Una brutta esperienza d'acquisto

Presentazione al forum e chiacchiere in libertà con la comunità. È importante leggere il regolamento all'interno e sono categoricamente vietate discussioni su politica e religione.
Regole della sezione
  • Vietate categoricamente discussioni e messaggi riguardanti politica e religione.
  • Evitare l'apertura di discussioni e sondaggi del tipo "mi sta bene questo taglio di capelli?", "che dentifricio usate?" e altre banalità simili.
  • Le discussioni che non rispettano le regole suddette, usano linguaggio e toni giudicati non adatti, saranno chiuse dal Gruppo Forum senza preavviso con eventuali provvedimenti sanzionatori.
  • Per il resto, è sempre valido il regolamento del forum.
Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4698
Iscrizione: domenica 20 gennaio 2008, 1:13
Desktop: Kubuntu
Distribuzione: 20.04 x64
Contatti:

Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Pike » martedì 30 giugno 2020, 16:05

Ieri sera vado a trovare amici che hanno problemi sul loro PC nuovo, acquistato su internet in un negozio "non esattamente sconosciuto" (PC Hunter di Desio). Secondo quanto dichiarato, il computer ha funzionato 4 ore dopo essere stato disimballato. Magari han fatto errori loro... può capitare.

In ogni caso, prima di passarli a trovare, invito gli amici a contattare tramite
telefono
email
form sul sito
l'assistenza del rivenditore. Diamine, può capitare a chiunque... Se non lavori, non sbagli.

Ci provano per qualche giorno, senza mai riuscire a contattare qualcuno, ricever risposta, anche automatizzata. Diamine.

Ok, può succedere, io intanto controllo.
Windows non parte. Non riesce ad accedere alla partizione NTFS. Un boot con Kubuntu, e per quanto gPArted sappia che c'è il disco SSD (SATA, 500gb ca.) installato, con le varie partizioni, non posso ottenere soddisfazione dal poter controllarne il contenuto.
Assicuratomi che non c'è nulla che potesse essere significativo dentro... Tento di installare Windows. Non arrivo alla selezione della lingua.
Immagine
Questa schermata, tanto per intenderci.

Chiedo conferma se posso aprire le paratie del case per capirci qualcosa di più... e cominciano le brutte sorprese.

La configurazione acquistata è denominata "Fortnite Vengeance"; ad ora non è più in vendita.
Ryzen 3200G
8gb Ram Gigabyte
Mainboard Gigabyte B450M DS3H
SSD 480GB Gigabyte
Scheda grafica nVidia GTX 1660 8GB OC Gigabyte
Alimentatore Cooler Master MasterWatt Lite 500 Full Modular
Case Noua L2
OS Windows 10 PRO x64.

E... Dentro non c'è esattamente tutta questa roba.
Il disco SSD non è a marchio Gigabyte, ma è denominato Spider, con il logo di Noua sopra.
La scheda madre è una Gigabyte B450M, ma è la B450 S2H. In sintesi, due slot di ram in meno, uno slot PCIe 1x invece che uno slot PCIe 8x. E qualche accessorio diverso.
L'alimentatore non è un Cooler Master, ma ha il marchio nJoy sopra, per quanto è sempre un alimentatore modulare.
Tutto il resto corrisponde alla descrizione.

Il problema? Presto detto: scollegando il disco SSD e collegando un HDD temporaneo da 500gb, sono stato in grado di installare Windows, di farlo funzionare e navigare su inernet, riconoscendo tutte le periferiche.
Ora...
Le cose che secondo me non sono state gestite benissimo sono 2...
1: la non corrispondenza di componenti che si sono rivelati immediatamente di opzioni (mainboard) e popolarità del marchio di livello inferiore. Io non è che pretendessi un Samsung 860 Pro al posto del Gigabyte, ma almeno un Kingston? Un Sandisk? Un Crucial? Idem per l'alimentatore. Non hai quel cooler master? Ok, non metterlo full modulare, metti qualcosa di analogo.
2: la non risposta data al cliente. I tentativi sono durati buona parte della scorsa settimana...

