router pubblico

Il ritrovo della comunità dove confrontarsi e discutere sulle notizie dal mondo dell'informatica, di Ubuntu e di tutto quello che la riguarda, novità, pettegolezzi e quant'altro.

router pubblico

Messaggioda francesco678 » sabato 12 agosto 2017, 15:41

Buongiorno a tutti cari amici

Risiedo in un condomio, ove c'è un router a cui si collegano diversi utenti del condomio tramite wifi

Ho un vicino di casa, il quale ha avuto comportamenti poco carini nei miei confronti e non c'è molta simpatia
Esso è una persona esperta di elettronica e penso anche di informatica
Ma siccome conosco questa persona, non escludo affatto che cerca di violare la mia privace


L'altro giorno mi bussa alla porta e mi dice che devo pagare la rata mensile di internet, suddivisa in qute per i conquilini
e che stranamento è aumentata del 50% (e la cosa non mi è affatto chiara ma gli ho dato i soldi ed è finita li)
Quindi ho capito che si è fatto intestare un uovo contratto a se stesso, perche l'altro conquilino che lo gestiva prima è andato via
Quindi è lui il titolare del nuovo contratto e che quindi gestisce la rete

Successivamente vedo un filo che va dal router al piano di sopra, al suo appartamento.

Ora la prima cosa che penso
e che io nel momento in cui uso internet
lui riesce a vedere qualsiasi cosa faccio con il mio pc


Cosa potrei fare
per impedire tutto questo?
francesco678
Prode Principiante
 
Messaggi: 148
Iscrizione: ottobre 2010

Re: router pubblico

Messaggioda thece » sabato 12 agosto 2017, 20:37

:ciao:

Come prima cosa dovresti controllare i servizi esposti dal tuo PC sulla LAN condominiale ed eventualmente impostare il firewall (IPTables) del tuo PC per bloccare tutte le connessioni indesiderate in ingresso verso il tuo PC.

francesco678 Immagine ha scritto:Cosa potrei fare per impedire tutto questo?

Come seconda cosa dovresti fare un abbonamento ad un servizio VPN (*) e impostare il tuo PC per reinstradare tutto il traffico di rete diretto verso Internet attraverso la VPN. Il traffico di rete che transita attraverso la VPN è cifrato, quindi non comprensibile da occhi indiscreti. Al massimo chi ti spia può vedere a quale server VPN ti stai collegando.
La VPN tuttavia non protegge, cifra, il traffico di rete che il tuo PC scambia con altri PC, o dispositivi, collegati alla LAN stessa.

Come terza cosa dovresti informarti su come rilevare se il tuo vicino redirige tutto il traffico in uscita dal tuo PC verso il suo PC per sbirciare dentro il tuo traffico di rete (vedi ARP poisoning).



(*) lascia perdere i servizi VPN gratuiti
Ultima modifica di thece il lunedì 14 agosto 2017, 23:55, modificato 3 volte in totale.
Avatar utente
thece
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 8449
Iscrizione: aprile 2007
Distribuzione: Debian 9 (Stretch) - KDE

Re: router pubblico

Messaggioda Pike » sabato 12 agosto 2017, 20:51

francesco678 Immagine ha scritto:Ora la prima cosa che penso e che io nel momento in cui uso internet lui riesce a vedere qualsiasi cosa faccio con il mio pc

Non è affatto facile ricosturire quanto fai su internet tramite specifici strumenti. Quindi può al massimo vedere i siti che visiti, ma per quanto viene veicolato tramite protocolli crittografati (TLS/SSL) non può intercettarlo.

francesco678 Immagine ha scritto:Cosa potrei fare
per impedire tutto questo?
Sottoscrivere un tuo abbonamento.
Incivile e maleducato. Come certificato dalla moderazione. You have been warned
Pigroidiorazione. Non fallisce MAI. Anche a 134 giorni di distanza ha l'utilità di un cucchiaio per aprire una lattina.
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 2968
Iscrizione: gennaio 2008
Desktop: xubuntu
Distribuzione: Xenial Xerus i686 (16.04.1)

Re: router pubblico

Messaggioda thece » domenica 13 agosto 2017, 1:27

Pike Immagine ha scritto:
francesco678 Immagine ha scritto:Cosa potrei fare per impedire tutto questo?

