[chroot]Sistema semplice per fare modifiche ai file

Il ritrovo della comunità dove confrontarsi e discutere sulle notizie dal mondo dell'informatica, di Ubuntu e di tutto quello che la riguarda, novità, pettegolezzi e quant'altro.
Avatar utente
a323109
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1228
Iscrizione: venerdì 26 luglio 2013, 19:23
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS
Sesso: Maschile
Località: Area 51

[chroot]Sistema semplice per fare modifiche ai file

Messaggio da a323109 » domenica 10 giugno 2018, 10:56

Dopo modificato il fstab mi sono trovato nella necessita di fare un chroot per la prima volta.
Salvo qui' come visto che e' veramente semplice:

1.Far partire un live o un'altro sistema qualsiasi, basta che parte. Poi:
2.creare una directory con

Codice: Seleziona tutto

sudo mkdir /media/mychroot
dove montare il sistema da sistemare.
3.Usare gparted per essere sicuri di come si chiama il sistema, perche' i nomi cambiano purtroppo. nel mio caso era /dev/sde1
4.Montare sulla directory di prima.

Codice: Seleziona tutto

sudo mount /dev/sde1 /media/mychroot
Adesso e' fatta!

Codice: Seleziona tutto

sudo nano /media/mychroot/etc/fstab
con qualsiasi editor di testo modificate quello che vi pare.

Gparted perche' se sono tutti sistemi clonati fdisk -l confonde le idee :p anche Disk non e' il massimo.

Le guide ufficiali sono un tantino complicate mi pare https://help.ubuntu.com/community/BasicChroot
e hanno tanti comandi.

Dimenticatevi di entrare col file manager come root -> non ha i permessi per agire su un'altro sistema. :nono: Raggiungerete il file da modificare ma non ci farete nemmeno il solletico. Ed e' parecchio frustrante!
Ultima modifica di a323109 il mercoledì 13 giugno 2018, 23:24, modificato 2 volte in totale.
Keep calm
and :asd:
Return fire

Avatar utente
DoctorStrange
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1892
Iscrizione: mercoledì 14 ottobre 2015, 9:33
Desktop: Gnome3
Distribuzione: Ubuntu 18.04 Bionic Beaver
Sesso: Maschile
Località: Roma, Italia

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da DoctorStrange » domenica 10 giugno 2018, 11:21

Non sono sicuro di quello che stò per dire, e quindi mi riservo il beneficio del dubbio, ma quello che hai appena descritto non mi pare affatto un chroot, ma semplicemente creare una nuova partizione ed installarci in tutto e per tutto un nuovo sistema operativo.

Lo dici tu stesso poco sotto infatti, che il sistema operativo che ospita questo chroot non è poi in grado di accedere a questa presunta partizione, dunque la domanda sorge spontanea: se io: utente root del sistema operativo non posso accedere al mio stesso chroot, sono sicuro che questo sia un chroot, e non semplicemente un nuovo sistema operativo, indipendente, con i suoi utenti, con il suo root, e con tutte le specifiche complete?

Il chroot è un argomento che mi piace moltissimo, di solito viene considerato come una specie di sandbox, all'interno della quale fare esperimenti e collaudi senza avere il pericolo di contaminare il sistem,a operativo principale, rimanendo confinati in un ambiente isolato.

Nella partizione chroot si installano intenzionalmente i soli processi fondamentali a far funzionare una distribuzione minimale, proprio per questo motivo.

