La fine di Unity

Il ritrovo della comunità dove confrontarsi e discutere sulle notizie dal mondo dell'informatica, di Ubuntu e di tutto quello che la riguarda, novità, pettegolezzi e quant'altro.

Re: La fine di Unity

Messaggioda daigo » mercoledì 12 aprile 2017, 19:43

eh si, kubuntu è molto indietro non cè paragone con le distro rolling che sono molto più avanti e comunque in generale molto più curate di kubuntu
daigo
 

Re: La fine di Unity

Messaggioda taxidriver » mercoledì 12 aprile 2017, 21:04

@woddy68 Fai bene a sperimentare kde. Stringi stringi secondo me i due ecosistemi principali rimarranno sempre Gnome e Kde. Spero solo non sia una decisione per partito preso. Secondo me unity alla fine si muoveva molto più nell'ecosistema Gnome. Ma alla fine ognuno fa quello che vuole.
Capisco la tua delusione. Ma non è come essere lasciati da una bionda e invece di provarci con una mora si passa direttamente a un uomo? :D
Scherzo!
Mi scuso anche per la rispostaccia sulla morte di unity, ma mi aveva indispettito quell'auguri! Come se chi ha usato unity fino adesso non dovesse niente a Gnome.
La tua delusione ci sta tutta... continua a sperimentare, cercando di essere obiettivo nei giudizi però.
Il DE perfetto non esiste, ma se alcune cose buone di Unity potessero convergere ora in Gnome? Chi lo sa.
Avatar utente
taxidriver
Prode Principiante
 
Messaggi: 131
Iscrizione: dicembre 2007
Desktop: Gnome e Mate
Distribuzione: Ubuntu Mate 16.04 32 bit

Re: La fine di Unity

Messaggioda stupenDOS » mercoledì 12 aprile 2017, 22:10

Wilson Immagine ha scritto:HUD non cerca file e programmi, HUD cerca comandi nei menu del programma che stai usando (e, in passato, in quelli degli indicators indipendentemente dal programma aperto, cosa che usavo praticamente di continuo).

Es: in Calc devi disattivare la protezione del foglio attivo per modificare una cella protetta: premi alt, poi scrivi "proteg" e invio (o forse devi spostarti con la freccetta, dipende da quanto spesso usi quella funzione); stessa cosa per riattivarla.

Senza HUD devi ricordare in quale menu sta il comando "proteggi foglio" ...


Ma è una roba stupenda! C'è modo di averla su gnome?
Avatar utente
stupenDOS
Prode Principiante
 
Messaggi: 53
Iscrizione: agosto 2015
Desktop: Gnome 3.18
Distribuzione: Gubuntu 401/25

Re: La fine di Unity

Messaggioda stupenDOS » mercoledì 12 aprile 2017, 22:16

jeremie2 Immagine ha scritto:
stupenDOS Immagine ha scritto:@jeremie
per il tiling: prova con super + -->, super + <--, super freccia su... però non ho trovato la modalità di tiling nel quadrante ma solo a metà schermo

Si, quelle funzionano per ridisegnare la finestra a metà quadrante.
Altre scorciatoie da tastiera utilizzabili sono tramite Ctrl+Alt+numero. Queste però si limitano a spostare una finestra senza risagomarla. Tipo Ctrl+Alt+9 sposta una finestra nell'angolo alto a destra, Ctrl+Alt+7 nell'angolo a sinistra ecc..


tu ne sai... e non ho ancora provato gli altri suggerimenti!
Avatar utente
stupenDOS
Prode Principiante
 
Messaggi: 53
Iscrizione: agosto 2015
Desktop: Gnome 3.18
Distribuzione: Gubuntu 401/25

Re: La fine di Unity

Messaggioda JackPulde » mercoledì 12 aprile 2017, 22:21

Che voi sappiate, l'HUD è un programma a parte o è integrato in Unity? :?
Avatar utente
JackPulde
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 887
Iscrizione: marzo 2012
Desktop: Gnome 3.32.2
Distribuzione: Fedora 30