Sottoscrivere un tuo abbonamento.

Molto probabilmente non può sottoscrivere un abbonamento per una nuova linea xDSL o fibra, per via della linea stessa oppure dei costi. Forse sarebbe più abbordabile un abbonamento di tipo 3G / 4G. Ovviamente il tutto va soppesato anche nell'ottica costi / prestazioni / volumi di traffico di rete.
Avatar utente
thece
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 8449
Iscrizione: aprile 2007
Distribuzione: Debian 9 (Stretch) - KDE

Re: router pubblico

Messaggioda Pike » domenica 13 agosto 2017, 7:53

Reinstradare tutto il proprio traffico tramite una TorBox è una importante debacle di prestazioni. E spesso anche di funzionalità.
Incivile e maleducato. Come certificato dalla moderazione. You have been warned
Pigroidiorazione. Non fallisce MAI. Anche a 134 giorni di distanza ha l'utilità di un cucchiaio per aprire una lattina.
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 2968
Iscrizione: gennaio 2008
Desktop: xubuntu
Distribuzione: Xenial Xerus i686 (16.04.1)

Re: router pubblico

Messaggioda pachisapiu » domenica 13 agosto 2017, 10:34

Pike Immagine ha scritto:
francesco678 Immagine ha scritto:Cosa potrei fare
per impedire tutto questo?
Sottoscrivere un tuo abbonamento.

Quoto

thece Immagine ha scritto:Molto probabilmente non può sottoscrivere un abbonamento per una nuova linea xDSL o fibra, per via della linea stessa

Basta che paghi e ti tirano anche 3 o 4 linee dentro casa , volendo anche tutte con lo stesso ISP , e poi...
francesco678 Immagine ha scritto:Quindi ho capito che si è fatto intestare un uovo contratto a se stesso, perche l'altro conquilino che lo gestiva prima è andato via
Quindi è lui il titolare del nuovo contratto e che quindi gestisce la rete

a quanto pare non si tratta di un contratto condominiale ma di semplici accordi tra inquilini
Carbonara is my law - Chi ?
Iscritto all'Albo D'Oro
Avatar utente
pachisapiu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 921
Iscrizione: maggio 2017
Distribuzione: FreeDOS

Re: router pubblico

Messaggioda thece » domenica 13 agosto 2017, 12:26

Pike Immagine ha scritto:Reinstradare tutto il proprio traffico tramite una TorBox è una importante debacle di prestazioni. E spesso anche di funzionalità.

Comunque io non mi stavo riferendo alla rete Tor ma ad un servizio VPN più "classico".
La rete Tor è un pò un discorso a sè e si: ha dei tempi di latenza alti e non tutti i servizi / siti permettono di essere contattati da un indirizzo IP appartenente alla rete Tor.


Ma TorBox non è un servizio mail?
Avatar utente
thece
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 8449
Iscrizione: aprile 2007
Distribuzione: Debian 9 (Stretch) - KDE

Re: router pubblico

Messaggioda GreYOwL » domenica 13 agosto 2017, 15:26

1) se è un accordo fra condomini, puoi tirarti indietro quando vuoi. E non credo che anche se fosse stato impiantato un tale sistema attraverso una regolare riunione condominiale, possono costringerti ad usare quella rete.
Detto questo, e che una tua linea sarebbe la cosa migliore. seconda cosa: uare una vpn come ti è stato detto. terza cosa, prova a mettere un ip statico al tuo pc, e server dns diversi da quelli che ti da il router.. cambia il nome host del tuo pc mettendo unknow . Potresti in questo modo rendergli la vita più difficile. E comunque , il cavo che va da casa sua fino al router, serve per collegarsi con il cavo, cosa che rende il collegamento, sicuramente migliore rispetto al wifi. SE è bravo, wifi o cavo non cambia praticamente nulla per quanto riguarda il controllo del traffico del router.
"Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo" - Evelyn Beatrice Hall -
Avatar utente
GreYOwL
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1168
Iscrizione: aprile 2007
Località: Roma
Desktop: Gnome 3.26.1
Distribuzione: Ubuntu 17.10
Sesso: Maschile

Re: router pubblico

Messaggioda Pike » domenica 13 agosto 2017, 16:44

thece Immagine ha scritto:Ma TorBox non è un servizio mail?

