Notizia:
  • Rilasciata Ubuntu 13.10 Saucy Salamander. Per ottenerla, visitate questa pagina oppure visualizzate la dimostrazione.
  • È uscito il numero 15 della Newsletter italiana di Ubuntu. Lo trovate a questo indirizzo.
  • È uscito il numero 79 di Full Circle Magazine in italiano. Lo trovate a questo indirizzo.

[Progetto] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Iniziative e progetti della comunità legati a Ubuntu.
Regole della sezione
Questa sezione ha lo scopo di raccogliere le iniziative/progetti della nostra Comunità legati ad Ubuntu. I progetti ospitati nascono da iniziative degli utenti o gruppi di utenti. In futuro i progetti potrebbero rimanere iniziative "personali" o essere integrate nella distribuzione, sponsorizzate da Ubuntu o da Canonical a discrezione dei responsabili. All'interno di essa sarà possibile inserire delle discussioni che hanno la funzione di pubblicizzare avvenimenti, iniziative e progetti software su Ubuntu e GNU/Linux in generale. Sarà inoltre possibile per gli utenti proporre lo sviluppo di nuovi software e in questo caso la discussione di richiesta avrà la funzione di generare un requisito funzionale del prodotto da sviluppare.

Sezione I - Iniziative
  • Fanno parte di iniziative, ad esempio, le seguenti categorie: corsi, progetti editoriali, libri.
  • La segnalazione di un'iniziativa avviene creando una discussione con l'annuncio.
  • Una volta effettuata la segnalazione, la discussione viene chiusa dal Gruppo Forum.
  • Se l'iniziativa esposta comporta un costo di adesione o fruizione, questo deve essere esplicitamente riportato all'interno della discussione.
  • È obbligatorio segnalare all'interno della discussione i riferimenti per poter contattare/partecipare all'iniziativa.

Sezione II - Progetti
  • La segnalazione di un progetto software, come per le iniziative, avviene e si sviluppa all'interno di una singola discussione.
  • Sarà consentito l'inserimento di software solo se rilasciati sotto licenza GPL (in tutte le sue versioni) o equivalente FOSS, tale da garantire agli utenti l'utilizzo del prodotto senza restrizioni e agli sviluppatori la proprietà intellettuale del codice prodotto.
  • Nell'oggetto della discussione dovrà essere riportata la categoria (es. [Iniziativa], [Progetto] o [Proposta]) e una semplice descrizione del progetto.
  • Se il progetto ha già un sito che lo ospita sarà a discrezione del Gruppo Forum chiuderla come segnalazione o lasciarla aperta.
  • Se il progetto non ha un sito che lo ospita si potranno aprire due discussioni, una per proporre modifiche/implementazioni (dove nel titolo occorre specificare [sviluppo]) ed una per segnalare problemi (e nel titolo dovrà comparire [supporto]).
  • Non è consentita l'apertura di nuove discussioni in riferimento a versioni superiori o modificate di un prodotto già riportato in precedenza.
  • Se il software oggetto del progetto ha una dimensione non superiore ai 128 kB, per prodotti che non hanno un sito che li ospita, sarà possibile allegarlo alla discussione.

Sezione III - Proposte
  • Una proposta deve essere eseguita e si svilupperà all'interno di una singola discussione.
  • Le proposte dovranno essere inserite direttamente nella sezione "Progetti della Comunità".
  • Dovranno essere specificate le funzionalità che devono essere sviluppate.
  • Non dovranno essere riportate diciture tipo "...deve fare come questo software...", ma indicare nel miglior modo possibile i requisiti.
  • Una volta segnalata la discussione resterà aperta per consentire uno scambio di idee su come sviluppare il codice o finché gli sviluppatori non forniranno una soluzione (da pubblicizzare poi, come visto prima, nella sezione Progetti) che ne soddisfi il requisito.

Per quanto non esposto sopra, si fa comunque riferimento al Regolamento del forum ed al Codice di Condotta della Comunità.

