebbero mostrare problemi di visualizzazione (per esempio finestre di notifica OSD). Creare un file xorg.conf ed aggiungere l'opzione RenderAccel "off" nella sezione Device

     Section "Device"
             ...
             Driver "radeon"
             Option "RenderAccel" "off"

     EndSection


Stato dei driver open source sulle varie versioni di Ubuntu.

Schermo nero con ATI HD 3650 su Lucyd Lynx:
http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=381621

Ampio repository con pacchetti che risolvono vari problemi con driver ati aopen source e proprietari:
https://launchpad.net/~bryceharrington

Edit
Bug e soluzioni recenti per driver ATI e nVIDIA su Lucid Lynx.

ATI
http://wiki.cchtml.com/index.php/Ubuntu ... tion_Guide
https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+sour ... bug/494699
https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+sour ... bug/552782
https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+sour ... comments/9
nVIDIA
http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=349513
http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=390089


Edit
Rilasciati i driver ATI FGLRX 11.2 Note di rilascio.

Edit.
Articoli supporto ATI sul sito ufficiale.

Edit
Rilasciato Ubuntu 10.10 Maverick Meerkat. Note di rilascio. Guida

Edit
Aggiornate le guide del wiki ubuntu-it.

Sezione Video.
Hardware/Video

Pagina ATI.
/Hardware/Video/Ati

Risoluzione problemi schede ATI.
Hardware/Video/Ati/Catalyst/RisoluzioneProblemi

Pagina nvidia.
/Hardware/Video/Nvidia


Segnalate eventuali errori e imprecizioni. Grazie.
Ultima modifica di nativis il lunedì 28 febbraio 2011, 21:46, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda nativis » giovedì 31 dicembre 2009, 16:33

Capitolo IV


Configurare risoluzione e refresh di un monitor con XRandR






Segnalatemi eventuali errori, imprecisioni e vostre procedure alternative. Grazie.



Indice
  1. Messaggio di errore "out-of-range". Reimpostare una risoluzione.
  2. Testare diverse risoluzioni.
  3. Aggiungere risoluzioni non rilevate automaticamente.
  4. Modificare le impostazioni di xrandr in modo persistente.
        a) Impostare i comandi di xrandr in .xprofile.
        b) Impostazione comandi xrandr nello script di avvio di kdm/gdm.
        c) Modifiche alle impostazioni di risoluzione in xorg.conf.
        d) Modifiche alle impostazioni della risoluzione in xorg.conf: risoluzione più bassa del previsto.
              1A. Provate prima questo metodo.
              2A. Usare contemporaneamente Cvt e xrandr per aggiungere la modalità più alta che il display può raggiungere.
              3A. Usare Sistema > Preferenze > Schermo.
  5. Ottenere modeline dal programma Windows PowerStrip



1. Messaggio di errore "out-of-range". Reimpostare una risoluzione.

N.d.T. Questo procedimento potrebbe applicarsi ad altri casi di errata configurazione automatica del monitor, per uno o più utenti del sistema. Vedi discussioni nel forum.

Se si imposta (o è stata impostata automaticamente) una risoluzione inadeguata per il monitor, in Sistema > Preferenze > Schermo, è possibile reimpostarla digitando nel Terminale il comando:
Codice: Seleziona tutto
rm /home/nome_utente/.config/monitors.xml



2. Test di diverse risoluzioni.
È possibile utilizzare lo strumento Sistema > Preferenze > Schermo per sperimentare diverse risoluzioni, o anche utilizzare il più potente programma a riga di comando di nome XRandR. Per avviarlo digitare il comando:
Codice: Seleziona tutto
xrandr

Mostrerà i nomi di diverse uscite disponibili sul vostro sistema (LVDS, VGA-0, ecc) e le risoluzioni disponibili su ciascuna:

Screen 0: minimum 320 x 200, current 1400 x 1050, maximum 1400 x 1400
VGA disconnected (normal left inverted right x axis y axis)
LVDS connected 1400x1050+0+0 (normal left inverted right x axis y axis) 286mm x 214mm
  1400x1050      60.0*+   50.0  
[...]



È poi possibile usare direttamente xrandr per impostare una diversa risoluzione, col comando:
Codice: Seleziona tutto
xrandr --output LVDS --mode 1024x768

Dove LVDS è l'uscita rilevata dal comando xrandr.

La frequenza di aggiornamento (Refresh, espresso in Hz) può anche essere modificata contemporaneamente alla risoluzione:
Codice: Seleziona tutto
xrandr --output LVDS --mode 1024x768 --rate 75


Si noti che le modifiche apportate con xrandr dureranno solo per la sessione corrente e spariranno al prossimo riavvio del sistema. Per renderle persistenti vedi paragrafo 4.
Inoltre xrandr ha molte altre capacità. Consultate il manuale digitando:
Codice: Seleziona tutto
man xrandr



3. Aggiungere risoluzioni non rilevate automaticamente.
A causa di bug hardware, o driver, la corrette risoluzioni supportate dal monitor non sempre possono essere rilevate. Per esempio l'EDID data block interrogato potrebbe non essere corretto.

Se Mode esiste già, ma semplicemente non è associato alla particolare uscita, è possibile aggiungerla in questo modo:
Codice: Seleziona tutto
xrandr --addmode S-video 800x600


Se Mode non esiste ancora, bisognerà prima crearlo, specificando una ModeLine. Forma generale:
xrandr --newmode

Si può creare una ModeLine utilizzando i programmi GTF o CVT. Ad esempio, se si desidera aggiungere una modalità con risoluzione di 800x600 pixel, è possibile procedere così:
- Immettere il seguente comando:
Codice: Seleziona tutto
cvt 800 600

...che restituirà un output in questa forma:
# 800x600 59.86 Hz (CVT 0.48M3) hsync: 37.35 kHz; pclk: 38.25 MHz
 Modeline "800x600_60.00"   38.25  800 832 912 1024  600 603 607 624 -hsync +vsync


- Copiare le informazioni fornite dall'output del comando precedente, dopo la parola "Modeline", nel successivo comando di xrandr:
xrandr --newmode "800x600_60.00"   38.25  800 832 912 1024  600 603 607 624 -hsync +vsync



4. Modificare le impostazioni di xrandr in modo persistente.
Ci sono diversi modi per rendere le personalizzazioni di xrandr permanenti, in modo da ritrovarle al riavvio del sistema:
a) .xprofile;
b) kdm e gdm;
c) xorg.conf.
Ciascuna di queste procedure è spiegata di seguito.


a) Impostare i comandi di xrandr in .xprofile
All'avvio di Xorg viene eseguito un file associato ad un utente nella cartella /home/nome_utente/.xprofile, se esso esiste ed è eseguibile. È possibile copiare e incollare le stringhe del comando di xrandr in questo file in modo che siano eseguiti quando si effettua il login. Ad esempio:
Codice: Seleziona tutto
xrandr --output VGA-0 --mode 800x600


Ci sono due svantaggi nell'usare .xprofile per le impostazioni di xrandr. In primo luogo, il caricamento si verifica abbastanza tardi nel processo di avvio, e così vedrete qualche cambiamento di risoluzione durante il caricamento dello schermo; in alcuni casi, il pannello potrebbe ridimensionarsi in modo improprio. In secondo luogo, dato che si tratta di una impostazione per l'utente, non modifica la risoluzione di altri utenti, né la risoluzione della schermata di login.


b) Impostazione comandi xrandr nello script di avvio di kdm/gdm
Sia KDM (Kubuntu) e GDM (Ubuntu) hanno scripts di avvio che vengono eseguiti quando X è avviato. Per GDM, questi sono in
/etc/gdm/
...mentre per KDM è in
/ etc/kde4/kdm/Xsetup
In entrambi i casi, è possibile incollare la stringa dell'output di xrandr in uno di questi script. Per GDM, provare a metterli
nel file:
/etc/gdm/Init/Default
...a prima della stringa:
Codice: Seleziona tutto
initctl -q emit login-session-start DISPLAY_MANAGER=gdm


Questo processo richiede l'accesso come root (amministratore) e la manipolazione di files di configurazione di sistema. Durante il caricamento del sistema avrà effetto prima del metodo descritto in precedenza, che usava il file .xprofile, e si applicherà a tutti gli utenti come anche alla schermata di login.


c) Modifiche alle impostazioni di risoluzione in xorg.conf.
Il file xorg.conf è in gran parte vuoto negli ultimi rilasci di Ubuntu, ma può ancora essere creato ed utilizzato per la configurare le risoluzioni. Ad esempio:
Section "Monitor"
   Identifier      "External DVI"
   Modeline        "1280x1024_60.00"  108.88  1280 1360 1496 1712  1024 1025 1028 1060  -HSync +Vsync
   Option          "PreferredMode" "1280x1024_60.00"
EndSection

Section "Device"
   Identifier      "ATI Technologies, Inc. M22 [Radeon Mobility M300]"
   Driver          "ati"
   Option          "Monitor-DVI-0" "External DVI"
EndSection

Section "Screen"
   Identifier      "Primary Screen"
   Device          "ATI Technologies, Inc. M22 [Radeon Mobility M300]"
   DefaultDepth    24
   SubSection "Display"
       Depth           24
       Modes   "1280x1024" "1024x768" "640x480"
   EndSubSection
EndSection

Section "ServerLayout"
       Identifier      "Default Layout"
       Screen          "Primary Screen"
EndSection


N.d.T. L'opzione PreferredMode "potrebbe" essere utile per avviare il sistema sempre nella modalità specificata, specialmente se avete generato più di una ModeLine, cioè una per ogni risoluzione/frequenza supportata dal monitor.