Saluti

Avatar utente
Stealth
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
Messaggi: 16837
Iscrizione: martedì 31 gennaio 2006, 22:55
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 18.04 LTS

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da Stealth » domenica 10 giugno 2018, 11:25

Quello non è chroot, hai montato una partizione e modificato un file contenuto in quella partizione, usando un S.O. live. Il chroot è un'altra cosa, si tratta di dare comandi, come se fosse avviato, su un sistema che NON sta girando. Differenza non da poco
ciao

Avatar utente
a323109
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1228
Iscrizione: venerdì 26 luglio 2013, 19:23
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS
Sesso: Maschile
Località: Area 51

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da a323109 » domenica 10 giugno 2018, 11:26

Ah...non complicare troppo. Ho visto tutte le guide in giro e le ho elaborate ricavandone il succo. Poi ho visto che in una pagina di Debian facevano lo stesso...ma non usciva subito nelle ricerche. Se la trovo te la posto.

http://guide.debianizzati.org/index.php ... rso_chroot

Fanno come faccio io a parte l'uso di gparted.
Ultima modifica di a323109 il domenica 10 giugno 2018, 11:29, modificato 1 volta in totale.
Keep calm
and :asd:
Return fire

Avatar utente
tokijin
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 4318
Iscrizione: mercoledì 3 giugno 2009, 23:10
Desktop: Plasma 5.19.0
Distribuzione: KDE Neon User Edition 5.19 x86_64
Località: Abruzzo

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da tokijin » domenica 10 giugno 2018, 11:29

Stealth [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064310#p5064310][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:Quello non è chroot, hai montato una partizione e modificato un file contenuto in quella partizione, usando un S.O. live. Il chroot è un'altra cosa, si tratta di dare comandi, come se fosse avviato, su un sistema che NON sta girando. Differenza non da poco
ciao
Concordo :sisi:

Per @a32: anni fa, quando mi serviva fare il chroot, mi pare di ricordare che seguendo questa guida non avevo incontrato grossi problemi: AmministrazioneSistema/Chroot

Ciao :ciao:
Sei abbruzzese se dopo che ti sei strafogato un chilogrammo di pasta, hai il coraggio di dire alla cuoca "cacc ch'è cott" - Se entra un piccione in casa..chiudi le finestre!
Ubuntu User #28657 - Il mio vecchio hardware - Tag Codice

Avatar utente
a323109
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1228
Iscrizione: venerdì 26 luglio 2013, 19:23
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS
Sesso: Maschile
Località: Area 51

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da a323109 » domenica 10 giugno 2018, 11:32

Si beh....dopo ci sono altri step da fare per aggiornare i fare operazioni complesse. Ma per modificare un file al volo mi sono trovato bene.
Keep calm
and :asd:
Return fire

Avatar utente
xavier77
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
Messaggi: 5781
Iscrizione: venerdì 21 settembre 2012, 16:37
Desktop: GNOME, Xfce (e altri)
Distribuzione: Ubuntu 20.04/Xubuntu 18.04 + altre
Sesso: Maschile
Contatti:

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da xavier77 » domenica 10 giugno 2018, 12:03

tokijin [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064312#p5064312][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
Stealth [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064310#p5064310][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:Quello non è chroot, hai montato una partizione e modificato un file contenuto in quella partizione, usando un S.O. live. Il chroot è un'altra cosa, si tratta di dare comandi, come se fosse avviato, su un sistema che NON sta girando. Differenza non da poco
ciao
Concordo :sisi:
Ciao :ciao:
Quoto.
Infatti se non si dà il comando

Codice: Seleziona tutto

sudo chroot /nome_cartella
non si sta usando lo strumento chroot.

Giusto per chiarire e chiamare le cose con il loro nome.
Quello che hai fatto è la semplice modifica al file, che richiede semplicemente che il device dove il file richiede sia montato + eventuali permessi.
In questo caso (semplice modifica/cancellazione/creazione di file) il chroot non serve. Ben altro è - ad esempio - eseguire programmi sul sistema montato, cosa che si può fare con chroot (ad esempio aggiornare un sistema Arch con pacman tramite una live di Ubuntu).
:ciao:

caturen
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
Messaggi: 16274
Iscrizione: giovedì 8 aprile 2010, 18:41
Desktop: diversi
Distribuzione: debian

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da caturen » domenica 10 giugno 2018, 12:30

Quello che hai fatto è la semplice modifica al file, che richiede semplicemente che il device dove il file risiede sia montato + eventuali permessi.
:sisi: infatti per farlo basta un semplice files manager oppure un editor di testo

