Librecad, impariamolo.

Utilizzo di applicazioni in ambito professionale.

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda tomm » lunedì 13 marzo 2017, 10:08

Direi che è buona regola non piombare in un 3D come hai fatto tu

A me personalmente non sembra che Nello di Varese sia "piombato" né che sia stato scortese. Forse il suo modo di esprimersi può non piacere a qualcuno, ma oggettivamente non è stato scortese.
Avatar utente
tomm
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 790
Iscrizione: ottobre 2007
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 16.04

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda lucapas » martedì 14 marzo 2017, 9:55

Ciao Nello, come primo aiuto vorrei farti notare come, per ogni comando che attivi, è lo stesso programma a guidarti nella procedura con indicazioni su quello che devi fare passo passo. Basta che leggi le scritte che compaiono a sinistra (per il tasto sinistro) e/o a destra (per quello destro) del mouse disegnato nella barra di stato in basso (ver. 2.2 alpha).
Avatar utente
lucapas
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1474
Iscrizione: febbraio 2006
Località: AP
Desktop: Unity
Distribuzione: Ubuntu 16.04 LTS x64

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda Nello di Varese » giovedì 16 marzo 2017, 16:17

Chiedo scusa se il mio intervento sia potuto sembrare poco educato, soprattutto nei confronti di chi non centra nulla,ma leggendo i vari commenti si può notare che qualcuno a semplici domande non ha fornito semplici risposte.
Il mio problema è di tutti quelli provenienti da AutoCAD o Draftsight è quello di non conoscere la sintassi propria di libreCAD per l'immissione delle coordinate.
Per esempio per indicare un punto sul piano cartesiano rispetto ad un altro punto di riferimento (zero relativo) occorre usare la chiocciola @.
Questa si tratta d'una regola sintattica non conosciuta da tutti.
Altro esempio: per disegnare un cerchio definendo il centro, qual è la regola per immettere le coordinate? Io ho provato 0,5 o @0,5 o @0,@5 o x=0,y=5 e così via. Ma il risultato è sempre comando non valido. Quindi qual è la regola?
E chiarita questa ovviamente se ne presentano altre.
In pratica ci vorrebbe una guida, ma nella mia installazione non c'è.
Non vedo nemmeno i suggerimenti indicati da Lucapas.
Probabilmente sarà la mia installazione non configurata al meglio.
Mi piacerebbe imparare ad usarlo per aderire sempre più all'open-source e lasciare i programmi proprietari, ma appunto senza aiuto ciò non potrebbe concretizzarsi.
Grazie e scusa ancora a chi si è sentito offeso.
Nello di Varese
Prode Principiante
 
Messaggi: 25
Iscrizione: settembre 2016
Desktop: MATE
Distribuzione: Mint 17.3 64bit
Sesso: Maschile

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda mikexu » giovedì 16 marzo 2017, 18:41

Non si tratta di sentirsi offesi, ti ho solo fatto presente che basta fare una domanda alla volta. E' solo per una questione di ordine nel 3D. Se ci ho messo qualcosa in più è solo per il fatto che è il mio modo di fare.
Anzi, ti chiedo scusa io se sono sembrato a mia volta scortese.

Detto questo, veniamo al sodo e cominciamo dalle guide che chiedi:

Purtroppo la guida in italiano per Librecad non esiste ancora. Nel sito ufficiale c'è il wiki in inglese
http://wiki.librecad.org/index.php/Main_Page
e, anche se non padroneggi la lingua ma conosci ad esempio Autocad, non ti sarà poi tanto difficile capire come funzionano i comandi.
Per esempio, tu chiedi delle coordinate e questa è la guida relativa
http://wiki.librecad.org/index.php/Coordinate_system
Come vedi gli schemi riportati e gli esempi ti fanno capire al volo le cose (angoli, sistemi di riferimento, fanno parte di un linguaggio geometrico universale)

Comunque, partendo dal presupposto che Librecad è un fork di Qcad potresti studiarti la relativa guida in italiano
https://www.ribbonsoft.com/doc/qcad/2.2 ... ual-it.pdf
Le cose che chiedi tu le trovi anche lì. Al netto dell'interfaccia grafica Qcad e Libre sono identici.

ciao
Avatar utente
mikexu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 337
Iscrizione: novembre 2012
Distribuzione: Lubuntu 16.04 (i686)
Sesso: Maschile

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda Nello di Varese » giovedì 16 marzo 2017, 22:33

@mikexu
Tranquillo, non mi sono offeso.
Grazie per le guide, soprattutto quella di qCad in italiano, che spiega bene ed in breve come usare la modalità comando.
Appunto le informazioni che desideravo.
Ora tocca a me prenderci confidenza.
Nello di Varese
Prode Principiante
 