Digitare:
Codice: Seleziona tutto
man xorg.conf

...per i dettagli su come configurare un file xorg.conf.



d) Modifiche alle impostazioni della risoluzione in xorg.conf: risoluzione più bassa del previsto.

1A. Provate prima questo metodo.
Se la scheda video è riconosciuta ma la risoluzione è inferiore a quello che ci si aspetta, si può provare questo.
Esempio basato sull'hardware dell'autore del wiki:
- Ubuntu 9.0.4 x86;
- scheda video ATI X1550;
- due monitor: LCD Dell 2408 (fino a 1920x1200) e Samsung 206BW (fino a 1680x1050).
Dopo l'installazione del sistema e prima del primo login, la risoluzione di default è 1152x864 e xrandr non elenca tutte le risoluzioni superiori a 1152x864.
Si consiglia di provare a modificare /etc/X11/xorg.conf, aggiungendo una sezione riguardante schermo virtuale (virtual screen). Effettuate poi logout e login per vedere se questo metodo ha risolto. Se non è cambiato niente allora continuate a leggere.

Modificare il file xorg.conf di default, solitamente simile a questo:
Section "Device"
       Identifier      "Configured Video Device"
EndSection

Section "Monitor"
       Identifier      "Configured Monitor"
EndSection

Section "Screen"
       Identifier      "Default Screen"
       Monitor         "Configured Monitor"
       Device          "Configured Video Device"
EndSection


...aggiungendo l'opzione Virtual (non copiate i valori numerici da questo esempio):

Section "Monitor"
       Identifier      "Configured Monitor"
EndSection

Section "Screen"
       Identifier      "Default Screen"
       Monitor         "Configured Monitor"
       Device          "Configured Video Device"
         SubSection "Display"
                 Virtual 3600 1200
         EndSubSection
EndSection

Section "Device"
       Identifier      "Configured Video Device"
EndSection


A proposito dei valori numerici: il monitor DELL è stato posizionato sulla sinistra e il Samsung a destra. In modo virtuale la larghezza totale è data dalla somma delle due larghezze:
1.920+1.680=3.600;
L' altezza è fissata dal valore del monitor che arriva alla risoluzione maggiore. Fra i miei due monitor la risoluzione maggiore è di 1200 (l'altro monitor arriva solo a 1050). Quindi:
Codice: Seleziona tutto
                  Virtual 3600 1200


Se si volessero posizionare i due monitors uno sopra l'altro, bisognerà invece sommare le due altezze: 1200+1050
Per la larghezza si userà quella del monitor maggiore, 1920. Avremmo allora:
Codice: Seleziona tutto
                  Virtual 2250 1920




Se questo ancora non risolvesse il problema, ecco quello che ho fatto dopo.

2A. Usare contemporaneamente Cvt e xrandr per aggiungere la risoluzione più alta che il display può raggiungere.
L'ordine dei comandi che seguono era diverso, perché ho cercato di aggiungere le ModeLine per un monitor alla volta. Qui di seguito vedrete le operazioni per configurare due monitor contemporaneamente (DVI-0 e DVI-1):
aa@aa-desktop:/$ cvt 1920 1200 60
# 1920x1200 59.88 Hz (CVT 2.30MA) hsync: 74.56 kHz; pclk: 193.25 MHz
Modeline "1920x1200_60.00"  193.25  1920 2056 2256 2592  1200 1203 1209 1245 -hsync +vsync

aa@aa-desktop:/$ cvt 1680 1050 60
# 1680x1050 59.95 Hz (CVT 1.76MA) hsync: 65.29 kHz; pclk: 146.25 MHz
Modeline "1680x1050_60.00"  146.25  1680 1784 1960 2240  1050 1053 1059 1089 -hsync +vsync

Dopo aver ottenuto gli output del comando cvt, basterà copiare ciò che segue alla parola Modeline ed inserirlo nei seguenti comandi:
aa@aa-desktop:/$ xrandr --newmode "1920x1200_60.00"  193.25  1920 2056 2256 2592  1200 1203 1209 1245 -hsync +vsync

aa@aa-desktop:/$ xrandr --newmode "1680x1050_60.00"  146.25  1680 1784 1960 2240  1050 1053 1059 1089 -hsync +vsync

aa@aa-desktop:/$ xrandr --addmode DVI-1 "1920x1200_60.00"

aa@aa-desktop:/$ xrandr --addmode DVI-0 "1680x1050_60.00"



3A. Usare Sistema > Preferenze > Schermo. Aggirare un problema
Modificare una delle risoluzioni dei monitor LCD a un valore più basso, per esempio 800x600. Premete il pulsante Applica, poi... non ricordo l'ordine esatto dei messaggi di testo che seguono :). Probabilmente il programma darà un messaggio del tipo "la risoluzione può essere migliorata, ma lo schermo virtuale deve essere abilitato, è necessario tuttavia eseguire un logout e login". L'ho fatto e al secondo login, ho trovato la risoluzione più alta per quel monitor. Dopo di che ho fatto un cambiamento simile per il secondo monitor, ottenendo la giusta risoluzione di lavoro.


5. Ottenere modeline dal programma Windows PowerStrip (Inglese):
http://www.x.org/wiki/FAQVideoModes#hea ... 2ee868e0d2
Ultima modifica di nativis il venerdì 5 febbraio 2010, 18:17, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

[Ati] Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » sabato 2 gennaio 2010, 22:52

Complimenti Bella Guida
io al punto
3. Nel menu che appare, selezionate "root        drop to root shell prompt".
mi si presenta la schermata di inserire la PW ma non è quella di root (al che non riesco ad andare in riga di comando)
altrimenti premere CTRL+D per tornare al menu di recovery mode.
ho provato ad avviare con CD live
e in "/media/disk/etc/X11/xorg.conf" si trovano altri "xorg.conf" con un sacco di numeri affianco ex:
xorg.conf.20100101155401
xorg.conf.20100101155300
xorg.conf.20100101155301 e altri.
altra cosa con recovery mode quando provo a fare "xfix    Try to auto repair graphic problems"    mi posta una scritta per alcuni secondi, come questa:   
  xserver-xorg postinst warning: overwriting possibly-customised configuration file: backup in /etc/X11/xorg.conf.20100101155401
che penso sia uno dei files che si creano all'interno della cartella.
Quello che non capisco è cosa devo fare al file xorg.config, dov'è il riferimento nella guida?
devo sostituirlo??
Boh.
Spero che qualcuno capisca cosa ho scritto e mi suggerisca una soluzione
Ne approfitto per augurare a tutti un Felice 2010
Ciao Kiefer
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » domenica 3 gennaio 2010, 15:27

io al punto
3. Nel menu che appare, selezionate "root        drop to root shell prompt".
mi si presenta la schermata di inserire la PW ma non è quella di root (al che non riesco ad andare in riga di comando)
altrimenti premere CTRL+D per tornare al menu di recovery mode.
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda nativis » domenica 3 gennaio 2010, 15:58

Non hai detto quale versione di Ubuntu usi e quale problema stai cercando di risolvere (disinstallare i driver ATI, ripristinare uno xorg.conf di backup, altro?).

In Recovery Mode, dopo aver selezionato:
root         drop to root shell prompt

...non viene richiesta la password normalmente. Si possono subito dare i comandi.


Quello che non capisco è cosa devo fare al file xorg.config, dov'è il riferimento nella guida?Devo sostituirlo?

Dipende dal problema che hai. Molti sono trattati nei capitoli successivi.
Descrivi la causa. Hai modificato xorg.conf manualmente e poi hai avuto problemi? In questo caso puoi ripristinare un backup (Caso pratico 5), per esempio xorg.conf.failsafe, o uno degli altri che funzionavano (i vari xorg.conf.20100101155401). Hai installato dei drivers? In questo caso vanno rimossi e xorg.conf va riconfigurato con X -configure, ecc. (Caso pratico 1).
Ultima modifica di nativis il venerdì 8 gennaio 2010, 10:53, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » domenica 3 gennaio 2010, 16:19

Ok
Alla sera tutto funzionava bene.
spengo il notbook.
al mattino riavvio
e schermo nero.
il recovery mode (Ubuntu 9.04, kernel 2.6.28-17-generic (recovery mode)
enter
son in recovery menu con le 8 opzioni:
resume   Resume
clean     Try to ..
dpkg       Repair ....
fsck       File .....
grub      Update
nerroot    Drop to ....    
root      Drop to ....    
xfix       try to auto....

se provo a selezionare:
root      Drop to root shell prompt
il risultato è il seguente:
Give root password for maintenance
(or type Control-D to continue):                    con questo torno al menu

Il problema che sto cercando di risolvere è quello di far funzionre il portatile in modalità grafica.
non sono pratico della riga di comando (anche se non riesco a raggiungerla)

Riesco a visualizzare il mio HD solo tramite il CD Live, e poiu non so che fare.
perchè non so qual'è il problema.
Sono sicuro che non hai capito, ma non riesco a spiegarmi meglio.
Fammi sapere e grazie per l'attenzione.
Ciao Kiefer
Ultima modifica di Kiefer il domenica 3 gennaio 2010, 16:28, modificato 1 volta in totale.
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda nativis » domenica 3 gennaio 2010, 16:59

Se non ricordi eventi particolari accaduti prima del guaio, risalire alla causa può richiedere più tempo (potrebbe essere stata rilevata nei files di log.). Si possono comunque fare vari tentativi.

Oltre al kernel 2.6.28-17-generic, il menu di avvio ti propone kernel più vecchi? Se sì, prova ad avviare selezionandone uno più datato.