Per il disco SSD rotto... Capita. Ho installato circa 500 SSD (maggior parte Samsung, Kingston e Sandisk), ad ora "ore" o "mesi" di funzionamento non ci sono mai stati. Può sempre capitare, ma il fatto che ci sia un marchio che non ha un sito internet, bensì una pagina facebook beh... Boh. A me non è piaciuto.
Sono colui che fa cose che non servono...
Secondo Principio di Dilbert, di Scott Adams. "Si parte dalla certezza che siamo tutti idioti". Ed alcuni su questo mi ab-battono alla grande.
Come certificato dalla moderazione, incivile e maleducato. You have been warned.

Avatar utente
mikexu
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 431
Iscrizione: mercoledì 28 novembre 2012, 9:45
Distribuzione: Lubuntu 18.04
Sesso: Maschile

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da mikexu » martedì 30 giugno 2020, 16:55

... ci sarebbe il diritto di recesso di 14 gg (c.d. diritto di ripensamento). E non si deve neanche specificarne il motivo. Gli ridanno indietro i soldi e buonanotte; si reimballa tutto e si restituisce.
Io un pc che ha componenti di valore inferiore a quelli dichiarati non lo terrei, neanche morto.
Ci sarebbe però, forse, un inghippo dovuto al fatto che è stato aperto per guardarci dentro... non so, se se ne accorgono potrebbero non riconoscere il rimborso. Boh...
Avete visto la Balena Bianca?

Moby Dick non ti cerca. Sei tu, tu che insensato cerchi lei!

Avatar utente
giacomosmit
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 3223
Iscrizione: venerdì 3 dicembre 2010, 22:04

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da giacomosmit » martedì 30 giugno 2020, 18:59

Il solito vecchio trucco delle periferiche non del preventivo e sigilli al case . :devilmad:
Ricordo che sono da cell., non vogliatemene se non cito tutti o altro. Lo sapete che con quel display è un casino.

Avatar utente
OMBRA_Linux
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1652
Iscrizione: mercoledì 18 febbraio 2015, 14:24
Desktop: Android Linux Windows10
Distribuzione: Android / Linux / Windows10
Sesso: Maschile
Località: Napoli

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da OMBRA_Linux » martedì 30 giugno 2020, 19:06

Scusa ma se per 4 ore ha funzionato, almeno stando a quello che hai scritto, perchè sei giunto subito alla conclusione di Installazione/Ripristino?.
L'SSD è questo?. https://www.ebay.it/itm/NOUA-HARD-DISK- ... SwbNteyPeq
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori.

Avatar utente
vaeVictis
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4170
Iscrizione: venerdì 27 luglio 2012, 17:58
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 18.04.4 64bit

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da vaeVictis » martedì 30 giugno 2020, 19:15

mikexu ha scritto:
martedì 30 giugno 2020, 16:55
... ci sarebbe il diritto di recesso di 14 gg (c.d. diritto di ripensamento). E non si deve neanche specificarne il motivo. Gli ridanno indietro i soldi e buonanotte; si reimballa tutto e si restituisce.
Io un pc che ha componenti di valore inferiore a quelli dichiarati non lo terrei, neanche morto.
Ci sarebbe però, forse, un inghippo dovuto al fatto che è stato aperto per guardarci dentro... non so, se se ne accorgono potrebbero non riconoscere il rimborso. Boh...
Ho dovuto mandare una serie di email al negozio ma per legge mi hanno sostituito un portatile con un pixel bruciato e un tasto non funzionante.
La garanzia a cui fai riferimento lo permette
Pirates arrrrrrrrrrr awesome!!!
«I fear not the man who has practiced 10000 kicks once, but I fear the man who has practiced one kick 10000 times.»

Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4698
Iscrizione: domenica 20 gennaio 2008, 1:13
Desktop: Kubuntu
Distribuzione: 20.04 x64
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Pike » martedì 30 giugno 2020, 21:16

OMBRA_Linux ha scritto:
martedì 30 giugno 2020, 19:06
Scusa ma se per 4 ore ha funzionato, almeno stando a quello che hai scritto, perchè sei giunto subito alla conclusione di Installazione/Ripristino?.
Ho tentato di usare (oltre alla citata Kubuntu) altri due o tre boot media diversi per "sbirciare" nell'SSD. Niente.
Ho provato di partire con una FlashDrive di WIndows 10, non caricava mai la schermata di inizio installazione.

