Backup Server in Raid 5

Il ritrovo della comunità dove confrontarsi e discutere sulle notizie dal mondo dell'informatica, di Ubuntu e di tutto quello che la riguarda, novità, pettegolezzi e quant'altro.

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Stealth » lunedì 11 febbraio 2019, 20:59

Sam9999 Immagine ha scritto: ... Lo recuperi poi da un backup. ...

Ah. Ma allora il raid non è un backup e fare il backup è utile anche se usi un raid. Ma pensa te :D :D :D :D :D
ciao
ps: E ne approfitto per fare i miei migliori auguri a Hosting80, e non sono ironico ma sincero. Gli auguro davvero che vada sempre tutto bene
Avatar utente
Stealth
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
 
Messaggi: 15637
Iscrizione: gennaio 2006
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 18.04 LTS

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Hosting80 » lunedì 11 febbraio 2019, 22:33

Stealth Immagine ha scritto:
Sam9999 Immagine ha scritto: ... Lo recuperi poi da un backup. ...

Ah. Ma allora il raid non è un backup e fare il backup è utile anche se usi un raid. Ma pensa te :D :D :D :D :D
ciao
ps: E ne approfitto per fare i miei migliori auguri a Hosting80, e non sono ironico ma sincero. Gli auguro davvero che vada sempre tutto bene



ti ringrazio ma vorrei anche dire chiaramente valuto caso per caso, e importante dire che nei sistemi informatici come in altri le falle e punti di debolezza ci saranno sempre, la cosa migliore poter mascherare quelle falle.

Ora quello che sto cercando di far capire che non ha senso avere un backup nello stesso posto dove sono presenti i dati.

Prima di effettuare un lavoro di questo genere si realizza un progetto, si studiano le maggiori vulnerabilità e i rischi.

Non posso dire che sono uno di quelli dove mi va tutto bene, in 24 anni ne ho visto,riparato e mi sono capitate tante situazioni anche di attacchi.

Il discroso di attacchi, cifrature ecc e lungo e complesso. Ora un accenno ai cms come citava il collega e anche il consiglio di studiare su come vengono trattati i dati e di quanto sei disposto a spendere per la tua sicurezza.

Se hai 100€ spedibili avrai un servizio e sicurezza da 100€ se ne hai 1000 lo avrai da mille.

Un cliente che mi ha fatto pressioni per avere il backup in azienda e in chiaro ha perso sacco e sale dopo un anno per una inondazione, e li e cascato male perchè ga firmato mezza risma di carta di liberatorie.

Per non spendere 25 dopo si e ritrovato a spendere 2500 per recuperare i dati!.

Non credo ti diano un bmw nuovo con 17.000€ al massimo puoi avare una punto.

Quindi ti ringrazio ma stai tranquillo, spesso per certi progetti mi prendo anche mesi prima di attuarli e strutturarli come si deve e a volte mi avvalgo di persone specializzate per conoscerne le vulnerabilità.

Ancora un accenno ai db dipende sempre da come vuoi trattare i dati, nulla mi vieta di cifrare quei dati, ci sono gestionali con alti livelli di sicurezza.

Io penso che a volte gli hacker e persone che dicono di esserlo vantandosene ai 4 venti siano a volte troppo mitizzati.

Io qui contesto il server aziendale fatto a casa e un backup che non a senso nella stessa sede.

I lavori sono sempre commisurati alla disponibilità economica e dalla situzione che mi si presenta, in molte occasioni ho rifiutato il lavoro e poi dopo qualche anno il collega finito in tribunale per aver fatto lavori rifiutati dove il cliente
non voleva prendere nemmeno il minimo delle precauzioni e io alla buona non ci lavoro per poi passare casini!.
Hosting80
Prode Principiante
 
Messaggi: 45
Iscrizione: agosto 2016
Sesso: Maschile

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda trekfan1 » lunedì 11 febbraio 2019, 22:42

Avatar utente
trekfan1
Moderatore Globale
Moderatore Globale
 
Messaggi: 18857
Iscrizione: maggio 2006
Località: Formigine (MO) | Tenace Tecnocrate
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 19.04 (dev) 64 bit
Sesso: Maschile

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Sam9999 » martedì 12 febbraio 2019, 0:31

Possiamo dire che anche i server dell'INFN di Bologna hanno subito la stessa sorte ?

