amici felini

Presentazione al forum e chiacchiere in libertà con la comunità. È importante leggere il regolamento all'interno e sono categoricamente vietate discussioni su politica e religione.
Regole della sezione
  • Vietate categoricamente discussioni e messaggi riguardanti politica e religione.
  • Evitare l'apertura di discussioni e sondaggi del tipo "mi sta bene questo taglio di capelli?", "che dentifricio usate?" e altre banalità simili.
  • Le discussioni che non rispettano le regole suddette, usano linguaggio e toni giudicati non adatti, saranno chiuse dal Gruppo Forum senza preavviso con eventuali provvedimenti sanzionatori.
  • Per il resto, è sempre valido il regolamento del forum.
Avatar utente
frapox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1780
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22
Desktop: Gnome, Xfce
Distribuzione: Arch, Debian
Località: Sud Europa

Re: amici felini

Messaggio da frapox »

PC ZERO ha scritto:
martedì 26 ottobre 2021, 9:21
frapox ha scritto:
domenica 24 ottobre 2021, 15:36
Purtroppo non è la mia opinione, sono fatti scientifici che i gatti non sterilizzati siano più propensi ad azzuffarsi per il territorio/accoppiamento, questo è, a prescindere da come uno la voglia vedere.

En passant, i miei nonni vivevano in un vecchio cortile con gatti che giravano nei dintorni, e regolarmente ne tornava uno con ferite anche profonde, un altro spariva, etc. Quindi non è che non conosca di persona certe situazioni, anzi.

ah, un ulteriore elemento, il gatto non sterilizzato marca il territorio. Detto volgarmente: piscia su muri, mobili, porte.
Se per questo lo sarebbe anche tenere il gatto in poco spazio come può essere un'appartamento come il tuo come detto sopra ma te hai girato la cosa lo stesso...
"un appartamento", senza apostrofo.

La mia gatta sta benissimo in casa mia, anche se tu non ci credi non importa. :asd: Come detto si è adattata rapidamente a più cambi di casa ed essendo pure anziana passa la maggior parte del tempo a poltrire. Quando non dorme, gioca (poco) o si fa coccolare. Ho amici e amiche con gatti d'appartamento, nessuno di questi mostra segni di sofferenza, dato che sono stimolati tramite il gioco e il contatto fisico.
PC ZERO ha scritto:
martedì 26 ottobre 2021, 9:21
E come già detto dipende da come li tieni tu i gatti, perché secondo te io allora dovrei avere urina in tutta la casa e fuori, mentre invece di sti problemi non ne ho mai avuti coi miei gatti, hanno marcato solo 4 punti in giardino (4 piante) e basta.
Secondo me non hai capito che non sto giudicando la tua situazione specifica che non conosco, e non mi interessa giudicare, ma sto parlando in generale di fatti noti ai più. Parlando di quello che conosco, io di pisciate sui muri e sulle porte ne ho viste parecchie dai miei nonni. Dai :ciao:
Avatar utente
Janvitus
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 18555
Iscrizione: lunedì 25 aprile 2005, 15:52
Desktop: GNOME Shell / Xfce
Sesso: Maschile
Località: Potenza
Contatti:

Re: amici felini

Messaggio da Janvitus »

Quindi ora il problema è la natura dei gatti e l'addomesticamento forzato dell'uomo invece è del tutto normale? ooooookeyyy....
+Fedora 35 • +Xubuntu 21.10
Avatar utente
frapox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1780
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22
Desktop: Gnome, Xfce
Distribuzione: Arch, Debian
Località: Sud Europa

Re: amici felini

Messaggio da frapox »

L'addomesticamento del gatto è avvenuto 7000 anni fa, e quindi lo darei per assodato ormai :asd:

Comunque, il problema è il randagismo, le malattie, gli investimenti, gatti che si allontanano troppo e non trovano piu la strada di casa, etc. Tutte cose evitabili con la sterilizzazione, come ho gia detto. ...