[Progetto] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » lunedì 30 aprile 2007, 18:32

Buona sera a tutti,
vorrei proporre di creare una suite di programmi e modelli necessari per poter gestire una impresa edile in maniera efficiente senza per questo doversi svenare economicamente.
Le esigenze sono moltissime e qualche cosa l'ho già fatta usando OpenOffice; le prime che mi vengono in mente sono :
- computi metrici
- gestione cantiere (squadre di lavoro, approvvigionamenti, controllo avanzamento, problematiche)
- gestione contabile (S.A.L., flussi di cassa, pagamenti, fatturazione).
L'elenco può essere lunghissimo, secondo me un buon modo per procedere è quello di immaginare tutto il processo dall'inizio, sviluppare la prima esigenza dell'elenco, vedere cosa serve come applicativo (non Koffice è meglio di OpenOffice ma "devo avere un pulsante che lo schiaccio e mi sputa fuori questo"), definire cosa usare come software (qualcosa di già fatto su cui creare un modello od un software un po' acerbo su cui aggiungere qualche riga di codice o sviluppare un software partendo da zero), testare la soluzione, a parere positivo trasformarla da beta a stabile quindi passare al punto successivo.
Come organizzazione della forza lavoro vedrei bene i seguenti gruppi :
- coordinatore del progetto ( da eleggersi fra gli aderenti)
- gruppo degli "scrittori di codice"
- gruppo degli "sviluppatori di secondo livello" ( a volte non è necessario fare un programma ex novo ma basta creare un buon modello per OpenOffice)
- gruppo degli "sviluppatori grafici" ( anche l'occhio vuole la sua parte)
- gruppo degli "esploratori" (per cercare software adeguati, progetti con cui collaborare, guide, esperienze)
- gruppo degli "utenti potenziali" che si occupa di definire le esigenze e fare poi da beta tester.
Ovviamente lo scambio di idee fra i vari gruppi deve essere libero ( non esiste che uno sviluppatore di codice non possa dire la sua per quanto riguarda ad es. la grafica etc.) ma non caotico.
Ancora quattro cose che secondo me sono fondamentali :
- devono essere ben accette ed anzi incentivate le collaborazioni con altri progetti che possono a noi essere utili od a cui possiamo essere utili noi
- le soluzioni finali devono essere disponibili gratuitamente per tutta la comunità
- si dovrebbero fare scelte compatibili con le varie versioni ..buntiane (Kubuntu, Ubuntu, Xubuntu etc.)
- non si dovrebbe escludere a priori l'utilizzo di risorse a pagamento (su Windows si comprano le licenze per Acrobat, Office etc. perchè su Linux deve essere tutto per forza gratuito?) sempre però tenendo d'occhio l'ipotetico budget.
Per quanto mi riguarda posso mettere a disposizione quanto ho già creato (poco e di basso livello qualitativo), una piccola capacità per partecipare al gruppo degli sviluppatori di secondo livello, la partecipazione al gruppo degli esploratori (ho già effettuato una discreta mole di ricerca), la partecipazione al gruppo degli utenti potenziali ed un piccolo budget economico (visto che questo progetto mi dovrebbe portare dei vantaggi in ambito lavorativo).
Cosa ne pensate? Possiamo renderci utili gli uni agli altri?

EDIT: per informazioni il sito di riferimento è www.sciallo.net , iscrivetevi e potrete anche accedere al forum.
Ultima modifica di Bergoglio il lunedì 1 ottobre 2007, 19:43, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Uno » lunedì 30 aprile 2007, 18:43

Bergoglio ha scritto:Buona sera a tutti,
vorrei proporre di creare una suite di programmi e modelli necessari per poter gestire una impresa edile in maniera efficiente senza per questo doversi svenare economicamente.
Le esigenze sono moltissime e qualche cosa l'ho già fatta usando OpenOffice; le prime che mi vengono in mente sono :
- computi metrici
- gestione cantiere (squadre di lavoro, approvvigionamenti, controllo avanzamento, problematiche)
- gestione contabile (S.A.L., flussi di cassa, pagamenti, fatturazione).