Re: La fine di Unity

Messaggioda Topoubunto » mercoledì 12 aprile 2017, 22:30

Per rendere vagamente simile gnome shell a unity credo bastino queste estensione
anche se non restituisce la stessa esperienza e soprattutto HUD io lo usavo per cercare ogni cosa era comodissimo, tanto è vero che tenevo anche la dock a scomparsa.
Potresti provare con queste:
Dash to Dock, Better Volume, Top Icons Plus ovviamente manca la dash..di ubuntu. il risultato è simile ma non da la stessa esperienza
Per quanto mi riguarda io è parecchio che mi sono stabilizzato su ubuntu e unity e lo trovavo il DE ideale tanto è vero che ho lasciato debian testing che ho usato per anni per tornare a ubuntu, non ci sono grandi differenze tra una testing-unstable o un ubuntu lts anche nel'uso pratico..al di là dei luoghi comuni la prima cosa che fanno i debianisti post installazione editano /etc/apt/sources.list e ci schiaffano il repo multimedia anche se ora credo sia un pacchetto deb.....da installare con dpkg -i alla fine cosa cambia rispetto ad un apt install ubuntu-restricted-extra etc.. è che io con unity mi ci trovavo benissimo per HUD e global menu che adoro, ho usato gnome 3 a lungo shell su debian testing 6-7-8 e davvero non fa per me.....autilus monco icone egiganti per ipovedenti notifiche in basso a sx praticamente devi uscire dalla stanza per farle uscire .comunque a mente fredda ho deciso che resto su ubuntu a questo punto è una questione di principio mi sono beccato systemd (ero pro upstart) gnome-shell ed ora mi cassano anche unity....aspetto la nuova lts e guardo cosa implementano....e per quelli che dicono fedora...boh io dico di evitare al limite centos o mamma debian....sono veramente amareggiato sta diventando tutto troppo rh centrico...immagino che presto toglieranno anche apt per metter yum (che peraltro è ottimo) altrimenti soluzione radicale free bsd o pc bsd se necessario acquistando hardware apposito sono stufo di queste continui cambiamenti lotte intestine.. :)
Topoubunto
Prode Principiante
 
Messaggi: 127
Iscrizione: agosto 2010

Re: La fine di Unity

Messaggioda Topoubunto » mercoledì 12 aprile 2017, 22:32

p.s. Ubuntu touch con mir o altro e convergenza poteva essere un alternativa adesso immagino saranno tutti contenti i detrattori avremo anzi abbiamo un monopolio google ad libitum oppure ios di apple... p.s.s. non sono un talebano ho un w10 mobile come cellulare ed è valido anzi lo sarebbe stato a questo punto è defunto anche lui..
Topoubunto
Prode Principiante
 
Messaggi: 127
Iscrizione: agosto 2010

Re: La fine di Unity

Messaggioda Wilson » mercoledì 12 aprile 2017, 22:39

stupenDOS Immagine ha scritto:Ma è una roba stupenda! C'è modo di averla su gnome?


La cosa triste è che c'è da anni e la usiamo in pochissimi, quando l'hanno dimezzata sono stato l'unico a lamentarsi (come sono stato l'unico a lamentarsi della soppressione delle funzioni per portare le finestre in modo da disporsi anche in sei per monitor e nono solo due o quattro come ora)...

Questo è anche il motivo per cui quando sento parlare di Unity come se fosse una questione grafica (il launcher a lato) o peggio di un sistema "adatto a un tablet" (che non ha testiera) cado in preda alla rabbia e allo sconforto: possibile che gente che usa abitualmente Ubuntu (o gnu/linux in generale) sia così poco curiosa da non aver notato le funzionalità più preziose e si sia fermata alle banalità grafiche (ben pensate, ma non certo uniche)? :muro: :muro: :muro:


Comunque, siccome non lo usa nessuno (e ha sempre avuto problemi di compatibilità con i programmi più importanti, legati alle librerie scelte, credo), dubito che l'avremo in Gnome, a dire il vero ho il sospetto che non ci sia neppure in Unity8, anche se ho sempre pensato che il progetto di lungo termine fosse abbinare un sistema di input vocale.