E non penso che abbiano budget limitatissimi o che siano impreparati.

Allagato l'Istituto di Fisica nucleare, gravi danni

Legge di Murphy.... :ciao:
-------------
S. @-M.
-------------
Avatar utente
Sam9999
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1163
Iscrizione: giugno 2014
Località: BO
Desktop: Studio Xfce
Distribuzione: Ubuntu 18.10 (Cosmic Cuttlefish)

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Stealth » martedì 12 febbraio 2019, 1:22

Sam9999 Immagine ha scritto:Possiamo dire che anche i server dell'INFN di Bologna hanno subito la stessa sorte ?

E non penso che abbiano budget limitatissimi o che siano impreparati.

Allagato l'Istituto di Fisica nucleare, gravi danni

Legge di Murphy.... :ciao:

Direi che no, non hanno subito la stessa sorte. Qualunque macchina può subire guasti, incendi, furti, allagamenti e anche vandalismo ma, se leggi l'articolo che hai linkato
I preziosi dati elaborati dai calcolatori, enormi macchine contenute in 150 armadi, pare siano al sicuro
e quindi "pare" che loro il backup lo avessero fatto.

Hosting80 ha scritto:ti ringrazio ma vorrei anche dire chiaramente valuto caso per caso, e importante dire che nei sistemi informatici come in altri le falle e punti di debolezza ci saranno sempre, la cosa migliore poter mascherare quelle falle.

Ora quello che sto cercando di far capire che non ha senso avere un backup nello stesso posto dove sono presenti i dati.

Ma è proprio perchè sono vulnerabili, non credi? E dove avrei detto che devono stare nello stesso posto? Per me, anzi, un backup è sostanzialmente questo: gli stessi dati su 3 supporti diversi in 3 posti diversi. E un'altra cosa che ho letto e mi lascia perplesso
... quando inizi ad avere 50-100 200 TB di dati da gestire voglio proprio vedere il tuo backup!!!!.....ma stiamo scherzando!!!....

quasi come se l'opportunità di avere un backup fosse inversamente proporzionale al volume dei dati. Anche su questo, fossi al tuo posto, rivedrei il mio punto di vista.
ciao
ps: sia chiaro che non voglio e non posso insegnare nulla, visto che ho imparato pochissimo. In genere copio da quelli più bravi ed esperti
Avatar utente
Stealth
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
 
Messaggi: 15637
Iscrizione: gennaio 2006
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 18.04 LTS

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Pike » martedì 12 febbraio 2019, 1:58

Non dimenticate altri problemini come terremoti, furti, incendi, crolli.
Nel mondo di oggi, grazie a reti veloci a costi accessibili, anche fare il backup offsite mensile di 70gb di dati è possibile, grazie ad una "banale" FTTC 100/20 verso una ADSL. Ci vorranno tre giorni, fallirà, ma i log di backup sono lì anche per quello. E nella peggiore delle ipotesi, grazie ad un tandem fatto di software di crittografia ed un servizio cloud, è possibile fare copie "non insicure" anche nel grande "boh" dei server distribuiti.

Anche se si è poveri in canna come azienda, Office365 Home costa cento euro l'anno, e da' 1tb di spazio cloud OneDrive. pCloud da' 2tb per la stessa cifra, senza Microsoft Office e tutti i vantaggi del caso.
Se si affianca qualcosa di basico come deja dup o duplicati si comincia a fare qualcosina di divertente. Se volete fare "persulserio" come sembra desiderare qualcuno, Bacula e Amanda.
Aggiungo un ricciolo di fianco al discorso: vedo difficile (non impossibile) non avere mai ponti, ferie, momenti in cui l'azienda è ferma.
Anche con una "misera" 30/3 con 3mbit di throughput è possibile fare ogni sei mesi un backup "sensato" offsite, magari senza effettive regolarità ma... farlo. E pianificarlo perchè nei momenti di calendario venga fatto davvero senza che lo si debba ricordare.

Non si crede al cloud? Fatti vostri. Però si può lavorare per escludere la casistica "gru o autoarticolato che distrugge l'edificio". E fare ogni due settimane un secondo backup crittato su un disco USB, che una brava persona (detta anche quella che ci rimette se si perdono i dati) si porta a casa.