Per computi metrici esattamente cosa intendi?
E invece per quanto riguarda la gestione cantiere, cosa dovrebbe essere gestito precisamente? Un programma che ad esempio ordina i lavori da fare per priorità o che altro?
porco diodo...
Avatar utente
Uno Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 412
Iscrizione: marzo 2007

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » lunedì 30 aprile 2007, 19:02

Il computo metrico, detto alla scarpona, è un elenco di costi e quantità per realizzare un'opera.
Esempio pratico : per fare casa tua avrai bisogno di 10 finestre 3 porte 50 mq di pavimenti tipo xy 100 mc di cemento etc. Per ogni voce inserisci le quantità, il costo unitario ed avrai alla fine il costo totale per costruire casa tua ( o di un cliente ).
Se sai usare bene un computo metrico puoi scoprire però molte più cose, ad esempio quali sono le voci di spesa che maggiormente incidono sul costo finale e su cui devi concentrarti per ridurre, oppure quali sono le voci con il più alto costo unitario per cui se sbagli in quelle fai in fretta ad andare del c**o (pardon, fallimento). Inoltre un computo metrico ti aiuta a definire le ore di lavorazione necessarie e quindi definire meglio le fasi lavorative per evitare di avere l'imbianchino fermo in cantiere quando ancora devono finire di tirare su i muri.
Gestire un cantiere vuol dire, per me, definire le varie fasi lavorative con i relativi tempi di attuazione per evitare sovrapposizioni come quella dell'imbianchino, definire quando devono arrivare i materiali in cantiere ed in che quantità perchè magari devi dividere la fornitura complessiva in più parti, quando effettuare gli ordini, verificare che tutto proceda secondo i piani o se hai dei rallentamenti e dove devi recuperare per non rischiare di pagare penali etc.
Ti ho aiutato?
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Uno » lunedì 30 aprile 2007, 19:22

Bergoglio ha scritto:Il computo metrico, detto alla scarpona, è un elenco di costi e quantità per realizzare un'opera.
Esempio pratico : per fare casa tua avrai bisogno di 10 finestre 3 porte 50 mq di pavimenti tipo xy 100 mc di cemento etc. Per ogni voce inserisci le quantità, il costo unitario ed avrai alla fine il costo totale per costruire casa tua ( o di un cliente ).
Se sai usare bene un computo metrico puoi scoprire però molte più cose, ad esempio quali sono le voci di spesa che maggiormente incidono sul costo finale e su cui devi concentrarti per ridurre, oppure quali sono le voci con il più alto costo unitario per cui se sbagli in quelle fai in fretta ad andare del c**o (pardon, fallimento). Inoltre un computo metrico ti aiuta a definire le ore di lavorazione necessarie e quindi definire meglio le fasi lavorative per evitare di avere l'imbianchino fermo in cantiere quando ancora devono finire di tirare su i muri.
Gestire un cantiere vuol dire, per me, definire le varie fasi lavorative con i relativi tempi di attuazione per evitare sovrapposizioni come quella dell'imbianchino, definire quando devono arrivare i materiali in cantiere ed in che quantità perchè magari devi dividere la fornitura complessiva in più parti, quando effettuare gli ordini, verificare che tutto proceda secondo i piani o se hai dei rallentamenti e dove devi recuperare per non rischiare di pagare penali etc.
Ti ho aiutato?


Beh, si okay. Per la gestione dal cantiere potrebbe essere interessante un programma che impari dall'esperienza, cioè visto che non si possono certo memorizzare i tempi di attesa di tutti i vari imbianchini nel mondo (tanto per stare nell'esempio) il programma potrebbe basarsi su i progetti che ha già completato per scegliere a quali imprese affidarsi in futuro.

Comunque credo che dovresti cercare di definire meglio il tutto, fare magari uno schema, per capire gli obbiettivi più che i mezzi. ;)
porco diodo...
Avatar utente
Uno Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 412
Iscrizione: marzo 2007

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda brus46 » lunedì 30 aprile 2007, 19:46

Bergoglio ha scritto:Il computo metrico, ...


