Antivirus per proteggere navigazione

Sicurezza del sistema: firewall, antispam, antivirus, ssh, patch, bug, eccetera.
Avatar utente
woddy68
Rampante Reduce
Rampante Reduce
Messaggi: 6867
Iscrizione: sabato 12 febbraio 2011, 14:23
Desktop: Kde Plasma5
Distribuzione: openSUSE Leap-Tumbleweed-Kubuntu 20
Sesso: Maschile

Re: Antivirus per proteggere navigazione

Messaggio da woddy68 »

emanuc ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 13:56
La differenza alcune distro potrebbero averla, tipo Fedora che abilita SELinux in enforce mode di default.
...voglio vedercelo un anziano avere a che fare con SELinux...
La maggior parte degli attacchi ransomware, sono attacchi mirati e non mirano gli utenti comuni, ma aziende o privati che espongono facilmente dati sensibili. Non credo che un anziano si metta a fare transizioni bancarie o cose di questo tipo.
Dopodiché la sicurezza in campo informatica sappiamo tutti che non esiste, esiste solo un modo per essere un po' più al sicuro.
Se il problema è solo la normale navigazione, non dovrebbe essere un problema. Spiega piuttosto alla persona di evitare di dare i suoi dati personali al mondo e vivrà felice.
Ha l'auto ? Ti preoccupi che qualcuno potrebbe centrarlo ? Non credo, perché altrimenti non faresti più niente.
Desktop - Acer Aspire M5500 (AMD) - Notebook Acer Aspire E1 -522 (Amd)
-Ho sempre accettato caramelle dagli sconosciuti-
Ecco cosa succede quando...https://www.youtube.com/watch?v=iigtsYY ... ni7HzinVf8
emanuc
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 830
Iscrizione: sabato 1 giugno 2013, 0:32
Desktop: GNOME
Distribuzione: Fedora 34
Sesso: Maschile
Località: Catania

Re: Antivirus per proteggere navigazione

Messaggio da emanuc »

woddy68 ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 14:31
emanuc ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 13:56
La differenza alcune distro potrebbero averla, tipo Fedora che abilita SELinux in enforce mode di default.
...voglio vedercelo un anziano avere a che fare con SELinux...
La maggior parte degli attacchi ransomware, sono attacchi mirati e non mirano gli utenti comuni, ma aziende o privati che espongono facilmente dati sensibili. Non credo che un anziano si metta a fare transizioni bancarie o cose di questo tipo.
Dopodiché la sicurezza in campo informatica sappiamo tutti che non esiste, esiste solo un modo per essere un po' più al sicuro.
Se il problema è solo la normale navigazione, non dovrebbe essere un problema. Spiega piuttosto alla persona di evitare di dare i suoi dati personali al mondo e vivrà felice.
Ha l'auto ? Ti preoccupi che qualcuno potrebbe centrarlo ? Non credo, perché altrimenti non faresti più niente.
In realtà l'anziano o l'utente di turno non deve fare nulla, è tutto preconfigurato, tranne che non smanetti sulla radice. SELinux è una sicurezza in più, non la sicurezza assoluta. Ho messo il link alla documentazione, che lo specifica.
Si può raggiungere un ulteriore sicurezza con le APP flatpak, che sono in sandbox, e dare o eliminare permessi superflui con flatseal o da CLI.
Avatar utente
woddy68
Rampante Reduce
Rampante Reduce
Messaggi: 6867
Iscrizione: sabato 12 febbraio 2011, 14:23
Desktop: Kde Plasma5
Distribuzione: openSUSE Leap-Tumbleweed-Kubuntu 20
Sesso: Maschile