Costa soldi? Beh... Un disco USB 3.0 da 4tb costa 120 euro ivati. Uno da 8 circa 200. Lungi da me dire che deve essere cambiato tutti gli anni, ma se fa un backup ogni 2 settimane viene usato 26 volte all'anno. Se ipotizziamo 48h ore d'uso ad ogni sessione di backup, dopo 4 anni (se ancora basta come spazio) significa avergli fatto fare meno di 5000 ore di lavoro. Per quanto Seagate stia passando da MTBF ad AFR come stima di longevità di un prodotto, per il Backup Plus Hub si parla di 800.000 ore. Facciamo i tecnici e dichiariamo che mentono spudoratamente, il conteggio è di 100.000 se riduciamo ad un ottavo la vita utile. Ed è sempre potenzialmente venti volte più duraturo del carico operativo preventivato.

Chi non pensa ad un backup sta buttando tempo nel progetto della propria rete e nella propria organizzazione. Perchè quando (non se) l'hardware, la persona o la pianificazione fallirà, il backup onsite ed offsite saranno lì pronti a ridurre il quantitativo di dati perduto.
Incivile e maleducato. Come certificato dalla moderazione. You have been warned. Pigroidiorazione. Non fallisce MAI. Specialmente nel considerare offensivi solo certi contenuti.
Se pensi che il tuo tempo sia più importante del mio, significa che non hai bisogno del mio tempo.
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3452
Iscrizione: gennaio 2008
Desktop: xubuntu
Distribuzione: Bionic Beaver i686 (18.04)

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Sam9999 » martedì 12 febbraio 2019, 9:29

Nel mio piccolo, ho un backup automatico sulla stessa macchina siti e sql giornaliero (fatto in tar.gz uno al giorno almeno un mese in archivio)
Una copia di backup sul mio desktop, sempre siti ed sql giornaliero (quelli di sopra), nonché cartella mail, etc e logs.
Una copia sincronizzata sull'altro pc server gemello diverso di tutti i siti configurazioni, backup sql ed il resto.
Ho anche una copia di tutto il sistema operativo sullo stesso pc server in cartella di backup, mensile, idem l'altro gemello diverso.
Avendone due gemelli ci sto pensando a metterne uno in un altra locazione, forse fra un annetto ci si riesce, ma nel mio budget pagare due flat fibra è già una spesa eccessiva.
Non ho dati che in realtà non posso perdere... sono siti web, sarebbe una bella perdita, ma non è che mi stanno arricchendo, li posso sempre rifare da zero è uguale.
Diverso il discorso dei dati del mio desktop, documenti di uso giornaliero, salvati in due HD diversi nel desktop stesso (uno era un hd in usb esterno che usavo alo stesso scopo) sul server primo e ricopiati sul server secondo.
Alle volte mi sembro ipocondriaco....
-------------
S. @-M.
-------------
Avatar utente
Sam9999
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1163
Iscrizione: giugno 2014
Località: BO
Desktop: Studio Xfce
Distribuzione: Ubuntu 18.10 (Cosmic Cuttlefish)

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Stealth » martedì 12 febbraio 2019, 10:50

Pike Immagine ha scritto: ... Aggiungo un ricciolo di fianco al discorso: vedo difficile (non impossibile) non avere mai ponti, ferie, momenti in cui l'azienda è ferma.
Anche con una "misera" 30/3 con 3mbit di throughput è possibile fare ogni sei mesi un backup "sensato" offsite, magari senza effettive regolarità ma... farlo. E pianificarlo perchè nei momenti di calendario venga fatto davvero senza che lo si debba ricordare. ...