Ho ipotizzato che il problema fosse il disco SSD. Scollegato quello, collegato un HDD, in 90 secondi avevo la schermata di inizio installazione Windows.
Se la mainboard non riesce ad andare dentro il disco, il PC diventa lento come un chiodo.

L'aspetto è esattamente quello dell'annuncio. Nonostante un paio d'ore di ricerche, di Noua non ho trovato un sito, nè un supporto, nè tool di diagnostica o aggiornamento SSD. Non mi sembra esattamente un produttore...
Sono colui che fa cose che non servono...
Secondo Principio di Dilbert, di Scott Adams. "Si parte dalla certezza che siamo tutti idioti". Ed alcuni su questo mi ab-battono alla grande.
Come certificato dalla moderazione, incivile e maleducato. You have been warned.

Avatar utente
OMBRA_Linux
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1652
Iscrizione: mercoledì 18 febbraio 2015, 14:24
Desktop: Android Linux Windows10
Distribuzione: Android / Linux / Windows10
Sesso: Maschile
Località: Napoli

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da OMBRA_Linux » martedì 30 giugno 2020, 22:27

Beh adesso che hai installato Windows puoi provare a vedere se lo legge da Gestione disco, magari con cavo esterno.
La cosa interessante è che visto il costo di questo SSD non capisco come non hanno optato per un Kingstone, Samsung, etc etc.

Edit: Non ho capito bene fino a dove arrivava la schermata di installazione, però io avrei provato con ( Disk Part ) dal prompt dei comandi, sempre che arrivasse a darmi la possibilità di selezionare quella Opzione di Scelta.
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori.

Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4698
Iscrizione: domenica 20 gennaio 2008, 1:13
Desktop: Kubuntu
Distribuzione: 20.04 x64
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Pike » martedì 30 giugno 2020, 22:58

Devo usare un italiano non corretto. O presumo troppo? Chissà.
Riprovo.
Pike ha scritto:
martedì 30 giugno 2020, 16:05
Windows non parte. Non riesce ad accedere alla partizione NTFS. Un boot con Kubuntu, e per quanto gPArted sappia che c'è il disco SSD (SATA, 500gb ca.) installato, con le varie partizioni, non posso ottenere soddisfazione dal poter controllarne il contenuto.
Assicuratomi che non c'è nulla che potesse essere significativo dentro... Tento di installare Windows. Non arrivo alla selezione della lingua.
Immagine
Questa schermata, tanto per intenderci.
snippp

Il problema? Presto detto: scollegando il disco SSD e collegando un HDD temporaneo da 500gb, sono stato in grado di installare Windows, di farlo funzionare e navigare su internet, riconoscendo tutte le periferiche.
i. Può sempre capitare, ma il fatto che ci sia un marchio che non ha un sito internet, bensì una pagina facebook beh... Boh. A me non è piaciuto.
Riformulo in modo lievemente diverso, che non cambia i fatti.
Parto da una chiavetta USB da 16GB USB2.
C'è il disco SSD connesso? Aspetto 15 minuti che sparisca l'immagine
Immagine
(anche se con il logo della mainboard)
ma non sparisce e io non arrivo a poter scegliere la lingua, come indica questa schermata
Immagine
(lo so che è di Windows 8, ma quella di Windows 10 l'è identica)
Scollego il disco SSD, collego un HDD usato da 500gb, in 90 secondi sono qui
Immagine

