Come creare un proxy personale

Installazione, configurazione e uso di Ubuntu come server: web, ftp, mail, news, proxy, dns e altro.
Avatar utente
GjMan78
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2281
Iscrizione: mercoledì 22 novembre 2006, 19:15
Desktop: Gnome / Mate
Distribuzione: Manjaro / Parrot Security OS
Sesso: Maschile
Località: ~/Italia/Lazio/Viterbo/

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da GjMan78 »

Pehua ha scritto:
lunedì 23 gennaio 2023, 15:24
Ri-ciao e ri-grazie, no. conosco il servizio da te segnalato ma non i serve essere raggiungibile per connettermi da qualsiasi parte io stia.

Non so come dirlo m,eglio, vediamo.

In Ubuntu 22.04 premi start e digita proxy poi invio, hai una finestra che ti permette di inserire un proxy ip ed una porta, che se funziona, semplicemente navighi con quell' ip invece del tuo reale, un proxy appunmto che tramita fra la macchina A e la macchina B, un proxy...

Ne avevo trovato uno funzionante e addirittura il concky e update venivano effettuati da quell ip (del proxy invece che il mio.)
Ma aveva il problema che non apriva siti https...

Cosi ne ho cxercati altri ma sempre con problematiche di lentezza estrema o niente siti https etc...

Quindi cercherei solo un indirizzo ip di un proxy che funzioni per tutti da inserire nel sistema di ubuntu 22.04 di cui sopra, ma siccome non se ne trovano efficenti pensavo fosse possibile farne uno home made :)

Tutto qui, non e' difficile, il concetto, se si sa cosa e' un proxy.

Quindi le uniche risposte che sarebbe gradito avere sarebbero per esempio:

"Ciao, prova questo ip xxx.xxx.xxx.xxx e' di un proxy che funziona e la porta e' questa xxx."

Oppure:

"Ciao, io mi sono scritto un proxy, questo il codice, devi salvarlo cosi, modificarlo cola', caricarlo sul sito e poi inserire nel sistema ubuntu questo ip e questa porta."

Qualcosa del genere :D

Mi spiego?

Grazie comunque...
Ecco la ricetta

https://www.digitalocean.com/community/ ... untu-20-04

Fatto in casa per voi! :gnam:

Buon divertimento

EDIT

Se vuoi la pappa pronta ancora più ... pronta :

Proxy HTTP/HTTPS
IP: 31.186.239.244
Porta: 8080

Come puoi vedere funziona anche con HTTPS
Immagine

E non è nemmeno lento
Immagine
HP Pavilion 15 - AMD A6-5200 - 8 Gbyte Ram DDR3 - SSD Samsung 500 Gbyte
Trashware 4 Fun : Asus EEEpc - Atom 1.6Ghz - 2 Gbyte Ram DDR2 - HDD 160 Gbyte - Manjaro minimal Xfce
Nel dubbio, cripta!
Avatar utente
Pehua
Prode Principiante
Messaggi: 136
Iscrizione: martedì 19 aprile 2022, 9:02
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 22.04.4 LTS
Sesso: Maschile

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da Pehua »

tokijin ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 9:36
@chi_offre_supporto
cerchiamo di dare risposte in tema ed evitiamo quelle, diciamo, fantasiose sui linguaggi di programmazione che evidentemente sono fuori tema.
Se non si sa o non si vuole rispondere al quesito tecnico, basta non rispondere :)

@Pehua
cerca di porti meglio quando chiedi supporto:
fornisci più informazioni su quello che vuoi ottenere e cerca di rapportarti meglio con chi sta provando ad aiutarti; inoltre, vista la situazione, metti anche in conto di non riuscire ad avere una risposta alla tua domanda; spero comunque che tu riesca ad avere il tuo proxy :)
Pehua ha scritto:
lunedì 23 gennaio 2023, 14:54
PS Spero che qualcuno scriva qualcosa inerente a risposta della mia domanda invece di dare solo pareri a cose che ho spiegato, inclusa la mia scarsa conoscenza in merito.
Vediamo, una volta capitavano persone competenti che scanzo ad ogni superficialita' , capivano le richieste di aiuito e passavano direttamente in maniera chiara alla soluzione perche' la conoscevano. Ricordo il Muflone per esempio, uno su tutti o UbuNuovo, che bando alle ciance mi ha gia risolto diversi problemi...
Ma grazie lo stesso, rimango in attesa.
app.php/rules#regola-5h