Come ho già detto sono tutto meno che bravo ed esperto, ma la mia impressione è che chi non ha lavorato solo come un cane, in un'azienda chiusa per ferie (che sia natale, estate o altro), e in molti fine settimana, è probabile che faccia un altro lavoro
ciao
Avatar utente
Stealth
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
 
Messaggi: 15637
Iscrizione: gennaio 2006
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 18.04 LTS

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Pike » martedì 12 febbraio 2019, 11:23

Stealth Immagine ha scritto:Come ho già detto sono tutto meno che bravo ed esperto, ma la mia impressione è che chi non ha lavorato solo come un cane, in un'azienda chiusa per ferie (che sia natale, estate o altro), e in molti fine settimana, è probabile che faccia un altro lavoro
ciao

Impedendo a Cron o al Task Scheduler di poter eseguire una operazione in nostra assenza? Seguo i backup di una decina di piccoli server e di una sessantina di computer. E la pianificazione/automazione dello stesso è un criterio fondamentale per evitare che ci si scordi di farlo...
Se poi mi si viene a dire che ci son più passi da concatenare... ci sono gli script. E mi rendo conto che qualche decina di ore di tentativi vada persa per metterli a punto correttamente, ma... Una volta fatti li si predispone e loro eseguono. Sic et simpliciter.
Incivile e maleducato. Come certificato dalla moderazione. You have been warned. Pigroidiorazione. Non fallisce MAI. Specialmente nel considerare offensivi solo certi contenuti.
Se pensi che il tuo tempo sia più importante del mio, significa che non hai bisogno del mio tempo.
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3452
Iscrizione: gennaio 2008
Desktop: xubuntu
Distribuzione: Bionic Beaver i686 (18.04)

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Stealth » martedì 12 febbraio 2019, 12:16

Pike Immagine ha scritto:Impedendo a Cron o al Task Scheduler di poter eseguire una operazione in nostra assenza? ...

Ma no, ovvio che vada tutto in automatico, parlavo di manutenzione straordinaria, ti faccio un esempio. Luglio scorso, server a cui un paio di mesi prima si era rotto un disco, sostituito al volo. Si decide, approfittando delle ferie e visto che avevano tutti la stessa età, di cambiarli tutti e (a occhio avevano bisogno di fatturare) decidono di cambiare anche la macchina. Quindi macchina nuova, installazione sistema e servizi e configurazione, test vari, riversamento di poco più di 2 tb di dati. Verifiche finali a macchina funzionante. Mi riferivo a cose come questa, e ti assicuro che (almeno a me) c'è voluto un po'
ciao
Avatar utente
Stealth
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
 
Messaggi: 15637
Iscrizione: gennaio 2006
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 18.04 LTS

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Sam9999 » martedì 12 febbraio 2019, 12:18

IO al momento ho un programmino di backup per le immagini di un dentista e, se il dentista è connesso a internet ed il computer acceso, lo stesso si esegue in automatico 2 volte a settimana.
Lo abbiamo messo su dopo che gli avevano rubato il pc precedente ed aveva perso tutto di 2 anni.
-------------
S. @-M.
-------------
Avatar utente
Sam9999
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1163
Iscrizione: giugno 2014
Località: BO
Desktop: Studio Xfce
Distribuzione: Ubuntu 18.10 (Cosmic Cuttlefish)

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Pike » martedì 12 febbraio 2019, 12:34

Stealth Immagine ha scritto:Ma no, ovvio che vada tutto in automatico, parlavo di manutenzione straordinaria, ti faccio un esempio. [[snipp]] Verifiche finali a macchina funzionante. Mi riferivo a cose come questa, e ti assicuro che (almeno a me) c'è voluto un po'
ciao

Ed anche a me ci sarebbero volute decine di ore di lavoro. Ma onestamente avrei fatto una manovra diversa, salvo rogne: backup di tutto il sistema, cambio dischi, restore di tutto il sistema sui nuovi dischi. Test di due settimane, nuovo backup, upgrade di vari software presenti. Qualcuno disse che gestire sistemi è giocare a scacchi: bisogna pensare 8-9 mosse in anticipo prima di procedere.
Incivile e maleducato. Come certificato dalla moderazione. You have been warned. Pigroidiorazione. Non fallisce MAI. Specialmente nel considerare offensivi solo certi contenuti.
Se pensi che il tuo tempo sia più importante del mio, significa che non hai bisogno del mio tempo.
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3452
Iscrizione: gennaio 2008
Desktop: xubuntu
Distribuzione: Bionic Beaver i686 (18.04)

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Sam9999 » martedì 12 febbraio 2019, 13:28

Vogliamo parlare dei cloud professionali e grandi se sono o meno sicuri ?
Falla in Docker permette di portare attacchi negli ambienti cloud
-------------
S. @-M.
-------------
Avatar utente
Sam9999
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1163
Iscrizione: giugno 2014
Località: BO
Desktop: Studio Xfce
Distribuzione: Ubuntu 18.10 (Cosmic Cuttlefish)