Se invece è successo qualcosa al filesystem, per esempio files corrotti durante il normale utilizzo del sistema, puoi tentare selezionando, da Recovery Mode, l'opzione:
fsck       File .....


Se ieri hai scaricato aggiornamenti (l'opzione Scarica e installa automaticamente potrebbe averti fatto sfuggire l'operazione), in caso di pacchetti danneggiati:
dpkg       Repair ....


Hai installato o rimosso qualcosa? Se non ne sei certo guarda i files di log di dpkg, Capitolo 1 paragrafo 3. Lo puoi vedere anche da Live CD, come tutti gli altri files. Percorso:
/var/log/dpkg.log
/var/log/dpkg.log.1

Hai inserito una nuova periferica (nuovo mouse, hard disk esterno, ecc)?

Se ancora non funzionasse proveremo altro.


Edit.
Mi sono ricordato che il messaggio "Give root password for maintenance" spuntò anche a me sulla 9.04, tempo fa, dopo aggiornamenti. Prima non era richiesta.
Attualmente non è richiesta sulla mia 9.04.
Hai più di una password (per es. password utente)? Usale tutte. Prova anche ad inserire il nome utente prima della password.
La password ti viene richiesta anche quando selezioni netroot    Drop to...?  
Ultima modifica di nativis il domenica 3 gennaio 2010, 19:46, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » domenica 3 gennaio 2010, 19:53

Ho i kernel 2.6.28.16 e .15 li ho provati tutti e due e niente

Codice: Seleziona tutto
Posto il dpkg.log:
2010-01-01 16:03:56 startup packages configure
2010-01-01 19:19:42 startup archives unpack
2010-01-01 19:20:08 install fglrx-kernel-source <none> 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:08 status half-installed fglrx-kernel-source 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:08 status unpacked fglrx-kernel-source 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:08 status unpacked fglrx-kernel-source 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:08 install xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:08 status half-installed xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:10 status triggers-pending man-db 2.5.5-1build1
2010-01-01 19:20:11 status half-installed xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:11 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:12 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:12 install fglrx-amdcccle <none> 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:12 status half-installed fglrx-amdcccle 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:12 status unpacked fglrx-amdcccle 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:13 status unpacked fglrx-amdcccle 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:13 trigproc man-db 2.5.5-1build1 2.5.5-1build1
2010-01-01 19:20:13 status half-configured man-db 2.5.5-1build1
2010-01-01 19:20:13 status installed man-db 2.5.5-1build1
2010-01-01 19:20:14 startup packages configure
2010-01-01 19:20:14 configure fglrx-kernel-source 2:8.600-0ubuntu2 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:14 status unpacked fglrx-kernel-source 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:14 status half-configured fglrx-kernel-source 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:42 status installed fglrx-kernel-source 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:42 configure xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:42 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:42 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:42 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:42 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:42 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status half-configured xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status installed xorg-driver-fglrx 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status triggers-pending libc6 2.9-4ubuntu6.1
2010-01-01 19:20:43 configure fglrx-amdcccle 2:8.600-0ubuntu2 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status unpacked fglrx-amdcccle 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status half-configured fglrx-amdcccle 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 status installed fglrx-amdcccle 2:8.600-0ubuntu2
2010-01-01 19:20:43 trigproc libc6 2.9-4ubuntu6.1 2.9-4ubuntu6.1
2010-01-01 19:20:43 status half-configured libc6 2.9-4ubuntu6.1
2010-01-01 19:20:43 status installed libc6 2.9-4ubuntu6.1
2010-01-01 19:48:40 startup packages configure
2010-01-01 21:42:55 startup packages configure
2010-01-02 20:10:19 startup packages configure


dpkg.log.1:
Codice: Seleziona tutto
2009-12-29 09:34:01 startup archives unpack
2009-12-29 09:34:27 upgrade xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:27 status half-configured xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:27 status unpacked xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:27 status half-installed xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:27 status triggers-pending man-db 2.5.5-1build1
2009-12-29 09:34:27 status half-installed xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:28 status half-installed xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:28 status unpacked xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:28 status unpacked xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:28 upgrade xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:28 status half-configured xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:28 status unpacked xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:28 status half-installed xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:28 status half-installed xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:28 status half-installed xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14
2009-12-29 09:34:29 status unpacked xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:29 status unpacked xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:29 trigproc man-db 2.5.5-1build1 2.5.5-1build1
2009-12-29 09:34:29 status half-configured man-db 2.5.5-1build1
2009-12-29 09:34:29 status installed man-db 2.5.5-1build1
2009-12-29 09:34:30 startup packages configure
2009-12-29 09:34:30 configure xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14.1 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:30 status unpacked xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:30 status half-configured xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:30 status installed xserver-common 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:30 configure xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14.1 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:30 status unpacked xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:30 status unpacked xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:30 status half-configured xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14.1
2009-12-29 09:34:30 status installed xserver-xorg-core 2:1.6.0-0ubuntu14.1


Citazione
fsck       File .....

Se ieri hai scaricato aggiornamenti, in caso di pacchetti danneggiati:
Citazione
dpkg       Repair ....


questi li ho provati
ma niente

anche con netroot mi chiede PW

Per la password l'ho provata, anche inserendo l'utente prima ma niente (per sicurezza ora riprovo)
scusa se ti ho postato il contenuto del file, ma non so che fare se cancellare righe o cosa ?
Infondo sono in live che posso fare?
grazie ancora
Kiefer
Ultima modifica di Kiefer il lunedì 4 gennaio 2010, 0:05, modificato 1 volta in totale.
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » domenica 3 gennaio 2010, 20:10

niente da fare
ho solo una pw
e un username
non funziona
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda nativis » domenica 3 gennaio 2010, 20:42

Per inserire codici e log lunghi puoi cliccare sul tasto #; per inserire citazioni il tasto con col fumetto giallo. Quando scrivi un messaggio li trovi sopra le icone. Compaiono due tag all'interno del messaggio, ad esempio [ code ] [ /code ]. Incollaci il testo in mezzo:
[ code ]--stringhe di codice--[ /code ]
[ quote ]--citazioni--[ /quote ]

In alternativa copia il testo e incollalo in un documento di testo semplice (Applicazioni > accessori > editor di testo). Salvalo con un nome del tipo dpkg.log.txt. Quando scrivi un messaggio clicca su Opzioni aggiuntive (si trova in basso) e allega i files di testo.

Puoi modificare i messaggi precedenti, selezionare gli output e cliccare su #.


Riguardo gli output vedo nel primo che hai scaricato i drivers FGLRX giorno 1 gennaio. Alla fine parte, e si ripete anche il giorno dopo, una procedura che sembra essere andata male:
2010-01-01 19:48:40 startup packages configure
2010-01-01 21:42:55 startup packages configure
2010-01-02 20:10:19 startup packages configure


Da live CD prova queste due operazioni.
1. disinstallare i drivers ATI. dopo aver montato la partizione, aprendola, dare i comandi:
Codice: Seleziona tutto
sudo apt-get --purge remove /media/disk/fglrx-amdcccle
sudo apt-get --purge remove /media/disk/fglrx-kernel-$(uname -r)
sudo apt-get --purge remove /media/disk/fglrx-kernel-source
sudo apt-get --purge remove /media/disk/xorg-driver-fglrx-dev
sudo apt-get --purge remove /media/disk/xorg-driver-fglrx
sudo apt-get --purge remove /media/disk/xserver-xgl
cd /media/disk/usr/share/ati
sudo sh fglrx-uninstall.sh
sudo /media/disk/ln -s /usr/lib/libGL.so.1.2 /usr/lib/libGL.so.1

Alcuni comandi risponderanno che il file non esiste. Prosegui.

2. Ripristinare xorg.conf.failsafe:
Codice: Seleziona tutto
sudo cp /media/disk/etc/X11/xorg.conf.failsafe /media/disk/etc/X11/xorg.conf

...dovrebbe darti i drivers Vesa, pressochè universali, senza funzioni 3D.

Dovresti ora avere uno xorg.conf simile a quello descritto al paragrafo Caso pratico 5. Verifica dando:
Codice: Seleziona tutto
cat /media/disk/etc/X11/xorg.conf

Se la copia non fosse riuscita, dai:
Codice: Seleziona tutto
sudo nautilus

...e navigando da lì dentro fino a /etc/X11/
copia xorg.conf.failfe sul desktop. Rinominalo in xorg.conf e rimettilo in /etc/X11/, in modo che sovrascriva quello attuale.
Alla voce Driver dovrà darti "vesa", come al caso pratico 5.

Prova poi il sistema.