Cambio sezione alla discussione.
Ciao, certamente e grazie, non ho risposto male a nessuno solo ho commentato dopo 18 messaggi "inutili" le cose che chiedevo per spiegarmi, non e' facile per chi non e' abbastanza esperto esprimersi al meglio, ma credevo comunque di essere chiaro, ho chiesto un proxy mi viene proposto vnc o detto che il server deve stare fuori quando ho spiegato che si poteva usare il tunnel ssh.
Comunque grazie, non ci faccio caso e sono sempre educato.

Spero anche io di risolvere, buona giornata!! :birra:
Al di la delle impostazioni culturali :birra:
Avatar utente
Pehua
Prode Principiante
Messaggi: 136
Iscrizione: martedì 19 aprile 2022, 9:02
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 22.04.4 LTS
Sesso: Maschile

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da Pehua »

GjMan78 ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 9:51
Pehua ha scritto:
lunedì 23 gennaio 2023, 15:24
Ri-ciao e ri-grazie, no. conosco il servizio da te segnalato ma non i serve essere raggiungibile per connettermi da qualsiasi parte io stia.

Non so come dirlo m,eglio, vediamo.

In Ubuntu 22.04 premi start e digita proxy poi invio, hai una finestra che ti permette di inserire un proxy ip ed una porta, che se funziona, semplicemente navighi con quell' ip invece del tuo reale, un proxy appunmto che tramita fra la macchina A e la macchina B, un proxy...

Ne avevo trovato uno funzionante e addirittura il concky e update venivano effettuati da quell ip (del proxy invece che il mio.)
Ma aveva il problema che non apriva siti https...

Cosi ne ho cxercati altri ma sempre con problematiche di lentezza estrema o niente siti https etc...

Quindi cercherei solo un indirizzo ip di un proxy che funzioni per tutti da inserire nel sistema di ubuntu 22.04 di cui sopra, ma siccome non se ne trovano efficenti pensavo fosse possibile farne uno home made :)

Tutto qui, non e' difficile, il concetto, se si sa cosa e' un proxy.

Quindi le uniche risposte che sarebbe gradito avere sarebbero per esempio:

"Ciao, prova questo ip xxx.xxx.xxx.xxx e' di un proxy che funziona e la porta e' questa xxx."

Oppure:

"Ciao, io mi sono scritto un proxy, questo il codice, devi salvarlo cosi, modificarlo cola', caricarlo sul sito e poi inserire nel sistema ubuntu questo ip e questa porta."

Qualcosa del genere :D

Mi spiego?

Grazie comunque...
Ecco la ricetta

https://www.digitalocean.com/community/ ... untu-20-04

Fatto in casa per voi! :gnam:

Buon divertimento

EDIT

Se vuoi la pappa pronta ancora più ... pronta :

Proxy HTTP/HTTPS
IP: 31.186.239.244
Porta: 8080

Come puoi vedere funziona anche con HTTPS
Immagine

E non è nemmeno lento
Immagine
Grazie mille, provo iol tutto appena posso e ti faccio sapere :birra:
Al di la delle impostazioni culturali :birra:
Avatar utente
Pehua
Prode Principiante
Messaggi: 136
Iscrizione: martedì 19 aprile 2022, 9:02
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 22.04.4 LTS
Sesso: Maschile

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da Pehua »

GjMan78 ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 9:51
Proxy HTTP/HTTPS
IP: 31.186.239.244
Porta: 8080
Allora questo sembra funzionare bene, ho solo problemi con google, che mi da sempre immagini per comprovare io non sia un robot, ma all 'infinito...

E il conky che non riesce a prendere l' indirizzo ip pubblico, ma da un codice html...

La guida di squid la provero' anche se ne avevo provata un altra ma non era aggiornata ed era difficile per me..