Se ho ben capito non è una cosa molto complicata... posso farvi io un'applicazioncina... magari che tenga pure in memoria i vari costi unitari così da non doverli per forza rimettere sempre?

che nome gli diamo? "LinMetricCompute" ???
Ultima modifica di brus46 il lunedì 30 aprile 2007, 20:05, modificato 1 volta in totale.
E nel vedere quest'uomo che muore, madre io provo dolore,
Nella pietà che non cede al rancore, madre ho imparato l'amore
Sciallo, il sito web del vero ubuntista Scialloso Usa la ricerca
Avatar utente
brus46 Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1714
Iscrizione: giugno 2006
Località: Palazzolo Milanese (MI)

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » lunedì 30 aprile 2007, 20:29

L'idea di un programma che impari dall'esperienza è moooolto interessante ma, essendo io un utonto informatico, ho paura che sia di difficile realizzazione.
Per quanto riguarda la definizione degli obbiettivi provo ad iniziare una lista con le eventuali soluzioni che ho trovato od i problemi.
L'utonto informatico medio operante nel settore dell'edilizia (io, nella fattispecie) accende il computer la mattina e :
- controlla la posta elettronica :
   - apre un programma di posta elettronica che gli scarta automaticamente lo spam e divide automaticamente i messaggi su più macro cartelle (una per ogni società) e per settore di provenienza (lo studio di progettazione, la banca, i clienti, i collaboratori esterni, etc.).
soluzione : io personalmente uso Kontact ed ho impostato le varie regole necessarie.
problema : sul portatile ho impostato che mi deve lasciare una copia messaggi sul server altrimenti non ho la posta del desktop e del portatile uguali; mi piacerebbe però che kontact sul portatile mi cancellasse dal server i messaggi che cestino e cancello altrimenti devo fare 2 volte lo stesso lavoro.

- nel frattempo l'ufficio tecnico interno riceve un progetto completo di autocad e deve preparare il computo metrico, per cui si inizia a definire le quantità analizzando i disegni e scrivendo le voci su un pezzo di carta da formaggio per poi riportarle in una tabella da dare all'ufficio commerciale.
idee : c'è chi ha creato delle macro che collegano autocad ad excel e quindi se il progettista ha definito i vari elementi nel disegno in automatico si crea la tabella di excel per il computo metrico con già le voci e le rispettive quantità inserite; troppo bello, ci sono altri problemi da risolvere prima
problemi : trovare un CAD per Linux, è vero ne esistono tanti ma per la compatibilità con autocad permane il mistero e poi vista l'idea precedente sarebbe ancor più bello trovare un CAD programmabile come autocad che giri nativo per Linux, questo è un problema secondario e per adesso basta la piena compatibilità dei disegni;
la tabella può essere fatta con il foglio di calcolo in OpenOffice, ho già dei file da noi creati ma ci piacerebbe trasformarli in un modello con link diretto sul desktop (doppio click e si apre direttamente il nuovo file partendo dal modello) ed ancor più valido sarebbe creare una maschera di immissione che permette di scegliere fra le voci presenti in un database listino interno cosicchè si carica da solo sulla tabella principale tutti i dati (voce di capitolato, unità di misura e costo unitario) e si impagina da solo....

Questo è solo l'inizio, però se si vuole creare qualcosa di veramente utile bisognerebbe ragionare così e procedere passo passo.
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » lunedì 30 aprile 2007, 20:33

L'idea di una nuova applicazione mi sconfinfera molto, la mia domanda è : si tratta della soluzione più semplice oppure è meglio utilizzare come base OpenOffice o qualcos'altro?
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » lunedì 30 aprile 2007, 20:37

Sempre a proposito del fatto che sono un utonto : come posso rendervi visibile uno schema che magari disegno a mano e poi scannerizzo?
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Pixel » lunedì 30 aprile 2007, 20:47