Se tutto ciò non bastasse, riavvia il sistema fino a fargli fare l'errore dello schermo nero. Inserisci poi il Live CD e riavvia. Avvia Nautilus, vai in /media/disk/var/log/, copia questi files di log, e allegali al tuo prossimo messaggio:
Codice: Seleziona tutto
auth
dmesg.log
Messages
user.log
Xorg.0.log
Ultima modifica di nativis il venerdì 8 gennaio 2010, 11:10, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » lunedì 4 gennaio 2010, 1:53

Ciao nativis
ho cambiato l'estensione ad alcuni file per poterli allegare
e l'ultimo lo metto qua:
Codice: Seleziona tutto
X.Org X Server 1.6.0
Release Date: 2009-2-25
X Protocol Version 11, Revision 0
Build Operating System: Linux 2.6.24-25-server i686 Ubuntu
Current Operating System: Linux kiefer 2.6.28-17-generic #58-Ubuntu SMP Tue Dec 1 18:57:07 UTC 2009 i686
Build Date: 23 December 2009  02:16:13PM
xorg-server 2:1.6.0-0ubuntu14.1 (buildd@)
   Before reporting problems, check http://wiki.x.org
   to make sure that you have the latest version.
Markers: (--) probed, (**) from config file, (==) default setting,
   (++) from command line, (!!) notice, (II) informational,
   (WW) warning, (EE) error, (NI) not implemented, (??) unknown.
(==) Log file: "/var/log/Xorg.0.log", Time: Mon Jan  4 00:15:09 2010
(==) Using config file: "/etc/X11/xorg.conf"
(==) No Layout section.  Using the first Screen section.
(**) |-->Screen "Default Screen" (0)
(**) |   |-->Monitor "Configured Monitor"
(**) |   |-->Device "Configured Video Device"
(==) Automatically adding devices
(==) Automatically enabling devices
(WW) The directory "/usr/share/fonts/X11/cyrillic" does not exist.
   Entry deleted from font path.
(==) FontPath set to:
   /usr/share/fonts/X11/misc,
   /usr/share/fonts/X11/100dpi/:unscaled,
   /usr/share/fonts/X11/75dpi/:unscaled,
   /usr/share/fonts/X11/Type1,
   /usr/share/fonts/X11/100dpi,
   /usr/share/fonts/X11/75dpi,
   /var/lib/defoma/x-ttcidfont-conf.d/dirs/TrueType,
   built-ins
(==) ModulePath set to "/usr/lib/xorg/modules"
(II) Cannot locate a core pointer device.
(II) Cannot locate a core keyboard device.
(II) The server relies on HAL to provide the list of input devices.
   If no devices become available, reconfigure HAL or disable AllowEmptyInput.
(II) Loader magic: 0x3bc0
(II) Module ABI versions:
   X.Org ANSI C Emulation: 0.4
   X.Org Video Driver: 5.0
   X.Org XInput driver : 4.0
   X.Org Server Extension : 2.0
(II) Loader running on linux
(++) using VT number 9