Ed è inutile rispondere con "a me non succede" perché un caso non fa statistica, mentre chi si occupa realmente di animali (per lavoro o come volontario) conosce bene queste cose e i numeri, basta andare a parlarci.
Avatar utente
PC ZERO
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 440
Iscrizione: sabato 26 febbraio 2011, 12:06
Desktop: LXQt
Distribuzione: Manjaro
Sesso: Maschile

Re: amici felini

Messaggio da PC ZERO »

frapox ha scritto:
martedì 26 ottobre 2021, 9:40
"un appartamento", senza apostrofo.
Lascia perdere gli orrori grammaticali dettati dall'insonnia...
La mia gatta sta benissimo in casa mia, anche se tu non ci credi non importa. :asd: Come detto si è adattata rapidamente a più cambi di casa ed essendo pure anziana passa la maggior parte del tempo a poltrire. Quando non dorme, gioca (poco) o si fa coccolare. Ho amici e amiche con gatti d'appartamento, nessuno di questi mostra segni di sofferenza, dato che sono stimolati tramite il gioco e il contatto fisico.

Secondo me non hai capito che non sto giudicando la tua situazione specifica che non conosco, e non mi interessa giudicare, ma sto parlando in generale di fatti noti ai più. Parlando di quello che conosco, io di pisciate sui muri e sulle porte ne ho viste parecchie dai miei nonni. Dai :ciao:
Non hai capito il concetto, nemmeno io stavo giudicando la tua situazione ed i tuoi gatti.
Però quando è stato detto che i gatti non possono vivere in spazi piccoli tu mi vieni a dire che la tua sta benissimo così, mentre con la sterilizzazione ti appelli ai fatti scientifici e tutto il resto...non ha senso il tuo discorso.
Perché di contro posso benissimo dirti che di gatti in appartamenti che stavano male per via del poco spazio e dell'odore sanissimo dell'urina sui mobili anche se il gatto era sterilizzato...peli sui divani non ti parlo nemmeno...
Invece come ti ho ripetuto il gatto anche se non è sterilizzato può essere benissimo un gatto che non fa danni. non va in giro e non sta male se sai come fare.
gatti che si allontanano troppo e non trovano piu la strada di casa
Ma li hanno incrociati con un golden retriever? :lol:
PS: Sono cani piuttosto famosi per avere senso dell'orientamento pari a zero se escono dal cortile di casa.
No perché in 30 anni gli unici gatti che non mi sono mai rientrati a casa, sono quelli che mi hanno accoppato.
Acer Veriton M460 v2
Intel Core 2 Duo E8400 (2) @ 3.000GHz 3894MiB RAM
Manjaro LXQt 64bit
Avatar utente
mikexu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 539
Iscrizione: mercoledì 28 novembre 2012, 9:45
Distribuzione: Lubuntu 18.04
Sesso: Maschile

Re: amici felini

Messaggio da mikexu »

PC ZERO ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 7:28
No perché in 30 anni gli unici gatti che non mi sono mai rientrati a casa, sono quelli che mi hanno accoppato.
... i miei addirittura si portano a casa dei clandestini. Ogni tanto spunta un nuovo gatto, che per i primi tempi gira un po' alla larga e se ne sta in cortile, quatto quatto. In questi casi, dopo un certo periodo, cominci a confonderlo con i gli altri gatti nati a casa. Lui lo sa e sfrutta appieno questo meccanismo, ed ecco che un bel giorno te lo ritrovi in casa stravaccato e se lo guardi sembra che ti risponda: "Embe' ... che c'hai da guarda'? So' io, nun me riconosci?".
Avete visto la Balena Bianca?

Moby Dick non ti cerca. Sei tu, tu che insensato cerchi lei!
Avatar utente
frapox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1780
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22
Desktop: Gnome, Xfce
Distribuzione: Arch, Debian
Località: Sud Europa

Re: amici felini

Messaggio da frapox »

PC ZERO ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 7:28
frapox ha scritto:
martedì 26 ottobre 2021, 9:40
"un appartamento", senza apostrofo.
Lascia perdere gli orrori grammaticali dettati dall'insonnia...
La mia gatta sta benissimo in casa mia, anche se tu non ci credi non importa. :asd: Come detto si è adattata rapidamente a più cambi di casa ed essendo pure anziana passa la maggior parte del tempo a poltrire. Quando non dorme, gioca (poco) o si fa coccolare. Ho amici e amiche con gatti d'appartamento, nessuno di questi mostra segni di sofferenza, dato che sono stimolati tramite il gioco e il contatto fisico.

