Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Iniziative e progetti della comunità legati a Ubuntu.
Regole della sezione
Questa sezione ha lo scopo di raccogliere le iniziative/progetti della nostra Comunità legati ad Ubuntu. I progetti ospitati nascono da iniziative degli utenti o gruppi di utenti. In futuro i progetti potrebbero rimanere iniziative "personali" o essere integrate nella distribuzione, sponsorizzate da Ubuntu o da Canonical a discrezione dei responsabili. All'interno di essa sarà possibile inserire delle discussioni che hanno la funzione di pubblicizzare avvenimenti, iniziative e progetti software su Ubuntu e GNU/Linux in generale. Sarà inoltre possibile per gli utenti proporre lo sviluppo di nuovi software e in questo caso la discussione di richiesta avrà la funzione di generare un requisito funzionale del prodotto da sviluppare.

Sezione I - Iniziative
  • Fanno parte di iniziative, ad esempio, le seguenti categorie: corsi, progetti editoriali, libri.
  • La segnalazione di un'iniziativa avviene creando una discussione con l'annuncio.
  • Una volta effettuata la segnalazione, la discussione viene chiusa dal Gruppo Forum.
  • Se l'iniziativa esposta comporta un costo di adesione o fruizione, questo deve essere esplicitamente riportato all'interno della discussione.
  • È obbligatorio segnalare all'interno della discussione i riferimenti per poter contattare/partecipare all'iniziativa.
Sezione II - Progetti
  • La segnalazione di un progetto software, come per le iniziative, avviene e si sviluppa all'interno di una singola discussione.
  • Sarà consentito l'inserimento di software solo se rilasciati sotto licenza GPL (in tutte le sue versioni) o equivalente FOSS, tale da garantire agli utenti l'utilizzo del prodotto senza restrizioni e agli sviluppatori la proprietà intellettuale del codice prodotto.
  • Nell'oggetto della discussione dovrà essere riportata la categoria (es. [Iniziativa], [Progetto] o [Proposta]) e una semplice descrizione del progetto.
  • Se il progetto ha già un sito che lo ospita sarà a discrezione del Gruppo Forum chiuderla come segnalazione o lasciarla aperta.
  • Se il progetto non ha un sito che lo ospita si potranno aprire due discussioni, una per proporre modifiche/implementazioni (dove nel titolo occorre specificare [sviluppo]) ed una per segnalare problemi (e nel titolo dovrà comparire [supporto]).
  • Non è consentita l'apertura di nuove discussioni in riferimento a versioni superiori o modificate di un prodotto già riportato in precedenza.
  • Se il software oggetto del progetto ha una dimensione non superiore ai 128 kB, per prodotti che non hanno un sito che li ospita, sarà possibile allegarlo alla discussione.
Sezione III - Proposte
  • Una proposta deve essere eseguita e si svilupperà all'interno di una singola discussione.
  • Le proposte dovranno essere inserite direttamente nella sezione "Progetti della Comunità".
  • Dovranno essere specificate le funzionalità che devono essere sviluppate.
  • Non dovranno essere riportate diciture tipo "...deve fare come questo software...", ma indicare nel miglior modo possibile i requisiti.
  • Una volta segnalata la discussione resterà aperta per consentire uno scambio di idee su come sviluppare il codice o finché gli sviluppatori non forniranno una soluzione (da pubblicizzare poi, come visto prima, nella sezione Progetti) che ne soddisfi il requisito.
Per quanto non esposto sopra, si fa comunque riferimento al Regolamento del forum ed al Codice di Condotta della Comunità.
Scrivi risposta
Frank Manara
Prode Principiante
Messaggi: 6
Iscrizione: giovedì 20 giugno 2019, 17:28
Desktop: Mate
Distribuzione: Ubuntu 16.04.3 LTS
Sesso: Maschile

Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da Frank Manara » giovedì 20 giugno 2019, 18:02

Ciao a tutti,

scrivo nella sezione di questo forum, perchè sto cercando di formare un team di persone per creare una nuova distro basata sulle vecchie distribuzioni di Ubuntu, tanto per intenderci prima dell'avvento di Unity.