Avatar utente
a323109
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1228
Iscrizione: venerdì 26 luglio 2013, 19:23
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS
Sesso: Maschile
Località: Area 51

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da a323109 » domenica 10 giugno 2018, 12:37

caturen [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064321#p5064321][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
Quello che hai fatto è la semplice modifica al file, che richiede semplicemente che il device dove il file risiede sia montato + eventuali permessi.
:sisi: infatti per farlo basta un semplice files manager oppure un editor di testo
Col file manager aperto come root non ci riuscivo.
Ho cambiato il titolo.
Keep calm
and :asd:
Return fire

Avatar utente
xavier77
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
Messaggi: 5781
Iscrizione: venerdì 21 settembre 2012, 16:37
Desktop: GNOME, Xfce (e altri)
Distribuzione: Ubuntu 20.04/Xubuntu 18.04 + altre
Sesso: Maschile
Contatti:

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da xavier77 » domenica 10 giugno 2018, 12:53

a323109 [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064323#p5064323][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
caturen [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064321#p5064321][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
Quello che hai fatto è la semplice modifica al file, che richiede semplicemente che il device dove il file risiede sia montato + eventuali permessi.
:sisi: infatti per farlo basta un semplice files manager oppure un editor di testo
Col file manager aperto come root non ci riuscivo.
Ho cambiato il titolo.
Esistono diversi modi. Io per comodità da live di solito faccio così:
  • Apro la cartella che mi interessa nel file manager (così il device si monta anche automaticamente, se necessario).
  • Copio la directory (ad esempio /media/xyz/nome_cartella)
  • Apro un terminale e do "sudo editor_che_preferisco /media/xyz/nome_cartella/file_da_moficare")
Niente di trascendentale, niente per cui serva chroot.
Oppure direttamente tutto da terminale (esiste il comodissimo comando ls; con un minimo di esperienza, di solito i file che cerchi sai benissimo dove andarli a cercare;).
:ciao:

caturen
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
Messaggi: 16274
Iscrizione: giovedì 8 aprile 2010, 18:41
Desktop: diversi
Distribuzione: debian

Re: Sistema semplice per fare modifiche ai file su sist.mont

Messaggio da caturen » domenica 10 giugno 2018, 13:19

Col file manager aperto come root non ci riuscivo.
probabilmente perchè la partizione dove stava il file non era montata in automatico. Basta prima montarla col file manager e poi eseguire le varie azioni per arrivare al file e modificarlo.

Avatar utente
a323109
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1228
Iscrizione: venerdì 26 luglio 2013, 19:23
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS
Sesso: Maschile
Località: Area 51

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da a323109 » lunedì 11 giugno 2018, 11:55

DoctorStrange [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064308#p5064308][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:Non sono sicuro di quello che stò per dire, e quindi mi riservo il beneficio del dubbio, ma quello che hai appena descritto non mi pare affatto un chroot, ma semplicemente creare una nuova partizione ed installarci in tutto e per tutto un nuovo sistema operativo.

Lo dici tu stesso poco sotto infatti, che il sistema operativo che ospita questo chroot non è poi in grado di accedere a questa presunta partizione, dunque la domanda sorge spontanea: se io: utente root del sistema operativo non posso accedere al mio stesso chroot, sono sicuro che questo sia un chroot, e non semplicemente un nuovo sistema operativo, indipendente, con i suoi utenti, con il suo root, e con tutte le specifiche complete?

Il chroot è un argomento che mi piace moltissimo, di solito viene considerato come una specie di sandbox, all'interno della quale fare esperimenti e collaudi senza avere il pericolo di contaminare il sistem,a operativo principale, rimanendo confinati in un ambiente isolato.

Nella partizione chroot si installano intenzionalmente i soli processi fondamentali a far funzionare una distribuzione minimale, proprio per questo motivo.

