capacità di memorizzazione

Presentazione al forum e chiacchiere in libertà con la comunità. È importante leggere il regolamento all'interno e sono categoricamente vietate discussioni su politica e religione.
Regole della sezione
  • Vietate categoricamente discussioni e messaggi riguardanti politica e religione.
  • Evitare l'apertura di discussioni e sondaggi del tipo "mi sta bene questo taglio di capelli?", "che dentifricio usate?" e altre banalità simili.
  • Le discussioni che non rispettano le regole suddette, usano linguaggio e toni giudicati non adatti, saranno chiuse dal Gruppo Forum senza preavviso con eventuali provvedimenti sanzionatori.
  • Per il resto, è sempre valido il regolamento del forum.
Avatar utente
london3
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 471
Iscrizione: domenica 19 gennaio 2014, 16:22
Desktop: ubuntu:GNOME
Distribuzione: Ubuntu 22.04.1 LTS

capacità di memorizzazione

Messaggio da london3 »

Leggendo questa citazione https://www.pinterest.it/pin/832954893558307602/ mi è venuta in mente una domanda.

In genere, chi lavora con i vari sistemi operativi, riesce a ricordare a memoria i vari comandi (soprattutto le opzioni), o spesso deve consultare i manuali?

Ad esempio

Codice: Seleziona tutto

$ rsync -azv -e 'ssh -o "ProxyCommand ssh -A proxy -W %h:%p"' foo/ dest:./foo/
$ ssh -f -N -L local_port_machineA:ip_machineC:remoteport_machineC user_machineB@ip_machineB
$ find . -name '*.py' -print0 | xargs -0 grep 'something' > output.txt
Così come, chi ad esempio programma in php, riesce a ricordare a memoria costrutti di questo tipo (soprattutto la prima riga è molto scomoda da ricordare)

Codice: Seleziona tutto

$connect_to = '{imap.gmail.com:993/imap/ssl}INBOX';
imap_open($connect_to, $user, $password);
In pratica, come siete messi con la capacità di memorizzazione?
Computer: Lenovo ThinkPad L480
Avatar utente
OMBRA_Linux
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2311
Iscrizione: mercoledì 18 febbraio 2015, 14:24
Desktop: Android Linux Windows
Distribuzione: Android / Linux / Windows10-11
Sesso: Maschile
Località: Napoli

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da OMBRA_Linux »

Dipende dal linguaggio di programmazione, e da chi lo usa.
Nel senso che se uno usa solo quello, per lavoro, può ricordare più facilmente di uno che si dedica a più cose e programma sporadicamente.
Detto questo, anche i più esperti per fare prima copiano incollano i comandi più lunghi e complessi, annotandogli una breve descrizione per fare prima il lavoro.
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori.
Avatar utente
Claudio_F
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1456
Iscrizione: lunedì 28 maggio 2012, 18:49
Desktop: Mate/Gnome
Distribuzione: Ubu20.04/22.04

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da Claudio_F »

Secondo me le cose sono diventate talmente tante e complicate, che alla capacità di memorizzazione pura è ormai preferibile (o indispensabile) la capacità di crearsi mappe mentali generali e imparare a ricercare quello che serve nel modo più mirato/preciso possibile. Tra l'altro con l'avanzare dell'età la componente memorizzazione diventa sempre meno "disponibile", per cui un personale "grimorio" diventa indispensabile... il difficile è organizzarlo.
Avatar utente
DoctorStrange
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 2519
Iscrizione: mercoledì 14 ottobre 2015, 9:33
Desktop: Gnome3
Distribuzione: Ubuntu 18.04 Bionic Beaver
Sesso: Maschile
Località: Roma, Italia

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da DoctorStrange »

Io, per i pochi comandi che uso, cerco di usare sempre le opzioni in formato esteso. Li trovo piu memorizzabili. Ad esempio:

Codice: Seleziona tutto

tar --create --file nome-nuovo-file.tar sorgente --verbose
oppure

Codice: Seleziona tutto

docker run --tty --interactive --detached nome-container --name nome-immagine
A volte, con i comandi che uso meno, il man è utile. Molte volte mi capita di doverlo usare quando uso "tail" o "tee".
Lucio C
Prode Principiante
Messaggi: 196
Iscrizione: venerdì 10 dicembre 2021, 18:33
Desktop: fvwm
Distribuzione: (X)Ubuntu20@home; openSUSE42.3@work
Sesso: Maschile
Località: Milano

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da Lucio C »

Beh direi che dipende, se "comandi base" del sistema operativo, o "programmi" (applicazioni) o se istruzioni di un linguaggio di programmazione.
Per questi ultimi poi i problemi sono due, uno e' ricordarsi la sintassi delle istruzioni base, e l'altro trovare le funzioni di libreria che fanno una certa cosa.

Il tutto direi che dipende dalla frequenza d'uso.

P.es. direi che tra i linguaggi per Fortran, IDL (GDL), HTML e script csh sulle istruzioni base vado a memoria con sicurezza. Per java, javascript, awk, e direi anche PostScript e LaTeX spesso devo consultare i manuali.

In quanto ai S.O. io forse ho avuto una esposizione maggiore di molti qui (trascurando EXEC8 e JCL, il VM/CMS dell'IBM, l'RTE-6 di HP, il VAX VMS, e poi vari sapori di Unix e Linux). La distinzione tra i comandi base (sostanzialmente file management, copy, delete, dir) e le applicazioni e' diventata blurred col tempo (gia' con i primi Unix c'erano troppi "comandi di fantasia"). E' utili creare alias (negli anni '90 quando coesistevamo tra VAX VMS e Unix, avevo fatto una cosa chiamata "la Uniq interface" che qualche collega, oltre me, usa ancora) e script per le operazioni che si fanno di frequente. Per quelle che si fanno un po' meno spesso crearsi degli appunti-promemoria. Per quelle del tutto occasionali si va di man page.

PS bello il titolo del thread ... attira perche' uno penserebbe alla memoria hardware o software, non del liveware :D
The reasonable man adapts himself to the world: the unreasonable one persists in trying to adapt the world to himself. Therefore all progress depends on the unreasonable man. (G.B. Shaw)
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3254
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da frapox »

london3 ha scritto:
lunedì 12 settembre 2022, 10:51
In genere, chi lavora con i vari sistemi operativi, riesce a ricordare a memoria i vari comandi (soprattutto le opzioni), o spesso deve consultare i manuali?
[...]
In pratica, come siete messi con la capacità di memorizzazione?
Premesso che la memoria degli esseri umani è limitata, spesso, anzi quasi sempre io consulto i man e gli --help, è o dovrebbe essere la prassi comune di un utente unix/linux. Tranne forse per i comandi basilari o quelli che uso più spesso, che a un certo punto ricordo a memoria (ma son pochi).

Altrimenti: appunti, alias, script. Tutti metodi validi.

Oppure app con Gui, che sono tanto comode. A dispetto dei puristi/elitaristi non mi faccio problemi a preferire un app grafica anziché un comando a terminale, non mi frega niente di fare gare a chi ce l'ha più lunga (la memoria), l'importante è raggiungere lo scopo. :)
Avatar utente
wilecoyote
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
Messaggi: 13862
Iscrizione: giovedì 20 agosto 2009, 16:21
Desktop: Kubuntu Lubuntu
Distribuzione: 9.04 32bit 14/18/20/22.04 LTS 64bit
Sesso: Maschile
Località: Ceranesi - Ge

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da wilecoyote »

:) Salve, ho una directory dedicata, ~/Documenti/Preconf, in cui ho circa 200 file di testo ognuno colla lista dei comandi per svolgere una data procedura.

