Thunderbird e con un annulla leggo la posta di chiunque

Il ritrovo della comunità dove confrontarsi e discutere sulle notizie dal mondo dell'informatica, di Ubuntu e di tutto quello che la riguarda, novità, pettegolezzi e quant'altro.

Re: Thunderbird e con un annulla leggo la posta di chiunque

Messaggioda kirk1 » mercoledì 13 novembre 2013, 15:21

Thunderbird non è una pagina web che ti da accesso ad un area riservata, è un software che scarica/memorizza sul disco le email, per intenderci è un client di posta elettronica.
La password che vorresti impostare, se ci fosse non userei thunderbird, non ha alcun senso visto che le tue email vengono memorizzate sul tuo disco e quindi accessibili in ogni caso a chiunque acceda al tuo pc.
Quindi chi mette le sue pelose zampette sul tuo pc, non accede soltanto alle tue email, ma anche alle canzoni, ai film e a tutte le cose che hai memorizzato sul computer.
La prima regola è quella di non lasciare il pc incustodito, la seconda è di cifrare il disco o quantomeno la propria home.
Io personalmente ho l'intero file system cifrato ad eccezione della /boot che tengo su una chiavetta esterna, una bella password robusta per la home e non lascio MAI il pc da solo e se proprio sto scaricando e mi scappa di andare in bagno, blocco lo schermo con richiesta di password.
La password la cambio molto spesso, solitamente ogni 10/15 giorni e se mi capita di averla digitata in presenza di qualcuno la cambio appena possibile, anche se il qualcuno mi sta di fronte e teoricamente non vede cosa digito.
kirk1
Prode Principiante
 
Messaggi: 0
Iscrizione: novembre 2013

Re: Thunderbird e con un annulla leggo la posta di chiunque

Messaggioda giulux » mercoledì 13 novembre 2013, 15:43

riesumare discussioni esaurite da tempo (necroposting) non ha molto senso, tenuto conto della velocità di evoluzione del software (e non solo)
controllare sempre la data delle discussioni e se sono antiche è preferibile aprire una nuova discussione
chiudo
con l'aiuto della comunità le cose si mettono quasi sempre a posto (e non apposto), a parte (e non apparte) qualche caso ...
Avatar utente
giulux
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 19698
Iscrizione: gennaio 2010
Località: Roma
Desktop: xubuntu - ubuntu gnome
Distribuzione: Ubuntu 16.04.1 LTS x86_64
Sesso: Maschile

Re: Thunderbird e con un annulla leggo la posta di chiunque

Messaggioda kirk1 » mercoledì 13 novembre 2013, 15:45

Windows non è mai stato multi utente e forse mai neppure lo sarà, gestisce permessi da bambini che tentano di impedi impedire di fare alcune cose, ma se sei appena appena malizioso ecco qui che windows permette tutto a tutti. Basta vedere il sorgente di un virus e capire cosa si può fare con il Findus. Il problema è quel orrendo file system che si porta dietro dal medioevo e quella sottospecie di codice che hanno il coraggio di chiamare kernel. Da windows 8 sembra che le cose stiano cambiando un pochino, ma non troppo, ci sono troppi interessi economici di troppe sofware hose che orbitano attorno all'insicurezza del Finestre. Basti pensare a quanti antivirus/virus ci sono per il Finestre e quanti ce ne siano per linux.
Chiaramente la dotazione di software professionali che ha il Finestre, il nostro bene amato linux neppure se lo sogna anche se esistono software molto potenti pure per linux.
Windows è un prodotto commerciale adatto a tutti i ricchi e a tutti i pirati.
Agli onesti è riservato linux, ma si sa, gli onesti solitamente son poveri e quindi devono accontentarsi, ma sono intelligenti e fanno ciò che possono con ciò che hanno.... E solitamente gli intelligenti fanno più dei ricchi ....


Wilson Immagine ha scritto:Beh, windows NT è sempre stato multiutente, win 95/98 quasi (se non ricordo male avevano un sistema per usare gli utenti di un dominio NT, che dava l'impressione di una vera multiutenza in locale) e i precedenti per nulla (se non sbaglio: ero molto giovane).

Windows 2000 e successivi sono tutti "NT" e quindi compiutamente multiutente, inoltre win 2000 permetteva già la crittazione dei dati personali (è li che ho imparato che quando si accetta di crittare qualcosa bisogna prima di qualsiasi altra cosa assicurarsi di saperla recuperare se il sistema si pianta).

Va però detto che la versione home di XP (quella accessibile a tutti) aveva la multiutenza di fatto disabilitata (spero che da vista non sia più così, non lo so), quindi anche se win ha portato per primo al pubblico la multiutenza e la protezione dei dati del singolo utente, lo ha fatto solo nelle versioni "pro" o per aziende, non per gli utenti casalinghi, che non hanno mai sviluppato (e non ne hanno proprio avuta la possibilità) l'abitudine ad un uso "privato" del pc.

ps: se non sbaglio Ubuntu di default lascia le cartelle home leggibili  anche agli altri utenti, quindi per proteggere davvero i dati dagli altri utenti legittimi deve anche regolare i permessi, mentre per proteggersi da utenti amministratori o comunque dotati di un disco di avvio l'unica è crittare.
kirk1
Prode Principiante
 
Messaggi: 0
Iscrizione: novembre 2013

Precedente

Torna a Bar Ubuntu

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: Eresia e 8 ospiti