Un'altra delle idee geniali del gran capo che sono state respinte dalla comunità (in gran parte per colpa sua)

ps: come la Dash, anche HUD ha una forma di approssimazione per cui spesso trova il comando giusto anche se non lo digiti correttamente

pps: video molto interessante sul tema: https://www.youtube.com/watch?v=4mOPmM4Y15o Credo che le riflessioni sul "lack of focus" siano particolarmente azzeccate
-- Provate Ubuntu! Innocuo se usato secondo le istruzioni --
Avatar utente
Wilson
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3539
Iscrizione: novembre 2005
Località: Torino
Desktop: Unity
Distribuzione: Edubuntu 15.04 x86_64

Re: La fine di Unity

Messaggioda marlboro » mercoledì 12 aprile 2017, 22:53

Quello che dispiace è che fino alla 18.04 ubuntu sarà una distro "zombie" e visto che è la più famosa non fa proprio una bella impressione...
:(
<<< LiNuX oN tHe RoAd >>>
Avatar utente
marlboro
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 376
Iscrizione: aprile 2014
Desktop: mate
Distribuzione: UbuNtu 16.04

Re: La fine di Unity

Messaggioda woddy68 » mercoledì 12 aprile 2017, 23:39

taxidriver Immagine ha scritto:@woddy68 Fai bene a sperimentare kde. Stringi stringi secondo me i due ecosistemi principali rimarranno sempre Gnome e Kde. Spero solo non sia una decisione per partito preso. Secondo me unity alla fine si muoveva molto più nell'ecosistema Gnome. Ma alla fine ognuno fa quello che vuole.
Capisco la tua delusione. Ma non è come essere lasciati da una bionda e invece di provarci con una mora si passa direttamente a un uomo? :D
Scherzo!
Mi scuso anche per la rispostaccia sulla morte di unity, ma mi aveva indispettito quell'auguri! Come se chi ha usato unity fino adesso non dovesse niente a Gnome.
La tua delusione ci sta tutta... continua a sperimentare, cercando di essere obiettivo nei giudizi però.
Il DE perfetto non esiste, ma se alcune cose buone di Unity potessero convergere ora in Gnome? Chi lo sa.

Non preoccuparti, la bionda non me la lascio scappare ! :lol:
La notizia inizialmente mi ha lasciato perplesso, poi per un attimo la delusione e poi l'indifferenza.
Tengo anche a precisare che fino a due mesi fa utilizzavo anche Fedora con Gnome Shell, non ho alcun problema ad utilizzare un DE più che un altro, certo sulla macchina che lavoro ho sempre utilizzato Unity, perché con Gnome Shell non mi trovo a lavorarci, sicuramente è colpa mia, ma sta di fatto che è così.
Su Kde plasma5 da quando uscì dissi da subito che mi sembrava grande, lo provato svariate volte su varie distro basate su Ubuntu, ma con poca soddisfazione per via della poca stabilità, l'unica non male è Kde Neon, le altre hanno versioni di Kde troppo vecchie o mal mantenute. Da tempo mi ero ripromesso di installare OpenSuse e la morte di Unity è stato solo un imput per farlo, finora non avevo mai utilizzato una distro con Kde5 cosi solida, per cui ho deciso di rimanerci. La storia è questa, poi che Ubuntu utilizzi Gnome o quello che vuole per me è indifferente in quanto ci sono le "derivate" con gli altri De, mi ero solo permesso di fare notare che Ubuntu Lts viene distribuita anche alle aziende e a mio parere Gnome Shell non proprio il massimo in ambito aziendale , già immagino dove lavoravo io che avevano messo Ubuntu-Unity su quasi tutte le postazioni quando aggiorneranno e si troveranno Gnome Shell .....vorrei solo essere una mosca ed essere li.
Edit.
Quello che dispiace è che fino alla 18.04 ubuntu sarà una distro "zombie" e visto che è la più famosa non fa proprio una bella impressione...