Il nome che ho scelto per il progetto è "Struttura". Ho scelto di ispirarmi all'idea di solidità, funzionalità e semplicità che la parola struttura evoca e vorrei che questi concetti fossero applicati nella progettazione della distro.

Mi piacerebbe rendere più funzionale l'installazione e la manuntenzione dei repository, usare l'assembly per rendere più veloce l'esecuzione di alcune parti critiche dei programmi, aumentare la compatibilità con i vecchi hardware e aggiornare i driver dei principali brand di periferiche. Tutto questo per realizzare un sistema operativo fluido, robusto e affidabile che possa essere usato e mantenuto con facilità.

Resto disponibile per suggerimenti e idee alternative che possano meglio esprimere i principi sui quali ho basato il progetto. Vorrei usare questa discussione per cominciare a discutere degli aspetti più tecnici del progetto e iniziare a stilare un programma di lavori.

Mi piacerebbe stabilire una collaborazione di lunga durata e perciò, vorrei trovare persone interessate e che possano dedicare parte del loro tempo a questo progetto. Grazie a chi vorrà partecipare!

Saluti
Frank Manara

Avatar utente
DoctorStrange
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1764
Iscrizione: mercoledì 14 ottobre 2015, 9:33
Desktop: Gnome3
Distribuzione: Ubuntu 18.04 Bionic Beaver
Sesso: Maschile
Località: Roma, Italia

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da DoctorStrange » giovedì 20 giugno 2019, 20:16

Meritevole e notevole il tuo progetto.

Ma per implementarlo servono competenze molto selettive e, quindi, anche discreti capitali.

Sono fortemente convinto nell'open source e nella profusione di sforzi a titolo "pro-bono", ma dubito che un tale progetto vedrà mai la luce.

In ogni caso, buona fortuna.

Avatar utente
willy54
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4479
Iscrizione: lunedì 18 dicembre 2017, 21:42
Desktop: Xorg, Plasma
Distribuzione: Ubuntu, Kubuntu 18.04 x86_64
Sesso: Maschile
Località: Castell'Alfero (AT)
Contatto:

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da willy54 » venerdì 21 giugno 2019, 13:34

Benvenuto sul forum
Auguri,
Ma per implementarlo servono competenze molto selettive e, quindi, anche discreti capitali.
Sono fortemente convinto nell'open source e nella profusione di sforzi a titolo "pro-bono"
a mio avviso ne sono già presenti troppe , una in più aumenterebbe la confusione.
Hp Pavilon 15-CS2093nl Win10, UbuntuStudio (provvisorio)
Toshiba Satellite A660 11M Win7, Win10, Ubuntu 18.04 LTS- Kubuntu 18.04 LTS gparted sda inxi -Fz
disattivare Avvio rapido in Windows10

Frank Manara
Prode Principiante
Messaggi: 6
Iscrizione: giovedì 20 giugno 2019, 17:28
Desktop: Mate
Distribuzione: Ubuntu 16.04.3 LTS
Sesso: Maschile

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da Frank Manara » venerdì 21 giugno 2019, 16:37

DoctorStrange [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5139595#p5139595][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:Meritevole e notevole il tuo progetto.

Ma per implementarlo servono competenze molto selettive e, quindi, anche discreti capitali.

Sono fortemente convinto nell'open source e nella profusione di sforzi a titolo "pro-bono", ma dubito che un tale progetto vedrà mai la luce.

In ogni caso, buona fortuna.
Questa è la mia visione, cioè il traguardo verso cui far tendere gli sforzi del progetto.

Non va preso tutto alla lettera, ma è necessario trovare il miglior compromesso possibile tra la visione e la realtà delle cose.

Grazie per il tuo parere!