(--) PCI:*(0@1:0:0) ATI Technologies Inc Mobility Radeon HD 3650 rev 0, Mem @ 0xd0000000/268435456, 0xfc000000/65536, I/O @ 0x00002000/256, BIOS @ 0x????????/131072
(II) Open ACPI successful (/var/run/acpid.socket)
(II) System resource ranges:
   [0] -1   0   0xffffffff - 0xffffffff (0x1) MX[B]
   [1] -1   0   0x000f0000 - 0x000fffff (0x10000) MX[B]
   [2] -1   0   0x000c0000 - 0x000effff (0x30000) MX[B]
   [3] -1   0   0x00000000 - 0x0009ffff (0xa0000) MX[B]
   [4] -1   0   0x0000ffff - 0x0000ffff (0x1) IX[B]
   [5] -1   0   0x00000000 - 0x00000000 (0x1) IX[B]
(II) LoadModule: "extmod"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules/extensions//libextmod.so
(II) Module extmod: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 1.0.0
   Module class: X.Org Server Extension
   ABI class: X.Org Server Extension, version 2.0
(II) Loading extension MIT-SCREEN-SAVER
(II) Loading extension XFree86-VidModeExtension
(II) Loading extension XFree86-DGA
(II) Loading extension DPMS
(II) Loading extension XVideo
(II) Loading extension XVideo-MotionCompensation
(II) Loading extension X-Resource
(II) LoadModule: "dbe"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules/extensions//libdbe.so
(II) Module dbe: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 1.0.0
   Module class: X.Org Server Extension
   ABI class: X.Org Server Extension, version 2.0
(II) Loading extension DOUBLE-BUFFER
(II) LoadModule: "glx"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules/extensions//libglx.so
(II) Module glx: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 7.4.0, module version = 1.0.0
(II) Loading extension GLX
(II) LoadModule: "record"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules/extensions//librecord.so
(II) Module record: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 1.13.0
   Module class: X.Org Server Extension
   ABI class: X.Org Server Extension, version 2.0
(II) Loading extension RECORD
(II) LoadModule: "dri"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules/extensions//libdri.so
(II) Module dri: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 7.4.0, module version = 1.0.0
(II) Loading extension XFree86-DRI
(II) Loading sub module "fglrxdrm"
(II) LoadModule: "fglrxdrm"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules/linux//libfglrxdrm.so
(II) Module fglrxdrm: vendor="FireGL - ATI Technologies Inc."
   compiled for 1.4.99.906, module version = 8.60.40
(II) LoadModule: "dri2"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules/extensions//libdri2.so
(II) Module dri2: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 1.0.0
   ABI class: X.Org Server Extension, version 2.0
(II) Loading extension DRI2
(II) Scanning /usr/share/xserver-xorg/pci directory for additional PCI ID's supported by the drivers
(II) Matched radeon from file name radeon.ids
(==) Matched radeon for the autoconfigured driver
(==) Assigned the driver to the xf86ConfigLayout
(II) LoadModule: "radeon"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules/drivers//radeon_drv.so
(II) Module radeon: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 6.12.1
   Module class: X.Org Video Driver
   ABI class: X.Org Video Driver, version 5.0
(II) RADEON: Driver for ATI Radeon chipsets:
   ATI Radeon Mobility X600 (M24) 3150 (PCIE), ATI FireMV 2400 (PCI),
   ATI Radeon Mobility X300 (M24) 3152 (PCIE),
   ATI FireGL M24 GL 3154 (PCIE), ATI Radeon X600 (RV380) 3E50 (PCIE),
   ATI FireGL V3200 (RV380) 3E54 (PCIE), ATI Radeon IGP320 (A3) 4136,
   ATI Radeon IGP330/340/350 (A4) 4137, ATI Radeon 9500 AD (AGP),
   ATI Radeon 9500 AE (AGP), ATI Radeon 9600TX AF (AGP),
   ATI FireGL Z1 AG (AGP), ATI Radeon 9800SE AH (AGP),
   ATI Radeon 9800 AI (AGP), ATI Radeon 9800 AJ (AGP),
   ATI FireGL X2 AK (AGP), ATI Radeon 9600 AP (AGP),
   ATI Radeon 9600SE AQ (AGP), ATI Radeon 9600XT AR (AGP),
   ATI Radeon 9600 AS (AGP), ATI FireGL T2 AT (AGP), ATI Radeon 9650,
   ATI FireGL RV360 AV (AGP), ATI Radeon 7000 IGP (A4+) 4237,
   ATI Radeon 8500 AIW BB (AGP), ATI Radeon 8500 AIW BC (AGP),
   ATI Radeon IGP320M (U1) 4336, ATI Radeon IGP330M/340M/350M (U2) 4337,
   ATI Radeon Mobility 7000 IGP 4437, ATI Radeon 9000/PRO If (AGP/PCI),
   ATI Radeon 9000 Ig (AGP/PCI), ATI Radeon X800 (R420) JH (AGP),
   ATI Radeon X800PRO (R420) JI (AGP),
   ATI Radeon X800SE (R420) JJ (AGP), ATI Radeon X800 (R420) JK (AGP),
   ATI Radeon X800 (R420) JL (AGP), ATI FireGL X3 (R420) JM (AGP),
   ATI Radeon Mobility 9800 (M18) JN (AGP),
   ATI Radeon X800 SE (R420) (AGP), ATI Radeon X800XT (R420) JP (AGP),
   ATI Radeon X850 XT (R480) (AGP), ATI Radeon X850 SE (R480) (AGP),
   ATI Radeon X850 PRO (R480) (AGP), ATI Radeon X850 XT PE (R480) (AGP),
   ATI Radeon Mobility M7 LW (AGP),
   ATI Mobility FireGL 7800 M7 LX (AGP),
   ATI Radeon Mobility M6 LY (AGP), ATI Radeon Mobility M6 LZ (AGP),
   ATI FireGL Mobility 9000 (M9) Ld (AGP),
   ATI Radeon Mobility 9000 (M9) Lf (AGP),
   ATI Radeon Mobility 9000 (M9) Lg (AGP), ATI Radeon 9700 Pro ND (AGP),
   ATI Radeon 9700/9500Pro NE (AGP), ATI Radeon 9600TX NF (AGP),
   ATI FireGL X1 NG (AGP), ATI Radeon 9800PRO NH (AGP),
   ATI Radeon 9800 NI (AGP), ATI FireGL X2 NK (AGP),
   ATI Radeon 9800XT NJ (AGP),
   ATI Radeon Mobility 9600/9700 (M10/M11) NP (AGP),
   ATI Radeon Mobility 9600 (M10) NQ (AGP),
   ATI Radeon Mobility 9600 (M11) NR (AGP),
   ATI Radeon Mobility 9600 (M10) NS (AGP),
   ATI FireGL Mobility T2 (M10) NT (AGP),
   ATI FireGL Mobility T2e (M11) NV (AGP), ATI Radeon QD (AGP),
   ATI Radeon QE (AGP), ATI Radeon QF (AGP), ATI Radeon QG (AGP),
   ATI FireGL 8700/8800 QH (AGP), ATI Radeon 8500 QL (AGP),
   ATI Radeon 9100 QM (AGP), ATI Radeon 7500 QW (AGP/PCI),
   ATI Radeon 7500 QX (AGP/PCI), ATI Radeon VE/7000 QY (AGP/PCI),
   ATI Radeon VE/7000 QZ (AGP/PCI), ATI ES1000 515E (PCI),
   ATI Radeon Mobility X300 (M22) 5460 (PCIE),
   ATI Radeon Mobility X600 SE (M24C) 5462 (PCIE),
   ATI FireGL M22 GL 5464 (PCIE), ATI Radeon X800 (R423) UH (PCIE),
   ATI Radeon X800PRO (R423) UI (PCIE),
   ATI Radeon X800LE (R423) UJ (PCIE),
   ATI Radeon X800SE (R423) UK (PCIE),
   ATI Radeon X800 XTP (R430) (PCIE), ATI Radeon X800 XL (R430) (PCIE),
   ATI Radeon X800 SE (R430) (PCIE), ATI Radeon X800 (R430) (PCIE),
   ATI FireGL V7100 (R423) (PCIE), ATI FireGL V5100 (R423) UQ (PCIE),
   ATI FireGL unknown (R423) UR (PCIE),
   ATI FireGL unknown (R423) UT (PCIE),
   ATI Mobility FireGL V5000 (M26) (PCIE),
   ATI Mobility FireGL V5000 (M26) (PCIE),
   ATI Mobility Radeon X700 XL (M26) (PCIE),
   ATI Mobility Radeon X700 (M26) (PCIE),
   ATI Mobility Radeon X700 (M26) (PCIE),
   ATI Radeon X550XTX 5657 (PCIE), ATI Radeon 9100 IGP (A5) 5834,
   ATI Radeon Mobility 9100 IGP (U3) 5835,
   ATI Radeon XPRESS 200 5954 (PCIE),
   ATI Radeon XPRESS 200M 5955 (PCIE), ATI Radeon 9250 5960 (AGP),
   ATI Radeon 9200 5961 (AGP), ATI Radeon 9200 5962 (AGP),
   ATI Radeon 9200SE 5964 (AGP), ATI FireMV 2200 (PCI),
   ATI ES1000 5969 (PCI), ATI Radeon XPRESS 200 5974 (PCIE),
   ATI Radeon XPRESS 200M 5975 (PCIE),
   ATI Radeon XPRESS 200 5A41 (PCIE),
   ATI Radeon XPRESS 200M 5A42 (PCIE),
   ATI Radeon XPRESS 200 5A61 (PCIE),
   ATI Radeon XPRESS 200M 5A62 (PCIE),
   ATI Radeon X300 (RV370) 5B60 (PCIE),
   ATI Radeon X600 (RV370) 5B62 (PCIE),
   ATI Radeon X550 (RV370) 5B63 (PCIE),
   ATI FireGL V3100 (RV370) 5B64 (PCIE),
   ATI FireMV 2200 PCIE (RV370) 5B65 (PCIE),
   ATI Radeon Mobility 9200 (M9+) 5C61 (AGP),
   ATI Radeon Mobility 9200 (M9+) 5C63 (AGP),
   ATI Mobility Radeon X800 XT (M28) (PCIE),
   ATI Mobility FireGL V5100 (M28) (PCIE),
   ATI Mobility Radeon X800 (M28) (PCIE), ATI Radeon X850 5D4C (PCIE),
   ATI Radeon X850 XT PE (R480) (PCIE),
   ATI Radeon X850 SE (R480) (PCIE), ATI Radeon X850 PRO (R480) (PCIE),
   ATI unknown Radeon / FireGL (R480) 5D50 (PCIE),
   ATI Radeon X850 XT (R480) (PCIE),
   ATI Radeon X800XT (R423) 5D57 (PCIE),