Per questo appena avuta la notizia ho cambiato, cambiare per cambiare meglio farlo subito, almeno mi abituo ad altro e non ho quella sensazione di stare su una distro zombie, almeno a livello di DE.
Ultima modifica di woddy68 il giovedì 13 aprile 2017, 10:40, modificato 1 volta in totale.
Desktop - Acer Aspire M5500 (AMD) OpenSuse Leap 15 Kde -- Kubuntu 18.04 -- Tumbleweed
Notebook Acer Aspire E1 -522 (Amd) Tumbleweed - NO Windows ;)
Avatar utente
woddy68
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 4452
Iscrizione: febbraio 2011
Località: Bellano Lc
Desktop: Kde Plasma5
Distribuzione: Leap 15 - Tumbleweed- Kubuntu 18.04
Sesso: Maschile

Re: La fine di Unity

Messaggioda Janvitus » giovedì 13 aprile 2017, 10:11

JackPulde Immagine ha scritto:
Janvitus Immagine ha scritto:
jeremie2 Immagine ha scritto:Per tutti quelli che volessero fare un giretto su GNOME ma sono particolarmente abituati a Unity è ultra consigliato l'utilizzo delle estensioni Dash to Dock oppure Dash to Panel. Questo in buona parte riappacifica con l'ambiente.
Sono fatte piuttosto bene e ho notato che tendono a essere aggiornate rapidamente con l'arrivo di nuove versioni di GNOME. Spesso la maggior parte delle estensioni non funzionano perché non aggiornate. Poi non so, può essere che sia il supporto su Ubuntu a essere problematico.. non ho idea.



Ma provarla a usare "liscia" per qualche settimana? Prima si capiscono le potenzialità, poi si adatta alle proprie esigenze, ma se non ci conosce qualcosa per come è nata è un po' difficile capire le proprie esigenze... A volte gli utenti Linux, dico in generale, mi sembrano quelli Windows e Mac, se gli cambi minimamente il giochino escono pazzi, invece di adattarsi e capire :)

Comunque, per la Shell e le estensioni, usate la discussione già avviata, non qui, grazie.


Toglimi una curiosità... Ma te hai GNOME "liscio" come viene rilasciato? Se si, sei riuscito ad abituarti a non avere il minimize, maximize e (per esempio) avere le icon tray in basso a sinistra :??


viewtopic.php?f=67&t=615537&p=4927087

Immagine

Ed è così pure sul portatile del lavoro... A che serve minimizzare se si può mettere ogni finestra su un desktop? Il minimizzare sulla Shell serve a nulla, non è concepita in quel modo. Vuoi passare alla finestra sotto? Configuri il tasto centrale del mouse per passare alla finestra sotto e viceversa (se serve, a me molto raramente). Il massimizza? Doppio clic del mouse sulla barra superiore della finestra e massimizza. Le icone della tray? In basso a sinistra ancora c'è il vassoio di sistema, viene nascosto se non si usa. Vuoi sapere le uniche applicazioni che io uso che ancora usano la tray? Liferea, Transmission e SkypeforLinux, "quando" lo avvio, cioè 1 volta ogni 3/4 mesi.

telperion Immagine ha scritto:
Quando uso il pc, desktop classico con mouse tastiera doppio monitor 24" + 32", voglio lavorare spedito e senza intoppi.


Doppio monitor? Informati cosa può fare wayland con il doppio monitor... Ma poi mi parli di produttività con debian? La distro meno indicata, almeno la stabile, per uso desktop. Comunque...

SiO2 Immagine ha scritto:
enziosavio Immagine ha scritto:
SiO2 Immagine ha scritto:
enziosavio Immagine ha scritto:@Janvitus quoto tutto Questo, meno quello che riguarda Gnome-Software del quale non vedo l' utilità , anzi è un software parassita

Sto vedendo Gnome-Software per la prima volta su Fedora 25 che ho installato 3 giorni fa e non mi sono ancora fatto un'opinione. In che senso è un software parassita?


Che è sempre attivo , anche quando non lo usi ,come evolution data server e tutti i vari orpelli che si porta dietro , apri il monitor di sistema e te ne rendi conto

ah capito, domani per curiosità do un'occhiata con top. Peccato, perché a prima vista sembrava ben fatto...