Mea culpa, ho usato un termine colloquiale che non ha corrispondenze nei pacchetti software.

Uno dei progetti è OnionPi, per creare con un RaspBerry Pi un router TOR, ma ci sono anche diversi prodotti commerciali.
Incivile e maleducato. Come certificato dalla moderazione. You have been warned
Pigroidiorazione. Non fallisce MAI. Anche a 134 giorni di distanza ha l'utilità di un cucchiaio per aprire una lattina.
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 2968
Iscrizione: gennaio 2008
Desktop: xubuntu
Distribuzione: Xenial Xerus i686 (16.04.1)

Re: router pubblico

Messaggioda thece » lunedì 14 agosto 2017, 12:55

GreYOwL Immagine ha scritto:terza cosa, prova a mettere un ip statico al tuo pc

Ai fini della protezione non serve a nulla

GreYOwL Immagine ha scritto:e server dns diversi da quelli che ti da il router

Questo si

GreYOwL Immagine ha scritto:cambia il nome host del tuo pc mettendo unknow

Questo, di nuovo, non serve a nulla

Visto che ti stai movendo in ambito LAN, potresti rendergli la vita un pelino più difficile, rallentandolo, utilizzando un software per il mascheramento randomico del MAC address. Ad ogni riavvio del PC assegni alla tua scheda di rete un nuovo MAC address random.


Pike Immagine ha scritto:Uno dei progetti è OnionPi, per creare con un RaspBerry Pi un router TOR, ma ci sono anche diversi prodotti commerciali.

OK, pensavo ti stessi riferendo ad un prodotto che non conoscevo.

Rimango fermo della mia idea di non usare (in questo caso) la rete TOR.
Ultima modifica di thece il lunedì 14 agosto 2017, 13:50, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
thece
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 8449
Iscrizione: aprile 2007
Distribuzione: Debian 9 (Stretch) - KDE

Re: router pubblico

Messaggioda francesco678 » lunedì 14 agosto 2017, 21:30

grazie molto a tutti per le risposte

Pero
anche se io facessi un nuovo contratto, o pagare una VPN o utlizziare TOR, ecc
avrei solo dei danni aggiuntivi,
dovuto al fatto che pagherei dei soldi e avrei dei rallentamenti di internet con tutti i disagi di usablita

ma se tale signore
mi ha gia fregato ad esempio le password dei miei account (faccio solo un esempio)
potrebbe comodamente loggarsi al mio posto dal suo salotto di casa
mentre io navigo con una nuova connessione internet, con VPN e TOR
soddisfatto di stare al sicuro
In una tale ipotesi, sarebbe qualcosa di addirittura comico

Invece a me interessebbe beccarlo con le mani nel sacco
mentre intercetta i miei dati
perche fino ad adesso non ho nessuna prova che lo faccia, ma solo lo ipotizzo conoscendo il personaggio

Successivamente, potrei passare a soluzioni che siano concrete
perche sarebbe qualcosa di simile di trovarmi a tu per tu,
con un coinquilino che accede di nascosto nel mio appartamento
e di cui ho le prove

Leggevo in un sito (non mi ricordo dove)
che ogni qualvolta ci colleghiamo con il telefonino android ad una rete wifi (ad esempio un bar o una stazione di servizio o una biblioteca, ecc)
il proprietario della rete, lecitamente o meno, potrebbe spiare tutto
Quindi immagino cosa potrebbe fare (ed aver gia fatto) il signore in oggetto, per il quale io non sono una qualsiasi persona tra milioni, di una metropoli,
ma un vicino di casa , con cui non ci sono rapporti amichevoli
e lui bazzica in elettronica ed informatica da tutta la vita
ed è il proprietario della connessione internet ove sono costretto a collegarmi in wifi