Messaggi: 25
Iscrizione: settembre 2016
Desktop: MATE
Distribuzione: Mint 17.3 64bit
Sesso: Maschile

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda mikexu » giovedì 16 marzo 2017, 23:02

Scusa ma ti avevo postato la guida di Qcad del tempo dei romani :D
Segui questa che dovrebbe essere un attimino più aggiornata (almeno penso) o quantomeno un po' più pratica da seguire.
https://www.ribbonsoft.com/doc/qcad/2.2/reference/it/
Avatar utente
mikexu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 337
Iscrizione: novembre 2012
Distribuzione: Lubuntu 16.04 (i686)
Sesso: Maschile

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda Nello di Varese » venerdì 17 marzo 2017, 10:12

Grazie mille.
Nello di Varese
Prode Principiante
 
Messaggi: 25
Iscrizione: settembre 2016
Desktop: MATE
Distribuzione: Mint 17.3 64bit
Sesso: Maschile

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda Vittux79 » giovedì 23 marzo 2017, 18:29

Gius71.71 Immagine ha scritto:Riporto la mia ultima esperienza lavorativa con Librecad a conferma di quanto detto sopra.
Dovendo variare un progetto di un'abitazione esistente, essendo in possesso dei soli disegni attuali cartacei e non avendo assolutamente tempo da perdere ho:
- iniziato ad importare i disegni in png su Librecad (cosa che con Autocad Lite 1500 € circa non si può fare)
- fatto il "grosso" di tutto il disegno
- aperto infine con autocad 2016 per le rifiniture, per passarlo poi in dwg per il calcolo strutturale e per le piantine per il catasto (che purtroppo quelle di librecad il docfa non me le apre, anzi se qualcuno sa come fare gli offro una cena).
Quindi riassumendo decidete voi fino a che livello si può lavorare con Librecad, da tutto a niente, ma una cosa è sicura e cioè che in qualsiasi momento potete passare al software proprietario senza perdere un minuto del vostro lavoro, questo mi piace sottolinearlo.
Penso che è chiaro a tutti che in ambito lavorativo il requisito primario del software libero per essere usabile non è che deve fare tutto ma che deve essere compatibile.
Buon lavoro.


Ciao, sono nuovo del forum e sono un geometra "in perenne ricerca" circa il software OpenSource. Credo di aver trovato la soluzione circa l'importazione delle planimetrie redatte con LibreCad da parte del caro veccio DocFa. Ammesso che la planimetria risponda a tutti i requisiti formali voluti dal DocFa, bisogna aprire il file .dxf appena esportato da LibreCad, con un lettore di file testuali; si noterà subito che il file salvato da LibreCad differisce dagli altri dxf, solo per le prime due righe testuali (999 - dxfrw x.x.x con LibreCad contro 0 - SECTION con Autocad). Bisogna solo eliminare le prime due righe testuali per riportarlo allo stato di lettura per il DocFa. Ho testato personalmente la procedura e funziona.
Vittux79
Prode Principiante
 
Messaggi: 1
Iscrizione: marzo 2017
Desktop: KDE
Distribuzione: LinuxMint Quiana
Sesso: Maschile

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda lucapas » giovedì 23 marzo 2017, 22:48

Grande Vittux79, il tuo trucco dimostra ancora una volta come le incompatibilità pare vengano cercate di proposito!
Avatar utente
lucapas
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1474
Iscrizione: febbraio 2006
Località: AP
Desktop: Unity
Distribuzione: Ubuntu 16.04 LTS x64

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda mikexu » venerdì 24 marzo 2017, 0:20

Vittux79 Immagine ha scritto:
Gius71.71 Immagine ha scritto:Riporto la mia ultima esperienza lavorativa con Librecad a conferma di quanto detto sopra.
Dovendo variare un progetto di un'abitazione esistente, essendo in possesso dei soli disegni attuali cartacei e non avendo assolutamente tempo da perdere ho:
- iniziato ad importare i disegni in png su Librecad (cosa che con Autocad Lite 1500 € circa non si può fare)
- fatto il "grosso" di tutto il disegno
- aperto infine con autocad 2016 per le rifiniture, per passarlo poi in dwg per il calcolo strutturale e per le piantine per il catasto (che purtroppo quelle di librecad il docfa non me le apre, anzi se qualcuno sa come fare gli offro una cena).
Quindi riassumendo decidete voi fino a che livello si può lavorare con Librecad, da tutto a niente, ma una cosa è sicura e cioè che in qualsiasi momento potete passare al software proprietario senza perdere un minuto del vostro lavoro, questo mi piace sottolinearlo.
Penso che è chiaro a tutti che in ambito lavorativo il requisito primario del software libero per essere usabile non è che deve fare tutto ma che deve essere compatibile.
Buon lavoro.