Secondo me non hai capito che non sto giudicando la tua situazione specifica che non conosco, e non mi interessa giudicare, ma sto parlando in generale di fatti noti ai più. Parlando di quello che conosco, io di pisciate sui muri e sulle porte ne ho viste parecchie dai miei nonni. Dai :ciao:
Non hai capito il concetto, nemmeno io stavo giudicando la tua situazione ed i tuoi gatti.
Però quando è stato detto che i gatti non possono vivere in spazi piccoli tu mi vieni a dire che la tua sta benissimo così, mentre con la sterilizzazione ti appelli ai fatti scientifici e tutto il resto...non ha senso il tuo discorso.
Ultima precisazione: gli "spazi piccoli" sono le gabbie dove ficcano i gatti randagi che raccattano dalla strada, non certo appartamenti attrezzati per gli amici felini. Invece, il randagismo è un fenomeno che esiste a causa di gente che non capisce l'importanza della sterilizzazione. E in molti casi ai randagi viene data l'eutanasia poiché non ci sono risorse per mantenerli.

Chiunque viva in appartamento sa che il gatto sta bene se la casa è adattata alle sue esigenze, e se al gatto vengono date le cose di cui ha bisogno. L'istinto di controllare il territorio si tiene sotto controllo tramite sterilizzazione, ed è la norma per chi ha un gatto al giorno d'oggi, dato che è sicura e non causa nessun danno fisico o psicologico al micio. Che altro dire? Direi che mi sono spiegato fin troppo bene. :asd:
mikexu ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 9:13
PC ZERO ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 7:28
No perché in 30 anni gli unici gatti che non mi sono mai rientrati a casa, sono quelli che mi hanno accoppato.
... i miei addirittura si portano a casa dei clandestini. Ogni tanto spunta un nuovo gatto, che per i primi tempi gira un po' alla larga e se ne sta in cortile, quatto quatto. In questi casi, dopo un certo periodo, cominci a confonderlo con i gli altri gatti nati a casa. Lui lo sa e sfrutta appieno questo meccanismo, ed ecco che un bel giorno te lo ritrovi in casa stravaccato e se lo guardi sembra che ti risponda: "Embe' ... che c'hai da guarda'? So' io, nun me riconosci?".
Puo succedere anche questo, effettivamente, poi però bisognerebbe anche chiedersi se questo gatto non fosse di qualche altro umano. :asd:

EDIT: aggiungo un dettaglio, che mi viene in mente ora. Qui vicino a me ci sono almeno 2 oasi feline, due luoghi in cui gatti randagi vengono ospitati e accuditi da volontari e possono condurre una vita "normale", socializzando tra di loro e con umani. Tutti loro sono castrati-sterlizzati e vaccinati. :asd: Io ogni tanto vado a portargli le pappe.
red.rollers00
Prode Principiante
Messaggi: 71
Iscrizione: sabato 5 gennaio 2008, 17:57

Re: amici felini

Messaggio da red.rollers00 »

frapox ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 11:07
Ultima precisazione: gli "spazi piccoli" sono le gabbie dove ficcano i gatti randagi che raccattano dalla strada, non certo appartamenti attrezzati per gli amici felini. Invece, il randagismo è un fenomeno che esiste a causa di gente che non capisce l'importanza della sterilizzazione. E in molti casi ai randagi viene data l'eutanasia poiché non ci sono risorse per mantenerli.