Pero lui non immagina che io conosco tali insidie
e mi considera alla stregua di una donna o di un pensionato
che usa il suo telefono o pc, nella totale incoscienza di quali siano tali problematiche
cosi come la quasi totalita di utenti in rete
Ultima modifica di francesco678 il lunedì 14 agosto 2017, 22:18, modificato 1 volta in totale.
francesco678
Prode Principiante
 
Messaggi: 148
Iscrizione: ottobre 2010

Re: router pubblico

Messaggioda thece » lunedì 14 agosto 2017, 21:48

francesco678 Immagine ha scritto:Pero
anche se io facessi un nuovo contratto, o pagare una VPN o utlizziare TOR, ecc
avrei solo dei danni aggiuntivi,
dovuto al fatto che pagherei dei soldi e avrei dei rallentamenti di internet con tutti i disagi di usablita
ma se tale signore
mi ha gia fregato ad esempio le password dei miei account (faccio solo un esempio)
potrebbe comodamente loggarsi al mio posto dal suo salotto di casa
mentre io navigo con una nuova connessione internet, con VPN e TOR
soddisfatto di stare al sicuro
In una tale ipotesi, sarebbe qualcosa di addirittura comico

Invece a me interessebbe beccarlo con le mani nel sacco
mentre intercetta i miei dati
perche fino ad adesso non ho nessuna prova che lo faccia, ma lo ipotizzo conoscendo il personaggio

Successivamente, potrei passare a soluzioni che siano concrete
perche sarebbe qualcosa di simile di trovarmi a tu per tu,
con un coinquilino che accede di nascosto nel mio appartamento e di cui ho le prove che lo abbia fatto

Se provato, la soluzione si chiama denuncia e si va in tribunale (penale).

francesco678 Immagine ha scritto:Leggevo in un sito (non mi ricordo dove)
che ogni qualvolta ci colleghiamo con il telefonino android ad una rete wifi (ad esempio un bar o una stazione di servizio o una biblioteca, ecc)
il proprietario della rete, lecitamente o meno, potrebbe spiare tutto

Non è del tutto vero.
Mi limito alla sola navigazione Web ma il discorso è trasportabile anche ad altri ambiti. Se visiti un sito utilizzando il protocollo HTTP allora tutti i dati scambiati nella comunicazione sono "in chiaro" e chiunque intercetti il traffico può sapere a quale sito ti sei collegato, ricostruire cosa stai guardando, cosa stai facendo, quali dati hai scambiato. Se visiti un sito utilizzando il protocollo HTTPS allora tutti i dati scambiati nella comunicazione sono "cifrati" e chiunque intercetti il tuo traffico può sapere a quale sito ti sei collegato, ma NON ricostruire cosa stai guardando, cosa stai facendo, quali dati hai scambiato.

La VPN serve apposta per cifrare in modo trasparente tutto il tuo traffico di rete che dal tuo PC va verso Internet, rendendolo inintellegibile a sguardi indiscreti.

francesco678 Immagine ha scritto:Quindi immagino cosa potrebbe fare (ed aver gia fatto) il signore in oggetto, per il quale io non sono una qualsiasi persona tra milioni, di una metropoli,
ma un vicino di casa , con cui non ci sono rapporti amichevoli
e lui bazzica in elettronica ed informatica da tutta la vita
ed è il proprietario della connessione internet ove sono costretto a collegarmi in wifi

Pero lui non immagina che io conosco tali insidie
e mi considera alla stregua di una donna o di un pensionato
che usa il suo telefono o pc, nella totale incoscienza di quali siano tali problematiche

Bazzicare in informatica / elettronica non significa saperlo fare, fidati, il discorso sicurezza è piuttosto complesso.

francesco678 Immagine ha scritto:... e mi considera alla stregua di una donna o di un pensionato ...