Ciao, sono nuovo del forum e sono un geometra "in perenne ricerca" circa il software OpenSource. Credo di aver trovato la soluzione circa l'importazione delle planimetrie redatte con LibreCad da parte del caro veccio DocFa. Ammesso che la planimetria risponda a tutti i requisiti formali voluti dal DocFa, bisogna aprire il file .dxf appena esportato da LibreCad, con un lettore di file testuali; si noterà subito che il file salvato da LibreCad differisce dagli altri dxf, solo per le prime due righe testuali (999 - dxfrw x.x.x con LibreCad contro 0 - SECTION con Autocad). Bisogna solo eliminare le prime due righe testuali per riportarlo allo stato di lettura per il DocFa. Ho testato personalmente la procedura e funziona.

Ciao collega, riguardo a 'sta faccenda che hai riportato tu, un collega circa due anni fa ha messo nero su bianco e l'ha sottoposta alla Sogei. Risposta?
La stragrande maggioranza degli utenti usa lo standard di Autocad, quindi DOCFA è adeguato a tali esigenze
Io non so cosa intendano per standard Autocad, probabilmente chi ha risposto non ne capisce una mazza neanche di quello che ha scritto.
Si tratta di una stupidaggine per la quale ci vorrebbero 5 minuti per un programmatore a sistemarla.
Ma come dice @lucapas, probabilmente si tratta di una incompatibilità cercata di proposito.
Ciao
Avatar utente
mikexu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 337
Iscrizione: novembre 2012
Distribuzione: Lubuntu 16.04 (i686)
Sesso: Maschile

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda mikexu » martedì 28 novembre 2017, 11:50

Il progetto Librecad non procede.
Dalla pagina ufficiale si rileva che:
    - Le ultime news ufficiali risalgono al maggio 2016, dove veniva annunciato l’abbandono di uno sviluppatore molto importante (tale Dongxu) che in pratica fino a quel momento aveva portato avanti la carretta. C’è l’ingresso di un sostituto ma pare non abbia ancora combinato una mazza. Viene anche annunciata la collaborazione con 2 studenti … mah! In più vi è una quasi disperata ricerca di sviluppatori in C++
    - Lo sviluppo è fermo alla versione del settembre 2016 (2.1.3)
    - Il forum ha 2-3 topic attivi postati da gente in cerca di qualche dritta, ma nessuna notizia sullo sviluppo.

Sembra la classica nave che va alla deriva.

Insomma, ho come la sensazione che sia andato tutto a intrattenitrici e francamente penso che Librecad non sia più da consigliare come applicazione CAD.
Spero di sbagliarmi... sarebbe un peccato.
Avatar utente
mikexu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 337
Iscrizione: novembre 2012
Distribuzione: Lubuntu 16.04 (i686)
Sesso: Maschile

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda lucapas » mercoledì 29 novembre 2017, 14:25

Ho notato anch'io e purtroppo per la mia professione non riesco proprio a sganciarmi da Autocad e da Microsoft. Per diverso tempo ho tentato con Draftsight ma uso molto le immagini e i file, senza il motore della Autodesk, sono ingestibili con qualsiasi altro software.
Avatar utente
lucapas
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1474
Iscrizione: febbraio 2006
Località: AP
Desktop: Unity
Distribuzione: Ubuntu 16.04 LTS x64

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda daneelolivaw » mercoledì 27 dicembre 2017, 12:19

Buongiorno a tutti,
sono nuovo con i CAD, non ho nessuna esperienza con quelli più blasonati.
Ho installato la release 2.2.0 alpha e sto provando a seguire le guide anche se sembranno decisamente per una diversa impaginazione.
Volevo creare un cerchio con linea di comando, ma non me lo prende. Scrivo "ci" o "circle" e poi do invio, ma niente, non succede nulla.
Nel tutorial dice che dovrebbe chiedermi il centro, e poi il raggio, ma non fa proprio nulla. Mentre se lo creo dal menu a sinistra allora funziona.

Grazie, ciao

EDIT: mi sa che sono un pirla! Ho scelto i menù in italiano, non è che anche i comandi son da dare in italiano?
Avatar utente
daneelolivaw
Prode Principiante
 
Messaggi: 30
Iscrizione: ottobre 2012
Distribuzione: xubuntu 16.10

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda daneelolivaw » mercoledì 27 dicembre 2017, 17:44

Appunto, risolto, devo scrivere in italiano, ok.

Altra cosa, posso aggiungere una mia libreria di blocchi?
La cartella usr/share/library non ha permessi, quindi non posso modificarla, e nemmeno aggiuncerci una cartella nuova, quindi se mi creo una mia cartella "Custom" e ci metto dentro dei blocchi fatti da me, come faccio a ripescarli utilizzando il visualizzatore di librerie? Si può? O posso solo fare File>Importa>blocco?