:ciao: Ciao
ACER Extensa 5230E 2,2 Ghz cpu Celeron 900 hdd 160 GB Ram 1 GB scheda video Intel GM500
ACER Extensa 5635Z 2,2 Ghz cpu Celeron T3100 hdd 320 GB Ram 4 GB scheda video Intel Mobile 4
Quando una Finestra chiusa incontra un Pinguino la Finestra chiusa è una Finestra aperta.
Lucio C
Prode Principiante
Messaggi: 196
Iscrizione: venerdì 10 dicembre 2021, 18:33
Desktop: fvwm
Distribuzione: (X)Ubuntu20@home; openSUSE42.3@work
Sesso: Maschile
Località: Milano

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da Lucio C »

frapox ha scritto:
lunedì 12 settembre 2022, 15:22
Oppure app con Gui, che sono tanto comode.
Sono comode solo (o soprattutto) se si tratta di una operazione che devo fare una volta sola ogni tanto, o se si tratta di una operazione eminentemente e veramente grafica (p.es. misurare la larghezza equivalente di una riga in uno spettro, segnando i punti di inizio e fine col cursore su un plot, tanto per ricordare una cosa fatta tanti anni fa per il sistema di analisi dati dell'International Ultraviolet Explorer ... gli altri comandi erano del tipo comando file parametri).
Ma spesso uno ha necessita' di ripetere una operazione in modo riproducibile, o di scriptizzarla ... e per una applicazione a pura Gui non si puo' (e spesso e' anche difficile ricordarsi la sequenza delle operazioni o i parametri da settare, a proposito di "memorizzazione")
The reasonable man adapts himself to the world: the unreasonable one persists in trying to adapt the world to himself. Therefore all progress depends on the unreasonable man. (G.B. Shaw)
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3254
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da frapox »

Lucio C ha scritto:
lunedì 12 settembre 2022, 17:39
frapox ha scritto:
lunedì 12 settembre 2022, 15:22
Oppure app con Gui, che sono tanto comode.
Sono comode solo (o soprattutto) se si tratta di una operazione che devo fare una volta sola ogni tanto, o se si tratta di una operazione eminentemente e veramente grafica (p.es. misurare la larghezza equivalente di una riga in uno spettro, segnando i punti di inizio e fine col cursore su un plot, tanto per ricordare una cosa fatta tanti anni fa per il sistema di analisi dati dell'International Ultraviolet Explorer ... gli altri comandi erano del tipo comando file parametri).
Ma spesso uno ha necessita' di ripetere una operazione in modo riproducibile, o di scriptizzarla ... e per una applicazione a pura Gui non si puo' (e spesso e' anche difficile ricordarsi la sequenza delle operazioni o i parametri da settare, a proposito di "memorizzazione")
Io capisco che tu ti ostini a non voler comprendere come le persone comuni usino il PC oggidì, ma le app con Gui tornano utili anche se le operazioni sono ripetute più di una volta ogni tanto.

Esiste una cosa che si chiama "memoria visuale" che ti consente di ripetere operazioni dopo averle viste fare a schermo. E questo a molti risulta più semplice che non scrivere codice o usare script, tutte cose che richiedono una certa competenza, o voglia, o interesse. Mentre le metafore visuali (desktop) aiutano proprio in questo, sono autoesplicative o facili, il che le rende molto più comprensibili e agevoli di un asettico comando. Questo è il motivo per cui per la maggior parte oggi si usano interfacce grafiche e metafore visive per fare più o meno tutto.

Questo senza nulla togliere al fatto che certe operazioni possano essere scriptate e automatizzate per rendersi la vita più facile e comoda. Ma bisogna saperlo fare e avere voglia di farlo. Le Gui sono pronto uso. Inoltre, vorrei ricordare che anche le Gui hanno dei "preset" di impostazioni che tornano utili a ripetere delle operazioni comuni e meno comuni (magari più comuni di "misurare la larghezza equivalente di una riga in uno spettro, segnando i punti di inizio e fine col cursore su un plot"; chessò, ricodificare un video o masterizzare un supporto ottico, o settare un plugin audio, settare gli stili di un documenti etc.). Tutto l'editing audio, video e 3D sarebbe sostanzialmente impossibile senza programmi con Gui.