Chiunque viva in appartamento sa che il gatto sta bene se la casa è adattata alle sue esigenze, e se al gatto vengono date le cose di cui ha bisogno. L'istinto di controllare il territorio si tiene sotto controllo tramite sterilizzazione, ed è la norma per chi ha un gatto al giorno d'oggi, dato che è sicura e non causa nessun danno fisico o psicologico al micio. Che altro dire? Direi che mi sono spiegato fin troppo bene. :asd:
Perfettamente d'accordo con te! Praticamente mi hai tolto le parole dalla tastiera. :)

Le mie gatte sono sterilizzate e se incontrano un altro gatto o lo evitano o lo cacciano, nel periodo degli "amori" almeno due volte l'anno capita il maschio in genere i giovani (cuccioli al primo calore) che ci tentano ma loro non sono interessate non avendo più l'istinto riproduttivo.

Questa non è per me una crudeltà, visto che se le avessi fatte cucciolare solo perché è bello avere dei cuccioli.
Poi però li devi dare via e la maggior parte degli umani li abbandonerebbe al proprio destino creando il randagismo(mooolto tempo fa quando ero bambino, li uccidevano direttamente tenendone solo uno per sesso, spesso solo per tenere vivo l'istinto della madre che diventa vorace di roditori finché deve allattare, orrore neh! Ma il gatto aveva un ruolo preciso ed il cibo se lo doveva cacciare).

Quindi, crudele è chi si prende o peggio regala, un animale senza pensare che ha davanti un essere vivente che necessita di molte cure per vivere sereno e una volta scoperto questo lo abbandona di fatto scaricandolo al parco o in un bosco o semplicemente non curandosene più.
Allo stesso modo ritengo crudele chi umanizza troppo il proprio animale trasformandolo in un pupazzo.
Avatar utente
PC ZERO
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 440
Iscrizione: sabato 26 febbraio 2011, 12:06
Desktop: LXQt
Distribuzione: Manjaro
Sesso: Maschile

Re: amici felini

Messaggio da PC ZERO »

frapox ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 11:07
Ultima precisazione: gli "spazi piccoli" sono le gabbie dove ficcano i gatti randagi che raccattano dalla strada, non certo appartamenti attrezzati per gli amici felini. Invece, il randagismo è un fenomeno che esiste a causa di gente che non capisce l'importanza della sterilizzazione. E in molti casi ai randagi viene data l'eutanasia poiché non ci sono risorse per mantenerli.
Ah ok, allora le eccezioni valgono sole per te e pochi eletti, mentre se uno ti dice che può accadere anche il contrario allora non è vero...ok...
Chiunque viva in appartamento sa che il gatto sta bene se la casa è adattata alle sue esigenze, e se al gatto vengono date le cose di cui ha bisogno.
E questi allora se li è inventati lovecraft visto che chiunque vive in appartamento sa perfettamente come tenere degli animali domestici.
https://www.quinewsfirenze.it/firenze-a ... vicini.htm
https://www.fanpage.it/attualita/bologn ... e-sporchi/

Che poi ancora non si è capito il succo del mio discorso, cioè che non ho mai detto che la sterilizzazione non serva, solo che io non la faccio perché me lo posso permettere avendo posto a volontà nel paese dove vivo; per me un gatto in appartamento in città è come tenere i pesci nell'acquario...completamente inutile e fuori natura.
Cosa vuoi che vadano a fare fenomeni di randagismo in un paese immerso nei campi, che al massimo si fanno 5km di camminate per prati e campi di mais a cacciare topi visto che volatili sono stati ridotti non dai gatti ma dai veleni dei contadini.
Acer Veriton M460 v2
Intel Core 2 Duo E8400 (2) @ 3.000GHz 3894MiB RAM
Manjaro LXQt 64bit
Avatar utente
frapox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1780
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22
Desktop: Gnome, Xfce
Distribuzione: Arch, Debian
Località: Sud Europa

Re: amici felini

Messaggio da frapox »

Lol, gli accumulatori seriali di gatti! È giusto parlarne, mica che qualcuno si infognasse con 15 gatti in un monolocale... :asd:

Beh gli umani rincoglioniti o psichiatrici esistono, in città come in campagna. Maltrattare gli animali è un reato. Anche abbadonarli.
Avatar utente
mikexu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 539
Iscrizione: mercoledì 28 novembre 2012, 9:45
Distribuzione: Lubuntu 18.04
Sesso: Maschile

Re: amici felini

Messaggio da mikexu »

frapox ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 11:07
mikexu ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 9:13
PC ZERO ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 7:28
No perché in 30 anni gli unici gatti che non mi sono mai rientrati a casa, sono quelli che mi hanno accoppato.
... i miei addirittura si portano a casa dei clandestini. Ogni tanto spunta un nuovo gatto, che per i primi tempi gira un po' alla larga e se ne sta in cortile, quatto quatto. In questi casi, dopo un certo periodo, cominci a confonderlo con i gli altri gatti nati a casa. Lui lo sa e sfrutta appieno questo meccanismo, ed ecco che un bel giorno te lo ritrovi in casa stravaccato e se lo guardi sembra che ti risponda: "Embe' ... che c'hai da guarda'? So' io, nun me riconosci?".
Puo succedere anche questo, effettivamente, poi però bisognerebbe anche chiedersi se questo gatto non fosse di qualche altro umano. :asd:
E' sempre il gatto che decide dove stare. Stai sicuro che se un gatto se ne va di casa e decide di trovarsi un'altra sistemazione, significa che dove viveva prima molto probabilmente non se la passava molto bene.
Avete visto la Balena Bianca?

Moby Dick non ti cerca. Sei tu, tu che insensato cerchi lei!
Avatar utente
frapox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1780
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22
Desktop: Gnome, Xfce
Distribuzione: Arch, Debian
Località: Sud Europa

Re: amici felini

Messaggio da frapox »

mikexu ha scritto:
giovedì 28 ottobre 2021, 12:40
frapox ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 11:07
mikexu ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 9:13
PC ZERO ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 7:28
No perché in 30 anni gli unici gatti che non mi sono mai rientrati a casa, sono quelli che mi hanno accoppato.
... i miei addirittura si portano a casa dei clandestini. Ogni tanto spunta un nuovo gatto, che per i primi tempi gira un po' alla larga e se ne sta in cortile, quatto quatto. In questi casi, dopo un certo periodo, cominci a confonderlo con i gli altri gatti nati a casa. Lui lo sa e sfrutta appieno questo meccanismo, ed ecco che un bel giorno te lo ritrovi in casa stravaccato e se lo guardi sembra che ti risponda: "Embe' ... che c'hai da guarda'? So' io, nun me riconosci?".
Puo succedere anche questo, effettivamente, poi però bisognerebbe anche chiedersi se questo gatto non fosse di qualche altro umano. :asd:
E' sempre il gatto che decide dove stare. Stai sicuro che se un gatto se ne va di casa e decide di trovarsi un'altra sistemazione, significa che dove viveva prima molto probabilmente non se la passava molto bene.
Non è mica detto, alcuni gatti si allontanano troppo e si perdono non riuscendo più a tornare a casa.

Un gatto non sterilizzato ha più probabilità di perdersi perché portato istintualmente a esplorare di più, allontanarsi di più, quindi sterilizzare aiuta a combattere anche questo problema (oltre che gli altri già citati).
Avatar utente
PC ZERO
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 440
Iscrizione: sabato 26 febbraio 2011, 12:06
Desktop: LXQt
Distribuzione: Manjaro
Sesso: Maschile

Re: amici felini

Messaggio da PC ZERO »

frapox ha scritto:
giovedì 28 ottobre 2021, 12:46
mikexu ha scritto:
giovedì 28 ottobre 2021, 12:40
frapox ha scritto:
mercoledì 27 ottobre 2021, 11:07
Puo succedere anche questo, effettivamente, poi però bisognerebbe anche chiedersi se questo gatto non fosse di qualche altro umano. :asd:
E' sempre il gatto che decide dove stare. Stai sicuro che se un gatto se ne va di casa e decide di trovarsi un'altra sistemazione, significa che dove viveva prima molto probabilmente non se la passava molto bene.
Non è mica detto, alcuni gatti si allontanano troppo e si perdono non riuscendo più a tornare a casa.