Attenzione che qualche signorina, o altro utente un pò più avanti negli anni, che frequenta il Forum potrebbe sentirsi offeso :D
Avatar utente
thece
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 8449
Iscrizione: aprile 2007
Distribuzione: Debian 9 (Stretch) - KDE

Re: router pubblico

Messaggioda GreYOwL » lunedì 14 agosto 2017, 22:53

thece Immagine ha scritto:
GreYOwL Immagine ha scritto:terza cosa, prova a mettere un ip statico al tuo pc

Ai fini della protezione non serve a nulla

GreYOwL Immagine ha scritto:e server dns diversi da quelli che ti da il router

Questo si

GreYOwL Immagine ha scritto:cambia il nome host del tuo pc mettendo unknow

Questo, di nuovo, non serve a nulla

Visto che ti stai movendo in ambito LAN, potresti rendergli la vita un pelino più difficile, rallentandolo, utilizzando un software per il mascheramento randomico del MAC address. Ad ogni riavvio del PC assegni alla tua scheda di rete un nuovo MAC address random.


Pike Immagine ha scritto:Uno dei progetti è OnionPi, per creare con un RaspBerry Pi un router TOR, ma ci sono anche diversi prodotti commerciali.

OK, pensavo ti stessi riferendo ad un prodotto che non conoscevo.

Rimango fermo della mia idea di non usare (in questo caso) la rete TOR.

l ip statico e il mancato nome del pc serve solo a cercare di rendere il tuo pc più difficileda individuare dal signrore suddetto. L ho detto sopra :)
per il resto son d accordo con te su tutto.
IO personalmente me ne fregherei, anche perchè al primo odore di truffa vado dalla polizia. Qui cè il penale. Oppure se proprio voglio star sicuro, mi faccio una linea mia. costi quel che costi. Se devo aver paura di accendere il pc , non esiste nessun risparmio che tenga
"Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo" - Evelyn Beatrice Hall -
Avatar utente
GreYOwL
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1168
Iscrizione: aprile 2007
Località: Roma
Desktop: Gnome 3.26.1
Distribuzione: Ubuntu 17.10
Sesso: Maschile

Re: router pubblico

Messaggioda thece » lunedì 14 agosto 2017, 22:56

GreYOwL Immagine ha scritto:l ip statico e il mancato nome del pc serve solo a cercare di rendere il tuo pc più difficileda individuare dal signrore suddetto. L ho detto sopra :)

Credimi, non lo rallentano nemmeno



GreYOwL Immagine ha scritto:Di nuovo Debian, perché la mamma è sempre la mamma!

:popopo: :popopo: :popopo: ma grande!
Avatar utente
thece
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 8449
Iscrizione: aprile 2007
Distribuzione: Debian 9 (Stretch) - KDE

Re: router pubblico

Messaggioda francesco678 » lunedì 14 agosto 2017, 23:14

grazie thece
sei stato molto chiaro
grazie GreYOwL per le ulteriori precisazioni

non era mia intenzione offendere donne esperte di questi ambiti
ma sono comunque una ristretta minoranza, rispetto a tutti gli altri utenti della rete
che non capiscono quasi nulla, di quanto veramente avviene in rete
e spesso non riescono a fare le connessioni logiche piu banali

Basti pensare ad i miliardi di utenti facebook
che pubblicano tutta la loro vita personale
e poi ognitanto li vedi disperati piagnucolanti ed increduli
che gli hanno violato l'account (nonostante facebook utilizzi pure HTTPS)
Per non parlare poi
di quando gli fregano i soldi dagli account Postpay
e compagnia a seguito

fatte tali precisazioni
il mio problema è che andare a fare una connessione VPN o nuovo contratto internet o TOR
sarebbe qualcosa di simile a chiudere la stalla, quando i buoi sono scappati
perche tale signore potrebbe gia aver preso molte informazioni personali

se qualcuno di voi si trovasse nella mia situazione
cosa farebbe per prima cosa, per poter sapere
se tale coinquilino intercetta i miei dati?
Ultima modifica di francesco678 il lunedì 14 agosto 2017, 23:20, modificato 1 volta in totale.
francesco678
Prode Principiante
 
Messaggi: 148
Iscrizione: ottobre 2010

Re: router pubblico

Messaggioda pachisapiu » lunedì 14 agosto 2017, 23:17

però a dirla tutta sembra che tu ti sia fatto un film nella tua testa ... inoltre ...