E poi chi l'ha detto che nelle app grafiche non esistano linguaggi di scripting? Excel o Calc hanno delle possibilità in tal senso, ampiamente utilizzate anche in ambiti aziendali e professionali. Così come le hanno certi programmi di editing audio/video/3D professionale.
Ultima modifica di frapox il lunedì 12 settembre 2022, 18:10, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
london3
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 471
Iscrizione: domenica 19 gennaio 2014, 16:22
Desktop: ubuntu:GNOME
Distribuzione: Ubuntu 22.04.1 LTS

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da london3 »

Evitiamo però che la discussione diventi pesante e troppo dettagliata.
Teniamocci sul tema principale.
Computer: Lenovo ThinkPad L480
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3254
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da frapox »

london3 ha scritto:
lunedì 12 settembre 2022, 18:09
Evitiamo però che la discussione diventi pesante e troppo dettagliata.
Teniamocci sul tema principale.
Non è che hai dato molti input su come dovrebbe svolgersi questa discussione.

"come siete messi con la capacità di memorizzazione?" in base a quali parametri dovrei risponderti? Esiste una scala universale di "capacità di memorizzazione" che dovrebbe servire ad autovalutarmi? E che importanza avrebbe dirti "quanto" so memorizzare?

Per il resto ho già risposto, e non serve ripetermi.

Comunque non serve ricordare a memoria tutto ciò che non si usa più spesso, come giustamente Einstein ha ricordato esistono i libri (o i man) per le istruzioni. Altrimenti le Gui facilitano il tutto, in molti casi se non tutti (per l'uso desktop ovviamente). Non credo ci sia molto altro da aggiungere.
Lucio C
Prode Principiante
Messaggi: 196
Iscrizione: venerdì 10 dicembre 2021, 18:33
Desktop: fvwm
Distribuzione: (X)Ubuntu20@home; openSUSE42.3@work
Sesso: Maschile
Località: Milano

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da Lucio C »

frapox ha scritto:
lunedì 12 settembre 2022, 18:04
1) Esiste una cosa che si chiama "memoria visuale" che ti consente di ripetere operazioni dopo averle viste fare a schermo. E questo a molti risulta più semplice
2) vorrei ricordare che anche le Gui hanno dei "preset" di impostazioni che tornano utili a ...
3) ... magari più comuni di "misurare la larghezza equivalente di una riga in uno spettro, segnando i punti di inizio e fine col cursore su un plot"; chessò, ricodificare un video o masterizzare un supporto ottico, o settare un plugin audio, settare gli stili di un documenti etc.). Tutto l'editing audio, video e 3D
4) E poi chi l'ha detto che nelle app grafiche non esistano linguaggi di scripting? Excel o Calc hanno delle possibilità in tal senso
Rispondo in ordine inverso di numero, con quindi le cose piu' rilevanti e on-topic alla fine.
4) non chiamerei un programma WYSIWYG in genere una app grafica. Per me lo e' una che lavora su dei plot, fa analisi di immagini, o disegna (gimp per dire). Gia' sul fare presentazioni con parti ripetute o interattive preferisco LaTeX Beamer a powerpoint o affini.
3) di quelle cose "piu' comuni" l'unica che ho mai fatto e' settare gli stili dei documenti, evidentemente cio' che e' comune a uno non e' comune ad altr (quando in un thread ho visto parlare di "editing 4k" ho dovuto cercare cosa fosse, per me l'editing e' text editing o scrittura di codice :D
2) certo, e anche i comandi run line spesso hanno (nel giro per programmi di analisi scientifica) dei parameter files ecc. (ma si va OT)

1) questo della memoria visuale e' forse l'unico punto on-topic (per fare una survey tra i partecipanti). E' una dote di cui personalmente sono del tutto carente. Sia per memorizzare una sequenza spazialmente in ordine sparso, sia per quelle GUI che usano icone invece di bottoni di testo (e infatti appena posso configuro questi) ... addirittura per quegli applicativi "full screen a terminale" che usano acceleratori o comandi mnemonici di 1-2 lettere preferisco quelli con il reminder di tali comandi nelle due righe in fondo dello schermo :D

0) esisterebbero anche casi misti ... non uso quasi mai dei file manager "grafici" preferendo loop foreach, ma ho un po' di rimpianto per il vecchio FLIST dell'IBM ... un file manager "full screen a terminale" in cui si poteva mettere davanti a un file o "comando &1 &3" (un comando, anche custom, cpon argomenti p.es. il primo e terzo attributo su quella riga, oppure "=" per ripetere il comando della riga precedente
The reasonable man adapts himself to the world: the unreasonable one persists in trying to adapt the world to himself. Therefore all progress depends on the unreasonable man. (G.B. Shaw)
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3254
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da frapox »

4) non chiamerei un programma WYSIWYG in genere una app grafica. Per me lo e' una che lavora su dei plot, fa analisi di immagini, o disegna (gimp per dire). Gia' sul fare presentazioni con parti ripetute o interattive preferisco LaTeX Beamer a powerpoint o affini.
Ma io esattamente dov'è che avrei usato il termine WYSIWYG??!