Un gatto non sterilizzato ha più probabilità di perdersi perché portato istintualmente a esplorare di più, allontanarsi di più, quindi sterilizzare aiuta a combattere anche questo problema (oltre che gli altri già citati).
No, ha ragione mukexu, è sempre il gatto che dedice dove stare, se non torna a casa non è perché ha perso la strada di casa...sono cacciatori con un'ottimo senso dell'olfatto e se vogliono ritornare ritornano eccome.
Ho avuto mici che erano spariti anche per mesi per poi farsi rivedere, mentre uno era un'anno che non lo vedevo per poi scoprire che si era trasferito due case più in là di me e che ora ritorna qui solo per mangiare e poi va a mangiare pure dal vicino...caratteristica piuttosto comune anche questa per certi gatti.
Acer Veriton M460 v2
Intel Core 2 Duo E8400 (2) @ 3.000GHz 3894MiB RAM
Manjaro LXQt 64bit
Avatar utente
frapox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1780
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22
Desktop: Gnome, Xfce
Distribuzione: Arch, Debian
Località: Sud Europa

Re: amici felini

Messaggio da frapox »

Certi gatti sono più indipendenti di altri, più esploratori di altri, comunque il problema è che più un gatto si sposta lontano, più ha probabilità di non tornare per svariati motivi: ostacoli naturali, infortuni, umani, e anche l'orientamento. Per quanto abbia un buon olfatto non è infallibile neanche quello del gatto e ci sono situazioni in cui può fare cilecca, per esempio quando c'è vento o maltempo e non riescono a percepire gli odori. Quindi, si torna sempre al punto di partenza. Per evitare questi spostamenti che aumentano la probabilità di un non-ritorno la soluzione è sempre la sterilizzazione.
Avatar utente
mikexu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 539
Iscrizione: mercoledì 28 novembre 2012, 9:45
Distribuzione: Lubuntu 18.04
Sesso: Maschile

Re: amici felini

Messaggio da mikexu »

frapox ha scritto:
venerdì 29 ottobre 2021, 9:48
Certi gatti sono più indipendenti di altri, più esploratori di altri, comunque il problema è che più un gatto si sposta lontano, più ha probabilità di non tornare per svariati motivi: ostacoli naturali, infortuni, umani, e anche l'orientamento. Per quanto abbia un buon olfatto non è infallibile neanche quello del gatto e ci sono situazioni in cui può fare cilecca, per esempio quando c'è vento o maltempo e non riescono a percepire gli odori. Quindi, si torna sempre al punto di partenza. Per evitare questi spostamenti che aumentano la probabilità di un non-ritorno la soluzione è sempre la sterilizzazione.
Tu dici che un gatto sterilizzato non se ne vai mai di casa? Sei convinto che la sterilizzazione gli faccia perdere del tutto la curiosità di esplorare? Secondo me ti sbagli, almeno secondo la mia esperienza diretta.
Allora: mi devi spiegare come, periodicamente, mi ritrovo a riportare a casa il gatto di una vecchietta molto anziana, che vive sola e che ha un gatto [sterilizzato] al quale vuole bene come un figlio e che se le venisse a mancare per lei sarebbe una vera tragedia.
IMHO non si può generalizzare: hai ragione sul fatto che un gatto sterilizzato non ha più le tentazioni legate alla riproduzione, ma stai sicuro che sicuramente non perde la curosità e istinto di cacciatore.

edit: il gatto in questione percorre circa 2 km dalla casa della vecchietta a quella mia e una volta arrivato sembra non voglia andarsene più (la fatica per riprenderlo... non ti dico)
Avete visto la Balena Bianca?