Saluti
Stealth [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064310#p5064310][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:Quello non è chroot, hai montato una partizione e modificato un file contenuto in quella partizione, usando un S.O. live. Il chroot è un'altra cosa, si tratta di dare comandi, come se fosse avviato, su un sistema che NON sta girando. Differenza non da poco
ciao
Se ho capito bene questo e' un argomento altamente interessante e devo approfondire.
C'e' la possibilita' di poter dare comandi anche a un sistema che non si avvia da solo... :o
Keep calm
and :asd:
Return fire

Avatar utente
xavier77
Gruppo Documentazione
Gruppo Documentazione
Messaggi: 5781
Iscrizione: venerdì 21 settembre 2012, 16:37
Desktop: GNOME, Xfce (e altri)
Distribuzione: Ubuntu 20.04/Xubuntu 18.04 + altre
Sesso: Maschile
Contatti:

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da xavier77 » lunedì 11 giugno 2018, 12:11

a323109 [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064479#p5064479][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto: Se ho capito bene questo e' un argomento altamente interessante e devo approfondire.
C'e' la possibilita' di poter dare comandi anche a un sistema che non si avvia da solo... :o
chroot spiegato semplice semplice:


Avatar utente
a323109
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1228
Iscrizione: venerdì 26 luglio 2013, 19:23
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS
Sesso: Maschile
Località: Area 51

Re: Sistema semplice per fare modifiche ai file su sist.mont

Messaggio da a323109 » lunedì 11 giugno 2018, 15:57

Piu' ci penso e piu' mi sembra una cosa fantascientifica. E' come far resuscitare un morto. Capita che rimango chiuso fuori dal mio stesso sistema dopo modifiche sbagliate. Di solito per venirne fuori uso ripristinare da un back-up precedente.

ma questo e' un metodo molto piu' tecnico e professionale.

E comincio a capirci qualcosa :)
Keep calm
and :asd:
Return fire

Avatar utente
Darren
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 398
Iscrizione: giovedì 30 ottobre 2008, 10:08
Desktop: KDE Plasma
Distribuzione: Arch Linux
Sesso: Maschile
Località: Piemonte
Contatti:

Re: Sistema semplice per fare modifiche ai file su sist.mont

Messaggio da Darren » lunedì 11 giugno 2018, 16:30

scusami non ho capito bene il senso di questo topic...
il chroot si esegue montando la partizione (o le partizioni) sulla quale poi si lavorerà in seguito come se si fosse realmente dentro a quel sistema.
e il tutto si fa con un minimo di 2 comandi: mount e chroot
non c'è bisogno di fstab

ovvio che ci vuole un minimo di competenza in quello che si sta per fare.

ma mi sembra che il Tuo "Sistema semplice" sia abbastanza incasinato invece :D
Why's life never easy, or do we make it hard for ourselves?

Avatar utente
a323109
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1228
Iscrizione: venerdì 26 luglio 2013, 19:23
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS
Sesso: Maschile
Località: Area 51

Re: Sistema semplice per fare modifiche ai file su sist.mont

Messaggio da a323109 » lunedì 11 giugno 2018, 16:36

Darren [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064540#p5064540][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:scusami non ho capito bene il senso di questo topic...
il chroot si esegue montando la partizione (o le partizioni) sulla quale poi si lavorerà in seguito come se si fosse realmente dentro a quel sistema.
e il tutto si fa con un minimo di 2 comandi: mount e chroot
non c'è bisogno di fstab

ovvio che ci vuole un minimo di competenza in quello che si sta per fare.

ma mi sembra che il Tuo "Sistema semplice" sia abbastanza incasinato invece :D
Macche' e' semplicissimo.

Praticamente avevo modificato lo fstab in maniera sbagliata e sono rimasto chiuso fuori dal mio sistema. Dopo il raivvio => schermo nero.
Di solito per uscire da queste situazioni ricarico un back-up.
Stavolta ho provato a montare il sistema danneggiato da un altro sistema....come suggeriscono sempre, ma io non l'ho mai fatto.