Re: Antivirus per proteggere navigazione

Messaggio da woddy68 »

emanuc ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 15:36
woddy68 ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 14:31
emanuc ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 13:56
La differenza alcune distro potrebbero averla, tipo Fedora che abilita SELinux in enforce mode di default.
...voglio vedercelo un anziano avere a che fare con SELinux...
La maggior parte degli attacchi ransomware, sono attacchi mirati e non mirano gli utenti comuni, ma aziende o privati che espongono facilmente dati sensibili. Non credo che un anziano si metta a fare transizioni bancarie o cose di questo tipo.
Dopodiché la sicurezza in campo informatica sappiamo tutti che non esiste, esiste solo un modo per essere un po' più al sicuro.
Se il problema è solo la normale navigazione, non dovrebbe essere un problema. Spiega piuttosto alla persona di evitare di dare i suoi dati personali al mondo e vivrà felice.
Ha l'auto ? Ti preoccupi che qualcuno potrebbe centrarlo ? Non credo, perché altrimenti non faresti più niente.
In realtà l'anziano o l'utente di turno non deve fare nulla, è tutto preconfigurato, tranne che non smanetti sulla radice. SELinux è una sicurezza in più, non la sicurezza assoluta. Ho messo il link alla documentazione, che lo specifica.
Si può raggiungere un ulteriore sicurezza con le APP flatpak, che sono in sandbox, e dare o eliminare permessi superflui con flatseal o da CLI.
Si, ma se sta utilizzando un sistema che usa AppArmor, io terrei quello che è già preconfigurato ed è anche meno invasivo, perché complicarsi la vita ?
Tra l'altro questi software non proteggono da possibili infezioni da browser nella maggior parte dei casi.
Desktop - Acer Aspire M5500 (AMD) - Notebook Acer Aspire E1 -522 (Amd)
-Ho sempre accettato caramelle dagli sconosciuti-
Ecco cosa succede quando...https://www.youtube.com/watch?v=iigtsYY ... ni7HzinVf8
emanuc
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 830
Iscrizione: sabato 1 giugno 2013, 0:32
Desktop: GNOME
Distribuzione: Fedora 34
Sesso: Maschile
Località: Catania

Re: Antivirus per proteggere navigazione

Messaggio da emanuc »

woddy68 ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 16:01
emanuc ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 15:36
woddy68 ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 14:31
emanuc ha scritto:
sabato 12 giugno 2021, 13:56
La differenza alcune distro potrebbero averla, tipo Fedora che abilita SELinux in enforce mode di default.
...voglio vedercelo un anziano avere a che fare con SELinux...
La maggior parte degli attacchi ransomware, sono attacchi mirati e non mirano gli utenti comuni, ma aziende o privati che espongono facilmente dati sensibili. Non credo che un anziano si metta a fare transizioni bancarie o cose di questo tipo.
Dopodiché la sicurezza in campo informatica sappiamo tutti che non esiste, esiste solo un modo per essere un po' più al sicuro.
Se il problema è solo la normale navigazione, non dovrebbe essere un problema. Spiega piuttosto alla persona di evitare di dare i suoi dati personali al mondo e vivrà felice.
Ha l'auto ? Ti preoccupi che qualcuno potrebbe centrarlo ? Non credo, perché altrimenti non faresti più niente.
In realtà l'anziano o l'utente di turno non deve fare nulla, è tutto preconfigurato, tranne che non smanetti sulla radice. SELinux è una sicurezza in più, non la sicurezza assoluta. Ho messo il link alla documentazione, che lo specifica.
Si può raggiungere un ulteriore sicurezza con le APP flatpak, che sono in sandbox, e dare o eliminare permessi superflui con flatseal o da CLI.
Si, ma se sta utilizzando un sistema che usa AppArmor, io terrei quello che è già preconfigurato ed è anche meno invasivo, perché complicarsi la vita ?
Tra l'altro questi software non proteggono da possibili infezioni da browser nella maggior parte dei casi.
Mi riferivo alla differenza tra distro, esiste nella preconfigurazione.
Dipende, se l'utente dal browser installa un software malevole si, almeno non si propaga al sistema, non ha vita facile. Ma se si vuole isolare il browser dall'host, ci sono le APP flatpak che sono in sadbox, e s i è più protetti, ovviamente limitandoli, perché se dai permessi all'intera home, non hai risolto quasi nulla (anche se ci sono i portali che aiutano, in questo caso).
Scrivi risposta

Ritorna a “Sicurezza”

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti iscritti e 3 ospiti