Grazie ancora appena avro' tempo provero la guida e vediamo, nel frattempo per chiunque leggesse magari potrebbe essere utile che c'e' un estensione in firefox di hide.me che funziona piuttosto bene, ma che si esegue solo nel browser e non nel sistema "totale".

EDIT:
Appena iniziato a leggere la guida per squid, ma:
Prerequisites

To complete this guide, you will need:

An Ubuntu 20.04 server
Non ho un server, ho solo ubuntu desktop.

Cerchero' ancora, grazie comunque.
Al di la delle impostazioni culturali :birra:
Avatar utente
GjMan78
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2281
Iscrizione: mercoledì 22 novembre 2006, 19:15
Desktop: Gnome / Mate
Distribuzione: Manjaro / Parrot Security OS
Sesso: Maschile
Località: ~/Italia/Lazio/Viterbo/

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da GjMan78 »

Pehua ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 12:56

EDIT:
Appena iniziato a leggere la guida per squid, ma:
Prerequisites

To complete this guide, you will need:

An Ubuntu 20.04 server
Non ho un server, ho solo ubuntu desktop.

Cerchero' ancora, grazie comunque.
È quello che ti sto dicendo da ieri: se vuoi creare un anon proxy DEVI AVERE un server, non basta il PC di casa.
HP Pavilion 15 - AMD A6-5200 - 8 Gbyte Ram DDR3 - SSD Samsung 500 Gbyte
Trashware 4 Fun : Asus EEEpc - Atom 1.6Ghz - 2 Gbyte Ram DDR2 - HDD 160 Gbyte - Manjaro minimal Xfce
Nel dubbio, cripta!
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3272
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da frapox »

Il proxy ha senso in ambito aziendale/istituzionale, dove è l'unico nodo ad avere accesso all'esterno sulle porte http/https, filtra il traffico e fa da cache. A questo serve un proxy. Non ha alcun senso creare un proxy "personale" nella propria LAN. E creare un open proxy (un proxy aperto a internet) è un ottimo modo per farsi blacklistare e contravviene probabilmente con le policy dei provider consumer. Quindi occhio @GjMan78 .

Premesso ciò, credo poco a uno che dica di aver fatto delle ricerche e poi non si accorge neanche che c'è una pagina nella wiki italiana, oltre a tutte le tonnellate di documentazione che si trovano online:
https://wiki.ubuntu-it.org/Server/Proxy

I proxy che si trovano in quelle liste su quei siti sono open proxy che non danno nessuna garanzia di buon funzionamento e inoltre espongono ad eventuali rischi per la privacy/sicurezza. Quindi finché si usano per navigare in siti "generici", senza scambio di dati sensibili, ok. Ma per tutto il resto direi che è meglio evitarli. Tra l'altro molti non funzionano neanche e sono nelle blacklist tipo dronedb (dato che vengono usati per dossare o creare cloni sulle reti IRC ad esempio).
Ultima modifica di frapox il martedì 24 gennaio 2023, 13:48, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
GjMan78
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 2281
Iscrizione: mercoledì 22 novembre 2006, 19:15
Desktop: Gnome / Mate
Distribuzione: Manjaro / Parrot Security OS
Sesso: Maschile
Località: ~/Italia/Lazio/Viterbo/

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da GjMan78 »

frapox ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 13:44
Il proxy ha senso in ambito aziendale/istituzionale, dove è l'unico nodo ad avere accesso all'esterno sulle porte http/https, filtra il traffico e fa da cache. A questo serve un proxy. Non ha alcun senso creare un proxy "personale" nella propria LAN. E creare un open proxy (un proxy aperto a internet) è un ottimo modo per farsi blacklistare e contravviene probabilmente con le policy dei provider consumer. Quindi occhio @GjMan78 .
Mi trovi d'accordo. Infatti nella guida che ho linkato l'accesso a squid viene protetto da password proprio per evitare accessi indesiderati.
Penso che noleggiare una vps e configurare un proxy per uso strettamente personale non sia considerato contro le regole.
Fermo restando che personalmente non lo farei mai. Avere un proxy "anonimo" il cui IP risulta assegnato a me lo trovo alquanto inutile.
HP Pavilion 15 - AMD A6-5200 - 8 Gbyte Ram DDR3 - SSD Samsung 500 Gbyte
Trashware 4 Fun : Asus EEEpc - Atom 1.6Ghz - 2 Gbyte Ram DDR2 - HDD 160 Gbyte - Manjaro minimal Xfce
Nel dubbio, cripta!
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3272
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da frapox »