Moby Dick non ti cerca. Sei tu, tu che insensato cerchi lei!
Avatar utente
frapox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1780
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22
Desktop: Gnome, Xfce
Distribuzione: Arch, Debian
Località: Sud Europa

Re: amici felini

Messaggio da frapox »

mikexu ha scritto:
venerdì 29 ottobre 2021, 10:24
frapox ha scritto:
venerdì 29 ottobre 2021, 9:48
Certi gatti sono più indipendenti di altri, più esploratori di altri, comunque il problema è che più un gatto si sposta lontano, più ha probabilità di non tornare per svariati motivi: ostacoli naturali, infortuni, umani, e anche l'orientamento. Per quanto abbia un buon olfatto non è infallibile neanche quello del gatto e ci sono situazioni in cui può fare cilecca, per esempio quando c'è vento o maltempo e non riescono a percepire gli odori. Quindi, si torna sempre al punto di partenza. Per evitare questi spostamenti che aumentano la probabilità di un non-ritorno la soluzione è sempre la sterilizzazione.
Tu dici che un gatto sterilizzato non se ne vai mai di casa? Sei convinto che la sterilizzazione gli faccia perdere del tutto la curiosità di esplorare? Secondo me ti sbagli, almeno secondo la mia esperienza diretta.
Non ho mai detto ciò. Ho parlato di probabilità, e di diminuzione degli istinti. Stavo fornendo un quadro di insieme, certo che gli istinti rimangono, ma si attenuano.
mikexu ha scritto:
venerdì 29 ottobre 2021, 10:24
Allora: mi devi spiegare come, periodicamente, mi ritrovo a riportare a casa il gatto di una vecchietta molto anziana, che vive sola e che ha un gatto [sterilizzato] al quale vuole bene come un figlio e che se gli venisse a mancare per lei sarebbe una vera tragedia.
Come ho già detto non ho la pretesa di spiegare i singoli casi, anche la gatta di mia sorella è sparita per un mese e non si sa perchè (di ipotesi ne abbiamo fatte diverse) anche se è sterilizzata... Ma questo non significa che tutti i gatti sterilizzati siano propensi a sparire per un (più) lungo tempo.
mikexu ha scritto:
venerdì 29 ottobre 2021, 10:24
IMHO non si può generalizzare: hai ragione sul fatto che un gatto sterilizzato non ha più le tentazioni legate alla riproduzione, ma stai sicuro che sicuramente non perde la curosità e istinto di cacciatore.
Scusa ma secondo te è poco? L'istinto della riproduzione è quello che li sprona maggiormente a spostarsi, azzuffarsi, etc. :asd:
Avatar utente
PC ZERO
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 440
Iscrizione: sabato 26 febbraio 2011, 12:06
Desktop: LXQt
Distribuzione: Manjaro
Sesso: Maschile

Re: amici felini

Messaggio da PC ZERO »

frapox ha scritto:
venerdì 29 ottobre 2021, 9:48
Certi gatti sono più indipendenti di altri, più esploratori di altri, comunque il problema è che più un gatto si sposta lontano, più ha probabilità di non tornare per svariati motivi: ostacoli naturali, infortuni, umani, e anche l'orientamento. Per quanto abbia un buon olfatto non è infallibile neanche quello del gatto e ci sono situazioni in cui può fare cilecca, per esempio quando c'è vento o maltempo e non riescono a percepire gli odori. Quindi, si torna sempre al punto di partenza. Per evitare questi spostamenti che aumentano la probabilità di un non-ritorno la soluzione è sempre la sterilizzazione.
Se vabbé...mi hai fatto la descrizione precisa di un qualsiasi tizio in auto che non sa dove si trova...vorrà dire che gli faremo usare un navigatore satellitare anche al gatto. :sisi:

Quando c'é maltempo o tanto vento i gatti non si spostano, menchemeno se sentono di star male e non riuscire a percepire bene gli odori, non sono scemi.
Sul motivo umani è l'unico cui ti posso dar ragione ma può essere benissimo valevole anche se li tieni a casa...tipo il vicino che aveva addestrato il cane da caccia che mi entrava in cortile a prendermi pollame e felini...
Acer Veriton M460 v2
Intel Core 2 Duo E8400 (2) @ 3.000GHz 3894MiB RAM
Manjaro LXQt 64bit
Avatar utente
noel80
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2236
Iscrizione: giovedì 11 settembre 2014, 2:49
Desktop: i3wm@linux-libre
Distribuzione: archlinux