Frank Manara
Prode Principiante
Messaggi: 6
Iscrizione: giovedì 20 giugno 2019, 17:28
Desktop: Mate
Distribuzione: Ubuntu 16.04.3 LTS
Sesso: Maschile

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da Frank Manara » venerdì 21 giugno 2019, 16:39

willy54 [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5139683#p5139683][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:Benvenuto sul forum
Auguri,
Ma per implementarlo servono competenze molto selettive e, quindi, anche discreti capitali.
Sono fortemente convinto nell'open source e nella profusione di sforzi a titolo "pro-bono"
a mio avviso ne sono già presenti troppe , una in più aumenterebbe la confusione.
Sì, ce ne sono molte in giro, ma proprio per questo voglio creare qualcosa di diverso.

Avatar utente
Sam9999
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1861
Iscrizione: lunedì 9 giugno 2014, 8:59
Desktop: Studio Xfce
Distribuzione: Ubuntu 19.10 (Eoan Ermine)
Località: BO
Contatto:

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da Sam9999 » venerdì 21 giugno 2019, 17:25

Una nuova distribuzione a chi servirebbe al CNR?
Se si hanno le competenze, perché invece non unire gli sforzi e migliorare qualcosa di esistente?
-------------
S. @-M.
-------------

Avatar utente
woddy68
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4964
Iscrizione: sabato 12 febbraio 2011, 14:23
Desktop: Kde Plasma5
Distribuzione: Leap 15.1 - Tumbleweed- Kde Neon
Sesso: Maschile

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da woddy68 » venerdì 21 giugno 2019, 21:57

scrivo nella sezione di questo forum, perchè sto cercando di formare un team di persone per creare una nuova distro basata sulle vecchie distribuzioni di Ubuntu, tanto per intenderci prima dell'avvento di Unity.
Cioè ? Ubuntu prima di Unity utilizzava Gnome 2.x, Gnome 2.x se non sbaglio è stato portato avanti in qualche modo dal team di Mate, Ubuntu ha già una release Ubuntu Mate che richiama molto le vecchie release di Ubuntu a livello di interfaccia grafica. Quindi faccio molta fatica a comprendere cosa realmente intendi dire o meglio fare...poteresti essere più specifico....solo per capire.
Desktop - Acer Aspire M5500 (AMD) OpenSuse Leap 15.1 Kde -- openSUSE Tumbleweed
Notebook Acer Aspire E1 -522 (Amd) Kde Neon
No Windows :o :nono: ;)

Frank Manara
Prode Principiante
Messaggi: 6
Iscrizione: giovedì 20 giugno 2019, 17:28
Desktop: Mate
Distribuzione: Ubuntu 16.04.3 LTS
Sesso: Maschile

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da Frank Manara » sabato 22 giugno 2019, 14:47

Sam9999 [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5139699#p5139699][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:Una nuova distribuzione a chi servirebbe al CNR?
Se si hanno le competenze, perché invece non unire gli sforzi e migliorare qualcosa di esistente?
Al CNR non interesserebbe, sono sicuro che hanno già degli specialisti che progettano all'occorrenza ciò di cui hanno bisogno. Buona idea quella di unire gli sforzi e di migliorare qualcosa di esistente! Questo eliminerebbe in gran parte lo sforzo di creare un progetto ex novo. Tu da dove suggerisci di partire? C'è già qualcosa di esistente che secondo te merita di essere migliorato?
Ultima modifica di Frank Manara il sabato 22 giugno 2019, 15:19, modificato 1 volta in totale.