Pero
anche se io facessi un nuovo contratto, o pagare una VPN o utlizziare TOR, ecc
avrei solo dei danni aggiuntivi,
dovuto al fatto che pagherei dei soldi e avrei dei rallentamenti di internet con tutti i disagi di usablita

Bhe è normale che un servizio lo paghi ma non mi è chiara la storia dei rallentamenti anzi con un contratto tutto tuo avresti la completa usabilità della banda a disposizione
Ultima modifica di pachisapiu il lunedì 14 agosto 2017, 23:23, modificato 2 volte in totale.
Carbonara is my law - Chi ?
Iscritto all'Albo D'Oro
Avatar utente
pachisapiu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 921
Iscrizione: maggio 2017
Distribuzione: FreeDOS

Re: router pubblico

Messaggioda thece » lunedì 14 agosto 2017, 23:19

francesco678 Immagine ha scritto:se qualcuno di voi si trovasse nella mia situazione
cosa farebbe per prima cosa, per poter sapere
se tale coinquilino intercetta i miei dati?

Personalmente, ho già risposto alla tua domanda (mio primo post, ne più, ne meno).
Avatar utente
thece
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 8449
Iscrizione: aprile 2007
Distribuzione: Debian 9 (Stretch) - KDE

Re: router pubblico

Messaggioda GreYOwL » lunedì 14 agosto 2017, 23:59

Se il router va direttamente su internet beccare il tuo traffico di dati, e controllarlo, è difficile. Molto più facile in caso di un server "condominiale"Sicuro che sia solo un "esperto" oppure è un informatico vero e proprio ???
vuoi stare comunque tranquillo ?? anche se anche io penso che ti stai facendo troppi problemi... cambia tutte le password possibili e staccati dalla rete condominiale.
non ha sensocontinuare a stare li dentro se hai paura di essere spiato. é facile controllare se il tuo pc è sotto controllo, ma dimostrae che il traffico una volta uscito dal pc viene reindirizzato e spiato, è molto difficile in QUESTO caso.
quindi:
1) vattene dalla rete
2) cambia le password di tutti i servizi
"Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo" - Evelyn Beatrice Hall -
Avatar utente
GreYOwL
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1168
Iscrizione: aprile 2007
Località: Roma
Desktop: Gnome 3.26.1
Distribuzione: Ubuntu 17.10
Sesso: Maschile

Re: router pubblico

Messaggioda francesco678 » martedì 15 agosto 2017, 0:05

pachisapiu Immagine ha scritto:però a dirla tutta sembra che tu ti sia fatto un film nella tua testa ... inoltre ...

Pero
anche se io facessi un nuovo contratto, o pagare una VPN o utlizziare TOR, ecc
avrei solo dei danni aggiuntivi,
dovuto al fatto che pagherei dei soldi e avrei dei rallentamenti di internet con tutti i disagi di usablita

Bhe è normale che un servizio lo paghi ma non mi è chiara la storia dei rallentamenti anzi con un contratto tutto tuo avresti la completa usabilità della banda a disposizione


caro pachisapiu
scusami
ma se è solo un film nella mia mente
a sto punto non mi serve neanche un servizio VPN ed un nuovo contratto tutto mio

A ch mi serve fare tutto questo
se è solo un film nella mia mente?

E se invece non fosse un film nella mia mente
e questa persona mi ha gia rubato informazioni personali
che potrebbe utilizzare per chissa quale scopo?

Ma immagino che vi sara capitato a tutti nella vita di incontrare persone
che prepotentemente, hanno cercato di invadere i vostri spazi
e quando non ci sono riusciti è solo perche, non hanno potuto farlo
ma se avessero avuto i mezzi per farlo, lo avrebbero fatto senza problemi
francesco678
Prode Principiante
 
Messaggi: 148
Iscrizione: ottobre 2010

Re: router pubblico

Messaggioda francesco678 » martedì 15 agosto 2017, 2:16

GreYOwL Immagine ha scritto:. é facile controllare se il tuo pc è sotto controllo,i


a me basta anche solo sapere con certezza se il mio pc è sotto controllo
francesco678
Prode Principiante
 
Messaggi: 148
Iscrizione: ottobre 2010

Successiva

Torna a Bar Ubuntu

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: Magog, Majestic-12 [Bot], Marym, woddy68 e 6 ospiti