Ovvio che rimane in background... Perché secondo voi il vecchio ubuntu software centre era un pachiderma? perché ogni volta che lo richiamavi doveva essere riavviato... Tuttavia, lo gnome-software non serve solo a cercare il software, rimane in background perché durante l'uso del sistema potresti incappare in comandi che hanno bisogno di un'applicazione, e Software te lo propone, o ti propone il set di caratteri che ti manca per vedere un tale sito, o un codec che manca a Rhythmbox/totem/quellocheè per riprodurre quel file multimediale, e altro. Se sta in memoria, non è a caso, è per esigenza. La stessa cosa per evolution-data-server.
Avatar utente
Janvitus
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 17555
Iscrizione: aprile 2005
Località: Potenza
Desktop: GNOME Shell 3.32
Distribuzione: Fedora/Ubuntu
Sesso: Maschile

Re: La fine di Unity

Messaggioda francolino » giovedì 13 aprile 2017, 10:13

Ciao ragazzi, stavo leggendo la discussione e volevo intervenire per portare la mia esperienza con gnome. Premetto che lo uso dalla 3.4 e all'inizio ho fatto veramente fatica, proprio perché cercavo di renderlo il più possibile simile alle mie esperienze desktop precedenti, alla fine ho imparato ad usarlo per come è stato concepito e ora mi trovo benissimo, le uniche estensioni che installo sono per avere alcuni indicatori nel pannello (mail, aggiornamenti, contatore desktop, caffeine, p-state controller), la personalizzazione del tema e l'allarme per le notifiche.
Per il poco famoso HUD, ma che tanto invidio a unity, consiglio di provare plotinus (su github) che conoscono veramente in pochi (un po' come la sua controparte del resto), purtroppo funziona solo per i programmi gtk3 (tranne firefox, thunderbird non lo so visto che uso evolution che si integra meglio), quindi è già qualcosa visto che utilizzando un ambiente gnome i programmi gtk3 dovrebbero essere (in linea puramente teorica) preferiti a quelli qt, il problema nasce con gimp, inkscape che sono ancora in gtk2, ma in futuro.......
La tanto citata storia che gnome è più adatto ad un utilizzo tablet secondo me è un falso mito, esistono innumerevoli scorciatoie da tastiera (già impostate di default, ma comunque personalizzabili) tali da poter gestire praticamente tutto (esiste anche un estensione per far comparire un pop-up con quelle più generiche, un po' come fa unity), in oltre i programmi nativi permettono di visualizzare rapidamente le proprie scorciatoie (tastiera e touchpad) così da non doversele per forza memorizzare, rendendo ideale per un uso su desktop.
Il sistema di ricerca di unity è sicuramente più avanzato di quello di gnome, però è anche più (diciamo) ingombrante e confuso, con gnome si ha un esperienza meno profonda, ma un po' più snella, tasto "win", digito e ottengo comunque risultati riguardanti programmi, ricerca file, ricerca per testo contenuto in documenti di vari formati, ricerca foto, eventi a calendario, contatti, previsioni meteo, orologi, semplici operazioni con la calcolatrice, si può avviare una ricerca web e poi esistono delle estensioni anche per altre ricerche come ad esempio wikipedia, oppure per chi utilizza lollypop (che consiglio) per la musica è possibile visualizzare album e canzoni.
Per ultimo, discorso wayland, l'esperienza è molto buona e fluida (almeno per me che ho un integrata intel, con driver proprietari nvidia non so), ma mancano ancora diverse funzionalità quindi consiglio di provarla ma non per un uso quotidiano, di bello c'è che funzionano alcune gestures con il touchpad native (per ora sono ben poche, pinch-to-zoom per evince e il visualizzatore di immagini e le quattro dita per scorrere tra i desktop) e dovrebbero funzionare quelle per schermi touchscreen (purtroppo non avendo uno schermo di questo tipo non ho potuto testarlo), sperando che in futuro ne vengano implementate altre.
Attualmente sono su fedora, ma la notizia di ubuntu intenzionata ad usare gnome per le prossime release potrebbe spingermi a un ritorno, ed è per questo che stavo leggendo un po' qua e un po la sul forum.
Spero di non essere stato troppo prolisso e di essere stato utile a qualcuno.
francolino
Prode Principiante
 
Messaggi: 0
Iscrizione: aprile 2017
Desktop: gnome
Distribuzione: fedora - archlinux

Re: La fine di Unity

Messaggioda Gius71.71 » giovedì 13 aprile 2017, 11:02

Ovvio che rimane in background... Perché secondo voi il vecchio ubuntu software centre era un pachiderma? perché ogni volta che lo richiamavi doveva essere riavviato... Tuttavia, lo gnome-software non serve solo a cercare il software, rimane in background perché durante l'uso del sistema potresti incappare in comandi che hanno bisogno di un'applicazione, e Software te lo propone, o ti propone il set di caratteri che ti manca per vedere un tale sito, o un codec che manca a Rhythmbox/totem/quellocheè per riprodurre quel file multimediale, e altro. Se sta in memoria, non è a caso, è per esigenza. La stessa cosa per evolution-data-server.