Ma approfondiamo questo punto...
Un boot con Kubuntu, e per quanto gPArted sappia che c'è il disco SSD (SATA, 500gb ca.) installato, con le varie partizioni, non posso ottenere soddisfazione dal poter controllarne il contenuto.
Kubuntu live non è l'unica cosa che ho usato.
Ho usato un disco di gParted, ho usato un disco di Kaspersky per il ripristino/pulizia dai virus, ho usato UBCD.
Nessuna di queste soluzioni ha dato accesso alla partizione. Niente errori, niente messaggi.
Ma nessun mount, nessun checkdisk.
Solo la presenza delle partizoni. AKA: vedo una parte iniziale del disco SSD (tra cui tabella di partizioni e partizione EFI per il boot di Windows) ma nient'altro. NADA. ZIP. NOTHING.
Se a questo punto non vi è chiaro che non è stata in alcun modo accessibile... o formattabile... o cancellabile... raccontatevelo allo specchio alla sera mentre fate i gargarismi, magari dopo vi convincerete che NO MANCO PER IL SILUR è la risposta alla domanda "era leggibile quel disco?".
Sono colui che fa cose che non servono...
Secondo Principio di Dilbert, di Scott Adams. "Si parte dalla certezza che siamo tutti idioti". Ed alcuni su questo mi ab-battono alla grande.
Come certificato dalla moderazione, incivile e maleducato. You have been warned.

Avatar utente
Stealth
Tenace Tecnocrate
Tenace Tecnocrate
Messaggi: 16807
Iscrizione: martedì 31 gennaio 2006, 22:55
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 18.04 LTS

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Stealth » martedì 30 giugno 2020, 23:04

Ma quel disco è collegato bene, nel posto giusto. Solo per escludere errori di montaggio. E in ogni caso, il bios lo vede?

Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4698
Iscrizione: domenica 20 gennaio 2008, 1:13
Desktop: Kubuntu
Distribuzione: 20.04 x64
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Pike » mercoledì 1 luglio 2020, 0:18

Porta SATA2 (il che significa che è la 3° della mainboard). Onde evitare dubbi: è la denominazione della porta per la mainboard, non la revisione del protocollo SATA.
Visto dal BIOS, vista la partizione EFI dello stesso, infatti parte il Windows Boot Manager.

Scollegati i cavi dal disco SSD, collegati al disco HDD, (ed è l'ultima volta che lo scrivo) è stato visto dal bios immediatamente, è stato possibile installare immediatamente.
Sono colui che fa cose che non servono...
Secondo Principio di Dilbert, di Scott Adams. "Si parte dalla certezza che siamo tutti idioti". Ed alcuni su questo mi ab-battono alla grande.
Come certificato dalla moderazione, incivile e maleducato. You have been warned.

Avatar utente
Sam9999
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1931
Iscrizione: lunedì 9 giugno 2014, 8:59
Desktop: Studio Xfce
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS (Focal)
Località: BO
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Sam9999 » mercoledì 1 luglio 2020, 3:16

Te lo hanno già detto, hai provato a collegarlo come disco secondario, a partire dal disco che hai installato e vedere se viene visto corettamente?

Magari anche verificato le opzioni in BIOS di accesso al disco ?
-------------
S. @-M.
-------------

Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4698
Iscrizione: domenica 20 gennaio 2008, 1:13
Desktop: Kubuntu
Distribuzione: 20.04 x64
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Pike » mercoledì 1 luglio 2020, 6:37

Con quale cavo SATA? Ve n'è uno solo nella configurazione.
Il bios non è stato modificato come impostazioni, ed in ogni caso il disco SSD è sempre stato visto ogni volta dallo stesso ad ogni connessione.
Il disco HDD è stato rimosso (era temporaneo) ed è stato riconnesso il disco SSD. Visualizzazione bios inclusa.
Sono colui che fa cose che non servono...
Secondo Principio di Dilbert, di Scott Adams. "Si parte dalla certezza che siamo tutti idioti". Ed alcuni su questo mi ab-battono alla grande.
Come certificato dalla moderazione, incivile e maleducato. You have been warned.

Avatar utente
Sam9999
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1931
Iscrizione: lunedì 9 giugno 2014, 8:59
Desktop: Studio Xfce
Distribuzione: Ubuntu 20.04 LTS (Focal)
Località: BO
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Sam9999 » mercoledì 1 luglio 2020, 7:07

I cavi SATA si vendono oppure ne stacchi uno a un altro pc temporaneamente.... non so se le impostazioni di fabbrica vanno sempre bene .. magari il BIOS è proprio stato ripristina ai default ed ha dei valori che non vanno bene.
-------------
S. @-M.
-------------

Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4698
Iscrizione: domenica 20 gennaio 2008, 1:13
Desktop: Kubuntu
Distribuzione: 20.04 x64
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Pike » mercoledì 1 luglio 2020, 8:53

Pike ha scritto:
martedì 30 giugno 2020, 16:05
Ieri sera vado a trovare amici che hanno problemi sul loro PC nuovo, acquistato su internet in un negozio "non esattamente sconosciuto
Altre cose che non sono scritte?