Frank Manara
Prode Principiante
Messaggi: 6
Iscrizione: giovedì 20 giugno 2019, 17:28
Desktop: Mate
Distribuzione: Ubuntu 16.04.3 LTS
Sesso: Maschile

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da Frank Manara » sabato 22 giugno 2019, 15:11

woddy68 [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5139727#p5139727][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
scrivo nella sezione di questo forum, perchè sto cercando di formare un team di persone per creare una nuova distro basata sulle vecchie distribuzioni di Ubuntu, tanto per intenderci prima dell'avvento di Unity.
Cioè ? Ubuntu prima di Unity utilizzava Gnome 2.x, Gnome 2.x se non sbaglio è stato portato avanti in qualche modo dal team di Mate, Ubuntu ha già una release Ubuntu Mate che richiama molto le vecchie release di Ubuntu a livello di interfaccia grafica. Quindi faccio molta fatica a comprendere cosa realmente intendi dire o meglio fare...poteresti essere più specifico....solo per capire.

Sì, hai ragione il team di Mate, ha già la release Ubuntu Mate, che tra l'altro è quella che uso io sul mio computer e che come dici tu a livello di interfaccia grafica ricorda molto le vecchie release di Ubuntu. È possibile che mi sia spiegato male, quindi cercherò di fartelo capire con un paio di esempi.

Dando, per esempio, un'occhiata a diversi forum spesso si trova che per la risoluzione di un problema siano consigliate una decina di soluzioni da eseguire dalla shell, tutte valide ovviamente, ma spesso molto complicate da usare e da comprendere. Io preferirei che ci fosse solo un modo per risolvere quel determinato problema, così da agevolare tutti gli utenti.

Non mi piace che un comando della shell, abbia tutti quei parametri che i comandi della shell hanno. Lo so, direte voi sono utili e potrebbero servire, ma secondo me si potrebbe limitare l'uso a quelli più utili, perché per le normali necessità di un utente medio non c'è bisogno di una così grande alternativa di scelta.

Mi piacerebbe che il sistema di installazione dei pacchetti fosse più immediato, meno complicato e che rispettasse la retrocompatibilità. Installare un nuovo pacchetto dovrebbe essere una cosa normale e richiedere poco tempo, mentre a volte si incontrano delle difficoltà che sono difficili da risolvere e spesso neanche si risolvono.

Queste sono alcune delle idee che avevo in mente, cosa te ne pare?

Avatar utente
woddy68
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4964
Iscrizione: sabato 12 febbraio 2011, 14:23
Desktop: Kde Plasma5
Distribuzione: Leap 15.1 - Tumbleweed- Kde Neon
Sesso: Maschile

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da woddy68 » sabato 22 giugno 2019, 17:33

Così è più chiaro, non so però quanto fattibile, la retrocompatibilità delle applicazioni dipende molto dalle librerie, Gnu/Linux utilizza librerie condivise per i pacchetti apt o rpm, oggi per le vecchie applicazioni che gli sviluppatori non vogliono aggiornare è più semplice a mio parere impacchettarle il flatpak o snap, perchè vecchie librerie potrebbero creare conflitti e bug se inserite in un moderno sistema. Comunque buon lavoro...
Desktop - Acer Aspire M5500 (AMD) OpenSuse Leap 15.1 Kde -- openSUSE Tumbleweed
Notebook Acer Aspire E1 -522 (Amd) Kde Neon
No Windows :o :nono: ;)

Avatar utente
derma
Rampante Reduce
Rampante Reduce
Messaggi: 7037
Iscrizione: martedì 5 settembre 2006, 20:07
Distribuzione: Ubuntu 15.10 (Wily Werewolf)
Località: Sicilia
Contatto:

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da derma » domenica 23 giugno 2019, 0:57

Frank Manara [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5139811#p5139811][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
woddy68 [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5139727#p5139727][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
scrivo nella sezione di questo forum, perchè sto cercando di formare un team di persone per creare una nuova distro basata sulle vecchie distribuzioni di Ubuntu, tanto per intenderci prima dell'avvento di Unity.
Cioè ? Ubuntu prima di Unity utilizzava Gnome 2.x, Gnome 2.x se non sbaglio è stato portato avanti in qualche modo dal team di Mate, Ubuntu ha già una release Ubuntu Mate che richiama molto le vecchie release di Ubuntu a livello di interfaccia grafica. Quindi faccio molta fatica a comprendere cosa realmente intendi dire o meglio fare...poteresti essere più specifico....solo per capire.