Grazie, ciao
Avatar utente
daneelolivaw
Prode Principiante
 
Messaggi: 30
Iscrizione: ottobre 2012
Distribuzione: xubuntu 16.10

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda daneelolivaw » domenica 31 dicembre 2017, 18:28

sempre io, probabilmente l'ultimo essere vivenete ad utilizzare librecad :).
Non mi stampa le linee tratteggiate, ovvero, le stampa malissimo, se sono corte come linee continue, se son lunhe uno spazio vuoto ogni tanto. Mentre le linee a puntini non le stampa proprio.
Ho provato solo la stampa in pdf, al momento non ho una stampante collegata a questo PC Linux.
Avatar utente
daneelolivaw
Prode Principiante
 
Messaggi: 30
Iscrizione: ottobre 2012
Distribuzione: xubuntu 16.10

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda lucapas » martedì 2 gennaio 2018, 15:01

daneelolivaw Immagine ha scritto:sempre io, probabilmente l'ultimo essere vivente ad utilizzare librecad :).
Probabilmente si! :D
Per la libreria di blocchi basta che li salvi in un file e ce l'hai a disposizione. Oppure puoi scegliere la cartella che vuoi andando su "Options > Preferenze applicazione" e nella scheda "Percorsi" aggiungerne il percorso nello spazio dedicato alle Librerie di oggetti.
Per il tratteggio o le linee punteggiate a me funziona quindi non saprei. Hai provato anche l'esportazione in pdf?
Avatar utente
lucapas
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1474
Iscrizione: febbraio 2006
Località: AP
Desktop: Unity
Distribuzione: Ubuntu 16.04 LTS x64

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda daneelolivaw » giovedì 4 gennaio 2018, 15:38

Hey, ciao!
Ok per la libreria, grazie.

Per la stampa, si ho provato l'esportazione in pdf, lo stesso. Ma anche l'anteprima di stampa non mi fa vedere il tratteggio, e a dire il vero, il tratteggio si vede solo ad un certo livello di zoom, se mi "allontano" sparisce, forse devo fare un tratteggio più lungo, proverò.

A proposito di ultimo LibreCADiano, cosa mi consiglieresti come alternativa?
Considerando che ho un sistema a 32bit, quindi niente Draftsight, Qcad mi sembra d'aver capito che c'è solo una trial di 30gg, poi?
FreeCAD non ho capito come installare il tar.gz.

Grazie, ciao
Avatar utente
daneelolivaw
Prode Principiante
 
Messaggi: 30
Iscrizione: ottobre 2012
Distribuzione: xubuntu 16.10

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda lucapas » giovedì 4 gennaio 2018, 22:02

FreeCAD è ottimo ma più per la meccanica che per l'architettura. Per il 2D su Linux di free c'è solo LibreCAD.
Sul problema delle linee tratteggiate controlla le unità di misura, sia sulle preferenze dell'applicazione che su quelle del disegno corrente.
Avatar utente
lucapas
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
 
Messaggi: 1474
Iscrizione: febbraio 2006
Località: AP
Desktop: Unity
Distribuzione: Ubuntu 16.04 LTS x64

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda daneelolivaw » venerdì 5 gennaio 2018, 10:02

A me servirebbe solo per piccoli disegni di contorno per elettromeccanica, no architettura.

Hai una guida per installare FreeCAD per caso?
Avatar utente
daneelolivaw
Prode Principiante
 
Messaggi: 30
Iscrizione: ottobre 2012
Distribuzione: xubuntu 16.10

Re: Librecad, impariamolo.

Messaggioda corradoventu » venerdì 5 gennaio 2018, 10:25

daneelolivaw Immagine ha scritto:A me servirebbe solo per piccoli disegni di contorno per elettromeccanica, no architettura.

Hai una guida per installare FreeCAD per caso?

in Ubuntu 18.04 puoi installarlo direttamente da Ubuntu Software.

Domanda: se creo la pianta di una casa con sweerhome e la trasformo in png poi posso importare il png in librecad?
Con o senza religione, i buoni si comportano bene e i cattivi male, ma ci vuole la religione per far comportare male i buoni. (Steven Weinberg)
PC di casa: https://drive.google.com/folderview?id= ... sp=sharing
Avatar utente
corradoventu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
 
Messaggi: 859
Iscrizione: aprile 2008
Località: Montecompatri (RM) o Rezzoaglio (GE)
Desktop: unity -> gnome
Distribuzione: Ubuntu 16.04, 17.10, 18.04
Sesso: Maschile

PrecedenteSuccessiva

Torna a Applicazioni professionali

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti registrati e 3 ospiti