Ma se oggi un pc con meno di 8 GB di RAM non si vende più ma secondo voi guardando al futuro (e non indietro come i granchi) ma che senso ha stare a controllare chi consuma un pò di RAM ?
Il problema è che per realizzare simili progetti ci vuole lavoro e tanta gente che gli sta dietro e qua non siamo la Apple piena di soldi ma per fortuna pare che Gnome ha trovato le risorse giuste.
Avatar utente
Gius71.71
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 671
Iscrizione: maggio 2011
Desktop: Gnome
Distribuzione: Fedora

Re: La fine di Unity

Messaggioda telperion » giovedì 13 aprile 2017, 11:41

Wilson Immagine ha scritto:
stupenDOS Immagine ha scritto:Ma è una roba stupenda! C'è modo di averla su gnome?


La cosa triste è che c'è da anni e la usiamo in pochissimi, quando l'hanno dimezzata sono stato l'unico a lamentarsi (come sono stato l'unico a lamentarsi della soppressione delle funzioni per portare le finestre in modo da disporsi anche in sei per monitor e nono solo due o quattro come ora)...

Questo è anche il motivo per cui quando sento parlare di Unity come se fosse una questione grafica (il launcher a lato) o peggio di un sistema "adatto a un tablet" (che non ha testiera) cado in preda alla rabbia e allo sconforto: possibile che gente che usa abitualmente Ubuntu (o gnu/linux in generale) sia così poco curiosa da non aver notato le funzionalità più preziose e si sia fermata alle banalità grafiche (ben pensate, ma non certo uniche)? :muro: :muro: :muro:


Comunque, siccome non lo usa nessuno (e ha sempre avuto problemi di compatibilità con i programmi più importanti, legati alle librerie scelte, credo), dubito che l'avremo in Gnome, a dire il vero ho il sospetto che non ci sia neppure in Unity8, anche se ho sempre pensato che il progetto di lungo termine fosse abbinare un sistema di input vocale.

Un'altra delle idee geniali del gran capo che sono state respinte dalla comunità (in gran parte per colpa sua)

ps: come la Dash, anche HUD ha una forma di approssimazione per cui spesso trova il comando giusto anche se non lo digiti correttamente

pps: video molto interessante sul tema: https://www.youtube.com/watch?v=4mOPmM4Y15o Credo che le riflessioni sul "lack of focus" siano particolarmente azzeccate


Riguardo all'HUD (mai usato ammetto, non usando unity), l'idea è buona, purtroppo la messa in pratica credo sia complessa.
Immagino sia necessario modificare i programmi per esportare in qualche modo le voci di menù che altrimenti sono invisibili all'esterno.
Poi che fa, ricerche solo sulle voci dell'app in focus? Non so.
Probabilmente troppo lavoro di codice per una cosa che usano in pochissimi, o che molti non capiscono (spiegata male? Non so.)
Insomma se una "feature" non la usa nessuno qualche problema di progettazione o di marketing c'è.
Chiaro l'avesse implementata OSX sarebbe l'ennesimo "miracolo" .... :lol:
Avatar utente
telperion
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 5407
Iscrizione: luglio 2006

Re: La fine di Unity

Messaggioda SiO2 » giovedì 13 aprile 2017, 11:52

Janvitus Immagine ha scritto:Ovvio che rimane in background... Perché secondo voi il vecchio ubuntu software centre era un pachiderma? perché ogni volta che lo richiamavi doveva essere riavviato... Tuttavia, lo gnome-software non serve solo a cercare il software, rimane in background perché durante l'uso del sistema potresti incappare in comandi che hanno bisogno di un'applicazione, e Software te lo propone, o ti propone il set di caratteri che ti manca per vedere un tale sito, o un codec che manca a Rhythmbox/totem/quellocheè per riprodurre quel file multimediale, e altro. Se sta in memoria, non è a caso, è per esigenza. La stessa cosa per evolution-data-server.