Allora ho cercato guide si chroot e coi primi 2 comandi ero gia' a posto -> sistema riparato. Ma mi hanno fatto nota re che non avevo veramente chroot-ato l'altro sistema. Ho solo fatto i primi passi di questa guida http://guide.debianizzati.org/index.php ... ite_chroot

Che poi quella l'ho vista dopo :o dovrebbe apparire nelle prime posizioni di una ricerca, invece no.

fstab e' stato la causa, chiaro che non centra niente con chroot. Volevo solo eliminare lo swapfile di 2 giga, ma pare che eliminando quello e non facendolo piu' montare in automatico poi tutto il sistema non riesce piu' a partire.
Keep calm
and :asd:
Return fire

Avatar utente
Darren
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 398
Iscrizione: giovedì 30 ottobre 2008, 10:08
Desktop: KDE Plasma
Distribuzione: Arch Linux
Sesso: Maschile
Località: Piemonte
Contatti:

Re: Sistema semplice per fare modifiche ai file su sist.mont

Messaggio da Darren » lunedì 11 giugno 2018, 16:48

a323109 ha scritto:Macche' e' semplicissimo.
se lo dici tu...
Why's life never easy, or do we make it hard for ourselves?

Avatar utente
giulux
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 24150
Iscrizione: domenica 10 gennaio 2010, 12:17
Desktop: ubuntu 18.04
Distribuzione: Ubuntu 18.04.3 LTS x86_64
Sesso: Maschile
Località: Roma

Re: Sistema semplice per fare modifiche ai file su sist.mont

Messaggio da giulux » lunedì 11 giugno 2018, 17:11

Io quel fstab lì lo avrei modificato da semplice live col filemanager, non facendo parte del U.C.C.S. (Ufficio Complicazione Cose Semplici)
Però capisco il fascino di tale ruolo :D

Avatar utente
a323109
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1228
Iscrizione: venerdì 26 luglio 2013, 19:23
Desktop: Ubuntu
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS
Sesso: Maschile
Località: Area 51

Re: Sistema semplice per fare un chroot

Messaggio da a323109 » lunedì 11 giugno 2018, 17:11

xavier77 [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064486#p5064486][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:
a323109 [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064479#p5064479][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto: Se ho capito bene questo e' un argomento altamente interessante e devo approfondire.
C'e' la possibilita' di poter dare comandi anche a un sistema che non si avvia da solo... :o
chroot spiegato semplice semplice:

Diciamo che qualche problemino lo incontro :D ma e' normale!

Codice: Seleziona tutto

Dispositivo Avvio Start     Fine  Settori  Size Id Tipo
/dev/sde1   *      2048 62529535 62527488 29,8G 83 Linux
root@linux:~# mkdir /mnt/disco
root@linux:~# mount -o exex /dev/sde1 /mnt/disco/
mount: /mnt/disco: wrong fs type, bad option, bad superblock on /dev/sde1, missing codepage or helper program, or other error.
root@linux:~# cd /mnt/disco
root@linux:/mnt/disco# mkdir /mnt/disco
mkdir: impossibile creare la directory "/mnt/disco": File già esistente
root@linux:/mnt/disco# rm -r /mnt/disco/
root@linux:/mnt/disco# rm -r 
=============================================
giulux [url=https://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?p=5064547#p5064547][img]https://forum.ubuntu-it.org/images/icons/icona-cita.gif[/img][/url] ha scritto:Io quel fstab lì lo avrei modificato da semplice live col filemanager, non facendo parte del U.C.C.S. (Ufficio Complicazione Cose Semplici)
Però capisco il fascino di tale ruolo :D
Hai capito il mio approccio :sisi:
Keep calm
and :asd:
Return fire

Avatar utente
Filoteo
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 884
Iscrizione: venerdì 28 agosto 2015, 9:38
Desktop: Gnome
Distribuzione: Arch Linux

Re: Sistema semplice per fare modifiche ai file su sist.mont

Messaggio da Filoteo » lunedì 11 giugno 2018, 17:22

Che parametro di mount sarebbe “exex”?

Scrivi risposta

Ritorna a “Bar Ubuntu”

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti iscritti e 10 ospiti