GjMan78 ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 13:48
frapox ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 13:44
Il proxy ha senso in ambito aziendale/istituzionale, dove è l'unico nodo ad avere accesso all'esterno sulle porte http/https, filtra il traffico e fa da cache. A questo serve un proxy. Non ha alcun senso creare un proxy "personale" nella propria LAN. E creare un open proxy (un proxy aperto a internet) è un ottimo modo per farsi blacklistare e contravviene probabilmente con le policy dei provider consumer. Quindi occhio @GjMan78 .
Mi trovi d'accordo. Infatti nella guida che ho linkato l'accesso a squid viene protetto da password proprio per evitare accessi indesiderati.
Bisogna vedere se gli scanner di open proxy se ne accorgono che l'accesso è protetto da password o valutano soltanto l'esistenza di un demone che risponde per metterti in blacklist.
Penso che noleggiare una vps e configurare un proxy per uso strettamente personale non sia considerato contro le regole.
Bisogna sempre leggere il contratto di servizio dell'hosting VPS, ma generalmente anch'io credo non sia contro le regole. Il problema è che c'è sempre il rischio di finire in qualche blacklist il che poi rende inutilizzabile quell'IP (o la subnet ipv6) per usi differenti (es. server mail).
Fermo restando che personalmente non lo farei mai. Avere un proxy "anonimo" il cui IP risulta assegnato a me lo trovo alquanto inutile.
Infatti. Per l'anonimato ha senso un servizio di VPN di terzi a pagamento. Gli open proxy sono figli di un'altra epoca e vanno bene al massimo per una navigazione estemporanea su siti non importanti.
Avatar utente
Pehua
Prode Principiante
Messaggi: 136
Iscrizione: martedì 19 aprile 2022, 9:02
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 22.04.4 LTS
Sesso: Maschile

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da Pehua »

frapox ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 13:44
Il proxy ha senso in ambito aziendale/istituzionale, dove è l'unico nodo ad avere accesso all'esterno sulle porte http/https, filtra il traffico e fa da cache. A questo serve un proxy. Non ha alcun senso creare un proxy "personale" nella propria LAN. E creare un open proxy (un proxy aperto a internet) è un ottimo modo per farsi blacklistare e contravviene probabilmente con le policy dei provider consumer. Quindi occhio @GjMan78 .

Premesso ciò, credo poco a uno che dica di aver fatto delle ricerche e poi non si accorge neanche che c'è una pagina nella wiki italiana, oltre a tutte le tonnellate di documentazione che si trovano online:
https://wiki.ubuntu-it.org/Server/Proxy

I proxy che si trovano in quelle liste su quei siti sono open proxy che non danno nessuna garanzia di buon funzionamento e inoltre espongono ad eventuali rischi per la privacy/sicurezza. Quindi finché si usano per navigare in siti "generici", senza scambio di dati sensibili, ok. Ma per tutto il resto direi che è meglio evitarli. Tra l'altro molti non funzionano neanche e sono nelle blacklist tipo dronedb (dato che vengono usati per dossare o creare cloni sulle reti IRC ad esempio).
Ciao, credi cio che vuoi figurati, nelle mie ricerche non e' mai apparso un wiki e non ci ho pensato a cercarci dentro, ho ripreso un computer da pochi giorni, neanche un mese o giu di li (dopo 5 anni di totale inutilizzo) e tante cose mi sfuggono.