Le app con interfaccia grafica, o app grafiche (per abbreviare), o app Gui, a queste mi riferivo. Non è che le chiamo così io, le chiama così tutto il mondo. Ci sono app grafiche per fare qualsiasi cosa, dalla contabilità alle mail alla musica, non necessariamente per fare grafica. Mi fa strano doverlo specificare a una persona che ostenta il suo uso decennale dei computer perché credo sia una delle cose più banali e ovvie dell'informatica.

Ho scritto che anche le app con Gui, alcune, hanno funzioni di scripting, pure questo è abbastanza risaputo, per significare alcune app grafiche consentono maggiori possibilità d'azione appunto tramite script o macro.

Voglio vedere l'impiegato del comune a scrivere i documenti con LaTeX. :asd: :lol: Che poi, a guardar bene, esistono anche gli editor visuali per LaTeX, chissà come mai...
https://www.lyx.org/
3) di quelle cose "piu' comuni" l'unica che ho mai fatto e' settare gli stili dei documenti, evidentemente cio' che e' comune a uno non e' comune ad altr (quando in un thread ho visto parlare di "editing 4k" ho dovuto cercare cosa fosse, per me l'editing e' text editing o scrittura di codice :D

Ma infatti non esiste solo il suo caso d'uso! Se uscissi ogni tanto dalla tua torre d'avorio te ne accorgeresti. Ne esistono molti altri, perfettamente legittimi, in cui l'app con Gui è oggettivamente più comoda. E sono quelli più ampiamente diffusi.

Poi alcuni preferiscono scriptare le operazioni ripetitive con comandi shell, come fai tu, altri preferiscono fare le stesse o altre operazioni ripetendole meccanicamente su delle Gui. Dov'è il problema? Non capisco questo andare a ricercare sempre il pelo dell'uovo, come se ci fosse un metodo "giusto" per fare le cose e uno sbagliato.
0) esisterebbero anche casi misti ... non uso quasi mai dei file manager "grafici" preferendo loop foreach, ma ho un po' di rimpianto per il vecchio FLIST dell'IBM ... un file manager "full screen a terminale" in cui si poteva mettere davanti a un file o "comando &1 &3" (un comando, anche custom, cpon argomenti p.es. il primo e terzo attributo su quella riga, oppure "=" per ripetere il comando della riga precedente
Penso di poterlo dire senza offenderti: non ce ne po' fregà de meno!. :asd: Continui a ostentare cose che non hanno alcuna utilità o interesse se non in una discussione sull'archeoinformatica. Perché questo è. Ti suggerisco di scrivere lì questi aneddoti se proprio li ritieni così indispensabili e interessanti...

E adesso che ho chiarito la mia posizione, mi placo, anche per rispettare la volontà di london3.
Avatar utente
london3
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 471
Iscrizione: domenica 19 gennaio 2014, 16:22
Desktop: ubuntu:GNOME
Distribuzione: Ubuntu 22.04.1 LTS

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da london3 »

Esatto, non voglio che diventi troppo tecnica, una discussione, che deve esse incentrata sull'aspetto della memoria umana.
Computer: Lenovo ThinkPad L480
Avatar utente
Clover
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 284
Iscrizione: giovedì 30 agosto 2012, 14:04
Desktop: KDE
Distribuzione: Kubuntu x86_64

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da Clover »

Capitato a fagiolo proprio oggi con uno staggista...
Non sapeva come fare una determinata regola con iptables, conosceva la sintassi di base del comando ma non sapeva come fare la regola specifica che gli mancava... e si è bloccato cercando la risposta nella man page.