Come perito termotecnico mi sento preso in causa ;D
Tanti anni fa' avevo realizzato un programmino (Master Preventive) che basandosi sull'analisi dei tempi di mano d'opera necessari per le lavorazioni termoidrauliche generava dei preventivi.
Io sono per la creazione di una suite da zero, non mi appoggerei a software esistenti (tipo Open Office) per il semplice motivo che un programma "verticale" (ovvero specifico per un particolare esigenza) deve semplicemente fare solo quello, inoltre ne è più semplice un'eventuale modifica.
A voi la palla ;D
Ciao
Ubuntu User 4683 Comunità Italiana Gambas   MyUnity developer
Non chiedetevi cosa Ubuntu-it può fare per voi ma chiedetevi cosa potete fare voi per Ubuntu-it
Avatar utente
Pixel Non specificato
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 2710
Iscrizione: maggio 2006
Località: Cesenatico

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda brus46 » lunedì 30 aprile 2007, 21:28

Pixel ha scritto:Come perito termotecnico mi sento preso in causa ;D
Tanti anni fa' avevo realizzato un programmino (Master Preventive) che basandosi sull'analisi dei tempi di mano d'opera necessari per le lavorazioni termoidrauliche generava dei preventivi.
Io sono per la creazione di una suite da zero, non mi appoggerei a software esistenti (tipo Open Office) per il semplice motivo che un programma "verticale" (ovvero specifico per un particolare esigenza) deve semplicemente fare solo quello, inoltre ne è più semplice un'eventuale modifica.
A voi la palla ;D
Ciao


Esatto... un qualunque programmino è + leggero di openoffice... in termini di risorse è meglio farne uno specifico e quindi + leggero...

(mi sono messo al lavoro stasera vi posto codice e eseguibile se tutto va bene ;-) )
E nel vedere quest'uomo che muore, madre io provo dolore,
Nella pietà che non cede al rancore, madre ho imparato l'amore
Sciallo, il sito web del vero ubuntista Scialloso Usa la ricerca
Avatar utente
brus46 Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1714
Iscrizione: giugno 2006
Località: Palazzolo Milanese (MI)

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda brus46 » lunedì 30 aprile 2007, 22:05

Ecco la pre-alfa...

http://www.sciallo.net/modules.php?name ... =0&thold=0

purtroppo il 2 e il 4 ho due esami... quindi prima del 5 non sperate in aggiornamenti ;-)

Dato che sono sicuro di non essere il più grande programmatore di gambas della storia (anzi... io di solito uso il c...) se qualcuno volesse mettere le mani è libero di farlo... basta che poi mi invia una mail o mi posta qui qualcosa in modo che poi lo carico sul sito e teniamo una sola versione ben aggiornata...

Sempre a questo scopo mi riprometto di commentare un pò + spesso di quanto non sia abituato...
Perchè nonostante sia un progetto semplice (questa parte non il complesso..) se poi il tutto prende piede potrebbe diventare un tallone d'achille se non è chiaro il suo funzionamento e quindi la possibilità di integrazione con il resto ;-)

Insomma tante parole per dire viva gli " ' " chi ha codice per intendere intenda (stasera nn ce la faccio proprio +...)
Ultima modifica di brus46 il lunedì 30 aprile 2007, 22:08, modificato 1 volta in totale.
E nel vedere quest'uomo che muore, madre io provo dolore,
Nella pietà che non cede al rancore, madre ho imparato l'amore
Sciallo, il sito web del vero ubuntista Scialloso Usa la ricerca
Avatar utente
brus46 Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1714
Iscrizione: giugno 2006
Località: Palazzolo Milanese (MI)

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda brus46 » lunedì 30 aprile 2007, 22:11

sarebbe fantasticherrimissimo se qualche grafico facesse un bel loghino...  (good)
E nel vedere quest'uomo che muore, madre io provo dolore,
Nella pietà che non cede al rancore, madre ho imparato l'amore
Sciallo, il sito web del vero ubuntista Scialloso Usa la ricerca
Avatar utente
brus46 Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1714
Iscrizione: giugno 2006
Località: Palazzolo Milanese (MI)

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » martedì 1 maggio 2007, 21:28