Per il resto non vedo perche' una persona non possa usare un proxy per tutelare di piu' la propria identita' e cercare piu' privacy, non devo usarlo da un azienda che ha delle regole, ma da casa per uso privato e cercare piu' privacy lo ritengo importatnte e non illegalmente ovvio e non credo un proxy lo sia, anche perche' non devo farci nulla di che se non navigare o aggiornare il sistema etc... Nulla da nascondere.

Per squid il problema gia detto nei primi post e' che o si ha un server online, oppure, insieme alla installazione e poi configurazione bisogna anche saperlo agganciare ad un tunnel ssh, cosa che ho scritto gia' all' inizio e questo proprio per averlo da casa non avendo un server online.
Tutto cio' per me e' molto difficile da fare e cercavo consiglio o una soluzione guidata fattibile per uno che non e' un "nerd" da computer, ha un eta' e non e' un esperto del settore.
Inoltre cio' non e' descritto nel wiki infatti...
Per questo ho citato una guida che avevo trovato online ma molto complicata e vecchiotta comunque...

Ringrazio tutti per l' aiuto cercato di dare, ma spero di essermi spiegato ulteriormente sulla mia richiesta di aiuto e dato un contesto sperando in risposte inerenti a quanto detto.

Detto tutto cio' la mia semplice idea, era avere una pagina da mettere su un sito gratuito che ho a disposizione e poter usarla come base per un proxy dall uso innocente, anche per questo ho trovato una guida ma molto vecchia e non piu' funzionante, infatti ho cancellato dai proferiti tutte queste guide trovate ma impossibili.

Grazie ancora a tutti per i tentativi.
Al di la delle impostazioni culturali :birra:
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3272
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da frapox »

Pehua ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 14:30

Ciao, credi cio che vuoi figurati, nelle mie ricerche non e' mai apparso un wiki e non ci ho pensato a cercarci dentro, ho ripreso un computer da pochi giorni, neanche un mese o giu di li (dopo 5 anni di totale inutilizzo) e tante cose mi sfuggono.
Immagine
Ti è sfuggito persino che è linkata in alto nella sezione in cui stiamo scrivendo, una riga sotto al topic.

Per il resto non vedo perche' una persona non possa usare un proxy per tutelare di piu' la propria identita' e cercare piu' privacy, non devo usarlo da un azienda che ha delle regole, ma da casa per uso privato e cercare piu' privacy lo ritengo importatnte e non illegalmente ovvio e non credo un proxy lo sia, anche perche' non devo farci nulla di che se non navigare o aggiornare il sistema etc... Nulla da nascondere.
Il punto non è se hai qualcosa da nascondere o meno, il punto è che il proxy se lo esegui da un PC domestico non raggiunge gli scopi desiderati (privacy, anonimato), come ti ho e ti abbiamo già detto più volte.

Tutto cio' per me e' molto difficile da fare e cercavo consiglio o una soluzione guidata fattibile per uno che non e' un "nerd" da computer, ha un eta' e non e' un esperto del settore.
Ma quello che vorresti fare è una cosa da nerd o esperto del settore.

Il consiglio, che ti ho già dato, è: farti una VPN a pagamento e connetterti tramite quella.
Detto tutto cio' la mia semplice idea, era avere una pagina da mettere su un sito gratuito che ho a disposizione e poter usarla come base per un proxy dall uso innocente, anche per questo ho trovato una guida ma molto vecchia e non piu' funzionante, infatti ho cancellato dai proferiti tutte queste guide trovate ma impossibili.
Non esistono guide "impossibili". Se nessuna guida fa al caso tuo io qualche domanda me la farei... Forse il problema è che stai cercando di fare qualcosa che va molto oltre il tuo grado di conoscenze/competenze e forse dovresti abbassare un po il tiro. ;)

Per l'anonimato ci sono le VPN nel 2023: informati su quelle. Ciao.
Avatar utente
Pehua
Prode Principiante
Messaggi: 136
Iscrizione: martedì 19 aprile 2022, 9:02
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 22.04.4 LTS
Sesso: Maschile

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da Pehua »

frapox ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 15:06
Pehua ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 14:30

Ciao, credi cio che vuoi figurati, nelle mie ricerche non e' mai apparso un wiki e non ci ho pensato a cercarci dentro, ho ripreso un computer da pochi giorni, neanche un mese o giu di li (dopo 5 anni di totale inutilizzo) e tante cose mi sfuggono.
Immagine
Ti è sfuggito persino che è linkata in alto nella sezione in cui stiamo scrivendo, una riga sotto al topic.