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda Pike » martedì 12 febbraio 2019, 15:53

Sam9999 Immagine ha scritto:Vogliamo parlare dei cloud professionali e grandi se sono o meno sicuri ?
Falla in Docker permette di portare attacchi negli ambienti cloud

Senza spiegare...
Cos'è Docker https://it.wikipedia.org/wiki/Docker (non è virtualizzazione, non è hosting, ci sta circa in mezzo)
Poiché utilizza delle funzionalità del kernel Linux (principalmente cgroups e namespaces), un container di Docker, a differenza di una macchina virtuale, non include un sistema operativo separato.[7] Al contrario, utilizza le funzionalità del kernel e sfrutta l'isolamento delle risorse (CPU, memoria, I/O a blocchi, rete) ed i namespace separati per isolare ciò che l'applicazione può vedere del sistema operativo. Docker accede alle funzionalità di virtualizzazione del kernel Linux o direttamente utilizzando la libreria libcontainer, che è disponibile da Docker 0.9, o indirettamente attraverso libvirt, LXC o systemd-nspawn.

Che c'è sì una vulnerabilità
Un gruppo di ricercatori ha individuato una vulnerabilità (CVE-2019-5736) che consentirebbe di utilizzare un cointainer come vettore di attacco per prendere il controllo del computer host.
Tutto gira intorno a RunC, uno strumento di controllo open source che consente di inviare righe di comando ed è utilizzata per gestire i container Docker. Secondo i ricercatori, nel componente c’è una falla di sicurezza che consente di inviare comandi con privilegi di root al computer host.
Ma che come al solito ci sono situazioni dove la vulnerabilità non funziona...
Non tutte le piattaforme che usano i container Docker sono vulnerabili. L’efficacia dell’attacco, infatti, dipende da come è impostata la piattaforma e dai privilegi assegnati al container stesso.

Ed infine... Che Docker non è una piattaforma cloud, ma che può essere usata per caricare un servizio cloud come Nextclound...
Insomma... si fa la solita fiera del FUD

E dopo un po' rompe oltre livelli accettabili...
Incivile e maleducato. Come certificato dalla moderazione. You have been warned. Pigroidiorazione. Non fallisce MAI. Specialmente nel considerare offensivi solo certi contenuti.
Se pensi che il tuo tempo sia più importante del mio, significa che non hai bisogno del mio tempo.
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3452
Iscrizione: gennaio 2008
Desktop: xubuntu
Distribuzione: Bionic Beaver i686 (18.04)

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda GreYOwL » martedì 12 febbraio 2019, 16:53

Anche a casa, faccio un back up una volta a settimana su due hard disk esterni usb 3.0 da 1 tb. Per ora sono sufficenti.
due dischi di marca diverse, uno formattato in ext4 l' altro in ntfs . i documenti imporanti sono cripati con veracrypt ed ho le password pure su una penna usb nascosta.
in ufficio, usiamo ovviamente altre opzioni . uso grsync perchè molto versatile .
Linux is like wigwam: no Gates, no Windows and Apache inside.
Avatar utente
GreYOwL
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1194
Iscrizione: aprile 2007
Località: Roma
Desktop: Gnome 3.26.1
Distribuzione: Ubuntu 17.10
Sesso: Maschile

Re: Backup Server in Raid 5

Messaggioda thece » giovedì 14 febbraio 2019, 11:57

Per chiunque legga questa frase

Hosting80 Immagine ha scritto:... un raid 5 ben strutturato non necessita di backup aggiuntivi, in genere...

e la sostenga: NO! ASSOLUTAMENTE NO! Il RAID non è equivalente ad un backup. IL BACKUP SERVE SEMPRE, anche se si usa il RAID! Se il RAID si spacca sono c@..1 @c1d1!
Meglio se i backup sono almeno due: uno in sito e uno fuori sito.
Avatar utente
thece
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
 
Messaggi: 10230
Iscrizione: aprile 2007
Distribuzione: Debian 9 (Stretch) - KDE

Precedente

Torna a Bar Ubuntu

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: fabrixx e 12 ospiti