In ogni caso, parliamo di un bios di una mainboard B450, quindi ritengo che il settaggio AHCI per le connessioni sata sia lo standard. Inoltre era impostato talmente tanto male che... rileggi sopra quanto è successo con identici settaggi bios ed un disco diverso.
Sono colui che fa cose che non servono...
Secondo Principio di Dilbert, di Scott Adams. "Si parte dalla certezza che siamo tutti idioti". Ed alcuni su questo mi ab-battono alla grande.
Come certificato dalla moderazione, incivile e maleducato. You have been warned.

Avatar utente
OMBRA_Linux
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1652
Iscrizione: mercoledì 18 febbraio 2015, 14:24
Desktop: Android Linux Windows10
Distribuzione: Android / Linux / Windows10
Sesso: Maschile
Località: Napoli

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da OMBRA_Linux » mercoledì 1 luglio 2020, 11:48

Resta il fatto che per 4 ore ha funzionato.
( Magari aveva bisogno solo di un Update visto che era nuovo. )
Ps: Spesso i Pc nuovi restando fermi per un bel po di tempo devono essere aggiornati.
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori.

Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4698
Iscrizione: domenica 20 gennaio 2008, 1:13
Desktop: Kubuntu
Distribuzione: 20.04 x64
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Pike » mercoledì 1 luglio 2020, 12:16

Ho installato Windows 10 in una 20ina di minuti con un HDD. Il PC ha funzionato correttamente per circa mezz'ora con HDD. Erano le 22, il disco HDD aveva già una destinazione, è stato smontato). Ora hanno il PC configurato come prima, in attesa di... sapere che succeda.

Se SSD fosse sano in almeno uno o due dei metodi usati (5) per tentare di accedere allo stesso avrebbe avuto successo.
Se altro hardware avesse avuto problemi, non avrei potuto far funzionare la live.
Se altro hardware avesse avuto problemi, non avrei potuto aver 50 minuti di funzionamento da install e da Windows 10.
In totale: SSD a parte non ho trovato evidenze di problemi. SSD connesso, il computer non funzionava a medio termine, rallentando in modo imbarazzante.

Non avevo in tasca un altro SSD da lasciare là come tampone, il disco HDD non era una opzione (avrei dovuto fare modifiche al passaggio cavi prerealizzato).
Ho svitato 6 viti (4 del pannello in vetro, 2 della paratia metallica dove passavano i cavi per SSD e che mi han fatto connettere HDD).

Magari le tue ipotesi sono... prive di fondamenti?
Sono colui che fa cose che non servono...
Secondo Principio di Dilbert, di Scott Adams. "Si parte dalla certezza che siamo tutti idioti". Ed alcuni su questo mi ab-battono alla grande.
Come certificato dalla moderazione, incivile e maleducato. You have been warned.

Avatar utente
OMBRA_Linux
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1652
Iscrizione: mercoledì 18 febbraio 2015, 14:24
Desktop: Android Linux Windows10
Distribuzione: Android / Linux / Windows10
Sesso: Maschile
Località: Napoli

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da OMBRA_Linux » mercoledì 1 luglio 2020, 12:42

Nel forum molti utenti lamentano che Linux non parte su svariati Pc, quindi il tuo non è il primo caso.
Ribadisco che se un Pc è configurato male a livello Hardware non parte proprio.
Ps: Escluderei anche il danneggiamento/malfunzionamento Hardware, questo perchè sennò non partiva neanche con l'HDD.
Quasi quasi compro lo stesso SSD giusto per provarlo, sono curioso di vedere come si comporta.
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori.