   ATI FireGL V5000 (RV410) (PCIE), ATI Radeon X700 XT (RV410) (PCIE),
   ATI Radeon X700 PRO (RV410) (PCIE),
   ATI Radeon X700 SE (RV410) (PCIE), ATI Radeon X700 (RV410) (PCIE),
   ATI Radeon X700 SE (RV410) (PCIE), ATI Radeon X1800,
   ATI Mobility Radeon X1800 XT, ATI Mobility Radeon X1800,
   ATI Mobility FireGL V7200, ATI FireGL V7200, ATI FireGL V5300,
   ATI Mobility FireGL V7100, ATI Radeon X1800, ATI Radeon X1800,
   ATI Radeon X1800, ATI Radeon X1800, ATI Radeon X1800,
   ATI FireGL V7300, ATI FireGL V7350, ATI Radeon X1600, ATI RV505,
   ATI Radeon X1300/X1550, ATI Radeon X1550, ATI M54-GL,
   ATI Mobility Radeon X1400, ATI Radeon X1300/X1550,
   ATI Radeon X1550 64-bit, ATI Mobility Radeon X1300,
   ATI Mobility Radeon X1300, ATI Mobility Radeon X1300,
   ATI Mobility Radeon X1300, ATI Radeon X1300, ATI Radeon X1300,
   ATI RV505, ATI RV505, ATI FireGL V3300, ATI FireGL V3350,
   ATI Radeon X1300, ATI Radeon X1550 64-bit, ATI Radeon X1300/X1550,
   ATI Radeon X1600, ATI Radeon X1300/X1550, ATI Mobility Radeon X1450,
   ATI Radeon X1300/X1550, ATI Mobility Radeon X2300,
   ATI Mobility Radeon X2300, ATI Mobility Radeon X1350,
   ATI Mobility Radeon X1350, ATI Mobility Radeon X1450,
   ATI Radeon X1300, ATI Radeon X1550, ATI Mobility Radeon X1350,
   ATI FireMV 2250, ATI Radeon X1550 64-bit, ATI Radeon X1600,
   ATI Radeon X1650, ATI Radeon X1600, ATI Radeon X1600,
   ATI Mobility FireGL V5200, ATI Mobility Radeon X1600,
   ATI Radeon X1650, ATI Radeon X1650, ATI Radeon X1600,
   ATI Radeon X1300 XT/X1600 Pro, ATI FireGL V3400,
   ATI Mobility FireGL V5250, ATI Mobility Radeon X1700,
   ATI Mobility Radeon X1700 XT, ATI FireGL V5200,
   ATI Mobility Radeon X1700, ATI Radeon X2300HD,
   ATI Mobility Radeon HD 2300, ATI Mobility Radeon HD 2300,
   ATI Radeon X1950, ATI Radeon X1900, ATI Radeon X1950,
   ATI Radeon X1900, ATI Radeon X1900, ATI Radeon X1900,
   ATI Radeon X1900, ATI Radeon X1900, ATI Radeon X1900,
   ATI Radeon X1900, ATI Radeon X1900, ATI Radeon X1900,
   ATI AMD Stream Processor, ATI Radeon X1900, ATI Radeon X1950,
   ATI RV560, ATI RV560, ATI Mobility Radeon X1900, ATI RV560,
   ATI Radeon X1950 GT, ATI RV570, ATI RV570, ATI FireGL V7400,
   ATI RV560, ATI Radeon X1650, ATI Radeon X1650, ATI RV560,
   ATI Radeon 9100 PRO IGP 7834, ATI Radeon Mobility 9200 IGP 7835,
   ATI Radeon X1200, ATI Radeon X1200, ATI Radeon X1200,
   ATI Radeon X1200, ATI Radeon X1200, ATI RS740, ATI RS740M, ATI RS740,
   ATI RS740M, ATI Radeon HD 2900 XT, ATI Radeon HD 2900 XT,
   ATI Radeon HD 2900 XT, ATI Radeon HD 2900 Pro, ATI Radeon HD 2900 GT,
   ATI FireGL V8650, ATI FireGL V8600, ATI FireGL V7600,
   ATI Radeon 4800 Series, ATI Radeon HD 4870 x2,
   ATI Radeon 4800 Series, ATI FirePro V8750 (FireGL),
   ATI FirePro V7760 (FireGL), ATI Mobility RADEON HD 4850,
   ATI Mobility RADEON HD 4850 X2, ATI Radeon 4800 Series,
   ATI FirePro RV770, AMD FireStream 9270, AMD FireStream 9250,
   ATI FirePro V8700 (FireGL), ATI Mobility RADEON HD 4870,
   ATI Mobility RADEON M98, ATI FirePro M7750, ATI M98, ATI M98,
   ATI M98, ATI Radeon RV730 (AGP), ATI FirePro M5750,
   ATI Radeon RV730 (AGP), ATI RV730XT [Radeon HD 4670],
   ATI RADEON E4600, ATI RV730 PRO [Radeon HD 4650],
   ATI FirePro V7750 (FireGL), ATI FirePro V5700 (FireGL),
   ATI FirePro V3750 (FireGL), ATI RV610, ATI Radeon HD 2400 XT,
   ATI Radeon HD 2400 Pro, ATI Radeon HD 2400 PRO AGP, ATI FireGL V4000,
   ATI RV610, ATI Radeon HD 2350, ATI Mobility Radeon HD 2400 XT,
   ATI Mobility Radeon HD 2400, ATI RADEON E2400, ATI RV610,
   ATI FireMV 2260, ATI RV670, ATI Radeon HD3870,
   ATI Mobility Radeon HD 3850, ATI Radeon HD3850,
   ATI Mobility Radeon HD 3850 X2, ATI RV670,
   ATI Mobility Radeon HD 3870, ATI Mobility Radeon HD 3870 X2,
   ATI Radeon HD3870 X2, ATI FireGL V7700, ATI Radeon HD3850,
   ATI Radeon HD3690, AMD Firestream 9170, ATI Radeon HD 4550,
   ATI Radeon RV710, ATI Radeon RV710, ATI Radeon HD 4350,
   ATI Mobility Radeon 4300 Series, ATI Mobility Radeon 4500 Series,
   ATI Mobility Radeon 4500 Series, ATI RV630,
   ATI Mobility Radeon HD 2600, ATI Mobility Radeon HD 2600 XT,
   ATI Radeon HD 2600 XT AGP, ATI Radeon HD 2600 Pro AGP,
   ATI Radeon HD 2600 XT, ATI Radeon HD 2600 Pro, ATI Gemini RV630,
   ATI Gemini Mobility Radeon HD 2600 XT, ATI FireGL V5600,
   ATI FireGL V3600, ATI Radeon HD 2600 LE,
   ATI Mobility FireGL Graphics Processor, ATI Radeon RV710,
   ATI Radeon HD 3470, ATI Mobility Radeon HD 3430,
   ATI Mobility Radeon HD 3400 Series, ATI Radeon HD 3450,
   ATI Radeon HD 3450, ATI Radeon HD 3430, ATI Radeon HD 3450,
   ATI FirePro V3700, ATI FireMV 2450, ATI FireMV 2260, ATI FireMV 2260,
   ATI Radeon HD 3600 Series, ATI Radeon HD 3650 AGP,
   ATI Radeon HD 3600 PRO, ATI Radeon HD 3600 XT,
   ATI Radeon HD 3600 PRO, ATI Mobility Radeon HD 3650,
   ATI Mobility Radeon HD 3670, ATI Mobility FireGL V5700,
   ATI Mobility FireGL V5725, ATI Radeon HD 3200 Graphics,
   ATI Radeon 3100 Graphics, ATI Radeon HD 3200 Graphics,
   ATI Radeon 3100 Graphics, ATI Radeon HD 3300 Graphics,
   ATI Radeon HD 3200 Graphics, ATI Radeon 3000 Graphics,
   ATI Radeon HD Graphics, ATI Radeon Graphics,
   ATI Mobility Radeon HD Graphics, ATI Mobility Radeon Graphics,
   ATI Radeon Graphics
(II) Primary Device is: PCI 01@00:00:0
(II) resource ranges after xf86ClaimFixedResources() call:
   [0] -1   0   0xffffffff - 0xffffffff (0x1) MX[B]
   [1] -1   0   0x000f0000 - 0x000fffff (0x10000) MX[B]
   [2] -1   0   0x000c0000 - 0x000effff (0x30000) MX[B]
   [3] -1   0   0x00000000 - 0x0009ffff (0xa0000) MX[B]
   [4] -1   0   0x0000ffff - 0x0000ffff (0x1) IX[B]
   [5] -1   0   0x00000000 - 0x00000000 (0x1) IX[B]
(II) resource ranges after probing:
   [0] -1   0   0xffffffff - 0xffffffff (0x1) MX[B]
   [1] -1   0   0x000f0000 - 0x000fffff (0x10000) MX[B]
   [2] -1   0   0x000c0000 - 0x000effff (0x30000) MX[B]
   [3] -1   0   0x00000000 - 0x0009ffff (0xa0000) MX[B]
   [4] 0   0   0x000a0000 - 0x000affff (0x10000) MS[B]
   [5] 0   0   0x000b0000 - 0x000b7fff (0x8000) MS[B]
   [6] 0   0   0x000b8000 - 0x000bffff (0x8000) MS[B]
   [7] -1   0   0x0000ffff - 0x0000ffff (0x1) IX[B]
   [8] -1   0   0x00000000 - 0x00000000 (0x1) IX[B]
   [9] 0   0   0x000003b0 - 0x000003bb (0xc) IS[B]
   [10] 0   0   0x000003c0 - 0x000003df (0x20) IS[B]
(II) Setting vga for screen 0.
(II) RADEON(0): TOTO SAYS 00000000fc000000
(II) RADEON(0): MMIO registers at 0x00000000fc000000: size 64KB
(II) RADEON(0): PCI bus 1 card 0 func 0
(II) RADEON(0): Creating default Display subsection in Screen section
   "Default Screen" for depth/fbbpp 24/32
(==) RADEON(0): Depth 24, (--) framebuffer bpp 32
(II) RADEON(0): Pixel depth = 24 bits stored in 4 bytes (32 bpp pixmaps)
(==) RADEON(0): Default visual is TrueColor
(II) Loading sub module "vgahw"
(II) LoadModule: "vgahw"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules//libvgahw.so
(II) Module vgahw: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 0.1.0
   ABI class: X.Org Video Driver, version 5.0
(II) RADEON(0): vgaHWGetIOBase: hwp->IOBase is 0x03d0, hwp->PIOOffset is 0x0000
(==) RADEON(0): RGB weight 888
(II) RADEON(0): Using 8 bits per RGB (8 bit DAC)
(--) RADEON(0): Chipset: "ATI Mobility Radeon HD 3650" (ChipID = 0x9591)
(WW) RADEON(0): R600 support is mostly incomplete and very experimental
(--) RADEON(0): Linear framebuffer at 0x00000000d0000000
(II) RADEON(0): PCIE card detected
(II) Loading sub module "int10"
(II) LoadModule: "int10"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules//libint10.so
(II) Module int10: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 1.0.0
   ABI class: X.Org Video Driver, version 5.0
(II) RADEON(0): initializing int10
(II) RADEON(0): Primary V_BIOS segment is: 0xc000
(II) RADEON(0): ATOM BIOS detected
(II) RADEON(0): ATOM BIOS Rom:
   SubsystemVendorID: 0x1028 SubsystemID: 0x0256
   IOBaseAddress: 0x2000
   Filename: BR30676.002
   BIOS Bootup Message:

BR30676-001 M86 GDDR2_32Mx16 128bit 512MB 450e/500m                        


(II) RADEON(0): Framebuffer space used by Firmware (kb): 20
(II) RADEON(0): Start of VRAM area used by Firmware: 0xfffb000
(II) RADEON(0): AtomBIOS requests 20kB of VRAM scratch space
(II) RADEON(0): AtomBIOS VRAM scratch base: 0xfffb000
(II) RADEON(0): Cannot get VRAM scratch space. Allocating in main memory instead
(II) RADEON(0): Default Engine Clock: 450000
(II) RADEON(0): Default Memory Clock: 500000
(II) RADEON(0): Maximum Pixel ClockPLL Frequency Output: 1200000
(II) RADEON(0): Minimum Pixel ClockPLL Frequency Output: 0
(II) RADEON(0): Maximum Pixel ClockPLL Frequency Input: 13500
(II) RADEON(0): Minimum Pixel ClockPLL Frequency Input: 1000
(II) RADEON(0): Maximum Pixel Clock: 400000
(II) RADEON(0): Reference Clock: 27000
(EE) RADEON(0): [dri] RADEONDRIGetVersion failed to open the DRM
[dri] Disabling DRI.
(II) RADEON(0): using shadow framebuffer
(II) Loading sub module "shadow"
(II) LoadModule: "shadow"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules//libshadow.so
(II) Module shadow: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 1.1.0
   ABI class: X.Org ANSI C Emulation, version 0.4
(II) RADEON(0): Detected total video RAM=262144K, accessible=262144K (PCI BAR=262144K)
(--) RADEON(0): Mapped VideoRAM: 262144 kByte (128 bit DDR SDRAM)
(II) RADEON(0): Color tiling disabled
(II) RADEON(0): Max desktop size set to 2560x1600
(II) RADEON(0): For a larger or smaller max desktop size, add a Virtual line to your xorg.conf
(II) RADEON(0): If you are having trouble with 3D, reduce the desktop size by adjusting the Virtual line to your xorg.conf
(II) Loading sub module "ddc"
(II) LoadModule: "ddc"
(II) Module "ddc" already built-in
(II) Loading sub module "i2c"
(II) LoadModule: "i2c"
(II) Module "i2c" already built-in
(II) RADEON(0): ref_freq: 2700, min_out_pll: 64800, max_out_pll: 120000, min_in_pll: 100, max_in_pll: 1350, xclk: 40000, sclk: 450.000000, mclk: 500.000000
(II) RADEON(0): PLL parameters: rf=2700 rd=12 min=64800 max=120000; xclk=40000
(WW) RADEON(0): LVDS Info:
XRes: 1440, YRes: 900, DotClock: 109500
HBlank: 534, HOverPlus: 70, HSyncWidth: 40
VBlank: 12, VOverPlus: 1, VSyncWidth: 3
(II) RADEON(0): Output VGA-0 using monitor section Configured Monitor
(II) RADEON(0): I2C bus "VGA-0" initialized.
(II) RADEON(0): Output LVDS has no monitor section
(II) RADEON(0): I2C bus "LVDS" initialized.
(II) RADEON(0): Output HDMI-0 has no monitor section
(II) RADEON(0): I2C bus "HDMI-0" initialized.
(II) RADEON(0): Port0:
  XRANDR name: VGA-0
  Connector: VGA
  CRT1: INTERNAL_KLDSCP_DAC1
  DDC reg: 0x7e20
(II) RADEON(0): Port1:
  XRANDR name: LVDS
  Connector: LVDS
  LCD1: INTERNAL_KLDSCP_LVTMA
  DDC reg: 0x7e40
(II) RADEON(0): Port2:
  XRANDR name: HDMI-0
  Connector: HDMI-B
  DFP1: INTERNAL_UNIPHY
  DDC reg: 0x7e60
(II) RADEON(0): I2C device "VGA-0:E-EDID segment register" registered at address 0x60.
(II) RADEON(0): I2C device "VGA-0:ddc2" registered at address 0xA0.
(II) RADEON(0): Output: VGA-0, Detected Monitor Type: 0
Dac detection success
finished output detect: 0
(II) RADEON(0): I2C device "LVDS:E-EDID segment register" registered at address 0x60.
(II) RADEON(0): I2C device "LVDS:ddc2" registered at address 0xA0.
(II) RADEON(0): Output: LVDS, Detected Monitor Type: 2
(II) RADEON(0): EDID data from the display on output: LVDS ----------------------
(II) RADEON(0): Manufacturer: LPL  Model: 0  Serial#: 0
(II) RADEON(0): Year: 2007  Week: 0
(II) RADEON(0): EDID Version: 1.3
(II) RADEON(0): Digital Display Input
(II) RADEON(0): Max Image Size [cm]: horiz.: 37  vert.: 23
(II) RADEON(0): Gamma: 2.20
(II) RADEON(0): No DPMS capabilities specified
(II) RADEON(0): Supported color encodings: RGB 4:4:4 YCrCb 4:4:4
(II) RADEON(0): First detailed timing is preferred mode
(II) RADEON(0): redX: 0.602 redY: 0.351   greenX: 0.322 greenY: 0.554
(II) RADEON(0): blueX: 0.157 blueY: 0.146   whiteX: 0.312 whiteY: 0.328
(II) RADEON(0): Manufacturer's mask: 0
(II) RADEON(0): Supported additional Video Mode:
(II) RADEON(0): clock: 109.5 MHz   Image Size:  370 x 230 mm
(II) RADEON(0): h_active: 1440  h_sync: 1510  h_sync_end 1550 h_blank_end 1974 h_border: 0
(II) RADEON(0): v_active: 900  v_sync: 901  v_sync_end 904 v_blanking: 912 v_border: 0
(WW) RADEON(0): Unknown vendor-specific block 0
(II) RADEON(0):  RM247
(II) RADEON(0):  .>ISt—Æÿ
(II) RADEON(0): EDID (in hex):
(II) RADEON(0):    00ffffffffffff00320c000000000000
(II) RADEON(0):    00110103902517780a3b609a59528d28
(II) RADEON(0):    25505400000001010101010101010101
(II) RADEON(0):    010101010101c62aa01652840c304628
(II) RADEON(0):    13006fe6100000190000000000000000
(II) RADEON(0):    00000000000000000000000000fe0052
(II) RADEON(0):    4d323437003137315750340a000000fe
(II) RADEON(0):    002e3e49537497c6ff02010a20200065
finished output detect: 1
(II) RADEON(0): I2C device "HDMI-0:E-EDID segment register" registered at address 0x60.
(II) RADEON(0): I2C device "HDMI-0:ddc2" registered at address 0xA0.
(II) RADEON(0): Output: HDMI-0, Detected Monitor Type: 0
invalid output device for dac detection
finished output detect: 2
finished all detect
before xf86InitialConfiguration
(II) RADEON(0): Output: VGA-0, Detected Monitor Type: 0
Dac detection success
(II) RADEON(0): Output: LVDS, Detected Monitor Type: 2
(II) RADEON(0): EDID data from the display on output: LVDS ----------------------
(II) RADEON(0): Manufacturer: LPL  Model: 0  Serial#: 0
(II) RADEON(0): Year: 2007  Week: 0
(II) RADEON(0): EDID Version: 1.3
(II) RADEON(0): Digital Display Input
(II) RADEON(0): Max Image Size [cm]: horiz.: 37  vert.: 23
(II) RADEON(0): Gamma: 2.20
(II) RADEON(0): No DPMS capabilities specified
(II) RADEON(0): Supported color encodings: RGB 4:4:4 YCrCb 4:4:4
(II) RADEON(0): First detailed timing is preferred mode
(II) RADEON(0): redX: 0.602 redY: 0.351   greenX: 0.322 greenY: 0.554
(II) RADEON(0): blueX: 0.157 blueY: 0.146   whiteX: 0.312 whiteY: 0.328
(II) RADEON(0): Manufacturer's mask: 0
(II) RADEON(0): Supported additional Video Mode:
(II) RADEON(0): clock: 109.5 MHz   Image Size:  370 x 230 mm
(II) RADEON(0): h_active: 1440  h_sync: 1510  h_sync_end 1550 h_blank_end 1974 h_border: 0
(II) RADEON(0): v_active: 900  v_sync: 901  v_sync_end 904 v_blanking: 912 v_border: 0
(WW) RADEON(0): Unknown vendor-specific block 0
(II) RADEON(0):  RM247
(II) RADEON(0):  .>ISt—Æÿ
(II) RADEON(0): EDID (in hex):
(II) RADEON(0):    00ffffffffffff00320c000000000000
(II) RADEON(0):    00110103902517780a3b609a59528d28
(II) RADEON(0):    25505400000001010101010101010101
(II) RADEON(0):    010101010101c62aa01652840c304628
(II) RADEON(0):    13006fe6100000190000000000000000
(II) RADEON(0):    00000000000000000000000000fe0052
(II) RADEON(0):    4d323437003137315750340a000000fe
(II) RADEON(0):    002e3e49537497c6ff02010a20200065
(II) RADEON(0): EDID vendor "LPL", prod id 0
(II) RADEON(0):     EDID quirk: Detailed timings give sizes in cm.
(II) RADEON(0): Output: HDMI-0, Detected Monitor Type: 0
invalid output device for dac detection
(II) RADEON(0): Output VGA-0 disconnected
(II) RADEON(0): Output LVDS connected
(II) RADEON(0): Output HDMI-0 disconnected
(II) RADEON(0): Using exact sizes for initial modes
(II) RADEON(0): Output LVDS using initial mode 1440x900
after xf86InitialConfiguration
(==) RADEON(0): DPI set to (96, 96)
(II) Loading sub module "fb"
(II) LoadModule: "fb"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules//libfb.so
(II) Module fb: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 1.0.0
   ABI class: X.Org ANSI C Emulation, version 0.4
(==) RADEON(0): Using gamma correction (1.0, 1.0, 1.0)
(II) Loading sub module "ramdac"
(II) LoadModule: "ramdac"
(II) Module "ramdac" already built-in
(==) RADEON(0): Will attempt to use R6xx/R7xx EXA support if DRI is enabled.
(II) Loading sub module "exa"
(II) LoadModule: "exa"
(II) Loading /usr/lib/xorg/modules//libexa.so
(II) Module exa: vendor="X.Org Foundation"
   compiled for 1.6.0, module version = 2.4.0
   ABI class: X.Org Video Driver, version 5.0
(!!) RADEON(0): For information on using the multimedia capabilities
   of this adapter, please see http://gatos.sf.net.
(!!) RADEON(0): MergedFB support has been removed and replaced with xrandr 1.2 support
(--) Depth 24 pixmap format is 32 bpp
(II) do I need RAC?  No, I don't.
(II) resource ranges after preInit:
   [0] -1   0   0xffffffff - 0xffffffff (0x1) MX[B]
   [1] -1   0   0x000f0000 - 0x000fffff (0x10000) MX[B]
   [2] -1   0   0x000c0000 - 0x000effff (0x30000) MX[B]
   [3] -1   0   0x00000000 - 0x0009ffff (0xa0000) MX[B]
   [4] 0   0   0x000a0000 - 0x000affff (0x10000) MS[B](OprU)
   [5] 0   0   0x000b0000 - 0x000b7fff (0x8000) MS[B](OprU)
   [6] 0   0   0x000b8000 - 0x000bffff (0x8000) MS[B](OprU)
   [7] -1   0   0x0000ffff - 0x0000ffff (0x1) IX[B]
   [8] -1   0   0x00000000 - 0x00000000 (0x1) IX[B]
   [9] 0   0   0x000003b0 - 0x000003bb (0xc) IS[B](OprU)
   [10] 0   0   0x000003c0 - 0x000003df (0x20) IS[B](OprU)
(II) RADEON(0): RADEONScreenInit d0000000 0 0
Output DIG dpms success
Blank CRTC 0 success
Disable CRTC 0 success
Disable CRTC memreq 0 success
Blank CRTC 1 success
Disable CRTC 1 success
Disable CRTC memreq 1 success
mc fb loc is 00df00d0
(II) RADEON(0): RADEONInitMemoryMap() :
(II) RADEON(0):   mem_size         : 0x10000000
(II) RADEON(0):   MC_FB_LOCATION   : 0x00df00d0
(II) RADEON(0):   MC_AGP_LOCATION  : 0x003f0000
(II) RADEON(0): Depth moves disabled by default
(II) RADEON(0): Allocating from a screen of 262144 kb
(II) RADEON(0): Will use 32 kb for hardware cursor 0 at offset 0x00870000
(II) RADEON(0): Will use 32 kb for hardware cursor 1 at offset 0x00874000
(II) RADEON(0): Will use 8640 kb for front buffer at offset 0x00000000
(II) RADEON(0): Will use 253472 kb for X Server offscreen at offset 0x00878000
(II) RADEON(0): RADEONRestoreMemMapRegisters() :
(II) RADEON(0):   MC_FB_LOCATION   : 0x00df00d0 0x00df00d0
(II) RADEON(0):   MC_AGP_LOCATION  : 0x003f0000
(==) RADEON(0): Backing store disabled
(WW) RADEON(0): Direct rendering disabled
(EE) RADEON(0): Acceleration initialization failed
(II) RADEON(0): Acceleration disabled
(II) RADEON(0): DPMS enabled
(==) RADEON(0): Silken mouse enabled
(II) RADEON(0): Textured video requires CP on R5xx/R6xx/R7xx/IGP
Output CRT1 disable success
Output DIG dpms success
Output DIG dpms success
Blank CRTC 0 success
Disable CRTC 0 success
Disable CRTC memreq 0 success
Blank CRTC 1 success
Disable CRTC 1 success
Disable CRTC memreq 1 success
Output DIG dpms success
Blank CRTC 0 success
Disable CRTC 0 success
Disable CRTC memreq 0 success
Mode 1440x900 - 1974 912 10
(II) RADEON(0): RADEONRestoreMemMapRegisters() :
(II) RADEON(0):   MC_FB_LOCATION   : 0x00df00d0 0x00df00d0
(II) RADEON(0):   MC_AGP_LOCATION  : 0x003f0000
freq: 109500000
best_freq: 109500000
best_feedback_div: 73
best_ref_div: 2
best_post_div: 9
(II) RADEON(0): crtc(0) Clock: mode 109500, PLL 109500
(II) RADEON(0): crtc(0) PLL  : refdiv 2, fbdiv 0x49(73), pdiv 9
Set CRTC 0 PLL success
Set CRTC Timing success
Set CRTC 0 Overscan success
Not using RMX
scaler 0 setup success
Set CRTC 0 Source success
crtc 0 YUV disable setup success
Output DIG2 encoder setup success
Output DIG0 transmitter setup success
Output DIG dpms success
Enable CRTC memreq 0 success
Enable CRTC 0 success
Unblank CRTC 0 success
Output CRT1 disable success
Output DIG dpms success
Blank CRTC 1 success
Disable CRTC 1 success
Disable CRTC memreq 1 success
(II) RADEON(0): RandR 1.2 enabled, ignore the following RandR disabled message.
(--) RandR disabled
(II) Initializing built-in extension Generic Event Extension
(II) Initializing built-in extension SHAPE
(II) Initializing built-in extension MIT-SHM
(II) Initializing built-in extension XInputExtension
(II) Initializing built-in extension XTEST
(II) Initializing built-in extension BIG-REQUESTS
(II) Initializing built-in extension SYNC
(II) Initializing built-in extension XKEYBOARD
(II) Initializing built-in extension XC-MISC
(II) Initializing built-in extension SECURITY
(II) Initializing built-in extension XINERAMA
(II) Initializing built-in extension XFIXES
(II) Initializing built-in extension RENDER
(II) Initializing built-in extension RANDR
(II) Initializing built-in extension COMPOSITE
(II) Initializing built-in extension DAMAGE