In ogni caso ho dato un'occhiata stamattina e ho visto che occupa solo 60 MB e rimane in idle a 0% di processore, quindi non è un gran problema.
Ceci n'est pas une signature
Toshiba Qosmio G50-103 - Intel® Core™2 Duo T9400 @ 2.53 GHz - 4,096 MB DDR2 RAM (800 MHz) - 320+320 GB HD - NVIDIA® GeForce® 9600M GT - Full HD TFT 18.4 / MBP 15" 8GB RAM 256GB SSD i7 Nov. 2013"
Avatar utente
SiO2
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 459
Iscrizione: ottobre 2010
Desktop: Gnome/KDE/XFCE
Distribuzione: Fedora/Debian/OSX
Sesso: Maschile

Re: La fine di Unity

Messaggioda telperion » giovedì 13 aprile 2017, 12:07

francolino Immagine ha scritto:Ciao ragazzi, stavo leggendo la discussione e volevo intervenire per portare la mia esperienza con gnome. Premetto che lo uso dalla 3.4 e all'inizio ho fatto veramente fatica, proprio perché cercavo di renderlo il più possibile simile alle mie esperienze desktop precedenti, alla fine ho imparato ad usarlo per come è stato concepito e ora mi trovo benissimo, le uniche estensioni che installo sono per avere alcuni indicatori nel pannello (mail, aggiornamenti, contatore desktop, caffeine, p-state controller), la personalizzazione del tema e l'allarme per le notifiche.


Ohhhh, bravo hai centrato il punto.
Non hai mai (o poco) usato un computer? Impari gnome e vai benissimo.
Sono 30 anni che usi amiga, windows, osx, gnome2, kde4 eccetera per circa 8 ore al giorno?
Magari non hai nessuna voglia di all'inizio fare veramente fatica, perchè la fatica la usi per la produttività tipo creare interfacce, plugin, script per velocizzare le tue attività, non per imparare altri paradigmi di tastiera mouse icone, chissenefrega.
Personalmente, preferisco "imparare" python, gtk eccetera.
Avatar utente
telperion
Rampante Reduce
Rampante Reduce
 
Messaggi: 5407
Iscrizione: luglio 2006

Re: La fine di Unity

Messaggioda cialu » giovedì 13 aprile 2017, 13:16

telperion Immagine ha scritto:
francolino Immagine ha scritto:Ciao ragazzi, stavo leggendo la discussione e volevo intervenire per portare la mia esperienza con gnome. Premetto che lo uso dalla 3.4 e all'inizio ho fatto veramente fatica, proprio perché cercavo di renderlo il più possibile simile alle mie esperienze desktop precedenti, alla fine ho imparato ad usarlo per come è stato concepito e ora mi trovo benissimo, le uniche estensioni che installo sono per avere alcuni indicatori nel pannello (mail, aggiornamenti, contatore desktop, caffeine, p-state controller), la personalizzazione del tema e l'allarme per le notifiche.


Ohhhh, bravo hai centrato il punto.
Non hai mai (o poco) usato un computer? Impari gnome e vai benissimo.
Sono 30 anni che usi amiga, windows, osx, gnome2, kde4 eccetera per circa 8 ore al giorno?
Magari non hai nessuna voglia di all'inizio fare veramente fatica, perchè la fatica la usi per la produttività tipo creare interfacce, plugin, script per velocizzare le tue attività, non per imparare altri paradigmi di tastiera mouse icone, chissenefrega.
Personalmente, preferisco "imparare" python, gtk eccetera.


E qui veniamo alla bellezza di Linux, delle sue distro e dei suoi tanti DE(e WM).
Ognuno può fare la scelta migliore per se stesso.