Pike
Imperturbabile Insigne
Imperturbabile Insigne
Messaggi: 4698
Iscrizione: domenica 20 gennaio 2008, 1:13
Desktop: Kubuntu
Distribuzione: 20.04 x64
Contatti:

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da Pike » mercoledì 1 luglio 2020, 12:43

Quasi quasi ti consiglio di prendere un Crucial. Per 15 euro in più secondo me compri un prodotto migliore.
Io ho usato linux per tentare di accedere ai dati. E Kubuntu 20.04 è partito, ma non ho potuto accedere alla partizione NTFS per (secondo me) colpe del disco SSD.
In ogni caso il pc, una volta rimesso in condizioni di funzionare, verrà usato solo per Windows.
Sono colui che fa cose che non servono...
Secondo Principio di Dilbert, di Scott Adams. "Si parte dalla certezza che siamo tutti idioti". Ed alcuni su questo mi ab-battono alla grande.
Come certificato dalla moderazione, incivile e maleducato. You have been warned.

Avatar utente
OMBRA_Linux
Entusiasta Emergente
Entusiasta Emergente
Messaggi: 1652
Iscrizione: mercoledì 18 febbraio 2015, 14:24
Desktop: Android Linux Windows10
Distribuzione: Android / Linux / Windows10
Sesso: Maschile
Località: Napoli

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da OMBRA_Linux » mercoledì 1 luglio 2020, 12:53

In realtà ho un Portatile Muletto con due HDD, uno da 160 GB e l'altro di 80 che era già dentro quando l'acquistai.
Non è che mi serve proprio per necessità. Però avevo sempre in progetto comprarne uno SSD per ottimizzarlo.
Un po di tempo fa comprai un Kingstone 120 GB, e devo dire che è andato bene.
Se per vivere devi strisciare, alzati e muori.

Avatar utente
dataghoul
Scoppiettante Seguace
Scoppiettante Seguace
Messaggi: 319
Iscrizione: lunedì 25 maggio 2009, 7:11
Desktop: Gnome
Distribuzione: Ubuntu 20.04
Sesso: Maschile
Località: fluttuante nella rete

Re: Una brutta esperienza d'acquisto

Messaggio da dataghoul » giovedì 2 luglio 2020, 7:45

Pike ha scritto:
martedì 30 giugno 2020, 16:05
La configurazione acquistata è denominata "Fortnite Vengeance"; ad ora non è più in vendita.
Ryzen 3200G
8gb Ram Gigabyte
Mainboard Gigabyte B450M DS3H
SSD 480GB Gigabyte
Scheda grafica nVidia GTX 1660 8GB OC Gigabyte
Alimentatore Cooler Master MasterWatt Lite 500 Full Modular
Case Noua L2
OS Windows 10 PRO x64.

E... Dentro non c'è esattamente tutta questa roba.
Il disco SSD non è a marchio Gigabyte, ma è denominato Spider, con il logo di Noua sopra.
La scheda madre è una Gigabyte B450M, ma è la B450 S2H. In sintesi, due slot di ram in meno, uno slot PCIe 1x invece che uno slot PCIe 8x. E qualche accessorio diverso.
L'alimentatore non è un Cooler Master, ma ha il marchio nJoy sopra, per quanto è sempre un alimentatore modulare.
Mi sono fermato qui.
Questa è chiaramente "frode nell'esercizio del commercio", delitto previsto e punito dall'art. 515 del Codice Penale, che riporto di seguito:
Chiunque, nell'esercizio di una attività commerciale, ovvero in uno spaccio aperto al pubblico, consegna all'acquirente una cosa mobile per un'altra, ovvero una cosa mobile, per origine, provenienza, qualità o quantità, diversa da quella dichiarata o pattuita, è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave delitto, con la reclusione fino a due anni o con la multa fino a euro 2.065.
Se si tratta di oggetti preziosi, la pena è della reclusione fino a tre anni o della multa non inferiore a euro 103.
"Before you diagnose yourself with depression or low self-esteem, first make sure that you are not, in fact, simply surrounded by assholes."
(William Gibson)

Scrivi risposta

Ritorna a “Bar Sport”

Chi c’è in linea

Visualizzano questa sezione: 0 utenti iscritti e 7 ospiti