Sì, hai ragione il team di Mate, ha già la release Ubuntu Mate, che tra l'altro è quella che uso io sul mio computer e che come dici tu a livello di interfaccia grafica ricorda molto le vecchie release di Ubuntu. È possibile che mi sia spiegato male, quindi cercherò di fartelo capire con un paio di esempi.

Dando, per esempio, un'occhiata a diversi forum spesso si trova che per la risoluzione di un problema siano consigliate una decina di soluzioni da eseguire dalla shell, tutte valide ovviamente, ma spesso molto complicate da usare e da comprendere. Io preferirei che ci fosse solo un modo per risolvere quel determinato problema, così da agevolare tutti gli utenti.

Non mi piace che un comando della shell, abbia tutti quei parametri che i comandi della shell hanno. Lo so, direte voi sono utili e potrebbero servire, ma secondo me si potrebbe limitare l'uso a quelli più utili, perché per le normali necessità di un utente medio non c'è bisogno di una così grande alternativa di scelta.

Mi piacerebbe che il sistema di installazione dei pacchetti fosse più immediato, meno complicato e che rispettasse la retrocompatibilità. Installare un nuovo pacchetto dovrebbe essere una cosa normale e richiedere poco tempo, mentre a volte si incontrano delle difficoltà che sono difficili da risolvere e spesso neanche si risolvono.

Queste sono alcune delle idee che avevo in mente, cosa te ne pare?


La meta che ti prefiggi è, per certi (non tutti) aspetti, interessante... ma per raggiungerla bisognerebbe "rivedere" proprio il concetto di SO... Linux, fondamentalmente, è il poter raggiungere uno scopo potendo percorrere tante vie o, per dirla atrimenti, scegliendo la strada che si conosce/capisce/"piace"... quello che vorresti tu, se non fraintesi, è la semplificazione in nome di un maggior grado di usabilità da parte del cosiddetto utente medio, ovvero una distro user-friendly... togliere opzioni/alternative, quindi castrare, non lo giudico il miglior modo... il ricorrere ad un maggior utilizzo di GUI, con possibilità di scelta tramite check/radio, con le dovute spiegazioni delle opzioni tramite popup e diciture dei campi di scelta che siano già di per sé alquanto comprensibili, sarebbe una via, secondo me, più fattibile e maggiormente in linea con quello che suole definirsi lo spirito del software "open source", dato che "open" non è riferito soltanto al fatto che non si paga ciò che si usa o che si può modificare il codice senza che si incorra in violazioni del copyright, ma soprattutto che sia "aperto" a tutti in tutti i sensi, quindi anche a livello di possibilità di scelta.
Γı /\ ı\   |7 Γı Γı Γı -|-

Frank Manara
Prode Principiante
Messaggi: 6
Iscrizione: giovedì 20 giugno 2019, 17:28
Desktop: Mate
Distribuzione: Ubuntu 16.04.3 LTS
Sesso: Maschile

Re: Creazione nuova distro nome progetto "Struttura"

Messaggio da Frank Manara » lunedì 24 giugno 2019, 19:41

derma [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5139855#p5139855][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
togliere opzioni/alternative, quindi castrare, non lo giudico il miglior modo... il ricorrere ad un maggior utilizzo di GUI, con possibilità di scelta tramite check/radio, con le dovute spiegazioni delle opzioni tramite popup e diciture dei campi di scelta che siano già di per sé alquanto comprensibili, sarebbe una via, secondo me, più fattibile
Condivido quello che hai scritto. L'alternativa che proponi mi sembra davvero un'ottima idea a cui io non avevo pensato, potrebbe essere un buon punto di partenza per il progetto. Come si potrebbe realizzare in pratica, quello che hai suggerito?

Scrivi risposta

Torna a “Progetti della Comunità”

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti iscritti e 2 ospiti