Questa sera finisco lo schema a mano di cosa ho in mente; per favore qualcuno mi spiega come rendervelo visibile?
Per il logo posso rivolgermi al grafico che mi fa sempre i rendering, lui ci prepara qualche bozza e poi si decide quale adottare (ovviamente lo pagherò io); vi va bene come idea?
Da domani inizio a provare l'eseguibile postato, grazie per la rapidità.
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda brus46 » martedì 1 maggio 2007, 21:34

bhè direi che per iniziare possiamo farci anche un loghino scrauso noi...

per postarci l'immagine dovresti caricarla su un sito e poi linkarla qui...

se non hai idea di qualche sito su cui caricare posso caricartela io sul mio... mi mandi un messaggio privato e io ti do la mia mail...
E nel vedere quest'uomo che muore, madre io provo dolore,
Nella pietà che non cede al rancore, madre ho imparato l'amore
Sciallo, il sito web del vero ubuntista Scialloso Usa la ricerca
Avatar utente
brus46 Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1714
Iscrizione: giugno 2006
Località: Palazzolo Milanese (MI)

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » martedì 1 maggio 2007, 23:07

Sul tuo profilo riesco a vedere la tua e-mail, è quella giusta?
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda brus46 » martedì 1 maggio 2007, 23:55

Bergoglio ha scritto:Sul tuo profilo riesco a vedere la tua e-mail, è quella giusta?


Non la uso quasi mai ma puoi usarla.. dato che mi aspetto una tua mail la guarderò nei prox days...

(mi ero dimenticato di aver messo una mail nel profilo  :P )
E nel vedere quest'uomo che muore, madre io provo dolore,
Nella pietà che non cede al rancore, madre ho imparato l'amore
Sciallo, il sito web del vero ubuntista Scialloso Usa la ricerca
Avatar utente
brus46 Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1714
Iscrizione: giugno 2006
Località: Palazzolo Milanese (MI)

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » giovedì 3 maggio 2007, 11:06

Ho provato a lanciare il programma del computo metrico, come inizio va bene.
Proverò a postarti alcuni esempi per andare avanti.
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda brus46 » giovedì 3 maggio 2007, 11:36

Grazie. COnsidera che purtroppo è ancora in alto mare causa esami... dal 10 in poi sono "libero" (è una parola grossa ma lasciamo stare) e quindi posso mettermi sotto...
Comunque posta qui tutto quello che non va o che vorresti vedere migliorato, vedrò di fare il possibile...

Oltretutto questo programmino (abbastanza semplice) è uno dei più grossi ostacoli per cui la mia ragazza (geometra) non vuole passare al miticissimo ubuntu... quindi è una questione anche personale :-p

devo farmi venire in mente qualche idea geniale per il logo... tipo il rullo compressore che sciaccia la gioconda nell'altro progetto.... ihih geniale...
E nel vedere quest'uomo che muore, madre io provo dolore,
Nella pietà che non cede al rancore, madre ho imparato l'amore
Sciallo, il sito web del vero ubuntista Scialloso Usa la ricerca
Avatar utente
brus46 Non specificato
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1714
Iscrizione: giugno 2006
Località: Palazzolo Milanese (MI)

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Bergoglio » giovedì 3 maggio 2007, 14:56

Ciao brus46, ti ho postato su hotmail. Prova a dare uno sguardo e fammi sapere.
Avatar utente
Bergoglio Non specificato
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 621
Iscrizione: aprile 2007
Località: Provincia di Torino
Distribuzione: Kubuntu 11.04 x86_64
Desktop: KDE

Re: [Proposta] Kubuntu / Ubuntu per l'edilizia

Messaggioda Pixel » giovedì 3 maggio 2007, 14:58

Per evitare di usare il forum come una chat si prega di utilizzare i Messaggi Privati (MP) per comunicazioni personali.
Il forum serve a comunicare informazioni utili alla collettività  ;)
Grazie della collaborazione
Ubuntu User 4683 Comunità Italiana Gambas   MyUnity developer
Non chiedetevi cosa Ubuntu-it può fare per voi ma chiedetevi cosa potete fare voi per Ubuntu-it
Avatar utente
Pixel Non specificato
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 2710
Iscrizione: maggio 2006
Località: Cesenatico

Successiva

Torna a Progetti della Comunità

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti registrati e 0 ospiti