Penso quindi che più che sapere a memoria tutti i comandi, le opzioni o sintassi di programmazione... sia più importante saper leggere le documentazioni o cercare le cose con google e specialmente quest'ultimo può essere di estremo aiuto dato che certe documentazioni sono fatte coi piedi, quindi il buon vecchio detto "google is your friend" non muore mai.

Alla fine poi i comandi / linguaggi che si usano più spesso si finisce col memorizzarli per forza di cose.
Avatar utente
london3
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 471
Iscrizione: domenica 19 gennaio 2014, 16:22
Desktop: ubuntu:GNOME
Distribuzione: Ubuntu 22.04.1 LTS

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da london3 »

Quindi evviva noi con la memoria corta :D
Computer: Lenovo ThinkPad L480
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3254
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da frapox »

Alla memoria corta si sopperisce con la capacità di ricerca/consultazione della documentazione.
Avatar utente
GjMan78
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2083
Iscrizione: mercoledì 22 novembre 2006, 19:15
Desktop: Gnome / Mate
Distribuzione: Manjaro / Parrot Security OS
Sesso: Maschile
Località: ~/Italia/Lazio/Viterbo/

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da GjMan78 »

frapox ha scritto:
martedì 27 settembre 2022, 11:12
Alla memoria corta si sopperisce con la capacità di ricerca/consultazione della documentazione.
E per fortuna! Altrimenti io sarei spacciato.

Anni fa riuscivo a ricordare molto bene le sintassi dei vari comandi, oggi invece mi rendo conto che se non avessi Google o man (in quest'ordine) spesso rimarrei nel limbo dell'incertezza.

Può capitare che per un periodo mi trovi a lavorare spesso con gli stessi comandi e dopo un po' li memorizzo, ma purtroppo se non li uso per qualche tempo tendo a dimenticarne i dettagli.

Ma non me ne faccio un problema finché avrò uno smartphone in tasca😂
HP Pavilion 15 - AMD A6-5200 - 8 Gbyte Ram DDR3 - SSD Samsung 500 Gbyte
Trashware 4 Fun : Asus EEEpc - Atom 1.6Ghz - 2 Gbyte Ram DDR2 - HDD 160 Gbyte - Manjaro minimal Xfce
Nel dubbio, cripta!
Avatar utente
OMBRA_Linux
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2311
Iscrizione: mercoledì 18 febbraio 2015, 14:24
Desktop: Android Linux Windows
Distribuzione: Android / Linux / Windows10-11
Sesso: Maschile
Località: Napoli

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da OMBRA_Linux »

Io credo che ''man'' sia stato implementato nel tempo da più persone.
Anche perchè per ogni '' Software/Plug-in/o altro '' viene aggiunto di conseguenza la documentazione in man.
Quindi la memoria non c'entra niente.
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori.
Avatar utente
GjMan78
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2083
Iscrizione: mercoledì 22 novembre 2006, 19:15
Desktop: Gnome / Mate
Distribuzione: Manjaro / Parrot Security OS
Sesso: Maschile
Località: ~/Italia/Lazio/Viterbo/

Re: capacità di memorizzazione

Messaggio da GjMan78 »

OMBRA_Linux ha scritto:
martedì 27 settembre 2022, 14:21
Io credo che ''man'' sia stato implementato nel tempo da più persone.
Anche perchè per ogni '' Software/Plug-in/o altro '' viene aggiunto di conseguenza la documentazione in man.
Quindi la memoria non c'entra niente.
In verità ti dico... che non ho capito quello che vuoi dire.

Cosa c'entra il modo in cui viene implementato man con la capacità di un utente di ricordare particolari sintassi dei comandi?
HP Pavilion 15 - AMD A6-5200 - 8 Gbyte Ram DDR3 - SSD Samsung 500 Gbyte
Trashware 4 Fun : Asus EEEpc - Atom 1.6Ghz - 2 Gbyte Ram DDR2 - HDD 160 Gbyte - Manjaro minimal Xfce
Nel dubbio, cripta!
Scrivi risposta

Ritorna a “Bar Sport”

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti iscritti e 5 ospiti