Ho provato a dare i comandi che mi hai suggerito
ma sono risultati tutti negativi
anche ln e cp
Abbi pazienza
non so proprio che dire
Grazie
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » lunedì 4 gennaio 2010, 1:54

Devo spezzettare la risposta
Allegati
auth.log
(119.26 KiB) Scaricato 16 volte
dmesg.doc
(51.74 KiB) Scaricato 22 volte
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » lunedì 4 gennaio 2010, 2:08

che disastro
Allegati
messages_1.bz2
(32.53 KiB) Scaricato 22 volte
message_2.bz2
(35.41 KiB) Scaricato 20 volte
user.log
(3.22 KiB) Scaricato 25 volte
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda nativis » lunedì 4 gennaio 2010, 2:53

Hai aperto la partizionne /media/disk/ prima di dare i comandi? Altrimenti potrebbe non vederla.
Hai la cartella home criptata? Ci sono segnalazioni di errore di autenticazione. Il sistema era installato da molto?
Hai sostituito il file xorg.conf.failsafe a xorg.conf per vedere se parte lo stesso (come descritto sopra)?

Sembra che vengano caricati sia i driver proprietari FGLRX che i Radeon open source. Ma gli FGLRX non vengono inizializati. Invece partono i Radeon che, tra l'altro, sembra non ti diano funzioni 3D.

Edit
Allega anche il file /etc/X11/xorg.conf
Ultima modifica di nativis il lunedì 4 gennaio 2010, 3:12, modificato 1 volta in totale.
nativis Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1851
Iscrizione: novembre 2008

Re: [Guida] Schermo nero - Bloccato - Disinstallare driver - ATI - nVIDIA

Messaggioda Kiefer » lunedì 4 gennaio 2010, 3:14

Si ho aperto la partizione
Non credo di avere la home criptata
si  è installato da maggio
no non ci sono riuscito
ti allego cio che mi è venuto fuori
Codice: Seleziona tutto
ubuntu@ubuntu:~$ sudo apt-get --purge remove /media/disk/fglrx-amdcccle
Lettura della lista dei pacchetti in corso... Fatto
Generazione dell'albero delle dipendenze in corso      
Lettura informazioni sullo stato... Fatto       
E: Impossibile trovare
ubuntu@ubuntu:~$ sudo apt-get --purge remove /media/disk/fglrx-kernel-$(uname -r)
Lettura della lista dei pacchetti in corso... Fatto
Generazione dell'albero delle dipendenze in corso      
Lettura informazioni sullo stato... Fatto       
E: Impossibile trovare
ubuntu@ubuntu:~$ sudo apt-get --purge remove /media/disk/fglrx-kernel-source
Lettura della lista dei pacchetti in corso... Fatto
Generazione dell'albero delle dipendenze in corso      
Lettura informazioni sullo stato... Fatto       
E: Impossibile trovare
ubuntu@ubuntu:~$ sudo apt-get --purge remove /media/disk/xorg-driver-fglrx-dev
Lettura della lista dei pacchetti in corso... Fatto
Generazione dell'albero delle dipendenze in corso      
Lettura informazioni sullo stato... Fatto       
E: Impossibile trovare
ubuntu@ubuntu:~$ sudo apt-get --purge remove /media/disk/xorg-driver-fglrx
Lettura della lista dei pacchetti in corso... Fatto
Generazione dell'albero delle dipendenze in corso      
Lettura informazioni sullo stato... Fatto       
E: Impossibile trovare
ubuntu@ubuntu:~$ sudo apt-get --purge remove /media/disk/xserver-xgl
Lettura della lista dei pacchetti in corso... Fatto
Generazione dell'albero delle dipendenze in corso      
Lettura informazioni sullo stato... Fatto       
E: Impossibile trovare
ubuntu@ubuntu:~$ cd /media/disk/usr/share/ati
ubuntu@ubuntu:/media/disk/usr/share/ati$ sudo sh fglrx-uninstall.sh

[Warning] Uninstall : inst_path_default or inst_path_override
 does not exist in /etc/ati.  This suggests that the ATI driver
 is not installed, the ATI driver is only partially installed,
 or the current ATI driver installed is an older version than the
 one this script was designed for.  Both files listed above are
 required for determining where installed files are located.
 To force uninstallation of the driver by guessing where the
 uninstallation files are located, set the FORCE_ATI_UNINSTALL
 environment variable and re-run fglrx-uninstall.sh (this is not recommended).

ubuntu@ubuntu:/media/disk/usr/share/ati$ sudo /media/disk/ln -s /usr/lib/libGL.so.1.2 /usr/lib/libGL.so.1
sudo: /media/disk/ln: command not found
ubuntu@ubuntu:/media/disk/usr/share/ati$ sudo cp /media/disk/etc/X11/xorg.conf.failsafe /media/disk/etc/X11/xorg.conf
cp: cannot stat `/media/disk/etc/X11/xorg.conf.failsafe': No such file or directory
ubuntu@ubuntu:/media/disk/usr/share/ati$ cd ..
ubuntu@ubuntu:/media/disk/usr/share$ cd ..
ubuntu@ubuntu:/media/disk/usr$ cd ..
ubuntu@ubuntu:/media/disk$ sudo cp /media/disk/etc/X11/xorg.conf.failsafe /media/disk/etc/X11/xorg.conf
cp: cannot stat `/media/disk/etc/X11/xorg.conf.failsafe': No such file or directory
ubuntu@ubuntu:/media/disk$ cat /media/disk/etc/X11/xorg.conf
# xorg.conf (X.Org X Window System server configuration file)
#
# This file was generated by dexconf, the Debian X Configuration tool, using
# values from the debconf database.
#
# Edit this file with caution, and see the xorg.conf manual page.
# (Type "man xorg.conf" at the shell prompt.)
#
# This file is automatically updated on xserver-xorg package upgrades *only*
# if it has not been modified since the last upgrade of the xserver-xorg
# package.
#
# Note that some configuration settings that could be done previously
# in this file, now are automatically configured by the server and settings
# here are ignored.
#
# If you have edited this file but would like it to be automatically updated
# again, run the following command:
#   sudo dpkg-reconfigure -phigh xserver-xorg

Section "Device"
   Identifier   "Configured Video Device"
EndSection

Section "Monitor"
   Identifier   "Configured Monitor"
EndSection

Section "Screen"
   Identifier   "Default Screen"
   Monitor      "Configured Monitor"
   Device      "Configured Video Device"
EndSection
ubuntu@ubuntu:/media/disk$


i driver Radeon non ricordo dove sono stati installati
avevo anche un pulsante che mi eliminava gli effetti 3D scaricato dal sito di Majorana
xorg.conf è qui sopra
PC = Intel pentium III,1000 MHz - Asus CUSL2-intel solano i815EP - 512 MB(RAM)-GeForce 6200 (256 Mb) - NoteBook = Dell Studio 17 Laptop - Intel® Core™ 2 Duo P8600 (2.40 GHz, FSB 1.066 MHz), 256 MB ATI Mobility RADEON HD 3650 (Peccato). Internet Gratis su tutto il territorio Nazionale
Avatar utente
Kiefer Maschile
Prode Principiante
 
Messaggi: 178
Iscrizione: settembre 2008
Località: Vicenza
Distribuzione: Ubuntu 12.04.2 32 Bit

Successiva

Torna a Driver e periferiche

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: chry791, dadexix86, fcoppi201075, PsyOtto e 12 ospiti