Re: amici felini

Messaggio da noel80 »

Beh mi sembra difficile non affezionarcisi, son attenti a mille cose, super puliti... per me, come avevo gia' scritto, e' stata una buona cosa tenerne subito due, perche' si tengon un sacco di compagnia, altrimenti per tutte le volte che esco di casa e stan dentro non sarebbe stato il massimo (quando son casa li lascio uscire, e pel momento non fan chilometri ma sembra stian nelle vicinanze del cortile).
Ps: una signora anziana, al paese di moltagna dove s' andava in colonia, si diceva avesse 100 gatti :).
Avatar utente
noel80
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2236
Iscrizione: giovedì 11 settembre 2014, 2:49
Desktop: i3wm@linux-libre
Distribuzione: archlinux

Re: amici felini

Messaggio da noel80 »

Come sembra che per le pulci si possa sia metterci il prodotto sul manto, che nel collare (o le pipette), che facendolo ingerire, sto provando a metterci una spruzzata di limone sul cibo, come sulla carne cruda (altra raccomandazione del vete e' di non dargliela fredda di frigo, che poi e' facile diventi dissenteria)...
Dal negozio del pesce surgelato son uscito con 2,20 di spesa: uno sgombro e un sacchetto di latterini, che si mangian senza curare (sempre a 1,80 al kg mi pare), siccome son un prodotto congelato preferisco dargli una bollita (con limone ed alloro). Lo sgombro c' aveva pure le uova, messe sulla carta oleata assieme alle guance, gl' occhi :), una polpetta dalla carne in mezzo alla schia, e i due filetti :); con una foglia d' alloro ed un rametto di rosmarino.
Avatar utente
frapox
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1780
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22
Desktop: Gnome, Xfce
Distribuzione: Arch, Debian
Località: Sud Europa

Re: amici felini

Messaggio da frapox »

noel80 ha scritto:
domenica 7 novembre 2021, 9:10
[...]una spruzzata di limone sul cibo{...] una bollita (con limone ed alloro).
Il limone nel cibo del gatto NO!. Ma sei fuori di testa?
https://www.amoreaquattrozampe.it/gatti ... edi/79700/
E meno male che ti sei preso i libri da leggere pure... Non hai letto che per loro il limone è tossico (così come gli altri agrumi)?
Avatar utente
xavier77
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
Messaggi: 6328
Iscrizione: venerdì 21 settembre 2012, 16:37
Desktop: GNOME, Xfce (e altri)
Distribuzione: Ubuntu/Xubuntu 20.04 + eOS + altre
Sesso: Maschile
Contatti:

Re: amici felini

Messaggio da xavier77 »

frapox ha scritto:
domenica 7 novembre 2021, 10:17
noel80 ha scritto:
domenica 7 novembre 2021, 9:10
[...]una spruzzata di limone sul cibo{...] una bollita (con limone ed alloro).
Il limone nel cibo del gatto NO!. Ma sei fuori di testa?
https://www.amoreaquattrozampe.it/gatti ... edi/79700/
E meno male che ti sei preso i libri da leggere pure... Non hai letto che per loro il limone è tossico (così come gli altri agrumi)?
E pure l'alloro! Alcuni tipi sono tossici :nono:
Lo dissi a suo tempo per il cioccolato (molte pagine fa): i gatti hanno un diverso apparato digerente e in media pesano 10/20 volte un essere umano. Dagli carne pesce e pochissimo altro (il veterinario non ti ha detto nulla in proposito?). Evita di condire gli alimenti (anche le loro papille gustative sono diverse!).
Magari nell'immediato non succede nulla, ma a lungo andare potrebbero stare male.
Non capisco perché continui a fare di testa tua, affidati ai consigli degli esperti (veterinari).
Scrivi risposta

Ritorna a “Bar Sport”

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: caturen e 2 ospiti