Per il resto non vedo perche' una persona non possa usare un proxy per tutelare di piu' la propria identita' e cercare piu' privacy, non devo usarlo da un azienda che ha delle regole, ma da casa per uso privato e cercare piu' privacy lo ritengo importatnte e non illegalmente ovvio e non credo un proxy lo sia, anche perche' non devo farci nulla di che se non navigare o aggiornare il sistema etc... Nulla da nascondere.
Il punto non è se hai qualcosa da nascondere o meno, il punto è che il proxy se lo esegui da un PC domestico non raggiunge gli scopi desiderati (privacy, anonimato), come ti ho e ti abbiamo già detto più volte.

Tutto cio' per me e' molto difficile da fare e cercavo consiglio o una soluzione guidata fattibile per uno che non e' un "nerd" da computer, ha un eta' e non e' un esperto del settore.
Ma quello che vorresti fare è una cosa da nerd o esperto del settore.

Il consiglio, che ti ho già dato, è: farti una VPN a pagamento e connetterti tramite quella.
Detto tutto cio' la mia semplice idea, era avere una pagina da mettere su un sito gratuito che ho a disposizione e poter usarla come base per un proxy dall uso innocente, anche per questo ho trovato una guida ma molto vecchia e non piu' funzionante, infatti ho cancellato dai proferiti tutte queste guide trovate ma impossibili.
Non esistono guide "impossibili". Se nessuna guida fa al caso tuo io qualche domanda me la farei... Forse il problema è che stai cercando di fare qualcosa che va molto oltre il tuo grado di conoscenze/competenze e forse dovresti abbassare un po il tiro. ;)

Per l'anonimato ci sono le VPN nel 2023: informati su quelle. Ciao.
Non so perche' usi certi toni, la discussione e' stata spostata oggi da un moderatore e vedo che ti e' sfuggito a te che sei cosi sveglio.

Grazie delle risposte ma se devi comunicare in questo modo preferisco non averle.

Almeno da te.
Al di la delle impostazioni culturali :birra:
Avatar utente
steff
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 40147
Iscrizione: domenica 18 febbraio 2007, 19:48
Desktop: LXQt
Distribuzione: Arch; Debian; Ubuntu Server
Sesso: Maschile
Località: Toscana
Contatti:

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da steff »

Segnalo a proposito la prima regola.
Hai fatto un backup oggi? Ieri?? Quando???
La Documentazione da consultare e la FAQ sul uso del forum
Sistemi: LXQt - semplice, modulare e configurabile + *ubuntu in Vbox
frapox
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3272
Iscrizione: sabato 31 dicembre 2005, 19:22

Re: Come creare un proxy personale

Messaggio da frapox »

Pehua ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 19:23
Non so perche' usi certi toni, la discussione e' stata spostata oggi da un moderatore e vedo che ti e' sfuggito a te che sei cosi sveglio.
Guarda che ho solo fatto notare che la pagina del wiki era linkata sotto al topic e quindi ti è sfuggita, non so che toni pensi che abbia usato.

Se questo ti offende non so cosa dirti. L'hai detto tu stesso che "molte cose ti sfuggono", comunque.
Grazie delle risposte ma se devi comunicare in questo modo preferisco non averle.

Almeno da te.
Prego.

Va bene, a me non cambia assolutamente niente... Però se hai questo modo di fare un po' permalosino diciamo, non so da quanti riuscirai a ottenere aiuto.

steff ha scritto:
martedì 24 gennaio 2023, 19:39
Segnalo a proposito la prima regola.
Segnalerei a proposito anche quest'altra:
Prima di inviare una richiesta di supporto gli utenti devono effettuare una ricerca nel forum e wiki.
Scrivi risposta

Ritorna a “Ubuntu su server”

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti iscritti e 6 ospiti