Detto ciò, buttare via di punto in bianco Unity8, e anche Unity7, ha lasciato con l'amaro in bocca tanti utenti e forse si poteva anche evitare.
Avatar utente
cialu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 338
Iscrizione: gennaio 2015
Desktop: AwesomeWM - GNOME - i3wm
Distribuzione: Fedora - Ubuntu - Void x86_64

Re: La fine di Unity

Messaggioda Wilson » giovedì 13 aprile 2017, 13:53

Resta curiosa l'idea di far fatica per scriversi degli script (e poi abituarsi a usarli) per velocizzare il proprio lavoro e ignorare ottusamente strumenti analoghi che vengono messi direttamente a disposizione per lo stesso scopo (con un lavoro di progettazione e implementazione più articolato di quanto si possa fare per i propri script, che in compenso sono fatti su misura).
Poi in effetti ci sono interi paesi in cui quasi nessuno guida col cambio automatico pur passando gran parte del tempo di guida spingendo la frizione in coda.

Concordo sul fatto che uno degli aspetti migliori di usare un sistema aperto è la possibilità di seguire le proprie preferenze.
-- Provate Ubuntu! Innocuo se usato secondo le istruzioni --
Avatar utente
Wilson
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
 
Messaggi: 3539
Iscrizione: novembre 2005
Località: Torino
Desktop: Unity
Distribuzione: Edubuntu 15.04 x86_64

Re: La fine di Unity

Messaggioda enziosavio » giovedì 13 aprile 2017, 14:15

Ovvio che rimane in background... Perché secondo voi il vecchio ubuntu software centre era un pachiderma? perché ogni volta che lo richiamavi doveva essere riavviato... Tuttavia, lo gnome-software non serve solo a cercare il software, rimane in background perché durante l'uso del sistema potresti incappare in comandi che hanno bisogno di un'applicazione, e Software te lo propone, o ti propone il set di caratteri che ti manca per vedere un tale sito, o un codec che manca a Rhythmbox/totem/quellocheè per riprodurre quel file multimediale, e altro. Se sta in memoria, non è a caso, è per esigenza. La stessa cosa per evolution-data-server.


Ovvio per chi lo usa ........, ma se io , ma anche molti non lo usano , perchè tenere attivo un processo che non serve , il mio discorso è ... non uso questo Software e quindi non lo voglio per le scatole , per la posta le date ecc uso Thunderbird , perchè devo avere evolution-data-server + 4 o 5 sotto processi inutili , se uso Yast e packagekit per avvisarmi degli aggiornamenti , perchè avere Gnome-software che per di più è sempre li in background , e tra l' altro quando installi qualcosa non si capisce bene se ce l' ha fatta o serve l' ossigeno !
Rivestì la corazza come gigante , cinse l'armatura di guerra e impegnò battaglia difendendo il campo con la spada
Avatar utente
enziosavio
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 2400
Iscrizione: novembre 2010
Desktop: Plasma
Distribuzione: 64bit
Sesso: Maschile

Re: La fine di Unity

Messaggioda Gius71.71 » giovedì 13 aprile 2017, 15:01

Non hai mai (o poco) usato un computer? Impari gnome e vai benissimo.
Sono 30 anni che usi amiga, windows, osx, gnome2, kde4 eccetera per circa 8 ore al giorno?
Magari non hai nessuna voglia di all'inizio fare veramente fatica, perchè la fatica la usi per la produttività tipo creare interfacce, plugin, script per velocizzare le tue attività, non per imparare altri paradigmi di tastiera mouse icone, chissenefrega.

Io invece penso che stare 8 ore al giorno per anni o addirittura per decenni davanti alla stessa identica cosa è da uscirne pazzi, sono stato avanti a XP per 10 anni e non ne potevo più.
:ot:
Quando vado in qualche ufficio pubblico e vedo che c'è un dipendente che ha XP avanti il naso provo veramente pena per lui, mi viene da chiedergli: - ma perchè non te lo compri con i soldi tuoi un pc nuovo con qualsiasi altro sistema ? Invece con quelli che tengono pure lo sfondo con le colline (da 20 anni) cerco di parlare il meno possibile, mi fanno paura. :sisi:
Avatar utente
Gius71.71
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 671
Iscrizione: maggio 2011
Desktop: Gnome
Distribuzione: Fedora

PrecedenteSuccessiva

Torna a Bar Ubuntu

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti registrati e 8 ospiti